Resource icon

Equipaggiamento leggero senza spendere una fortuna

Chiunque abbia fatto escursioni da più giorni, sa bene quanto sia importante avere uno zaino di peso "umano" per riuscire a godersi l'uscita, e sa anche quanto sia invece facile ritrovarsi sulle spalle qualcosa che ricorda più un piccolo macigno.

Spesso però il materiale escursionistico più leggero è quello più costoso, e non di poco: una tenda o un sacco a pelo può costare decine o centinaia di € in più di un'altro, equivalente dal punto di vista funzionale, solo perché pesa qualche etto in meno rispetto a quest'ultimo!

Ma con un po' di attenzione, è comunque possibile godersi delle belle uscite da più giorni nella natura senza caricarsi come muli ne' spendere per forza fortune in materiale ultra-tecnico...magari solo rinunciando a qualche fronzolo o con un po' di fai-da-te (che non fa mai male).

Qui di seguito ho raccolto, secondo i consigli trovati nel tempo in questo forum, una lista di materiale (aggiornato periodicamente), orientato alle escursioni da più giorni (per le escursioni in giornata, di solito il peso non è un problema...), con pesi ragionevolmente contenuti e prezzi assolutamente abbordabili:

Tenda:
  • Per 1/2/3 persone: Naturehike Cloud UP (1.35/1.5/2.1 Kg + mi sa 2 etti di picchetti e cordini, prezzo circa 60-95€ su aliexpress.com o meglio su gearbest.com)
    E' disponibile anche una versione grigia in silnylon che pesa 2-3 etti in meno della arancione/verde in poliestere 210T e costa 20-30€ in più.
  • Per 2 persone: Decathlon Arpenaz 2 (2,2Kg, € 20). E' la doppio telo più economica in circolazione, con un peso ragionevole (non ha atrio...se la si usa in 2 è bene portarsi sacchettoni neri per zaino/scarponi).
  • Sconsiglio invece, per uso escursionistico, le diffusissime tende da campeggio Decathlon 2 Seconds: peso a parte, da chiuse sono un ingombrantissimo "disco volante".
Tenda sostenuta da bastoncini da trekking ("trekking pole tent")
Questa tipologie di tende per risparmiare peso si montano con i bastoncini da trekking dell'escursionista, al posto della classica paleria ad-hoc.
Tenda monotelo:
Le monotelo rappresentano un'alternativa semplice e leggera alle doppio telo; se usate da soli e con una buona ventilazione (lasciando quando possibile almeno in parte aperta con la sola zanzariera anche la porta d'ingresso), la condensa che si forma sul lato interno del telo (il loro principale svantaggio rispetto alle doppio telo) rimane comunque entro limiti più che ragionevoli.
  • Edit 2016: Le tende qui segnalate inizialmente sono andate fuori produzione... cercasi altra monotelo abbordabile! (magari che possa essere montata coi bastoncini da trekking...)
Come alleggerire una tenda:
  • Se la tenda che utilizzi ha picchetti in acciaio (peso indicativo 20gr l'uno), sostituendoli con picchetti d'alluminio (16€ per 10 picchetti da 8 gr) può far risparmiare 1-1.5 etti.
Alternative alla tenda:
  • Tarp e stuoino a terra: il Tarp è un semplice telo con occhielli o fettucce con cui è possibile costruirsi un riparo. Esistono prodotti specifici ma ci si può arrangiare con un semplice telo occhiellato 3x2m, acquistabile in qualunque ferramente a 4-6€ (a seconda dello spessore, pesano 450-850gr) , o un analogo 3x3m se si è in due persone.
  • Amaca + Tarp: se si rimane a quota bosco con temperature non inferiori a 10°, permette di risparmiarsi il peso di tenda e materassino, e di dormire decisamente più comodi!
    Una amaca semplice, leggera e abbordabile è quella del Decathlon (415gr, 10€)
  • Bivybag: Alpkit Hunka (330gr, € 54 + 7 spediz.): sovra-sacco impermeabile e traspirante, per dormire col sacco a pelo all'addiaccio, con ottimo rapporto qualità/prezzo
    Da prendere in seria considerazione la versione Hunka XL, ben più spaziosa e di poco più pesante (la principale lamentela spesso fatta all'Hunka "base" è che come dimensioni è un pò troppo "giusto").
    A meno di usarlo sotto-zero, è bene avere cmq un mini-tarp per riparare la zona testa in caso di nottata sotto la pioggia (può bastare un semplice poncho-tarp, vedi sotto)
  • Bivacco: Il "riparo" che pesa meno di tutti è...quello che si trova già sul posto ;)
    In molti dei nostri monti sono presenti numerosi bivacchi (chiamati anche baiti o ricoveri) aperti agli escursionisti, alcuni più spartani alcuni quasi "lussiosi". Se quando pianifichiamo le nostre uscite risuciamo a farne uso, possiamo lasciare a casa tenda/tarp/bivvy e magari anche godere di tavolo, panca e stufa/caminetto.
    ...Vi sono poi anche i classici rifugi alpini "gestiti", ma sono fuori dall'ambito di questa pagina (perchè meno "economici" e "avventurosi" delle altre opzioni).
Se dormi con tarp o bivybag, puoi proteggerti dagli insetti avvolgendo la parte superiore del sacco con una zanzariera da passeggino (60gr, 1-2€ nei magazzini cinesi o su aliexpress cercando "mosquito net pushchair"); per evitare che tocchi la faccia dormi con un berretto con frontalino o appendila al tarp.
Sacco a pelo:
  • 3 stagioni: Forclaz Trek 500 5° Light (1150gr, € 60)
    Confort +5/Limit +0
    Se dovete comprare il vostro primo sacco da trekking, sceglietelo con questo range di temperature, è il meglio "sfruttabile" di tutti: va bene d'estate per dormire in tenda anche in quota, nella mezza stagione fino a quote intermedie, e in qualche caso anche d'inverno se si dorme in bivacchi con stufa/caminetto.
  • 2 stagioni (super-economico): Quechua Forclaz 10° (1075gr, € 23)
    Confort +10/Limit +5
    Un po' ingombrante da chiuso (non ha le cinghie di compressione) ma cmq buon rapporto peso/calore... a poco più di 20€ difficile trovare di meglio
  • Estivo: Quechua Forclaz Trek 500 15° Light (680gr, € 40)
    Confort +15/Limit +10
  • Ultralight 2 stagioni: Sacco Aegismax Nano (562gr, € 75 in taglia L su Aliexpress - è quello rosso): Sacco ultralight estivo in piuma 800 cuin superminimalista (non ha neppure il capuccio, obbligatorio quindi berretto in pile)
    Confort +10/Limit +5
  • Ultralight 3 stagioni: Sacco Aegismax Nano 2 (742gr, € 93 in taglia L su Aliexpress - è quello azzurro), Versione 3 stagioni del sacco sopra
    Confort +5/Limit 0
    In entrambe i casi, fondamentale per chi è più altro di 1.75 m ordinare la taglia L
Per dormire al calduccio anche quando il sacco a pelo è al limite, indossare "a cipolla" tutti gli indumenti che si hanno in zaino, e coprire in particolare le estremità con berretto, guanti e calzettoni spessi.

Materassino:
  • Per gli "essenziali": Semplice materassino CCF da 7mm (210gr, € 5).
    E' possibile ridurre ulteriormente il peso del 30-40% sagomando lo stuoino con una forbice a forma di "mummia" o direttamente riducendone l'altezza a 120cm (lasciando fuori testa e piedi, sotto cui ci si può mettere qualche indumento o lo zaino)
  • Per chi vuole più confort senza rinunciare alla leggerezza: Autogonfiante Decathlon A100 Ultralight (380gr, € 25). E' a lunghezza ridotta (120cm), va quindi utilizzato dalle spalle alle ginocchia: per la testa usare come cuscino la giacca appallottolata o il sacchetto del cambio, per i piedi si può mettere niente/altri indumenti/zaino; se avete con voi il poncho, metterlo piegato in 2 sotto l'autogonfiante aiuta a prevenire forature.
    Da chiuso è decisamente più compatto di un CCF (solo 3 litri); nella stagione fredda è bene comunque accoppiarlo ad uno stuoino in CCF per garantire un migliore isolamento termico dal suolo.
  • Massimo confort ad un prezzo popolare: Materasso Gonfiabile Axeman
    (280gr, € 11-13 spedito) Materassino gonfiabile spesso 5cm, molto compatto da chiuso e molto confortevole da aperto (attenzione allo scarso isolamento termico dei gonfiabili, in inverno è d'obbligo aggiunere sopra un CCF).
Zaino:
nella fascia dei 35-50 litri (sufficiente per la maggior parte delle uscite da più di un giorno):
  • Decathlon Arpenaz 40 (40 litri, 640gr, €20)
    Un 40 litri super-leggero e super-minimalista, senza alcun fronzolo...ma fa il suo dovere.
    Non ha elastici per lo stuoino (che può comunque essere messo semplicemente sotto il cappuccio) nè per i bastoncini (ma non è complesso, nel caso, aggiungere un paio di elastici per fissarli)
Attenzione che uno zaino troppo grande è un invito irresistibile a portarsi dietro più dello stretto necessario ;)

Bastoncini da trekking:
  • Decathlon Arpenaz 100 (200gr, €5 ciascuno)
    Leggeri ed economici grazie alla loro impostazione minimalista; valutare di sostituire il cordino per il polso con una fettuccia più larga
I bastoncini da trekking fanno comodo a molte persone, soprattutto in discesa. Una maniera molto semplice per dimezzarne il peso è...portarvene dietro solo uno! Avrete l'80% dei vantaggi col 50% del peso ;)

Lampada frontale:
Da tenere sempre in zaino, perché il "far troppo tardi" è l'imprevisto più frequente di ogni escursionista.
  • Lixada 1*AA (37gr + 25gr di batteria, €9 su e-bay dalla Germania): Frontale molto leggera ma ben fatta, ha 6 modalità (100/40/6 lumen + SOS + led rossi fisso/flashing), con una singola stilo ricaricabile a potenza media (la più usata) fa luce per un'intera notte.
Set da cottura:
  • Per 2 persone: Fornello ad alcool autocostruito (sui 50 grammi compreso paravento e supporto pentola, gratis)
    + Gavetta di alluminio (200-300 gr, € 8 )
    (è indicata per 1 persona ma per esperienza basta benissimo anche per 2 persone)
    Consiglio di risparmiare un etto sostituendo la padella/coperchio con una vaschetta mono-uso d'alluminio opportunamente tagliata e sagomata.
  • Per 1 persona: Micro-set ad alcool (70gr tazza d'allluminio + fornello/supporto/paravento, € 3 la tazza - gratis il resto)
    Oltre che bevande calde, è buono anche per farci couscous/polenta istantanea/purè/zuppette...
  • Alcool etilico denaturato come combustibile (€ 1 al litro, sufficiente per un sacco di uscite, e ti porti dietro solo la quantità che ti serve); utile anche come disinfettante e per accendere fuochi a legna
  • In alternativa, Hobo wood stove (fornello a legnetti e pigne fatto con una latta vuota bucherellata - gratis, o con lo scolaposate Ikea che è già +o- pronto all'uso - 2,50 €, peso attorno all'etto)
    Pro: il combustibile lo si recupera "sul posto", nelle uscite da molti giorni può rappresentare un bel risparmio di peso. Contro: tempo d'accensione, tutt'altro che immediato, e la fuliggine che lasciano sul fondo della pentola (riducibile usando il vecchio trucco di insaponare il fondo della pentola prima dell'uso)
  • Per chi vuole assolutamente un fornello a gas, BRS-3000T: Fornellino a gas, in titanio, decisamente minimale ( €13 su e-bay da UK in pochi giorni, € 11 su Aliexpress dalla Cina in 3-4 settimane, miseri 25gr!)
    Il problema di usare un fornello a gas è la bombola, che per quanto piccola ha sempre almeno 100gr di tara, e che non permette di portarsi dietro l'esatta quantità di combustibile di cui si ha bisogno
  • Evitare posate di acciaio, sostituirle con postate in plastica da campeggio tipo queste o queste (anzi, ciò che serve in uscita è quasi sempre il solo cucchiaio, la forchetta lasciatela pure a casa).
    Da evitare assolutamente quelle posate pieghevoli da campeggio stile "coltellino svizzero", son dei piccoli macigni!
  • Per portarsi dietro piccole quantità di zucchero/sale/caffé liofilizzato/spezie son comodissimi i contenitorini gialli degli ovetti Kinder
Acqua:
  • Come borraccia sono ottime le bottiglie di plastica dell'acqua minerale (leggerissime, gratis)
  • L'acqua è una delle cose più pesanti nello zaino: per non doversene portare dietro più di 1-2 litri è essenziale quindi poter utilizzare quella che si trova durante il cammino bollendola o potabilizzandola con Amuchina (10 gocce per litro di acqua per un'ora, si può usare un contenitore da collirio, da non lasciare mai sotto il sole) o Micropur
  • Se però l'acqua che si trova non è perfettamente limpida, è necessario anche l'impiego di un filtro potabilizzatore: compatto e leggero è il Sawyer Mini (60gr, 28€ su amazon.it)
(Alternativa al) Thermos:
Se avete una borraccia di metallo da 1l o una borraccia in plastica BPA-free (che tenga bene i liquidi caldi senza rilasciare sostanze poco salutari, ad esempio le Nalgene), riempitela di thè bollente, ed avvolgetela molto bene nel pile di scorta che tenete in zaino: preparata la mattina prima di partire, ad ora di pranzo arriva che ancora scotta! (leggerissimo, gratis) ...Si risparmiano così un bel po' di etti e 20 € di thermos da 1l

Barrette energetiche:
Panforte di siena ;) ...compro ogni anno dopo la befana uno stock al supermercato col 50% di sconto. Ottimo e compattissimo, 400 calorie/etto, a base di frutta secca candita e mandorle, è energia pronta all'uso: ci sono ciclisti che si fanno fare su commissione barrette energetiche fatte proprio con l'impasto del panforte, io più semplicemente lo taglio a quadratini che tengo nel taschino anteriore dello zaino (7-14€/Kg a seconda se lo si trova "in offerta", contro i 20-30€/Kg delle normali barrette energetiche)

Indumenti:
  • T-shirt: Decathlon Kalenji running Ekiden (peso attorno all'etto, €5): Maglietta leggerissima e fresca, asciuga velocemente e limita i cattivi odori.
    Le magliette sintetiche asciugano molto più velocemente di quelle classiche in cotone, è necessario quindi un numero inferiore di cambi rispetto a queste ultime (solitamente ne basta 1 addosso e una in zaino da alternare)
  • Pile: Pile Decathlon Forclaz 50 (286gr, €9): leggero e caldo, con un bel collo alto. Quando serve ne metto anche 2, uno sopra l'altro...
  • Giacca per pioggia e vento: K-way Decathlon Rain Cut (200g, €8): La più semplice protezione da pioggia e vento (ma molto spesso è ciò che basta), se chiusa "bene" è una compattissima busta spessa solo 4 cm
  • Poncho/tarp: 3F UL gear poncho-tarp (210gr, €14-20 spedito su aliexpress, 1 mese di spedizione): Poncho occhiellato ultra-leggero (pesa la metà di un normale poncho) ed utilizzabile anche come mini-tarp 150x225cm.
Alcuni consigli sul vestiario:
  • Sulla scelta del vestiario è importantissimo scegliere pochi capi ma versatili.
    Ad esempio utile usare pantaloni corti "allungabili" in modo che la sera possano essere usati come lunghi.
  • Fondamentale che tutti i capi presenti nel proprio zaino siano in caso di necessità sovrapponibili, per poterli usare tutti in contemporanea in caso di basse temperature.
    Ad esempio due paia di pantaloni lunghe non sono sovrapponibili, un paio di pantaloni lunghi e dei leggings da running (usabili magari per la notte) invece lo sono, in caso di freddo imprevisto sia di giorno che di notte.
  • Invece di portarsi più cambi perché si teme che ciò che si indossa si bagni, puntare ad indumenti che si asciugano molto rapidamente: i capi in cotone vanno assolutamente evitati a favore degli indumenti sintetici, più leggeri e rapidi ad asciugarsi.
  • Ad ogni modo, in trekking da molti giorni, non portarsi mai dietro più di un cambio, puntare invece a lavare di tanto in tanto gli indumenti quando si incontrano torrentelli/laghetti alpini/fontanelle, e far asciugare appendendo i capi umidi dietro lo zaino finché si cammina
Calzature:
In questo ambito non posso suggerire modelli specifici (le scarpe vanno provate, e la cosa più importante prima di qualunque caratteristica tecnica è che il tuo piede ci stia comodo), faccio però presente che negli ultimi anni sempre più persone preferiscono utilizzare in uscita al posto dei classici scarponi le ben più leggere e confortevoli scarpe da trail running (ovviamente tale consiglio non si applica se le vostre uscite prevedono neve, ghiaccio, alpinismo, attraversamento di pietraie "importanti")
E' un detto comune (confermato da ricerche scientifiche) che 1Kg in meno sui piedi equivale a circa 5Kg in meno sulle spalle...fate vobis.

Igiene:
  • Evitate "trousse" o "beauty case", va benissimo un semplice sacchettino zip-lock
  • Come carta igenica basta un pacchetto di fazzoletti di carta (no rotoli!)
  • Per darsi una rinfrescata la sera quando non c'è acqua usate le salviette umidificate; potete portarvene dietro giusto qualcuna mettendole dentro ad un contenitorino dei vecchi rullini o ad una scatoletta gialla degli ovetti Kinder
  • Se l'acqua invece c'è, un pezzettino minuscolo di sapone di marsiglia va bene per tutto: igiene personale, piatti, vestiti...eventualmente anche per farsi la barba
  • @Grizzly: Come deodorante basta applicare una minuscola quantità di bicarbonato; in alternativa, se siete più tradizionalisti, su Aliexpress con meno di 1€ potete acquistare dei mini-contenitori da 5-10ml per spray (comodi anche, quando serve, per portarsi dietro l'Autan)
  • Spazzolino potete tagliarlo a metà (questo è un gran classico degli escursionisti "ultralight", non potevo non metterlo! ;) ); se state fuori solo una notte potete lasciare a casa il tubetto mettendo già il dentifricio sullo spazzolino e chiudendolo poi col copri-spazzolino
  • Evitate di portarvi dietro tubi/vasetti di creme, se vi servono (ad es. quella solare) travasatene un po' sui contenitori dei campioncini (per i prodotti liquidi, invece, usate quelli per i colliri).
  • Come piccolo asciugamano basta un fazzoletto di stoffa.
  • Utilissimi per la notte i tappi per le orecchie...in tenda/bivacco/rifugio c'è sempre quello che russa ;)
Utensili da taglio:
Una "lama" nello zaino solitamente non manca mai:
  • Il Victorinox Waiter (36gr, 14€ su amazon.it) è un leggerissimo ed utilissimo compagno di escursione; per anni è stato l'unico coltello che mi son portato dietro, sufficiente per tagliare pane, formaggio e salame, aprire una bottiglia nei pic-nic con gli amici, tagliare un cordino, farsi un bastone per camminare o un picchetto per la tenda.
  • In alternativa (per gli astemi ;) ), un semplice Opinel n. 8 Inox (42gr, 9€ al Decathlon)
Se volete uno svizzero con qualcosa in più, sceglietelo che abbia il seghetto (utilissimo per far legna per il fuoco o per costruirsi un riparo di fortuna), quello dei Vic seppure piccolo è davvero "cattivo" e permette di tagliare e lavorare rami di spessore decisamente superiore a quello che sarebbe possibile con la sola lama; questi sono i modelli più semplici che ne sono dotati:
  • Victorinox Camping o Hiker (75 gr, 18€ su amazon.it ), probabilmente fra i vari Victorinox quello col miglior rapporto peso/utilità/prezzo
  • Victorinox Forester o Trailmaster (128 gr, 33€ su amazon.it ); serie "maggiorata" da 111mm con blocco-lama, per usi più pesanti.
    (rispettivamente con cavatappi o con cacciavite)
Consiglio invece di evitare, per usi escursionistici, gli "svizzeri" con una miriade di accessori: seppure bellissimi, molti in realtà sono di scarsa utilità in "uscita" ma fanno invece lievitare velocemente prezzo e peso.

Se invece nella propria uscita si prevede di dover fare notevoli quantità di legna, o intense attività di bushcraft, si può volere qualcosa di più:
  • coltello lama fissa: Per chi non disdegna le lame carboniose (più facili da affilare ma soggette all'ossidazione) l'Hultafors HVK GH è quasi regalato (sui 100gr, €7 spedito su amazon.it)
    Per chi preferisce gli Inox, Mora Companion MG Stainless (120 gr, € 17 spedito su amazon.it)
    Mora e Hultafors sono due aziende svedesi famosa per produrre coltelli con lame di ottima qualità a prezzi accessibilissimi.

  • seghetto chiudibile: Fiskars 123830 (95gr, € 16 spedito)
    lama da 15 cm, leggerissimo (non fra i più economici ma cmq abbordabile)
Ed attenzione ad alcuni altri dettagli che delle volte "scappano":
  • Portarsi dietro solo patente, bancomat e qualche banconota, invece dell'intero portafoglio in cuoio può far risparmiare tranquillamente 2-3 etti (si, come lo stuoino in CCF...pesare per credere...)
  • Portarsi dietro la sola chiave dell'auto invece dell'intero mazzo di chiavi di casa può far risparmiare 1-2 etti
  • Se nelle vostre uscite siete in più persone, evitate doppioni nell'equipaggiamento! Una tenda da due economica pesa MOLTO meno di due tende tecnicissime da 1 persona... una gavetta da due persone + un fornello pesano molto meno di due gavette da uno + due fornelli, e così via...
  • Una volta ogni tanto, quando avete lo zaino pronto per l'uscita, tirate fuori tutto e pesate ogni singolo oggetto: salta sempre fuori qualche ammennicolo che pesa ben più di quanto immaginavate! Magari lo potete lasciare a casa o sostituire con qualcosa di ben più leggero.
  • Quando tornate dall'uscita e svuotate lo zaino, fate un mucchio di tutto ciò che non avete usato (vestiario, cibo, oggetti vari), e provate già a pensare a cosa potrebbe rimanere a casa la prossima volta.
  • Usate gli oggetti nel vostro zaino per più funzioni: i bastoncini possono servire da sostegno per la tenda o il tarp, il sacchetto del cambio può diventare il cuscino della notte, il poncho può fare da sottotelo per la tenda, la gavetta può fare da contenitore rigido per gli oggetti più delicati, etc etc...
  • Viaggia leggero non chi si porta con se le cose più ultra-tecniche ma chi sa viaggiare con meno cose. I nostri zaini son spesso riempiti più dalle nostre fisime che dalle nostre reali necessità! ;)
Questo è quanto ho raccolto fino ad ora...vi chiedo ulteriori consigli per integrare questa lista (che correggerò ed amplierò nel tempo con le vostre "dritte") che potete inserire utilizzando il tasto "Rispondi" qui sotto, con la raccomandazione di rispettare i vincoli di spesa (il "tetto" dipende da oggetto ad oggetto, diciamo che cmq sarebbe bello non vedere prodotti da più di 50-70 Euro...) e di peso (che deve essere sotto la media).


Autore
paiolo
Risorsa creata il
Ultimo aggiornamento
Valutazione
4,91 stelle/a 35 voti

Ultime recensioni

Wow! Complimenti.
Eroe moderno
Per la serie: non si finisce mai di imparare!!!
Ho trovato in questa miniguida idee a cui non avevo ancora pensato, e non credo di essere l'unico in questo. Il tutto espresso in forma sintetica, ma chiara e grammaticalmente corretta, il che è ancora più lodevole, vista la trascuratezza al riguardo che imperversa sui forum di ogni sorta!
Chiarificatrice e rassicurante, mi rincuora leggere una guida agli acquisti economici. Solitamente a leggerne altre parte uno stipendio solo per lo zaino :)
grazie! ottime idee
Utilissima
Utilissima!!Gran bel lavoro; )
Fantastica!!! Bravissimo sarà utilissima! Top!
Ottima recensione
Alto