Resource icon

L'acqua di mare

L'acqua di mare

L'acqua di mare rappresenta una fonte di acqua NON bevibile, allo stato in cui si trova, per la presenza di forti quantitativi di sale che porterebbe, lo sfortunato "assetato", ad uno stato di disidratazione superiore a quello che aveva prima di abbeverarsi con acqua di mare. In altre parole bere solo acqua di mare, così com'è, vuol dire solo e semplicemente morire entro breve tempo.

Ovviamente in caso di necessità, non potendo disporre di fonti alternative, l'acqua di mare può essere trattata per renderla bevibile con vari metodi anche se tutti sono o particolarmente dispendiosi di risorse "umane" o necessitano di una attrezzatura specifica per essere svolti.

Fra i metodi più diffusi, in ambito escursionistico o d'emergenza, troviamo:

  • La distillazione
  • L'osmosi inversa

Tutti i procedimenti nascono con la finalità di desalinizzare l'acqua portando il quantitativo di sali disciolti al di sotto di una soglia di sicurezza tale per il quale l'acqua possa essere assunta senza che, appunto, il sale disciolto rappresenti un pericolo per l'uomo.

Il metodo più pratico, ma costoso, è mediante la filtrazione ad osmosi inversa. Questo procedimento, oltre a desalinizzare l'acqua, è in grado di restituire acqua virtualmente pura, ovvero, solo e semplice H2O priva di qualsiasi altro componente chimico e biologico. Però per eseguire l'osmosi inversa è necessario disporre di una particolare apparecchiatura che appunto sia dotata di un sistema filtrante ad osmosi inversa che altro non è che una pompa per, appunto, il pompaggio dell'acqua ed uno speciale filtro. Pompando acqua all'interno del filtro, ad una determinata pressione, si avrà la separazione da un lato di tutto quello che non è "acqua" (sale e qualsiasi altro contaminante sia di tipo biologico che chimico) ed dall'altra parte solo l'acqua pura. Talmente pura che perchè possa essere assunta dall'uomo dovrà essere "salificata" poichè la funzione dell'acqua non è solo quella di reidratare, ovvero ripristinare il livello di acqua nel corpo umano, ma anche quello di ripristinare i sali minerali che vengono espulsi, ad esempio, dal sudore. Sali minerali che sono fondamentali tanto quanto la stessa acqua.

Un apparecchio per l'osmosi inversa, per il fabbisogno personale, prende normalmente il nome di "desalinatore" proprio perchè il suo utilizzo principale, in situazioni all'aperto, è quello di togliere il sale dall'acqua di mare; qualsiasi imbarcazione, oltre il semplice "gommone", avrà probabilmente un desalinatore a bordo con capacità filtranti adeguate all'imbarcazione stessa.

Vi sono sostanzialmente due tipi di "desalinatori", il primo è manuale, ovvero la pompa è azionata a mano mediante una apposita leva che mette in pressione l'intero circuito; il secondo è invece normalmente di tipo elettrico/elettronico ed il pompaggio avviene, appunto, con una pompa elettrica. I primi sono destinati ad un utilizzo "singolo", ad esempio per un pilota di caccia disperso in mare in una situazione d'emergenza o di un escursionista in giro per zone particolarmente inquinate, mentre il secondo è destinato ad un utilizzo all'interno di una imbarcazione o di una stazione fissa a terra.

Proprio perchè l'osmosi inversa è una filtrazione molto spinta, generalmente, i desalinatori sono realizzati in modo tale che una piccola porzione dell'acqua in ingresso, per cui salata, venga lasciata invariata in modo tale da "salare" automaticamente l'acqua in uscita che invece è stata desalinizzata. Questo permette di avere acqua subito pronta all'uso senza interventi particolari da parte dell'operatore.

Un desalinatore ha un tubo pescante con un prefiltro per evitare di aspirare corpi estraneai, un tubo di uscita con l'acqua di scarto, ovvero, l'acqua inquinata ed un secondo tubo di uscita con l'acqua pronta da bere. Quelli manuali hanno una capacità di filtrazione, ovvero il numero di litri per ora di pompaggio, generalmente molto basso per l'alta pressione necessaria ed essendo questa pressione ottenuta mediante semplici leverismi non è possibile trattare molta acqua alla volta, il desalinatore manuale della Katadyn Survivor 06 (il più piccolo della serie) ha una portata di 0.9 litri/ora con un costo variabile, indicativamente, intorno ai 600/800 euri (2013).


(Katadyn Survivor 06 - Dimensioni 12.7x20.3x6.4 cm. circa - peso 1.13 Kg.)

...... segue

Alto Basso