Resource icon

Multi tool: Coltello svizzero VS Pinze

La maggior parte degli escursionisti di certo possiede un multitool. In genere quando si inizia a praticare l'escursionismo il primo pensiero è quello di mettere nello zaino qualcosa di pratico, utile, polivalente e compatto. Negli anni 80/90 la maggior parte degli escursionisti per praticità, accessibilità dei costi, per diffusione acquistava il classico e più semplice dei coltellini svizzeri andando comunque sul sicuro. Negli anni 90 le pinze multitool avevano ancora un prezzo decisamente alto ma iniziavano a essere presenti negli zaini o nelle tasche degli escursionisti. Oggi le pinze a secondo delle loro dimensioni, degli attrezzi contenuti e del marchio della casa produttrice hanno costi differenti quindi si ha una maggiore scelta. In genere una pinza "entry level" ha un prezzo superiore rispetto a un coltellino svizzero non base del circa 15/20% in più. La domanda che molti si pongono al momento dell'acquisto di un multi tool è se per quanto riguarda la pinza la spesa superiore possa essere giustificata da una effettiva utilità in escursionismo. Prima di continuare parlare di questi due oggetti però vediamo le differenze sostanziali tra i due attrezzi "entry level".

Cosa offre un coltello svizzero base:
- Coltello.
- Coltello piccolo.
- Gancio portatutto.
- Apriscatole.
- Apribottiglia.
- Spellafili.
- 2 giravite a taglio.
- Stuzzicadenti.
- Pinzetta.
- Punteruolo alesatore.
- Seghetto per legno/Forbice (non sempre questi due attrezzi sono presenti nello stesso modello)
- Cavatappi.

Cosa offre una pinza multi tool base:
- Pinza con tronchesina incorporata.
- Coltello lama liscia apertura one hand.
- Coltello lama seghettata apertura one hand.
- Apriscatole.
- Apribottiglia.
- Forbice
- 3 giravite: 2 a taglio, 1 a croce.
- Seghetto per legno.
- Foro da cordicella, che ha lo stesso principio del gancio porta tutto.

Tutti gli attrezzi sulla pinza sono dotati di blocco, al contrario del coltello svizzero che presenta il blocco solo sui modelli più grandi e solo per la lama principale e il giravite con apri bottiglie. Inoltre occorre segnalare che il meccanismo one hand sui coltellini svizzeri è presente solo sui modelli più grandi e con blocco lama, ci sono inoltre alcuni modelli sia classici che più grandi che hanno in dotazione una pinza con le punte meno pronunciate e di certo meno robuste rispetto alle pinze multi tool. I modelli di coltellino svizzero con le pinze sono in un certo senso un controsenso, infatti la caratteristica e il principio vincente del coltellino svizzero sono il fatto di portare diversi utensili nel proprio manico con poco ingombro e peso. Un paio di pinze sia nel modello classico e che in quello con blocco implica implicitamente un maggiore ingombro e di conseguenza la minore praticità dell'oggetto.

E' chiaro che entrambi gli attrezzi possono essere utili in escursionismo, la differenza che salta agli occhi è la pinza e il fatto che questo multi tool offre il blocco sempre su tutti gli attrezzi: un particolare che riguarda la sicurezza non trascurabile. Ma quando potremo ritenere indispensabile la pinza? Gli attrezzi contenuti nel manico della pinza sono efficaci come quello di un coltellino svizzero? Di certo si, ma ritornando alla pinza questa può risultare molto utile per togliere i gavettini dal fuoco, in caso di riparazioni su oggetti metallici per esempio un anello presente nella tenda, un picchetto da addrizzare. Certamente risulterà un oggetto indispensabile per un cicloturista o un escursionista in mtb in quanto escluso le chiavi inglesi e le brugole la pinza multi tool rappresenta già 1/3 della dotazione di officina. La pinza sulla bicicletta può servire a tensionare/sostituire/tagliare i cavi di acciaio che comandano il cambio, i freni così come i giravite possono essere utili alla regolazione del cambio ecc. . Per quanto riguarda coltello e seghetto gli oggetti più usati dall'escursionista tra uno svizzero classico e una pinza entry level come dimensioni non ci sono grosse differenze eccetto il blocco delle lame sulla pinza. Il seghetto del victorinox risulta per efficenza comunque imbattibile, quello delle pinze è un seghetto per legno con geometrie un po diverse e per questo non incisivo come quello del coltello svizzero. La cosa che colpisce tra i due oggetti è la differenza di costo. Se si cerca un coltello svizzero più grande a patto di non scegliere modelli particolari o particolarmente dotati di attrezzi (che poi dal punto escursionistico non risultano indispensabili), la differenza di costo tra un Victorinox/Wenger classico e uno grande con blocco è circa 5/7 euro, al contrario se cerchiamo una pinza che ci possa offrire un seghetto più lungo le cifre iniziano a salire vertiginosamente arrivando a superare del 210% il costo di un coltello svizzero con blocco. In tutti i casi per le pinze sia "entry level", che "pro" il meccanismo risulta sempre ottimo e resistente. In alcuni casi soprattutto in nelle pinze "entry level" la tacca di estrazione degli attrezzi risulta poco efficiente e la molla delle forbici, sebbene veramente affilate, non avendo un invito ad hoc ogni tanto scivola, il discorso cambia sui modelli "pro".

In definitiva possiamo dire che in escursionismo entrambi il multi tool possono essere utilizzati, si tratta solo di capire bene cosa è più congeniale in base al tipo di attività outdoor che si svolge. Dal punto di vista economico una pinza multitool "pro" risulta una spesa impegnativa che potrebbe essere giustificata non solo dall'outdoor ma anche da escursioni in mtb e dal fatto che si preferisce avere dietro qualcosa in più dell'indispensabile rappresentato da un coltello svizzero con blocco.

I produttori più conosciuti di coltellino svizzero sono: Victorinox, Wnger.

I produttori più conosciuti di pinze sono: Leatherman, Gerber, Victorinox


Autore
CADMO
Visite
1.002
Risorsa creata il
Ultimo aggiornamento
Valutazione
4,50 stelle/a 2 voti

Altre risorse da CADMO

Ultime recensioni

valida considerazione
Alto Basso