Escursione Alba all'Arapietra, Gran Sasso

Parchi d'Abruzzo
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 15/03/2017
Regione e provincia: Abruzzo, Teramo
Località di partenza: Prati di Tivo
Località di arrivo: Prati di Tivo
Tempo di percorrenza:
Chilometri:
Grado di difficoltà: EE (AI)
Descrizione delle difficoltà: notturna su neve ottima (portante e solida) difficile sbagliare sentiero, ma sempre una notturna ed in alcuni punti le pendenze sono importanti e sono necessari i ramponi (soprattutto in discesa)
Periodo consigliato: tutto l'anno, senza neve ovviamente è un'escursione molto appetibile per tutti (E), un gran classico per i teramani proseguendo ancora fino alla "Madonnina" ubicata nei pressi degli impianti di risalita.
Segnaletica: sentiero ben tracciato perchè utilizzato per sciare
Dislivello in salita: circa 500m
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 1900m


Descrizione

In questo periodo di passaggio tra le stagioni qui in Abruzzo ora ci godiamo la tanta neve che ci ha causato non pochi disagi, quando ovviamente l'allerta valanghe lo consente perché la neve è davvero tanta... capita quindi che alcune escursioni ti scappano perché la neve è già finita :eek: ed altre non le puoi fare perché la neve è troppa e qualche sindaco premuroso emette ordinanze di divieto alle attività in montagna nel territorio di competenza :(

Comunque le cose da fare non mancano, spesso però manca il tempo o l'incastro con i turni e le faccende quotidiane con l'amico @Leo da solo e così scopriamo un pomeriggio che l'unico modo di fare due passi insieme sarebbe di notte... un problema? Tutt'altro: un'opportunità!
Leo spinge per il monte San Franco dalla cresta sud/ovest... panoramicissima dice lui!
Si ma ventosa come poche e di notte la cosa non ci aggrada, ma soprattutto è finita la neve sul caro San Franco e quindi sarebbe una autunnale! Considerato che il tempo a disposizione comunque non è tantissimo anche muovendoci di notte, propongo a Leo di andare a vedere l'alba dal cosiddetto "albergo diruto", la splendida ma fatiscente struttura che sorge sull'Arapietra del Gran Sasso, raggiungibile da Prati di Tivo tramite una strada (d'estate carrabile) fino alla Piana del Laghetto e con sentiero che da lì poi sale ripido verso la Madonnina passando appunto per questa struttura, eredità del ventennio (si dice) mai decollata purtroppo.

Leo non è troppo convinto, lui quel sentiero lo fa da quando faceva le elementari, io gli assicuro che la notte sarà diverso con la luna quasi piena ed il socio si fa convincere.... l'alba è prevista per le 6.15, abbiamo diverse incognite per il meteo, decidiamo di partire non troppo risicati ed alle 2.00 - montati i ramponi su una neve croccante che manco a febbraio avevo trovato - partiamo dal piazzale di Prati di Tivo lato est... la temperatura è stranamente mite ma non sarà sempre così stanotte... si parte

_MG_8737.jpg

I suoni, le atmosfere, la magia del bosco di notte ci accompagnano in un'escursione su un sentiero così comune che però diventa magico... la luce della luna non basta per le macchine fotografiche ma rende tutto ben leggibile ai nostri occhi, stare coperti nel bosco mitiga la temperatura nonostante l'esposizione a Nord, però sentiamo anche una certa mancanza di ossigeno e Leo scopre ben presto di non essere al top della forma, il suo raffreddore forse è anche febbre.
Ma stoico non molla ed in 3 ore siamo all'albergo diruto dopo aver attraversato il bosco come in un sogno... Manca più di un'ora all'alba, l'atmosfera che troviamo in quota è quasi più magica del bosco ed allora posso iniziare a fare foto visto che mi son caricato pure un kilo e mezzo di cavalletto...

_MG_8759.jpg

Le notturne fotografiche le conosco, qualcuna l'ho fatta, e ci vuole poco perchè dal mare inizino a fare capolino i toni e le luci del nuovo giorno

_MG_8765.jpg

Toni e colori che cambiano in continuazione, mentre il freddo inizia a diventare davvero insistente e poco sopportabile... ovviamente i fornelli vanno a tutto gas (ed alcol) sia perchè serve riscaldarsi sia perchè la voglia di incamerare energie è tanta.

_MG_8768.jpg

Latte, caffè e pane e nutella... la vista è splendida, il cavalletto c'è quindi facciamoci un autoscatto

_MG_8783.jpg

Le luci mutano in continuazione, il freddo continua a pungere violentemente e mi si ghiaccia l'acqua nel tubo della sacca idrica, non ho voglia di vedere il termometro ma sta cosa me la fa intorno ai -10... la bevanda calda resta calda meno di un minuto, è ufficiale: fa freddo... per fortuna il vento non è insistente perché mentre ammiriamo i colori mutare notiamo guardando la catena orientale che in quota le nuvole sono spazzate con forza.

_MG_8794.jpg

Il freddo è ancora pungente, ma i colori iniziano a scaldarsi, i primi raggi di sole colpiscono i due corni del Gran Sasso

_MG_8804.jpg

Ancora qualche minuto e rapidamente il giorno traveste di luce ogni cosa (citazione non mia...) la luce è ancora calda, il freddo persistente ma meno inclemente, non si può fare a meno di ammirare

_MG_8821.jpg

Lo spettacolo continua ad evolvere, ma per noi è giunto il momento di rientrare e di rimetterci in movimento più seriamente per mitigare gli effetti del gelo, si riparte

_MG_8837.jpg

Mi volto ancora una volta indietro a guardare la cresta dell'arapietra prima di prendere la ripida discesa fino a Cima Alta e penso a che meraviglia sarebbe stato quell'albergo messo lì...

_MG_8839.jpg

Iniziamo la ripida discesa, il sole cerca di fare capolino tra le nuvole, la neve è ancora meglio di come l'abbiamo trovata all'andata e ci agevola per la pendenza

_MG_8847.jpg

Siamo in vista della Piana del Laghetto e di fronte a noi il Montagnone anticipato da una invitantissima cresta ancora innevata (da questo versante l'opposto è spoglio!)

_MG_8850.jpg

Un passaggio alla croce di Cima Alta lo escludiamo, ma non possiamo fare a meno di fermarci a contemplare lo spettacolo offerto dal sole e le nuvole... anche Linda è incantata!

_MG_8853.jpg

Un altro tratto piuttosto ripido ma più breve (che decidiamo pure di tagliare per dritto vista la neve ottima) e siamo nel bosco... sarà la gioia o le ali ai piedi per la voglia di una colazione calda da fare a Prati di Tivo ma in 1 ora e 30 siamo alla macchina col freddo che oramai è passato, gli occhi ancora pieni di meraviglia, la mente che fatica a discernere tra le suggestioni e la realtà di quanto abbiamo visto... un'esperienza splendida.

_MG_8859.jpg

Alla prossima!
 
Ultima modifica:
Hai ragione, un'esperienza splendida.
Ce l'hai raccontata in maniera formidabile, come fosse una poesia.

Tra tutte le foto (stupende), quoto la n.2 in cui hai saputo catturare una luce soffusa da aurora boreale.
E poi i Corni che si incendiano con le prime luci dell'alba in un miracolo che si rinnova ogni giorno ma che a noi, inconsapevoli, ci investe di stupore e meraviglia.
Bellissimo!
 
Mamma mia che spettacolo Francesco!
Foto bellissime, come sempre: la luce dell'alba in montagna regala sempre scatti notevoli, se poi il panorama è già bello di suo..
Una notturna è da sempre un mio sogno.
Bravissimi, vi invidio, come al solito.
 
IMG_2713.JPG
Che altro dire? La notte sullo scoperto,poco sopra la piana del laghetto , con una luna "tanta" che faceva capolino tra le nuvole,quasi a sfidare l'unico corno visibile e grandioso in vista.... sarà stata la febbre ,ma sembrava di entrare in un quadro dell'Ottocento di cui metto una foto (la seconda) di un tale Dario de Rogoyos 1882. Finita la poesia ricordo poco di un po'di tutto :lol:,perché stavo veramente "tappato" e febbricitante ,per cui ricordo una gran sudata a salire dietro un Francesco felice con passo pimpante ,che era un piacere e un delitto non seguire ,a una temperatura ,se vogliamo,anch'essa surreale a fine inverno,ma pur sempre inverno,di soli meno 1 gradi.Poi ricordo tanto,tanto freddo , patito per un'ora buona. Gran bella escursione dal fascino indiscutibile nellammirare sempre tutta la catena orientale del Gran Sasso,sempre in ottima ed affidabile compagnia;). Caffè/latte caldo,pane e Nutella,di fronte ad unalba glaciale sono impagabili,e valgono ogni patimento.
Qualche foto è anche di del socio ma sono troppo belle per non mostrarle,speriamo mi perdona,anche per la quantità :p
IMG_2730.JPG
 

Allegati

Le belle foto con quella luce inusuale per i più (sicuramente per me) fanno venir voglia di esserci! Una condivisione veramente interessante, grazie!
Grazie di cuore! Devo dire che in effetti di foto al tramonto ne ho viste alcune fatti lassù, alba non ricordo... Felicissimo di averti coinvolto :si:

Hai ragione, un'esperienza splendida.
Ce l'hai raccontata in maniera formidabile, come fosse una poesia.

Tra tutte le foto (stupende), quoto la n.2 in cui hai saputo catturare una luce soffusa da aurora boreale.
E poi i Corni che si incendiano con le prime luci dell'alba in un miracolo che si rinnova ogni giorno ma che a noi, inconsapevoli, ci investe di stupore e meraviglia.
Bellissimo!
Parole splendide che condivido sino all'ultima sillaba, grazie davvero ;)

Sui colori delle foto, ovviamente la fotografia non è verità e anche se non è mio costume maneggiare eccessivamente le immagini (soprattutto per aumentare l'enfasi, non fa per me) c'è una certa mediazione... ma ho cercato di essere fedele al ricordo dei singoli momenti e chiedo testimonianza al socio e amico @Leo da solo che era presente per sapere se sono riuscito nel mio intento di raccontare - con parole mie - ma senza stravolgere i momenti.

Grazie ancora :si:
 
Mamma mia che spettacolo Francesco!
Foto bellissime, come sempre: la luce dell'alba in montagna regala sempre scatti notevoli, se poi il panorama è già bello di suo..
Una notturna è da sempre un mio sogno.
Bravissimi, vi invidio, come al solito.
Grazie per le bellissime parole, Marco... anche per me (e direi pure per Leo) era un desiderio la notturna invernale, diverse cose si sono incastrate davvero bene, vedrai che sarà così anche per te ;)
Un caro saluto

Veramente bello, la magia traspare...
Gentilissimo, grazie :si:
 
Grazie di cuore! Devo dire che in effetti di foto al tramonto ne ho viste alcune fatti lassù, alba non ricordo... Felicissimo di averti coinvolto :si:



Parole splendide che condivido sino all'ultima sillaba, grazie davvero ;)

Sui colori delle foto, ovviamente la fotografia non è verità e anche se non è mio costume maneggiare eccessivamente le immagini (soprattutto per aumentare l'enfasi, non fa per me) c'è una certa mediazione... ma ho cercato di essere fedele al ricordo dei singoli momenti e chiedo testimonianza al socio e amico @Leo da solo che era presente per sapere se sono riuscito nel mio intento di raccontare - con parole mie - ma senza stravolgere i momenti.

Grazie ancora :si:
Più enfasi di un Alba glaciale sotto ai piedi di Corno Grande imbiancato........ esagerato!!! Ahahah .Tornando "seri",Esperienza unica,quasi metafisica in alcuni tratti,come dici bene caro amico: si fa fatica a discernere... quei colori erano una sferzata di energia,infatti i tempi del ritorno:biggrin: .....il racconto perfetto,come quel momento in cui si sentiva sobbollire il caffè della moka appena uscito, non avrei trovato parole migliori.
 
Grazie. Come dare il senso ad una giornata solita e così così? Aprire il forum di avventurosamente e rivivere a distanza questa meraviglia che hai sapientemente catturato e generosamente regalato!
Grazie a te, Giuse, per queste parole meravigliose... felici davvero (parlo anche a nome di Leo, sicuro che la pensi come me) di condividere anche con te questo nostro piccolo viaggio :si:
 
Più enfasi di un Alba glaciale sotto ai piedi di Corno Grande imbiancato........ esagerato!!! Ahahah .Tornando "seri",Esperienza unica,quasi metafisica in alcuni tratti,come dici bene caro amico: si fa fatica a discernere... quei colori erano una sferzata di energia,infatti i tempi del ritorno:biggrin: .....il racconto perfetto,come quel momento in cui si sentiva sobbollire il caffè della moka appena uscito, non avrei trovato parole migliori.
Ahaha... Grande amico mio :p comunque si, è stata davvero un'esperienza splendida ed in splendida compagnia. Colpevolmente non ho rammentato i meriti e la fantastica compagnia della lupa Linda che sembrava tornata cucciola per la felicità che sprizzava e che non ricordo di aver visto anche se usciamo da un po' (sin dalla partenza a casa tua!) e la sua forza pacata ma tangibile a quel freddo, che fantastica creatura!
 
Ultima modifica:
Plauso sincero per il vicepresidente, il segretario generale e la mascotte del sodalizio.
Spero bene però che non mi abbiate congelato la povera Linda, che voi stavate belli imbacuccati, Leo faceva andare la caffettiera a tutto vapore (la prossima volta voglio vedere una napoletana) e la tapina se ne stava coi polpastrelli sul ghiaccio... mi vengono i brividi solo a pensarci.
Spettacolari, poi, le foto con lo stativo. E che anche io non sono stato in fissa con le notturne per anni, carreggiandomelo in giro per il mondo e maledicendolo a ogni piè sospinto?
E per finire un altro valore aggiunto di queste fughe all'alba: che torni a casa, la dolce metà quasi non si accorge che sei uscito e puoi sopperire agli obblighi familiari senza colpo ferire... spesa, festicciole, accompagnamenti vari...
 

Discussioni simili



Alto Basso