Allenamento per escursionismo.

una cosa che mi stupisce e che i battiti cardiaci non solo calati per niente. 62 erano e tali sono rimasti.
non ho capito: ti aspetti di diventare bradicardico dopo 3 mesi di allenamento?!
io lo sono (credo) per nascita (o xkè da piccolo mi ammazzavo di bicicletta tutto il giorno) ma è un adattamento che SE avviene richiede anni. Il mio collega che corre di più e meglio di me (maratoneta) è sempre stato un cuore veloce e lo è ancor oggi.
Poi scusa: ma quanti km fai a settimana?
 
Ci sono capacità difficili da allenare...

>il prolungamento della attività fisica per 5 o più ore al giorno: nessuno fa allenamenti che durano tanto
>impegno fisico in condizioni ambientali avverse (freddo, caldo, carenza d'acqua, momentanea incapacità di cibarsi...)
>gioco di gambe necessario per destreggiarsi in percorsi sassosi
>uso sincrono di braccia e gambe (per l'uso dei bastoncini da escursione)
>muoversi gravati da un peso sulle spalle (zaino) e con i piedi chiusi negli scarponi

il che fa capire che, mentre qualsiasi allenamento è meglio di niente, alla fin fine il modo migliore per allenarsi alle escursioni è farne molte...

per essere più pratici: a meno di non essere molto motivati l'ostacolo più grande è quello psicologico, l'allenamento solitario è ripetitivo, l'unico amico che hai è la secrezione di endorfine che ti fa dimenticare la fatica e ti esalta lo spirito ma anche quella alla lunga non basta... quindi fai ciò che ti piace: questa è l'unica garanzia di riuscire a mantenere il proprio impegno costante per mesi con allenamenti almeno bi-settimanali (oltre all'escursione domenicale)...
 
Per fare escursioni come la facciamo noi del mio gruppo, non occorre alcun allenamento.
Alcuni di noi fanno palestra (pesi), altri come me fanno (facevano) mezzofondo, altri nulla. Eppure nelle nostre camminate non c'è alcun problema, anche se si fanno molti chilometri e con dislivelli. Io credo perchè lo sforzo è prevalentemente aerobico, non si ha mai il fiatone a parte dopo alcuni "strappi" particolarmente ripidi.

Ad ogni modo, se si vuol parlare di "allenamento per escursionismo", credo che non ci sia niente di meglio (e di più faticoso...) della corsa a piedi.
 
non ho capito: ti aspetti di diventare bradicardico dopo 3 mesi di allenamento?!
io lo sono (credo) per nascita (o xkè da piccolo mi ammazzavo di bicicletta tutto il giorno) ma è un adattamento che SE avviene richiede anni. Il mio collega che corre di più e meglio di me (maratoneta) è sempre stato un cuore veloce e lo è ancor oggi.
Poi scusa: ma quanti km fai a settimana?

Esatto, si diventa bradicardici con l'allenamento, ma molto allenamento. Nei periodi di massima forma ero arrivato a 48-50 pulsazioni al minuto, ora che corro solo salutariamente, per divertimento, sono sulle 62 pulsazioni/minuto.
 
Per motivi di tempo adesso riesco a fare una sola uscita settimanale e come percorso, anche se l'ideale sarebbe variare, uso unicamente un sentiero di montagna a 20 minuti da casa mia. Parto da 1080 m. slm e arrivo a 2070 m slm. 4 Km scarsi di sentiero....quasi una vertical. Ricordo i primi tempi quando ho iniziato a farlo (...1,86 mt per 85 Kg...non proprio un peso forma ! ) mi ci voleva 1h:50m per arrivare su. Adesso salgo in 1h:10m e vedo che non riesco a scendere sotto questi tempi ma la grossa differenza è che contrariamente a prima, il ritorno lo faccio di corsa e soprattutto non ho le gambe demolite per 2 giorni come quando ho iniziato. Ho notato però che nei momenti in cui sono riuscito ad integrare anche una o due uscite settimanali di corsetta blanda, la respirazione ne aveva giovato tantissimo! E magari se mangiassi un po' meno e bevessi meno birra, magari riuscirei pure a perdere qualche Kg !! ;):p

Anch'io trovo la corsa noiosa. Son riuscito a farmela piacere un po' di più andando a boschi ma capisco che il tutto è legato a dove si vive.
 
non ho capito: ti aspetti di diventare bradicardico dopo 3 mesi di allenamento?!
io lo sono (credo) per nascita (o xkè da piccolo mi ammazzavo di bicicletta tutto il giorno) ma è un adattamento che SE avviene richiede anni. Il mio collega che corre di più e meglio di me (maratoneta) è sempre stato un cuore veloce e lo è ancor oggi.
Poi scusa: ma quanti km fai a settimana?
Aspetterò ancora !! Quanti km faccia settimana ? A piedi ne faccio 80 x 20 ore circa. +3300 m. Ora che vado a correre ne faccio circa 24.
 
Per fare escursioni come la facciamo noi del mio gruppo, non occorre alcun allenamento.
A me per dire quando avevo 20-30 anni non serviva nessun allenamento specifico (ma facevo molto sport)
Adesso invece ad es mi viene male sotto ai piedi. E sì che corro eh? Però gli scarponi son duri ed evidentemente mi serve un allenamento specifico. Ne approfitto per dire che il "croos-training" non può essere esaustivo: certe qualità le alleni solo facendo il gesto/attività specifico
 
Fausto Coppi era un grande brachicardico.Mi pare che fosse sui 35 battiti.E' quindi pure una questione di "cilindrata"del cuore.Un cuore grande nel senso proprio fisico, con pochi battiti assicura la circolazione e si affatica meno,un cuore piccolo il contrario.
 
A me per dire quando avevo 20-30 anni non serviva nessun allenamento specifico (ma facevo molto sport)
Adesso invece ad es mi viene male sotto ai piedi. E sì che corro eh? Però gli scarponi son duri ed evidentemente mi serve un allenamento specifico. Ne approfitto per dire che il "croos-training" non può essere esaustivo: certe qualità le alleni solo facendo il gesto/attività specifico
E' verissimo questo ogni sport ha i sui dolori.
 
Ho sempre fatto sport, ho iniziato da bambino. A 19 anni ho fatto il corso al CAI , e da allora ho iniziato a fare alpinismo, arrivando dopo qualche anno a livelli più che soddisfacenti ( almeno per me ) Mi sentivo veramente in forma, e sinceramente sapevo di esserlo, ma i miei battiti non sono mai scesi sotto i 50. Invece il mio ex socio ( dico ex perche purtroppo è morto in montagna ) ne aveva 46.
Ho ripreso a fare sport dopo 3 anni di astinenza quasi totale, e stato come ripartire da 0, solo che i ricordi restano, sensazione bruttissima. Ad arrampicare sono passato dal 7b al 6b . A camminare piano piano sto recuperando. Vedremo..
 
Mi avete fatto venire voglio di misurarmi la pressione e i battiti:Max 152 min 59 battiti 49!! Per 66 e mezzo anni! Ho sempre fatto un pò di sport e attenzione alla alimentazione...che fanatico !!:rofl:
 
Dimenticavo un particolare abbastanza importante, ho 52 anni.
Se non si hanno patologie particolari, l'età conta fino ad un certo punto.

Hai visto quanti nonnetti partecipano a mini maratone e non solo?

In alcune attività sportive come il trekking, il miglior allenamento è il trekking stesso.
Procedendo per gradi, si migliora innanzitutto la stabilità e l'equilibrio. Poi si incrementano le prestazioni.

Questo ovviamente se si è in condizioni di salute.
 
se posso dare un consiglio vai a camminare spesso e dedica una buona parte del tempo allo stretching a metà giro e alla fine.

io lo faccio di solito..

in questo modo eviti i crampi e -non so perchè-
percepirai meno la fatica a livello muscolare

G.
 
Se non si hanno patologie particolari, l'età conta fino ad un certo punto.

Hai visto quanti nonnetti partecipano a mini maratone e non solo?

In alcune attività sportive come il trekking, il miglior allenamento è il trekking stesso.
Procedendo per gradi, si migliora innanzitutto la stabilità e l'equilibrio. Poi si incrementano le prestazioni.

Questo ovviamente se si è in condizioni di salute.
So anche io che il miglior allenamento per camminare è camminare, ma più di 2 volte a settimana (10 ore circa ogni volta) non posso.
L'età conta fino ad un certo punto ! Appunto, i tempi di recupero non sono sicuramente quelli di un tempo.
 
se posso dare un consiglio vai a camminare spesso e dedica una buona parte del tempo allo stretching a metà giro e alla fine.

io lo faccio di solito..

in questo modo eviti i crampi e -non so perchè-
percepirai meno la fatica a livello muscolare

G.
Vai a camminare spesso ? cammino tutti i gg, e i 2 gg che dedico alla montagna faccio 20 km x 10 ore e 1600 mt di dislivello, ogni volta ovviamente, più di così ora non posso. Per fortuna i crampi non so neanche cosa siano, stretching lo faccio prima dell'attività e dopo, come ho sempre fatto.
 
se posso dare un consiglio vai a camminare spesso e dedica una buona parte del tempo allo stretching a metà giro e alla fine.

io lo faccio di solito..

in questo modo eviti i crampi e -non so perchè-
percepirai meno la fatica a livello muscolare

G.

Concordo anch'io.
Camminare spesso e con buon passo (passo sostenuto), con qualche salita in mezzo se possibile, è la cosa migliore.
Anche la mattina prima di andare al lavoro fare un pezzo a piedi abbastanza lungo aiuta molto.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso