Alta Via dei Giganti: avventure a quattro zampe tra montagne e rifugi

Un racconto di passi, peli e paesaggi

Il video del racconto completo:


Il video-racconto condensato in 59 secondi:


Respiro profondo, passo dopo passo, Skye e Iride al mio fianco: così inizia il nostro trekking più lungo ed estremo, lungo i sentieri che passano vicini alle vette più alte delle Alpi, percorrendo l'Alta Via N°1 della Valle d'Aosta. Ogni giornata è una storia a sé, un diario di scoperte, sfide ed emozioni.

20230803_105950_0169.jpeg


Come è ormai tradizione nelle mie escursioni alpine, anche questa avventura è impreziosita dalla compagnia leale e instancabile delle mie due fedeli cagnoline. Tra guinzagli, incontri inaspettati e notti sotto le stelle, questa è la storia del nostro viaggio attraverso la natura selvaggia e indomita.

02-nube.jpeg

Il primo respiro della montagna​

Il viaggio inizia con l'emozione che solo la natura sa suscitare. I primi passi lungo i sentieri ci conducono attraverso boschi rigogliosi e prati fioriti, un vero paradiso per le mie esploratrici a quattro zampe.

20230726_080542_0005.jpeg


L'inizio è sempre un misto di aspettative e leggera ansia: come reagiranno Skye e Iride alle lunghe camminate? La risposta non tarda ad arrivare: con entusiasmo e vigore, quasi a dimostrare di essere nate per questo.

08-cani.jpeg

Tra incontri e scoperte​

Ogni giorno è una nuova scoperta, non solo di luoghi ma anche di incontri. Le mie compagne pelose attirano l'attenzione e la simpatia di viandanti e residenti.

coccole.png


Quando arriviamo al bed&breakfast di Valtournenche, a metà percorso, l'accoglienza della proprietaria e la compagnia di un'altra ospite trasformano una semplice sosta in un momento di condivisione e calore. Skye e Iride si riposano, mentre noi umani ci ritroviamo immersi in una conversazione spontanea e vivace sui viaggi che stiamo compiendo e sulla vita in generale. Questa mezz'ora di chiacchiere non solo ristora il corpo, ma anche lo spirito, ricordandomi che l'avventura è fatta di passi e paesaggi e anche di incontri e storie condivise.

da_tzan.png

Sfide e riflessioni​

Man mano che procediamo, il viaggio si tinge di sfumature più intense. La fatica si fa sentire, ma con essa cresce anche il legame con i miei cani. Incontriamo difficoltà: trovare acqua, un posto adatto per la tenda, gestire le piccole emergenze come quando Skye decide di rotolarsi in qualcosa di decisamente poco piacevole. Ma è in questi momenti che il viaggio si arricchisce di significato, diventando più di una semplice escursione: una vera esperienza di vita.

cappelletti.jpeg


L'avventura si snoda attraverso sentieri meno battuti, bivacchi notturni e il continuo stupore di fronte a panorami che tolgono il fiato. La vita in tenda diventa routine, una routine fatta di semplicità, di notti in alta quota e del dolce peso della stanchezza, dopo una giornata di cammino.

gx012150.jpeg

Più che un viaggio, una lezione di vita​

La paura dei temporali in quota ci fa camminare più velocemente. Giungiamo alla fine del nostro percorso, a Courmayeaur, un giorno prima del previsto.

20230804_143150_0241.jpeg


Questo viaggio con Skye e Iride è stato più di una semplice avventura: è stata una lezione di vita. Ho imparato che la felicità si trova nelle cose semplici, nel legame con la natura e con i miei cani.

tzan.png


Il ritorno alla civiltà porta con sé la promessa di nuove avventure, ma anche la dolce nostalgia di quei giorni trascorsi tra le montagne, inseguendo l'orizzonte con due fedeli amiche al mio fianco.

20230804_085657_0208.jpeg


Perché, come in ogni viaggio che si rispetti, non è tanto la destinazione a contare, quanto i passi compiuti per raggiungerla. E questi passi, insieme a Skye e Iride, sono stati i più belli che potessi desiderare.

20230731_200032_0123.jpeg
 
Alto Basso