Escursione altomontana etnea

#1
Parchi della Sicilia
Parco dell'Etna
alla fine ci siamo riusciti ! conciliati gli impegni di tutti siamo partiti.
ho preso mezza giornata di permesso e dopo un veloce piatto di pasta alla trapanese fatto dalla mia gentile consorte mi sono avviato alla volta di Caltell'Umberto per prendere Ciccio90, da li attraversando i Nebrodi passando per Tortorici, Randazzo ed infine Linguaglossa abbiamo raggiunto il Rifugio Brunek dove GianniCT ha lasciato l'auto per il ritorno.
Ebbene si, l'altomontana pur essendo un percorso perfetto non è un cerchio perfetto quindi il punto di partenza e quello d'arrivo sono piuttosto distanti, e questo alla fine è l'unico difetto.
Lasciato Gianni a casa voliamo a Santa Venerina per raggiungere alexlicc che ci aspettavaa. Cena a base di pane e salumi dei Nebrodi e poi, raggiunti da Alfredo ci siamo coricati.
La sveglia suona alle 4.30 e dopo aver preso Gianni rimasto ovviamente sanz'auto ci portiamo sul luogo dell'appuntamento dove già ci aspettano u'singol e Salvo. Prima si espleta la formalità della pesata degli zaini gentilmente offerta dalla ditta spyrozzo, quindi si procede all'irrorazione del biokill sulla parti basse. Gianni fraintende e colto da uno slancio di affetto mi spruzza anche la zona dei genitali!
Alle 6.30 ci avviamo.
5970862805_f646254b7f_b.jpg


5970864557_62cc4e4cde_b.jpg


5970866503_d364623487_b.jpg


5970868311_da819d92ef_b.jpg



Tutta d'un fiato divoriamo la strada che ci porta prima al rifugio Galvarina dove alex ed Alfredo arrivati per primi ci fanno trovare un bel caffè caldo, e poi dopo qualche chilometro il rifugio di Monte Palestra.
Sono al settimo cielo perchè credo abbiamo fatto già metà strada: nulla di più sbagliato...

5970871909_f6e8742980_b.jpg


5970873591_b3746cdb4a_b.jpg


5971431160_a2fb60199d_b.jpg


5971435400_90a24c921b_b.jpg


5971439098_91d68d6a4b_b.jpg


5970889079_4c9b10751b_b.jpg


5971450576_2d68c38f8b_b.jpg


5970896451_7f28e21643_b.jpg


Intanto la mia scelta di usare delle scarpe da Trail si è rivelata estremamente fallimentare. Le scarpe già stressate dai miei 100 e passa chili, con l'aggiunto del peso dello zaino si sono rivelate troppo sensibili al fondo traducendosi prima in piedi gonfi, poi in vesciche ed infine in calvario.
Arrivo assieme a Gianni (che mai mi ha lasciato solo nelle mie sofferenze) per ultimo al rifugio di Monte Scavo. Sono letteralmente distrutto, ma mi riprendo grazie a due bicchieri di acqua gelata offerti dal mio socio. Facio la conta delle vesciche, mi massaggio i piedi e con molta fatica indosso le scarpe. I panorami sono mozzafiato, boschi di betulle interminabili, scorci di Sicilia a base di Nebrodi e Peloritani con incluso Castelmola (località sopra Taormina).
Inoltre i fianchi dell'Etna solcati da innumerevoli colate sono uno spettacolo maestoso.
Assieme a Gianni e Ciccio raggiungiamo per ultimi il Rifugio di Monte Spagnolo e già da lontano vediamo l'inossidabile Alfredo (credo che per fermarlo sia proprio necessario sparargli) che prende il sole mentre il suo degno compare alex l'ammazzaturisti è sdraiato all'ombra degli alberi con le mani dietro la nuca mentre indossa un bellissimo paio di sandali (sembrava fosse al mare).
In secondo piano c'è Salvo seduto sulla panchina del rifugio con a lato gli scarponi che mi guarda con l'espressione di un cane bastonato ponendo l'accento sulle condizione dei suoi piedi, mentre Enzo u'singol cammina scalzo, riprendendo contatto con la natura ed equilibrando la sua sfera magnetica al grande disegno universale. Insomma a parte i primi due in vacanza noi cinque sembravamo un documentario sulla ritirata di russia.
Appena prendo fiato e scrocco altri due bicchieri a Gianni monto alla bell'e meglio l'amaca e dopo un brevissimo pasto mi corico cadendo in un profondo e russante sonno.
Mi risveglio dopo circa 45 minuti, con il culo per terra perchè evidentemente i nodi poco a poco hanno ceduto.
Si decide di puntare al rifugio di Santa Maria perchè questo è decisamente piccolo e pure senz'acqua.
Viste le mie pietose condizioni alex ed Alfredo si offrono di vuotarmi lo zaino e portare loro il mio materiale. Con poca vergogna accetto e requisisco ad alex i suoi stupendi sandali, grazie ai quali riesco ad affrontare la salita verso la nostra meta.
Attraversiamo una stupenda colata lavica in un paesaggio da Signore degli Anelli e quindi un boschetto da favola.

5970898245_fbc9fa45ed_b.jpg


5971457800_a3e9525d40_b.jpg


5970904065_35766e3dd3_b.jpg


5971463420_4da1025e81_b.jpg


5970909817_cf0651a480_b.jpg


5971467378_cded90e6a5_b.jpg


5971469314_53f25a6b18_b.jpg


Una goduria per i sensi, anche perché arrivano folate di profuno di ginestra che si mischiano agli odori del bosco.
Ormai sono in modalità energy-saving e viaggio ad andatura ridottissima, resto indietro e faccio un bel pezzo da solo. Poi dopo l'ennesimo tornante in salite trovo Gianni che mi aspettava. Un passo dopo l'altro arriviamo finalmente al rifugio dove trascorreremo la notte. Abbiamo percorso 27 chilometri quasi tutti d'un fiato.

5971470828_dc6c346cb0_b.jpg


Sono distrutto e dopo essermi messo fuori a riposare su di un tronco, visto che ho grosse difficoltà a salire lo scalino d'ingresso del rifugio, vengo preso da dei brividi terribili!
Scappo dentro, mi spoglio e mi ficco dentro il sacco. Appena smetto di tremare mangio due biscotti ed inizio la mia lunga notte di recupero. La stessa notte risulterà un tantino più lunga agli altri visto che ho russato da bestia!
Dopo che si è fatto buio a malapena mi accorgo che quattro ragazzi ci hanno raggiunto. Venivano dal Rifugio Timpa Rossa, dove una giovane coppia, scambiando il rifugio per un'alcova ha caldamente raccomandato loro (io sinceramente sarei stato molto ma molto meno accondiscendente) di andarsi a cercare anche se era buio un'altro rifugio.
Durante la notte ci siamo accorti che c'erano degli altri ospiti nel rifugio: un'intera colonia di tarli, che hanno masticato per tutta la notte facendoci temere per la nostra incolumità.
La mattina io Gianni e Ciccio e Salvo partiamo per primi sicuri che saremmo stati raggiunti e superati dalla coppia di steroidi a due zampe! Sono riuscito a mettermi le scarpe e la camminata è decisamente piacevole.

5970918531_aef93bdfd9_b.jpg


5971476354_b6a0a011f5_b.jpg


5970936541_3b541dff81_b.jpg


5970940485_848b7f98c3_b.jpg


Dopo qualche chilometro di salita si scollina in prossimità della Grotta dei Lamponi. Dopo una veloce visione e le foto di rito inizia la lunga discesa verso l'arrivo. Dopo un certo chilometraggio veniamo raggiunti e superati da Alfredo prima ed alex dopo mentre guadagniamo Enzo che insiste continuamente nel telefonare a casa beccando “utente irraggiungibile” o cazziatoni perchè non telefona mai (???).
I miei piedi sono in fiamme così restiamo io e Salvo come fanalino di coda, raggiungendo comunque il 43mo chilometro e quindi l'arrivo.
Ai vincitori, quindi a tutti, una bellissima birra ghiacciata!
 

#4
Attendevamo tutti con ansia il tuo resoconto... Come sempre la tua descrizione e il reportage fotografico sono spettacolari! a breve pubblicherò le mie foto. La mia esperienza è stata molto positiva innanzitutto grazie soprattutto a tutti voi; spyro, gianni e ciccio li conoscevo (alfredo è mio compare di nozze e ci conosciamo da tempo), anche enzo e salvo sono davvero due ottime persone, avventurose, cordiali e per bene. Il percorso è indescrivibilmente bello, ne percorro spesso dei tratti in tutte le stagioni e ogni volta c'è sempre qualcosa di nuovo e particolare. Lo raccomando in ciaspole in inverno...è unico. Unico neo (colpa delle rocce vulcaniche, ma lo accettiamo ampiamente) la totale assenza di sorgenti che ci ha costretti a caricarci di acqua come muli, con l'aggravante (spyro l'hai dimenticato!) di aver trovato l'acqua della cisterna del rifugio maleodorante (alfredo dice di ammoniaca...boh??..ma è ingegnere ambientale e ci crediamo)...a proposito mi devo documentare sulle sostanze prodotte da eventuale materia organica in decomposizione in acqua. Meno male che ciccio era munito di delios e micropur (ma io sinceramente ho resistito e mi sono fatto bastare l'acqua che avevo).
Un elogio particolare ai salumi e formaggi di ciccio, davvero sublimi. Nonostante i miei buoni propositi di mangiare minestrine liofilizzate, roba leggera etc etc in escursione, a queste cose non si resiste!
in conclusione: complimenti a tutti, è stata un'avventura magnifica, e quindi grazie a chi ci ha dato la possibilità di conoscerci, ovvero l'ideatore del forum!!!!
 
#5
le scarpe erano della Columbia. Sembravano buone e probabilmente lo saranno dopo averci preso l'abitudine (avete presente gli scarponi da sci?). Comunque per non sbagliare torno ai tradizionali scarponcini da trekking.

vero, ho tralasciato la parte della depurazione dell'acqua, ma se da un lato desideravo consegnare subito la descrizione dell'escursione, dall'altro valentino rossi era in griglia di partenza...
 
#8
Paesaggi lunari ma assolutamente fantastici!:oops:
Per le scarpe, sarà una mia fissa ma se i chilometri sono un certo numero, gli scarponcini da trekking li metto sempre.;)

Complimenti anche per la descrizione dell'uscita: divertente e scorrevole.:D
Qualcosa in più ad alex ed Alfredo che si son offerti come sherpa per spyro!:si:
 
#11
Magnifico e spettacolare territorio
§Bellissime le foto
e mooolto simpatici voi
Grazie!
ps. mi hanno stupito i grossi randelli che avevate al seguito: piu' armi che bastoncini.
ps2 trovo che la n.13 sia una foto da incorniciare.
 
#13
Se non sbaglio hai detto che da rito avete pesato gli zaini..quanto facevano??
Pura e semplice curiosità..per aver un metro di misura..perchè la mia prima volta qualche settimana fa pesava 21kg circa tutto compreso..e non sapendo altri metri di paragone non sapevo se era tanto o no..cmq sia sul groppone pesava e tanto!
 
#14
oscillavano attorno ai 15kg. considera però che avevamo tutti almeno 4 litri d'acqua. nel mio caso potevo limare sull'amaca il tarp la frontale e qualcos'altro. in pratica c'era solo tappetino sacco a pelo acqua e mangiare. mai portato così poche cose!
 
#15
il mio (ma non era il più pesante) pesava 15 kg, di cui circa 1 kg di arnesi per il caffè (fornelletto, bomboletta, moka 4 tazze, 250g caffè lavazza (per la precisione...). per questo kg in più ho comunque fatto a meno del solitamente immancabile materassino gonfiabile, optando per uno più scomodo maleggerissimo stuoino. Dimenticavo: 4 kg erano di acqua (sull'etna non ci sono sorgenti)
 
#20
bel giro! ero in sicilia fino a 4 giorni fa e mi sarebbe piaciuto andare a fare un giro sull'etna!! se una persona avesse la possibilità di passare qualche giorno da 2 a 5 sull'etna che giro consigliereste di fare?oltre al problema acqua che cosa avreste potuto migliorare?

se posso aggregarmi alla richiesta di spinnmode, il mio indirizzo email è: brescianifrancesco@gmail.com, mi piacerebbe conservare una cartina e magari riuscire a decidere,con il vostro aiuto, un percorso da fare la prossima volta che vado in sicilia.
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto