Escursione Anello da Prato Capito a M.Puzzillo

Parchi d'Abruzzo
  1. Parco Regionale Sirente-Velino
Dati

Data: 03/06/2022
Regione e provincia: Abruzzo, L'Aquila
Località di partenza: Prato Capito
Località di arrivo: Prato Capito
Tempo di percorrenza: 10h39m
Chilometri: 25
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: solamente faticoso, per la lunghezza e l'ascesa totale
Periodo consigliato: no estate piena e inverno
Segnaletica: segnavia CAI sui tratti principali, assenza di segnavia e di sentiero da Passo del Morretano alla Cimata di Pezza Est
Dislivello in salita: 1600m
Dislivello in discesa: 1600m
Quota massima: 2174m
Accesso stradale: area di parcheggio lungo la ss696
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8586

Descrizione
Dopo due settimane di pseudo-uscite "compensative" (cioè organizzate nel pomeriggio e nelle località permesse dal corso CAI giusto per muovere le gambe), finalmente si torna a fare una uscita seria. E questa volta davvero ricca di soddisfazioni e suggestioni sotto diversi aspetti. Anzitutto la prima uscita "di montagna", dopo una lunga primavera di uscite boschivo/archeologiche. Poi la mia prima uscita in Abruzzo senza il CAI e la prima in assoluto sul gruppo del Velino-Sirente. Infine la mia prima salita sopra i 2000, con ben 11 vette nel carniere. Ma soprattutto complessivamente l'uscita più impegnativa fatta ad oggi, non per il chilometraggio né per l'ascesa totale, ma per l'insieme delle due: tornati all'auto, dopo una giornata di quasi 11 ore, la stanchezza sarà seconda solo alla soddisfazione.

La mattina inizia tosta verso le 8:45 da Prato Capito, inerpicandoci subito e in pochi chilometri dai 1600m della sede stradale ai 1878m del Monte Fratta, cui giungiamo attraversando una breve ma suggestiva faggeta. L'uscita dal bosco regala squarci di paesaggi montani molto leggeri.

Faggeta
1654376247165.jpeg


Uscita dalla faggeta
1654376508444.jpeg



Di lì inizia un lungo camminamento sul crinale rettilineo che progressivamente ascende al M.Cornacchia (2010m), all'anticima del M.Puzzillo (2128m), fino alla vetta di giornata del M.Puzzillo (2174m). La mattinata è luminosa ma velata, la temperatura supera di poco i 20gradi rendendo la progressione molto gradevole e tanto per divertirci troviamo il tempo di fare un paio di azimut per identificare su carta le montagne circostanti, tra cui spicca il profilo triangolare del Velino. Lungo il cammino ci attraversa la strada un piccolo di serpente, che non so identificare.

Il crinale
1654376641604.jpeg


Il serpentello
1654376671262.jpeg


Azimut
1654376747318.jpeg


M.Puzzillo
1654376797318.jpeg



Ritornando brevemente sui nostri passi, si scende lungo un ripido fianco fino al Passo del Morretano, da dove si apre verso sud un vasto vallone per larga parte senza evidenti sentieri nè indicazioni. Lì ci fermiamo per alcuni minuti a discutere se tagliare puntando dritto al Morretano ed avviarci al rientro (per un totale di circa 16 km, non disprezzabile) o se invece seguire il piano originario e puntare verso sud alla Cimata di pezza, allungando di circa 8 km il percorso, ma soprattutto inanellando una sequenza di salite e discese non proprio trascurabili. Alla fine ci diciamo che "tanto domani è sabato!" e puntiamo dritti verso sud, camminando fino ad un Rifugio Forestale dove incontriamo una coppia di signori anziani e ci fermiamo per pranzare.

Vallone sotto il Passo del Morretano
1654377037231.jpeg


Pranzo al Rifugio Forestale
1654377072034.jpeg

Rifocillati, inizia il secondo tempo di questa giornata. E inizia in modo poco amichevole, costringendoci a inerpicarci per la Cimata di Pezza, lungo un sentiero a tratti molto ripido, franoso e tracciato solo sul GPS ma inesistente sul terreno. Tuttavia lungo la salita avvistiamo in sequenza ben 7 aquile, che volteggiano sopra di noi ad ali spiegate sostenute dalle correnti: un vero spettacolo, che non riesco a cogliere con foto significative.

Salita alla Cimata di Pezza
1654377217809.jpeg


Arrivati in cresta, iniziamo a percorrere da est verso ovest tutta la Cimata, toccando prima la vetta Est (2074m), poi la Ovest (2132m), quindi la Cimata del Puzzillo (2140m), fino ad arrivare al Rifugio Sebastiani (2100m), in una lunga sequenza lineare simile a quella percorsa in mattinata ma questa volta orientata da est a ovest. Il percorso è traditore, perchè ad ogni cima si sale ripidamente per poi ripidamente discendere fino alla cima successiva, con un effetto spaccagambe piuttosto sensibile. Inoltre a questo punto della giornata il cielo si è aperto, il sole ha cominciato a picchiare e l'aver dimenticato di mettere per tempo la crema di solare comincia a dispiegare i suoi effetti. Però i panorami sono veramente belli, a tratti aspri e lunari, ed è possibile scorgere adesso chiaramente tutto l'arco che da nord ovest verso sud est dispiega il Costone, più sullo sfondo il Velino, quindi Punta Trento, Punta Trieste, Capo di Pezza, Costa della Tavola, Cima della Cerasa fino al distante e imponente Sirente.

Cimata di Pezza Est
1654377733851.jpeg


Sviluppo della Cimata del Pezza vista dall'anticima est
1654377900862.jpeg


Da sx a dx, vista verso sud di Sirente, Cima della Cerasa, Costa della Tavola

1654377780761.jpeg


Vista verso nord del massiccio del Puzzillo dalla Cimata di Pezza
1654378025118.jpeg


Rifugio Sebastiani
1654378117063.jpeg


Cimata del Puzzillo dal Rifugio Sebastiani
1654378149065.jpeg


Arrivati al Rifugio Sebastiani sono ormai le 15 e ormai abbiamo nelle gambe più di 6 ore di cammino, 14 km di strada e 1200/800m di ascesa/discesa cumulata. E' con sommo piacere che ci dedichiamo quindi a visitare il rifugio da poco ristrutturato ed a gustare una loro birra artigianale (calda come promesso sul loro sito) e una gustoso tagliere di salumi e formaggi.

Il premio del g(i)usto
1654378439950.jpeg


Tempo di spalmarsi tardivamente la crema solare e si riparte per gli ultimi 8 km. Che, per non smentirsi, prevedono una ulteriore discesa in valle con risalita al Passo del Puzzillo (2073m), alla Cima nord(2131m) e al Passo della Torricella (2039m). La stanchezza delle gambe e la sostanziale assenza di grandi specificità ci convincono a saltare la Cima del Morettano, che aggiriamo a mezza costa puntando dritti al Monte La Torricella (2071) secondo una lunga e graduale salita.

La prospettiva verso nord
1654378698675.jpeg


La Torricella
1654378745868.jpeg


E' questa l'ultima cima di giornata, di qui inizia una graduale discesa che ci riporta ad attraversare faggete, prati circondati di boschi, ad incontrare mandrie di cavalli bradi, in un camminare lento addolcito dalla stanchezza e dalle prime luci di tramonto.

Prati e Boschi
1654378910963.jpeg


Faggeta
1654378945629.jpeg


Cavalli
1654378970853.jpeg


L'inizio del tramonto
1654378995909.jpeg


La stanchezza è tanta, la strada verso casa ancora lunga e la mancanza di un pub dove prendere un supplemento di birra e salumi si accusa non poco. Ma la giornata è stata davvero bella e la sensazione è di tornare a casa con un arrivederci. Se Dio vuole, tra qualche settimane sarò solo un po' più a ovest per un trekking di due giorni sul Velino. A' la prochaine...
 
Complimenti, per essere la prima volta nel Velino-Sirente siete partiti alla grande, in pratica avete fatto 3 escursioni "classiche" in una! (anello Puzzillo-Toricella, al Sebastiani per la valle Leona, Cimata di Pezza)
Vedo che vi siete attenuti alla regola che per quanti chilometri sia lunga e per quante cime includa una escursione "E" non diventerà mai una "EE", anche se scendere a valle dalla cimata di Pezza non sembra poi tanto scontato (ma non ho presente come sia veramene sul posto).

Grazie per la condvisione!
 
Complimenti, per essere la prima volta nel Velino-Sirente siete partiti alla grande, in pratica avete fatto 3 escursioni "classiche" in una! (anello Puzzillo-Toricella, al Sebastiani per la valle Leona, Cimata di Pezza)
Vedo che vi siete attenuti alla regola che per quanti chilometri sia lunga e per quante cime includa una escursione "E" non diventerà mai una "EE", anche se scendere a valle dalla cimata di Pezza non sembra poi tanto scontato (ma non ho presente come sia veramene sul posto).

Grazie per la condvisione!
Grazie a te. Si, per quanto ne capisco anche per il CAI a difficoltà discende dalle caratteristiche sentiero e non dalla sua durata.
 
mmmmhhh... sento puzza di Club2000m.
Bellissima la conca intorno alla quale vi siete lungamente aggirati e che culmina al Rifugio Sebastiani negli splendidi occhi blu-cielo-del-Velino di Eleonora. Piuttosto... non li avete incrociati?
 
Come sempre cogli i segni sia di Club2000 (ma qui hai delle responsabilità nel gettare qualche seme) sia di occhi blu (difficile non notarli.. )
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso