Escursione Anello Diga di Ridracoli

Parchi dell'Emilia-Romagna
Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna
Dati

Data: 27/12/2019
Regione e provincia: Emilia-Romagna, Forli'-Cesena
Località di partenza: Ridracoli
Località di arrivo: Ridracoli
Tempo di percorrenza: 11:30 ore circa
Chilometri: 32
Grado di difficoltà: E/EE
Descrizione delle difficoltà: La parte dalla Seghettina fino alla Lama e' un po' piu' complicata piu' che altro per il sentiero poco visibile.
Periodo consigliato: tutto l'anno, evitare assolutamente giorni di pioggia
Segnaletica: Assente nella parte da San Paolo in Alpe alla Lama, ben segnato il resto del percorso
Dislivello in salita: 2645 mt
Dislivello in discesa: 2635 mt
Quota massima: 1047 mt
Accesso stradale: Ridracoli, parcheggio dell'Idro Mueso
Traccia GPS: Vedi qui


Descrizione

Approfitto delle vacanze natalizie per organizzare un bel giro! Partiamo in 2 e arriviamo al parcheggio molto presto (3:30), perche' l'idea e' di vedere l'alba da San Paolo in Alpe. Partiamo quindi in salita, circondati spesso da vari occhietti gialli di ungulati che ci scrutano dal bosco. Arriviamo un po' in anticipo a destinazione e quindi ci fermiamo al bivacco. Appena spunta un po' di luce, pero', ripartiamo lungo il crinale che riscende a valle (crinale della vacca) verso la diga.

200365


Giungiamo quindi in vista del lago artificiale e da qui giriamo a destra, in direzione di un vecchio gruppo di case abbandonate chiamato Ridondone. Continuiamo a scendere e guadiamo uno dei vari affluenti che si butta nel bacino idrico. A questo punto ricomincia la salita, molto ripida su sentiero a malapena visibile e a tratti su roccia.

200366


Continuiamo a salire scavalcando alcune rocce fino ad arrivare a Poggio Pratovecchio, dove scendiamo nuovamente e raggiungiamo un altro gruppo di case abbandonate, i Butriali. Dopo un breve sali-scendi arriviamo ad una casa abitata, la Seghettina. Qui ci buttiamo nel bosco e, dopo essere discesi e aver guadato un altro torrente, iniziamo la risalita piu' difficile (anche perche' a un certo punto imbocchiamo la strada sbagliata). Arriviamo infine sulla strada forestale, parte di uno dei percorsi per MTB ufficiali del Parco delle Foreste Casentinesi.

200367


Seguendola arriviamo finalmente alla Lama, una casa forestale immersa nel verde con annesse aree picnic, una chiesetta e un bivacco sempre aperto. Ci fermiamo finalmente a mangiare qualcosa rapidamente e ripartiamo per l'ultimo tratto.

200368


Seguendo i sentieri del CAI da qui ci dirigiamo verso una vicina sorgente solforosa e scendiamo fino ad arrivare alle rive del Lago di Ridracoli. Dopo un ponticello arriviamo all'incrocio fra vari sentieri e, salendo, continuiamo a costeggiarlo. Non e' una salita impegnativa ma iniziamo ad essere provati dallo sforzo (anche perche' finora avevamo solo trovato fonti di acqua non controllata, quindi iniziamo a essere a secco). Ma finalmente, come un miraggio, appare il Rifugio Ca' di Sopra, dove finalmente possiamo dissetarci.

200369


Da qui scendiamo e poi con un ultima breve salita arriviamo sulla Diga, da cui la strada asfaltata ci riporta al parcheggio.

L'escursione e' lunghina ma la consigliamo a tutti: i paesaggi sono magnifici e i sentieri molto diversi fra loro!

200370
 


Alto Basso