Escursione anello diga Lagastrello (L) - L. Squincio, Scuro, Verderolo, Ballano, Verde - M. Bocco - L

Parchi dell'Emilia-Romagna
Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Dati

Data: 10/6/2018
Regione e provincia: Emilia Romagna, Parma
Località di partenza: Diga di Lagastrello
Tempo di percorrenza: 6 ore e 15 minuti (escluse le pause e le perdite di tempo per non aver trovato alcuni segni CAI)
Chilometri: 17 circa
Segnaletica: buona ma in alcuna tratti quasi assente
Dislivello in salita: 950 m circa
Quota massima: 1791 m

Descrizione
Scan.jpg

Anello che si sviluppa tra tre province: Reggio Emilia, Massa Carrara e soprattutto Parma e tra due parchi: il parco nazionale dell'Appenino Tosco Emiliano e il parco regionale dei cento laghi.
Sono partito dalla diga di Lagastrello e prendo il sentiero 659B in modo da fiancheggiare subito il lago Paduli.
P1020418.JPG

Lungo le sponde sud orientali del lago dominato dal M. Malpasso.
P1020419.JPG

La sponda meridionale del lago.
P1020421.JPG

Originariamente avevo intenzione di salire direttamente per il M. Bocco ma non trovavo i segnali CAI per cui a malincuore decido di provare l'anello al contrario ritornando verso il punto di partenza tramite il sentiero 00. Il giro attorno all'anello Paduli mi ha richiesto circa un'ora.
Raggiungo così il Lago Squincio sovrastato da nebbie
P1020424.JPG

e da una parte si vedeva un ampio panorama con la snervante anche se panoramica strada provinciale 74 (snervante perchè luuuuuuunga quasi mezz'ora da Ramiseto).
P1020422.JPG

Prendo le indicazioni per il lago Scuro per cui salgo fino al Passo Sasseta per poi riscendere di quota raggiungendo prima il L. Scuro
P1020425.JPG

e successivamente il L. Verderolo.
P1020426.JPG

Proseguo sempre sotto i boschi di faggi per Prato Spilla e ad un certo punto il bosco si dirada coinvolgendomi in un panorama insolito (almeno per me) verso il Prato Spilla.
P1020427.JPG

Ora è la volta del L. Ballano che può essere raggiunto anche tramite l'auto.
P1020428.JPG

Comincia ora la costante salita per il L. Verde con ampi panorami alla mia sinistra riconoscendo la sagoma del M. Ventasso.
P1020429.JPG

Finalmente raggiungo il L. Verde dove diversi escursionisti sostavano lungo le sue sponde ed alcuni facevano pure il bagno.
P1020432.JPG

P1020433.JPG

Proseguo salendo di quota e di tanto in tanto mi guardavo alle spalle riconoscendo il L. Verde e alla sinistra il Biv. Cagnin,
P1020437.JPG

mentre a destra il M. Torricella.
P1020438.JPG

Raggiungo così il L. Martini (non visibile sulla cartina per le minuscole dimensioni) con le sponde innevate e avvolto nella nebbia
P1020439.JPG

e successivamente il passo Giovarello. Qui decido di sostare scattando diverse foto e gustando i panorami: verso il L. Martini,
P1020440.JPG

l'Alpe di Succisso
P1020444.JPG

e le Alpi Apuane.
P1020443.JPG

Proseguo lungo la cresta verso la cima del M. Uomo Morto e del M. Bocco
P1020445.JPG

mentre nell'altra direzione si riconosce la cima del M. Bragalata.
P1020447.JPG

Lungo la cresta colgo l'occasione di scattare una foto all'Alpe di Succisso senza nuvole.
P1020448.JPG

Dalla cima del M. Bocco vedo la cima dell'Uomo Morto con la selletta che la separa
P1020450.JPG

e decido di scattare un'ultima foto verso l'Alpe di Succisso prima di scendere definitivamente tramite il sentiero 110 (quello che alla mattina non trovavo le indicazioni CAI).
P1020451.JPG

Raggiungo la strada provinciale e in 15 minuti ritorno al punto di partenza.
 
Ultima modifica:
Bellissimo anello....ero anche io in zona Domenica: dal Lagastrello siamo saliti a Cima Canuti per poi proseguire sul crinale facendo il Bocco e il Bragalata; ritorno passando dai laghetti Compione e Lago Martini e poi dalla Foce Banciola giu' al Lagastrello! Sempre spettacolare il crinale Appenninico!
 
Bellissimo anello....ero anche io in zona Domenica: dal Lagastrello siamo saliti a Cima Canuti per poi proseguire sul crinale facendo il Bocco e il Bragalata; ritorno passando dai laghetti Compione e Lago Martini e poi dalla Foce Banciola giu' al Lagastrello! Sempre spettacolare il crinale Appenninico!
Si non saranno le Dolimiti o le grandi cime alpine con i ghiacciai ma il crinale appenninico ha tutto un suo fascino, ecco rilassa
 

Discussioni simili



Alto Basso