Escursione anello malga Saisera (M) - Sella Nabois - M. Nabois Grande - Rif. Pellarini - M

Dati

Data: 13/10/2018
Regione e provincia: Friuli Venezia Giulia, Udine
Località di partenza: Malga Saisera
Tempo di percorrenza: 8 h e 15' circa (escluse le soste)
Chilometri: 16 circa
Segnaletica: buona
Dislivello in salita: 1700 m circa
Quota massima: 2313 m
Accesso stradale: lungo la SS 54 prendere la direzione per Valbruna e successivamente per la Val Saisera

Descrizione
Anello classico ma molto appagante.
Scan.jpg

Alle 7.15 della mattina dal parcheggio il Montasio non era visibile per via della foschia mattutina, noostante ciò parto tranquillo in quanto avevo visto che le condizioni meteorologiche sarebbero state buone. Inizio a prendere il sentiero 616 camminando su un terreno decisamente ciottoloso e di spalle compare già la sagoma del Jof di Miezegnot.
P1030162.JPG

Dopo circa 45 minuti scarsi dalla partenza si entra nel bosco che ha già assunto colori decisamente caldi.
P1030163.JPG

Uscendo dal bosco riconosco la sagoma del Jof Fuart
P1030165.JPG

e successivamente la Sella Nabois con il M. Nabois Grande posto a sx.
P1030166.JPG

Intanto di spalle il panorama si sta aprendo sempre di più.
P1030167.JPG

Fiancheggiando il Biv. Mazzeni si raggiunge la parte alpinistica del sentiero Chersi: diversi siti dicono che ci sono tre rampe, altri quattro, questa in ogni caso è la prima.
P1030187.JPG

Raggiunta la prima rampa il panorama posto di spalle si fa sempre più ampio:
P1030188.JPG

a sx invece il gruppo del Montasio con il Biv. Mazzeni baciato dal sole.
P1030191.JPG

P1030192.JPG

P1030195.JPG

Dalla seconda rampa il panorama di fronte è mozzafiato: M. Nabois Grande mentre a dx il nevaio perenne Studence.
P1030197.JPG

Scendo nuovamente di quota fiancheggiando il nevaio
P1030198.JPG

e finalmente raggiungo la Sella Nabois.
P1030203.JPG

Dalla Sella di fronte riconosco le Cime delle Rondini con sullo sfondo il Mangart.
P1030205.JPG

mentre di spalle il Montasio.
P1030206.JPG

Scendo ancora leggermente di quota per prendere il sentiero per la cima del M. Nabois Grande. Il panorama è fantastico: in senso orario: sullo sfondo il Mangart e il Jalovec con in mezzo (credo) il Triglav, in primo piano riconoscevo il M. Re,
P1030207.JPG

il Jof Fuart,
P1030211.JPG

il Montasio,
P1030210.JPG

il Jof di Miezegnot con sullo sfondo le Alpi Carniche e riconoscevo il Coglians,
P1030209.JPG

la Valle Saisera.
P1030208.JPG

P1030215.JPG

Decido di scendere senza dover ritornare alla Sella Nabois. Il sentiero per questa discesa si presenta impegnativo ma divertente e decido di scattare altre foto panoramiche verso i monti che delimitano la Valle Saisera: il Jof di Miezegnot con in primo piano il Nabois Piccolo
P1030220.JPG

e la Cima del Cacciatore.
P1030221.JPG

Scendendo finalmente si comincia a vedere bene il Rif. Pellarini
P1030224.JPG

con alla dx i nevai del Jof Fuart.
P1030223.JPG

Dal rifugio mi guardo la Sella Nabois.
P1030225.JPG

Proseguo prendendo sempre il sentiero 616 decidendo di scattare un'ultima foto prima di entrare nel bosco.
P1030227.JPG

L'ultimo tratto del sentiero 616 diventa una strada forestale e devio in corrispondenza delle indicazioni per la locanda Montasio raggiungengo il punto di partenza dove scatto il Montasio con il suo ghiacciaio principale.
P1030230.JPG
 

Ultima modifica:

Contenuti correlati

Alto