Escursione Anello monte Pellecchia

Parchi del Lazio
Parco Regionale dei Monti Lucretili
Data: 29-05-16
Regione e provincia: Lazio/Roma
Località di partenza e arrivo: Monteflavio
Tempo di percorrenza: poco meno di 5 ore con pause e molta calma
Chilometri: 14
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: scendendo dal Pizzo Pellecchia ho lisciato l'inizio del sentiero ed ho fatto un giro a vuoto sul limitare del bosco (poco male)
Periodo consigliato:
Segnaletica: (312, 312b, 312a) segnata bianco-rossa, sulla via del ritorno ho incontrato dei signori che la stavano rimarcando, quindi sarà ottima
Dislivello in salita: 663
Dislivello in discesa: 650
Quota massima: 1369
Accesso stradale: Dal paese di Monteflavio si imbocca Via della Pineta fino ad un bivio, tenendo la destra si arriva ad un'area attrezzata nella pineta (io ho lasciato la macchina 3-400 metri prima). Il bivio è all'incirca a queste coordinate 42.121436, 12.841282
Traccia GPS:


Descrizione

Giornata sulla carta non delle migliori (qualche goccia me la son presa) ma estremamente gradevole nel complesso.
IMG_20160529_081118.jpg

Ho iniziato l'escursione anticipato da un piccolo gruppo di cavalli con puledri al seguito, fuggivano da me rimanendo sul sentiero quindi è andata avanti per un po'...

IMG_20160529_082734.jpg

Fino a che non mi hanno costretto ad allontanarmi dal sentiero perché iniziavano ad infastidirsi.


IMG_20160529_092307.jpg
IMG_20160529_093000.jpg
Altri cavallini

IMG_20160529_092933.jpg

Bacarozzi metallizzati

IMG_20160529_093230.jpg IMG_20160529_093457.jpg IMG_20160529_094125.jpg IMG_20160529_094144.jpg IMG_20160529_094241.jpg IMG_20160529_094755.jpg IMG_20160529_094824.jpg IMG_20160529_095117.jpg

Un pirla

IMG_20160529_100910.jpg
IMG_20160529_104558.jpg IMG_20160529_105600.jpg IMG_20160529_111739.jpg IMG_20160529_121920.jpg IMG_20160529_122655.jpg IMG_20160529_123800.jpg IMG_20160529_123816.jpg


Passeggiata veramente molto piacevole, ho sudato un po' all'andata prima di arrivare sulla vetta del Monte Pellecchia, ma sono io ad esser estremamente caloroso. Come detto nella scheda ho avuto qualche incertezza nel trovare la strada scendendo dal Pizzo, ma nulla di veramente problematico. Sono stato costretto ad allontanarmi dal sentiero per evitare 3 o 4 branchi di cavalli, avevano tutti puledri al seguito e non mi andava di sfidare troppo la sorte.
Ci sono poche foto della salita nel bosco perché scendeva qualche goccia d'acqua e mi scuso per la qualità ma anche questa volta le ho fatte con il telefono avendo lasciato la reflex a casa.
In principio avevo pensato di fare un doppio anello, ma il tempo incerto mi ha spinto a tornare prima.
Alla prossima!
 
Ultima modifica:
@Gollnir .Piccolo consiglio per la prossima volta che scenderai dal Pizzo: poco dopo sotto la croce inizia una recinzione di filo spinato,tienila alla tua destra e scendi tranquillo fino a dove c'è il cancello che a destra immette sul sentiero che torna alla grande sterrata.Comunque contatta l'Ente Parco che gentilissimi ti forniranno la carta dei sentieri dei Lucretili,volendo te la spediscono a casa assieme ad altro materiale molto interessante.Ciao e grazie della condivisione.
 
Data: 29-05-16
Regione e provincia: Lazio/Roma
Località di partenza e arrivo: Monteflavio
Tempo di percorrenza: poco meno di 5 ore con pause e molta calma
Chilometri: 14
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: scendendo dal Pizzo Pellecchia ho lisciato l'inizio del sentiero ed ho fatto un giro a vuoto sul limitare del bosco (poco male)
Periodo consigliato:
Segnaletica: (312, 312b, 312a) segnata bianco-rossa, sulla via del ritorno ho incontrato dei signori che la stavano rimarcando, quindi sarà ottima
Dislivello in salita: 663
Dislivello in discesa: 650
Quota massima: 1369
Accesso stradale: Dal paese di Monteflavio si imbocca Via della Pineta fino ad un bivio, tenendo la destra si arriva ad un'area attrezzata nella pineta (io ho lasciato la macchina 3-400 metri prima). Il bivio è all'incirca a queste coordinate 42.121436, 12.841282
Traccia GPS:


Descrizione

Giornata sulla carta non delle migliori (qualche goccia me la son presa) ma estremamente gradevole nel complesso.
Vedi l'allegato 91012

Ho iniziato l'escursione anticipato da un piccolo gruppo di cavalli con puledri al seguito, fuggivano da me rimanendo sul sentiero quindi è andata avanti per un po'...

Vedi l'allegato 91013

Fino a che non mi hanno costretto ad allontanarmi dal sentiero perché iniziavano ad infastidirsi.


Vedi l'allegato 91014
Vedi l'allegato 91016
Altri cavallini

Vedi l'allegato 91015

Bacarozzi metallizzati

Vedi l'allegato 91017 Vedi l'allegato 91018 Vedi l'allegato 91019 Vedi l'allegato 91021 Vedi l'allegato 91022 Vedi l'allegato 91039 Vedi l'allegato 91023 Vedi l'allegato 91024

Un pirla

Vedi l'allegato 91025
Vedi l'allegato 91028 Vedi l'allegato 91029 Vedi l'allegato 91031 Vedi l'allegato 91032 Vedi l'allegato 91033 Vedi l'allegato 91035 Vedi l'allegato 91037


Passeggiata veramente molto piacevole, ho sudato un po' all'andata prima di arrivare sulla vetta del Monte Pellecchia, ma sono io ad esser estremamente caloroso. Come detto nella scheda ho avuto qualche incertezza nel trovare la strada scendendo dal Pizzo, ma nulla di veramente problematico. Sono stato costretto ad allontanarmi dal sentiero per evitare 3 o 4 branchi di cavalli, avevano tutti puledri al seguito e non mi andava di sfidare troppo la sorte.
Ci sono poche foto della salita nel bosco perché scendeva qualche goccia d'acqua e mi scuso per la qualità ma anche questa volta le ho fatte con il telefono avendo lasciato la reflex a casa.
In principio avevo pensato di fare un doppio anello, ma il tempo incerto mi ha spinto a tornare prima.
Alla prossima!
Ma quale pirla!!
 
@Gollnir .Comunque se una volta vuoi fare il giro a rovescio cioè Pizzo e poi Monte Pellecchia puoi partire da Via di Monte Pellecchia.Quando arrivi a Monte flavio hai di fronte il bar,lo lasci alla tua sinistra prendi la discesa,poi alla fine delle case risali a sinistra e subito a destra trovi Via di Monte Pellecchia.La percorri fino ad uno sbancamento sulla sinistra dove lasci l'auto.Potresti anche proseguire in auto ma la strada è troppo sassosa e non vale la pena di sbatacchiare la macchina.Dopo circa un chilometro in salita trovi a sinistra delle rovine e poco dopo un sentierino che sale a sinistra e ti riporta sulla grande sterrata. Qui a destra dopo un discesa lunga arrivi all'inizio del sentiero per il pizzo.Questo giro e forse un pò più corto di quello che hai fatto ed è molto meno panoramico ma è adatto ai giorni più caldi.Ci sarebbe pure un altra variante ma ti lascio il piacere della scoperta.Ri ciao!
 
Ultima modifica:
D

Derrick

Guest
La "Capanna del Pastore" ha dei comodi tavoli sotto una tettoia. Anche quando il rifugio è chiuso, i tavoli sono sempre accessibili e la tettoia ripara sempre dalla pioggia.
Quindi suggerisco di tenerla presente per la "pausa pranzo", per mangiare più comodamente, e anche per il caso di pioggia: se uno vede che sta arrivando l'acquazzone e sta al bivio di Valle del Prete, anziché andare verso il Pizzo Pellecchia può andare verso la Capanna del Pastore e, dopo la sgrullata, fare il giro a questo punto nell'altro senso (passando prima dalla cima del Pellecchia e poi da Pizzo Pellecchia).
I più mattinieri invece faranno il giro passando da Pizzo Pellecchia e magari potranno pianificare il pranzo alla Capanna del Pastore durante la discesa.

La Capanna del Pastore ha due camerate da 6 letti ciascuna e 2 bagni, oltre a cucina attrezzata e soggiorno con camino. (Anche "Casa del Pastore").

http://www.comune.monteflavio.rm.it/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idservizio/20054/idtesto/55
 
@Gollnir .Piccolo consiglio per la prossima volta che scenderai dal Pizzo: poco dopo sotto la croce inizia una recinzione di filo spinato,tienila alla tua destra e scendi tranquillo fino a dove c'è il cancello che a destra immette sul sentiero che torna alla grande sterrata.Comunque contatta l'Ente Parco che gentilissimi ti forniranno la carta dei sentieri dei Lucretili,volendo te la spediscono a casa assieme ad altro materiale molto interessante.Ciao e grazie della condivisione.
Infatti dopo aver ritrovato il sentiero son sceso con il filo spinato sulla destra, d'altra parte sbagliando si impara!

Grazie a tutti per i consigli :)
 
Mi hai convinto a metterla in agenda...Mo faccio il rompi...Mi dici gentilmente come si arriva al paese? Lo so c'è tuttocittà ecc...ma se ti va mi farebbe piacere magari mi dai una dritta che il pc calcolatore non può darmi.
 
@Montelupone Ho paura che dovrai affidarti a google maps perché venendo da Segni la strada migliore non passa da Roma (nemmeno dal raccordo) ma dalla bretella San Cesareo - -> Fiano da cui dovresti uscire subito DOPO l'incrocio con la A24 e proseguire per strade provinciali ed è già abbastanza complicata da fare figuriamoci a raccontarla.

Venendo da Roma (cioè dal raccordo anulare) invece si esce a Fiano, si fa il raccordo autostradale per Passo Corese, si prosegue per via Salaria fino a bivio per Nerola / Montorio Romano / Monteflavio.
 
@Montelupone Ho paura che dovrai affidarti a google maps perché venendo da Segni la strada migliore non passa da Roma (nemmeno dal raccordo) ma dalla bretella San Cesareo - -> Fiano da cui dovresti uscire subito DOPO l'incrocio con la A24 e proseguire per strade provinciali ed è già abbastanza complicata da fare figuriamoci a raccontarla.

Venendo da Roma (cioè dal raccordo anulare) invece si esce a Fiano, si fa il raccordo autostradale per Passo Corese, si prosegue per via Salaria fino a bivio per Nerola / Montorio Romano / Monteflavio.
Ho capito più o meno comunque seguo il tuo consiglio...Grazie!
 
Mi hai convinto a metterla in agenda...Mo faccio il rompi...Mi dici gentilmente come si arriva al paese? Lo so c'è tuttocittà ecc...ma se ti va mi farebbe piacere magari mi dai una dritta che il pc calcolatore non può darmi.
Nessun rompi,anzi sempre lieto di essere utile! Giusto il consiglio di @appenninocentrale .Solo ti vorrei ricordare che il tratto Montorio bivio per Monteflavio,nei mesi invernali fino ad Aprile inoltrato comporta l'obbligo di catene a bordo.Altrimenti bisogna passare da Moricone sempre dalla Salaria,è più lunga e curvilinea ma niente di che.
 
Nessun rompi,anzi sempre lieto di essere utile! Giusto il consiglio di @appenninocentrale .Solo ti vorrei ricordare che il tratto Montorio bivio per Monteflavio,nei mesi invernali fino ad Aprile inoltrato comporta l'obbligo di catene a bordo.Altrimenti bisogna passare da Moricone sempre dalla Salaria,è più lunga e curvilinea ma niente di che.
Dallu scorso anno, anche nella fascia pedemontana (Moricone -Stazzano-Palombara) c'è l'obbligo di catene a bordo dal 15/11 al15/04.
Stefano
 

Discussioni simili



Alto Basso