Trekking Anello per Rifugio Vaccarone e Bivacco Blais

Dati

Data: 19 e 20 agosto 2020
Regione e provincia: Piemonte TO
Località di partenza: Salbertrand col treno, Grange della Valle con l'auto
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 2 giorni
Chilometri: 14 da Grange della Valle, saranno circa 30 da Salbertrand
Grado di difficoltà: EE/F
Descrizione delle difficoltà: sfasciumi, esposizione, roccia bagnata e scivolosa, neve/ghiaccio
Periodo consigliato: a inizio luglio la maggior quantità di neve evita un po' di sfasciumi
Segnaletica: i bolli gialli (vernice stradale) sono quelli storici, ci sono anche tacche rosso/bianche messe dal rifugio, ometti e bastoni, frecce... la zona è spesso in nebbia percui c'è molta segnaletica
Dislivello in salita:
  • giorno 1: la salita al Rifugio Vaccarone (quota 2743m slm) è 900m da Grange della Valle, 1740m da Salbertrand
  • giorno 2: volendo si sale anche il Niblè (quota 3365m slm), nel caso sarebbero 620m in salita, si arriva comunque al ghiacciaio Ferrand quota 3150
Dislivello in discesa:
  • giorno 1: si scende poco e si sale tanto
  • giorno 2: dai 3300 o 3100 si deve scendere a Grange della Valle o Salbertrand

Questi i dislivelli senza contare gran parte dei sali-scendi.

Quota massima: Niblè (quota 3365m slm) o ghiacciaio Ferrand (quota 3150m slm)
Accesso stradale: parcheggi a Grange della Valle, strada asfaltata ma ci passa una sola auto



Descrizione

Ho visto una finestra meteo di un paio di giorni di bel tempo e volevo ancora fare questo giro prima che mi finissero le ferie estive :ka:

Ero già stato al Bivacco Blais, ma ero salito e disceso in giornata e volevo andare a vedere l'altra parte del massicco d'Ambin. Sapevo che il sentiero per il Bivacco era pessimo, ma mi pare peggiorato :-?

Arrivo ieri mattina col treno a Salbertrand verso le 8:30, c'è il sentiero (pessimo perchè invaso da ragnatele e rovi e fa un caldo cane da sto versante) segnato per Eclause che ti evita un po' di statale, qualche pezzo asfaltato comunque rimane da fare.

211688


Dopo Eclause fortunatamente due gentili donzelle mi danno un passaggio su un piccolo fuoristrada malandato, fino a Grange della Valle.
Avrò risparmiato un'ora di sofferenze. Grazie.

211689


Per salire al Rifugio si passa per il Passo Clopaca, presto i boschi lasciano spazio ai prati e al terreno brullo dell'alta quota.

211690


211691


211692


211693


Fino al Passo è una bella salitona, poi si fanno un po' di su e giù fino al Rifugio che è alla stessa quota.

211695


é una zona con un micro-clima particolare, più fredda, umida e nebbiosa di gran parte del Piemonte, qui molti nevai si mantengono fino a tarda estate ed è possibile usarli per l'acqua

211696


211697


Ecco il bivacco vicino al Rifugio. Al Rifugio c'è una comitiva di ben 22 persone, di tutte le età, percui hanno riempito Rifugio, Bivacco e una tenda Bertoni da 3.
Fortuna che sono tenda-munito.
211698


al rifugio prendo una birra (purtroppo hanno solo una Moretti in lattina) e mi riposo, faccio un po' di foto e poi preparo il campo per la notte

dal rifugio si vede benissimo il Rocciamelone che spunta dalle nuvole
211699


tentativo di zoom con lo smartphone :rofl:
211701


e il massiccio dell'Ambin, che salendo al rifugio rimane sulla sinistra
211700


giovane femmina curiosa, pascola spesso da ste parti
211702

211703


paparazzi e star, cerco di non dar fastidio da lontano
211704


cala la sera...
211705

211706


preparo cena

211707


mare di nubi
211708


ormai si sta col piumino, non c'è vento ma appena scompare il sole cala la temperatura
211709


stellata ovviamente micidiale (con lo smartphone però ci faccio poco), così come il casino che hanno fatto in serata i giovani della comitiva, ma poi alle 23 tutti a nanna...

fino all'alba

211710


211711


211712


211713


211714


comincio a fare su il campo, mentre aspetto la colazione del rifugio (5 euro straguadagnati, sono molto gentili e simpatici)... 7:30 colazione, tra una cosa e l'altra mi sa che parto alle 8:30

salgo a vedere il Lago dell'Agnello, in realtà resterà in vista per un pezzo di salita... a saperlo mi risparmiavo magari un po' di fatica
211715

211716


ora bisogna salire fino al Colle superiore dell'Agnello e al ghiacciaio Ferrand
211718


I nevai anche all'ombra sono così così, in realtà non ha rigelato molto bene e infatti non ha fatto freddo come il meteo aveva predetto neanche al rifugio...
211719


211720


si sale... oh sì che si sale... seguo degli ometti sperando non vogliano ammazzarmi o_O

211721


e finalmente si vede che c'è dall'altra parte o_O

211722


ciao ciao lago, sei sempre più piccolo e lontano...
211734


mo si raggiunge il ghiacciaio bello invitante, non vedo l'ora di mettermi i ramponi e ne ho a sufficienza di sfasciumi

211725


211726


211727


ah che goduria

211728


un lungo traverso sul glacio-nevaio
211729


già si intuiscono le nuvole che dovrò passare scendendo al Blais
211730


scendo al Lago d'Ambin, sono quasi al Blais (e quello nella foto non sono io :p )
211731


sotto al Blais è tutto in nuvola, fin quasi a Grande della Valle... e il sentiero è veramente pessimo, ci hanno aggiunto un po' di corde per tenersi... ma farlo con un temporale sarebbe un incubo
211732


211733


fortunatamente poco dopo Grange della Valle trovo un passaggio per la stazione del treno, sono un po' cotto :p

ecco tutte le foto a dimensioni originali

photos.app.goo.gl/uhn6V88XCeZ2qYpN9
 
Ultima modifica:
Bellissimo giro e spettacolare il paesaggio serale dal rifugio....
Non c'è modo di evitare il ghiacciaio nella traversata? mi sembra che nelle relazioni non fosse menzionata la necessità dei ramponi, ma magari sbaglio....


E no :ka:, così non vale, questo è barare...
voglio vedere se lo avresti rifiutato dopo essere partito dal fondovalle con la tenda :biggrin:
 
Non c'è modo di evitare il ghiacciaio nella traversata? mi sembra che nelle relazioni non fosse menzionata la necessità dei ramponi, ma magari sbaglio....
Evitare del tutto il glacio-nevaio non penso, comunque ho visto diversa gente farlo senza ramponi... ovvio che se lo trovi duro/ghiacciato è difficile passarlo... alle 12 di un giorno di metà agosto però di solito si passa senza problemi anche senza ramponi, per quanto non sia il massimo della sicurezza.
--- Aggiornamento ---

Grazie per aver condiviso.
Spettacolo! Bravo paiola
eh grazie :biggrin:
--- Aggiornamento ---

E no :ka:, così non vale, questo è barare...
andare sull'asfalto con gli scarponi da alpinismo e 20° anche no :puah:
 
Ultima modifica:
Sommeiller?

«In val di Susa si conoscono tre Rognose, questa tra Sauze de Cesanne e Pragelas, sullo spartiacque Dora Riparia-Chisone; la Rognosa di Galambra che fa da nodo tra i valloni di Rochemolles, Galambra (Dora Riparia) e d'Ambin (Arc) cui, per chiarezza, cangiai nome nel 1871, battezzandola Punta Sommeiller (metri 3,334). Infine la Rognosa di Etiâche, tra i valloni di Rochemolles (Dora Riparia), d'Ambin e d'Etiâche (Arc) ...»
(Bollettino del Club Alpino Italiano, 1875, vol. 9 pag. 358)

:biggrin:

Comunque anche al rifugio hanno una bella stazione meteo.
 


Alto Basso