Escursione Anello Pregasina (P) - Cima Nodice - Cima Nara - P. Rocchetta - P

Dati

Data: 28/01/2024
Regione e provincia: Trentino - Alto Adige, Trento
Località di partenza: Pregasina
Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 minuti circa (escluse le pause)
Chilometri: 12 circa
Segnaletica: ottima
Dislivello in salita: 1000 m circa
Quota massima: 1376 m

Descrizione
anello1.jpg


Premetto che non è possibile raggiungere il paese Pregasina se non dal 1 ottobre al 31 marzo e solo nei giorni feriali (ZTL), perciò essendo domenica sono partito da una piazzola di sosta che ho trovato lungo la strada facendo tra andata e ritorno ulteriori 40 minuti di camminata con ulteriori 100 m di dislivello che non ho considerato nei dati tecnici.
Partendo dal parcheggio della chiesa del paese
IMG20240128095535.jpg


prendo il sentiero 422 che inizialmente presenta una inclinazione notevole per poi attenuarsi avvistando in un secondo momento la Cima Nodice
IMG20240128102221.jpg


con alla mia destra la costa settentrionale del L. di Garda con le cime retrostanti del M. Stivo innevato e M. Biaena
IMG20240128102226.jpg


tra fioriture di elleboro.
IMG20240128102808.jpg


Uno scatto nella salita verso il M. Nodice tra le pareti della montagna.
IMG20240128103308.jpg


Raggiungo un bivio dove è possibile arrivare alla Bocca di Lè direttamente o deviando per la Cima Nodice. Io decido di deviare vedendo il tratto dell'intero anello maggiormentente caratterizzato da testimonianze storiche della Grande Guerra tra cu ruderi, scale scavate nella roccia e tunnel.
IMG20240128103811.jpg


IMG20240128104002.jpg


IMG20240128104554.jpg


sempre con la vista accompagnata dalla costa settentrionale del L. di Garda in cui ora riconosco il M. Brione e all'estrema sinistra le Dolomiti del Brenta.
IMG20240128104828.jpg


Mi dirigo verso la Bocca di Lè e mi incammino lungo il sentiero 430 salendo di quota lasciando di spalle Cima Nodice
IMG20240128111511.jpg


per cominciare un tratto ripido in cui bisogna utilizzare più volte le mani
IMG20240128113839.jpg


fino a raggiungere la cresta.
IMG20240128122915.jpg


Lungo la cresta raggiungo Cima Strussia
IMG20240128123009.jpg


e poco dopo Cima al Bal in cui è presente una piccola croce di vetta ma il contenitore a lato risulta essere sprovvisto del libro di vetta.
IMG20240128123507.jpg


Faccio il classico giro di foto panoramiche a partire da nord ovest verso il L. di Ledro con le cime innevate facenti parte del parco regionale dell'Adamello tra cui il M. Bruffione,
IMG20240128123511.jpg


credo M. Carone e un innevato M. Tremalzo,
IMG20240128123514.jpg


la cresta,
IMG20240128123521.jpg


M. Baldo,
IMG20240128123524.jpg


M. Altissimo di Nago
IMG20240128123527.jpg


oltre alla costa settentrionale del L. di Garda. Proseguo tra sali e scendi lungo la cresta raggiungendo successivamente Cima Nara che è il punto più alto dell'interno anello. Questa cima non presenta nessuna croce di vetta.
IMG20240128133321.jpg


La maggior altezza di questa cima mi permette di riconoscere (non se la foto rende) un lontano L. di Cavedine
IMG20240128133557.jpg


sebbene il lago di Ledro non sia più visibile, d'altra parte riconosco la forma piramidale del Carè Alto
IMG20240128133543.jpg


e di come il bacino lacustre del L. di Garda si allarghi verso S.
IMG20240128140043.jpg


Il sentiero con ulteriori sali e scendi mi permette di raggiungere un'ulteriore cima: il M. Guil che non viene minimamente indicato, in questo tratto scatto di tanto in tanto ulteriori foto panoramiche verso il M. Baldo
IMG20240128133518.jpg


e verso il M. Carone
IMG20240128143658.jpg


avvicinandomi sempre più a quest'ultimo in corrispondenza dei Prati di Guil.
IMG20240128144748.jpg


Dai Prati prendo il sentiero 422 con vista costante verso il M. Altissimo di Nago.
IMG20240128150013.jpg


Raggiungo Bocca Rocchetta dove è presente una struttura
IMG20240128151230.jpg


ed è possibile ritornare al punto di partenza con diverse opzioni. Io ho preferito proseguire di camminare ancora per un po' lungo la cresta a strapiombo sul lago cogliendo altri piacevole scorci
IMG20240128143648.jpg


fino a raggiungere Bocca Larici
IMG20240128155004.jpg


e ritornare a Pregasina tramite la strada forestale.
 
Ultima modifica:
Come è piccolo il mondo
Sì, infatti.
Domenica c'era in giro poca gente ed era una bellissima giornata. In 27 km ho incontrato appena nove persone... Salire dalla parte che avete fatto voi spacca le gambe. Io la faccio sempre al contrario ed arrivo a Biacesa (c'è il bivio a bocca di Lè) invece che a Pregasina.
 
Alto Basso