Escursione Anello Roccantica - Via degli Eremi- Monte Pizzuto

Dati
Regione: Lazio
Provincia: Rieti
Luogo di partenza e arrivo: Roccantica
Km: 20
Ascesa/discesa: 1422mt
Durata: 8h
Traccia GPX: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8519

Seguendo il suggerimento di @mezcal , decido di tornare sui Monti Sabini e in particolare a Roccantica per un percorso diverso dall'altra volta: un “triangolo” che fa in base la Via degli Eremi, poi sale verso nord ovest a Monte Menicocco e Monte Pizzuto, per poi chiudere il triangolo ridiscendendo a sud est verso Roccantica.

La mattinata è ottima, arrivo a Roccantica alle 8:30.
1637582001313.jpeg


Parto subito per vedere la Dolina del Revotano: la strada non è sempre ben segnata, con diversi sentieri ufficiosi che si dipartono a diverse svolte, portandomi fuori pista un paio di volte. Trovata la strada giusta finalmente arrivo al punto panoramico da cui si può vedere l'insieme.... ed è davvero impressionante! Dovrò tornarci per scendervi dentro: ho visto delle foto entusiasmanti...ma credo sia saggio andarci almeno in due.
1637582336744.jpeg


Riprendo quindi la strada che, attraversando il bosco in una sorta di piccolo anello, mi porta nell'ordine al Mulino ad Acqua medievale nascosto in fondo ad un fosso e quindi all'Eremo di San Leonardo, una grotta in pietra con dentro un altare e un affresco, accessibile dall'esterno e molto suggestivo.
1637586172509.jpeg


1637586199861.jpeg


1637586218829.jpeg


1637586235591.jpeg


DI qui riprendo la Via degli Eremi, una strada lunga e molto semplice sostanzialmente sempre diretta verso est ma che concede alcuni scorci piacevoli.
1637586357442.jpeg


1637586412499.jpeg


Quasi alla fine della strada arrivo all'Eremo di san Michele Arcangelo, anch'esso scavato nella pietra ma posto sul fianco di una splendida falesia usata per l'arrampicata.
1637586470909.jpeg



Concludo quindi la Via degli Eremi visitando le Pozze del Diavolo, una piccola cascata nascosta in un boschetto che, come aveva suggerito @mezcal , è ormai gonfia di acqua.
1637586618330.jpeg

1637586642611.jpeg


Giunto a questo punto, valutando lo stato della mia ormai nota bendelletta, decido di non tornare per la strada dell'andata, bensì di chiudere l'anello salendo al Monte Pizzuto da Sud per poi ridiscendere in diagonale verso Roccantica: sono alcuni km in più di strada, ma soprattutto un'ascesa e successiva discesa di ulteriori 700 mt, che potrebbero essere un po' faticosi nelle condizioni attuali. Decido e mi avvio per la salita, che inizialmente risulta poco segnata e poco battuta assomigliando in molti tratti ad una boscaglia fitta.
1637586743723.jpeg


La salita è piuttosto ripida, sono 700 mt dritto per dritto in meno di 2,5 km e personalmente l'accuso un po'. Arrivati sul crinale di cima vedo dei cavalli al pascolo, godo la vista da un lato del Tancia e dell'altra del Soratte, quindi passo il Monte Menicocco, Punta Ferretti fino ad arrivare al Monte Pizzuto, dove mi fermo per mangiare.
1637586923357.jpeg


1637586944270.jpeg


1637586962545.jpeg


1637586980328.jpeg


A questo punto non c'è più modo di contemplare il panorama perchè, come da previsioni meteo, in pochi minuti un vento gelido porta una coltre di nebbia che avvolge tutto. Per cui mi deciso a consumare in fretta il mio pasto e riavviarmi, anche perchè sono ormai le 15.00, ci sono ancora 3 ore di cammino e il buio ormai cala presto.
La discesa è piuttosto sconnessa e ripida, ma piacevolmente boscosa. Sul tratto finale mi si apre una piacevole visione con tramonto del Soratte, che mi stupisce sempre per quanto possa apparire alto nonostante sia a tutti gli effetti una collina (meno di 700 mt).
1637587164113.jpeg


Finito il giro, mi accorgo di essere abbastanza stanco e quindi mi concedo al fianco della solita birretta un bel tagliere di formaggi e salumi, che rinfrancano lo spirito.
Una buona giornata!
1637587299775.jpeg
 
Ultima modifica:
Bellissimo giro! Ci sono posti a pochi km da Roma, che meriterebbero un soggiorno di svariati giorni. Detto questo m i pare che nemmeno tu nell inserire l'itinerario non hai trovato la scheda dei dati.
--- Aggiornamento ---

@C2C7 A proposito di doline: mi pare che dalle tue parti ci dovrebbe essere il Pozzo di Merro e il Pozzo Sventatore. Ne ho sentito parlare ma non li ho mai visti.Tu li conosci dovrebbero essere molto interessanti.
 
Ultima modifica:
Detto questo m i pare che nemmeno tu nell inserire l'itinerario non hai trovato la scheda dei dati.
--- Aggiornamento ---
confermo: neanche io ho trovato la scheda dati e l'ho riassunta "ammanella".
--- Aggiornamento ---

Bellissimo giro! Ci sono posti a pochi km da Roma, che meriterebbero un soggiorno di svariati giorni. Detto questo m i pare che nemmeno tu nell inserire l'itinerario non hai trovato la scheda dei dati.
--- Aggiornamento ---

@C2C7 A proposito di doline: mi pare che dalle tue parti ci dovrebbe essere il Pozzo di Merro e il Pozzo Sventatore. Ne ho sentito parlare ma non li ho mai visti.Tu li conosci dovrebbero essere molto interessanti.
Confermo anche per il Pozzo del Merro: si trova nell'estremità sud del bosco della Macchia di Gattaceca. Rispetto al Revotano, che è una grande depressione aperta, il Merro è un pozzo stretto quasi verticale che scende per una notevole profondità. Fino a poco tempo fa era considerata la più profonda sulla terra "misurata", poi ne hanno trovato di più profonde, La realtà è che nessuno l'ha mai misurato fino in fondo perchè è molto complesso e nessuno ha interesse, quindi potrebbe essere molto di più. Il problema è che risiede su una proprietà privata (almeno cos dice il presunto proprietario) e da qualche anno è stata recintata e non è più accessibile.

invece non ho mai sentito parlare dello Sventatore: mi devo informare. Tu ne sai qualcosa?
 
Complimenti!
Penso che hai fatto l'anello più completo ed interessante dei monti Sabini, sotto diversi aspetti: ci hai messo tutto, anche il Revotano che a me manca.
Peccato per la nebbia quando sei arrivato in quota, è molto piacevole camminare su quei pendii erbosi e la vista a 360 gradi.
La 'solita birretta concessa' presa nel solito unico bar di Roccantica?
 
Complimenti!
Penso che hai fatto l'anello più completo ed interessante dei monti Sabini, sotto diversi aspetti: ci hai messo tutto, anche il Revotano che a me manca.
Peccato per la nebbia quando sei arrivato in quota, è molto piacevole camminare su quei pendii erbosi e la vista a 360 gradi.
La 'solita birretta concessa' presa nel solito unico bar di Roccantica?
Grazie @mezcal
Beh , il baretto è ok e poi non ha alternative !;)
Quanto al Revotano, come detto lo trovo molto suggestivo e so che è possibile scendere per perlustrare il fondo, di cui ho visto foto entusiasmanti...ma credo che sia assolutamente necessario andare in più persone per motivi di sicurezza. Se fossi interessato, parliamone ...
--- Aggiornamento ---

Un altro giro interessante potrebbe essere la traversata dei Sabini, partendo da Greccio, passando per i Poani di Ruschio e Cottanello, quindi arrivare al Pizzuto e quindi fare in senso contrario la via degli eremi fino a Roccantica: 2 o 3 giorni a seconda del passo con pernotto fuori...io ho già fatto i singoli pezzi, ma farlo intero credo abbia una sua suggestione
 
Ero anche io li sullo stesso percorso (Revotano escluso) il giorno prima. Avevo visto la tua proposta, ma fino a poche ore prima avevo come destinazione la Duchessa. Anello vario e interessante per temi storici e ambientali: grazie a @mezcal per l'ottimo spunto cui altrimenti non sarei mai arrivato. Per la birra, vista la splendida giornata, abbiamo preferito gustarela nel panoramico parco giochi.
 
Ero anche io li sullo stesso percorso (Revotano escluso) il giorno prima. Avevo visto la tua proposta, ma fino a poche ore prima avevo come destinazione la Duchessa. Anello vario e interessante per temi storici e ambientali: grazie a @mezcal per l'ottimo spunto cui altrimenti non sarei mai arrivato. Per la birra, vista la splendida giornata, abbiamo preferito gustarela nel panoramico parco giochi.
...mannaggia! Sarà per la prossima! Comunque il giorno prima hai certamente trovato tempo bello tutto il giorno
 
Buono a sapersi. In ogni caso, non essendo io speleologo come te, penso sia più opportuno andare in due in un buco dove nessuno passa e dove non c’è campo, banalmente nel caso scivolando ti facessi male. Mio scrupolo !
 

Allegati

  • 044 Punta Ferretti.jpg
    044 Punta Ferretti.jpg
    206,4 KB · Visite: 10
Ultima modifica:
@Montinvisibili Vabbé le doline sono più che altro una curiosità geologica, il semplice turista si ferma sul bordo per provare il brivido di trovarsi alle porte degli Inferi; avventurarsi verso il basso credo che richieda più la sensibilità (intesa come capacità di provare piacere o soddisfazione da queste esperienze) di uno speleologo che non quella di chi è abituato ad elevarsi verso il cielo.
 
@Montinvisibili Vabbé le doline sono più che altro una curiosità geologica, il semplice turista si ferma sul bordo per provare il brivido di trovarsi alle porte degli Inferi; avventurarsi verso il basso credo che richieda più la sensibilità (intesa come capacità di provare piacere o soddisfazione da queste esperienze) di uno speleologo che non quella di chi è abituato ad elevarsi verso il cielo.
Si devo dire che prima di andarci, avevo grandi aspettative e mi aspettavo una discesa molto piu corposa. Invece poi la discesa è tranquilla, solo molto ripida ma si fa senza attrezzatura, reggendosi appunto alle corde che già ci stanno. Il fondo della dolina (anche chiamato "abisso") si raggiunge veramente in 5-10 minuti, ma è uno spettacolo, un'atmosfera molto particolare. Non metto foto per non guastare l'effetto. Per quanto riguarda la sensibilità speleologica, non ha nulla che la riguardi se non il nome, essendo una depressione completamente scoperta (quindi a cielo aperto).
 
Io non ci sono ancora stato ma mi attira molto. Forse perché amo l’atmosfera di “culla ancestrale” dei boschi e mi aspetto qualcosa di simile in un luogo più chiuso, segreto, misterioso ...c’è anche un po’ il “gioco” con le proprie paure...
 
Io non ci sono ancora stato ma mi attira molto. Forse perché amo l’atmosfera di “culla ancestrale” dei boschi e mi aspetto qualcosa di simile in un luogo più chiuso, segreto, misterioso ...c’è anche un po’ il “gioco” con le proprie paure...
Io ci torno volentieri, se vuoi ci organizziamo anche se ancora non so quando...ho poche opzioni.
 
Come il Pozzo d'Antullo.Spaventevole. sembre i cenote dello Yucatan.
Non ci sono mai stato, comunque credo che li ci scendi solo con la corda e relativa attrezzatura.
--- Aggiornamento ---

Con grande piacere! Fammi sapere tu quando: prima di Natale io ho solo il we del 4/5 dicembre (ma bisogna vedere il meteo) se no se ne parla ad anno nuovo. Scrivimi pure in privato. :si:
Allora se ne riparla nel 2022, il 4-5 dicembre non posso :)
 
Alto Basso