Escursione Anello Terra Nera [3.100 m]

Dati

Data: 30/06/2019
Regione e provincia: Piemonte - TO
Località di partenza: Ruhilles
Località di arrivo: Ruhilles
Tempo di percorrenza: tante ore :biggrin:
Chilometri: 20 km
Grado di difficoltà: EE (F la parte franata)
Descrizione delle difficoltà: sfasciumi semplici passi di arrampicata, esposizione
Periodo consigliato: Estate Autunno
Segnaletica: tacche bianco rosse
Dislivello in salita: 1.600
Dislivello in discesa: 1.600
Quota massima: 3.100
Accesso stradale: Da Bousson proseguire per Thures e poi su sterrata per Ruhilles



Descrizione

Scorpacciata di cime come non facevo da tanto tempo, il caldo era soffocante, in solitaria.
Si parte da Ruhilles si segue la strada sterrata che va in direzione del Colle Chabaud
20190630_091054.jpg

La strada è comoda in mezzo ai boschi.
Si sale per un bel tratto poi si prende la deviazione verso sinistra direzione Giassiez, il sentiero è ancora ampio, c'è parecchia acqua che lavora le pareti della montagna.
20190630_100617.jpg

Si continua a salire nel bosco e poi si sbuca fuori, il panorama cambia prati e radi alberi.
20190630_101927.jpg

Salendo iniziano le pietraie, c'è ancora qualche nevaio.
20190630_103542.jpg

Il sentiero è ancora comodo e rapidamente arrivo nei pressi della vetta.
20190630_105350.jpg

Il Giassiez per 2588 metri, prima cima di giornata.
Guardo la dorsale che mi aspetta verso le altre cime.
20190630_105456.jpg

Perdo un po' di quota e poi riprendo a salire su comoda dorsale in direzione Dorlier, arrivato nei pressi della cima il sentiero sta a destra della cresta.
Siamo in pieno sfasciume.
20190630_111931.jpg

Il sentiero è chiaro, ma è franato in varie parti, si scivola parecchio, bisogna avere piede fermo.
C'è un ampio settore franato non si vede più il sentiero.
20190630_112036.jpg

Lo attraverso facendo attenzione mantenendo la stessa quota, arrivato dall'altra parte mi accorgo che il sentiero è una decina di metri sopra di me.
20190630_113357.jpg

Poco male salgo dritto per dritto, qualche passo di I, e riprendo il sentiero, comunque più sottile di una volta.
20190630_113831.jpg

Uscito fuori da questo lungo traverso, la cima è dietro di me, facile facile.
20190630_114050.jpg

Salgo l'ultimo tratto e raggiungo la seconda vetta di giornata: Cima Dorlier 2758 metri.
20190630_114442.jpg

Guardo avanti c'è ancora molta strada da fare.
20190630_115945.jpg

Dopo un breve tratto su erba si riprende a salire tra sfasciumi e nevai.
20190630_122649.jpg

La salita è faticosa, ci sono un paio di anticime che ingannano, ma alla fine spunta una nuova cima.
20190630_124026.jpg

E siamo a tre, Dormillouse 2.908 metri.
Faccio una piccola pausa, mi aspetta ancora tanta strada.
20190630_124223.jpg

Proseguo su dorsale c'è qualche punta innominata.
20190630_132408.jpg

La stanchezza e il caldo si fanno sentire sono un po' in riserva, ma proseguo imperterrito.
In lontananza compare la croce della cima più alta di giornata.
20190630_133510.jpg

Finalmente la raggiungo.
Terra Nera 3.100 metri quarta cima.
20190630_140129.jpg

Mi godo il panorama.
20190630_140154.jpg


20190630_140155.jpg


20190630_140157.jpg


20190630_140200.jpg


20190630_140202.jpg


20190630_140203.jpg


20190630_140205.jpg


20190630_140206.jpg

Inizia la lunga discesa, non passo per la via di salita faccio un anello.
Durante la discesa mi capitano sotto tiro un altro paio di cime, che faccio? lascio?
Ovviamente no.:dent4:
Intasco anche la Gran Barà 2.728 e siamo a 5.
20190630_145620.jpg

Sono abbastanza bollito :gover:, ma ne appare un'altra.
20190630_153206.jpg

Un muro verticale di erba, spezza gambe, e in cima non c'è nulla.
20190630_153944.jpg

Comunque è il Monte Clausis 2.487 metri, sesta è ultima cima di giornata.
A questo punto scendo seguendo il sentiero che in realtà non è evidentissimo è infatti lo perdo, allora scendo dritto per dritto in mezzo al bosco.
20190630_160810.jpg

Dopo questo infido ravanamento trovo la sterrata, mi aspettano 5 km di sterrata per chiudere l'anello, a completare il divertimento arriva anche il temporale:wall:.
Rientro alla macchina sotto la pioggia.

Che dire, giro lungo e appagante, peccato il caldo, il lungo rientro su sterrata e il temporale.
 

Allegati

Dati

Data: 30/06/2019
Regione e provincia: Piemonte - TO
Località di partenza: Ruhilles
Località di arrivo: Ruhilles
Tempo di percorrenza: tante ore :biggrin:
Chilometri: 20 km
Grado di difficoltà: EE (F la parte franata)
Descrizione delle difficoltà: sfasciumi semplici passi di arrampicata, esposizione
Periodo consigliato: Estate Autunno
Segnaletica: tacche bianco rosse
Dislivello in salita: 1.600
Dislivello in discesa: 1.600
Quota massima: 3.100
Accesso stradale: Da Bousson proseguire per Thures e poi su sterrata per Ruhilles



Descrizione

Scorpacciata di cime come non facevo da tanto tempo, il caldo era soffocante, in solitaria.
Si parte da Ruhilles si segue la strada sterrata che va in direzione del Colle Chabaud
Vedi l'allegato 190819
La strada è comoda in mezzo ai boschi.
Si sale per un bel tratto poi si prende la deviazione verso sinistra direzione Giassiez, il sentiero è ancora ampio, c'è parecchia acqua che lavora le pareti della montagna.
Vedi l'allegato 190820
Si continua a salire nel bosco e poi si sbuca fuori, il panorama cambia prati e radi alberi.
Vedi l'allegato 190821
Salendo iniziano le pietraie, c'è ancora qualche nevaio.
Vedi l'allegato 190822
Il sentiero è ancora comodo e rapidamente arrivo nei pressi della vetta.
Vedi l'allegato 190823
Il Giassiez per 2588 metri, prima cima di giornata.
Guardo la dorsale che mi aspetta verso le altre cime.
Vedi l'allegato 190824
Perdo un po' di quota e poi riprendo a salire su comoda dorsale in direzione Dorlier, arrivato nei pressi della cima il sentiero sta a destra della cresta.
Siamo in pieno sfasciume.
Vedi l'allegato 190825
Il sentiero è chiaro, ma è franato in varie parti, si scivola parecchio, bisogna avere piede fermo.
C'è un ampio settore franato non si vede più il sentiero.
Vedi l'allegato 190826
Lo attraverso facendo attenzione mantenendo la stessa quota, arrivato dall'altra parte mi accorgo che il sentiero è una decina di metri sopra di me.
Vedi l'allegato 190827
Poco male salgo dritto per dritto, qualche passo di I, e riprendo il sentiero, comunque più sottile di una volta.
Vedi l'allegato 190828
Uscito fuori da questo lungo traverso, la cima è dietro di me, facile facile.
Vedi l'allegato 190829
Salgo l'ultimo tratto e raggiungo la seconda vetta di giornata: Cima Dorlier 2758 metri.
Vedi l'allegato 190830
Guardo avanti c'è ancora molta strada da fare.
Vedi l'allegato 190831
Dopo un breve tratto su erba si riprende a salire tra sfasciumi e nevai.
Vedi l'allegato 190832
La salita è faticosa, ci sono un paio di anticime che ingannano, ma alla fine spunta una nuova cima.
Vedi l'allegato 190833
E siamo a tre, Dormillouse 2.908 metri.
Faccio una piccola pausa, mi aspetta ancora tanta strada.
Vedi l'allegato 190834
Proseguo su dorsale c'è qualche punta innominata.
Vedi l'allegato 190835
La stanchezza e il caldo si fanno sentire sono un po' in riserva, ma proseguo imperterrito.
In lontananza compare la croce della cima più alta di giornata.
Vedi l'allegato 190836
Finalmente la raggiungo.
Terra Nera 3.100 metri quarta cima.
Vedi l'allegato 190837
Mi godo il panorama.
Vedi l'allegato 190838

Vedi l'allegato 190839

Vedi l'allegato 190840

Vedi l'allegato 190842

Vedi l'allegato 190843

Vedi l'allegato 190844

Vedi l'allegato 190845

Vedi l'allegato 190846
Inizia la lunga discesa, non passo per la via di salita faccio un anello.
Durante la discesa mi capitano sotto tiro un altro paio di cime, che faccio? lascio?
Ovviamente no.:dent4:
Intasco anche la Gran Barà 2.728 e siamo a 5.
Vedi l'allegato 190847
Sono abbastanza bollito :gover:, ma ne appare un'altra.
Vedi l'allegato 190848
Un muro verticale di erba, spezza gambe, e in cima non c'è nulla.
Vedi l'allegato 190849
Comunque è il Monte Clausis 2.487 metri, sesta è ultima cima di giornata.
A questo punto scendo seguendo il sentiero che in realtà non è evidentissimo è infatti lo perdo, allora scendo dritto per dritto in mezzo al bosco.
Vedi l'allegato 190850
Dopo questo infido ravanamento trovo la sterrata, mi aspettano 5 km di sterrata per chiudere l'anello, a completare il divertimento arriva anche il temporale:wall:.
Rientro alla macchina sotto la pioggia.

Che dire, giro lungo e appagante, peccato il caldo, il lungo rientro su sterrata e il temporale.
Complimenti una bella scorpacciata di cime.Il caldo eccessivo purtroppo e' il mio tallone d'Achille,in questo periodo notturne o levatacce per rientrare presto.
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto