Escursione Appia Antica

Parchi del Lazio
Parco Regionale dell'Appia Antica
Appia Antica
Quota
142 m
Data 19 gennaio 2020
Percorso strada basolata, sanpietrini, asfalto
Dislivello in salita 10 m
Dislivello in discesa 125 m
Distanza 16,71 km
Tempo totale 4,30 h
Cartografia IGM 150 IV SO Roma, 150 III NO Cecchignola
Descrizione In treno dalla Stazione Termini a Santa Maria delle Mole con la linea ferroviaria FL4, poi lungo l’Appia Antica fino all’incrocio con la Via Ardeatina e la Chiesa del Domine quo vadis. Poi per Parco Scott e la Circonvallazione Ostiense fino alla Stazione Ostiense.

Un’ordinanza del Sindaco del 9 marzo 1997 stabilisce la chiusura domenicale al traffico privato della Via Appia Antica dalle 9 alle 16 in inverno e dalle 9 alle 18 in primavera-estate. Nonostante la presenza della segnaletica, a causa della mancanza di controlli, tale ordinanza non viene rispettata.
https://www.montinvisibili.it/appia-antica
 

Allegati

Ultima modifica:
Bellissimo itinerario.
Quando ho fatto il militare (25 anni fa) ed ero in licenza l'ho percorsa da Caracalla - Porta San Sebastiano fino a poco oltre il Mausoleo di Cecilia Metella (percorso un po' differente ma coincidente nella parte terminale) poi sono ritornato indietro verso il centro di Roma in autobus (ho preso un autobus su una traversa dell'Appia Antica che porta verso la stazione Laurentina della Metro).
 
Ultima modifica:
L'Appia Antica ha sempre il suo fascino, dove si fondano in maniera egregia vestigia del passato e campagna romana.
Poco fa ho avuto il piacere di ripercorrerla anche io, ma in Mountain Bike, poiché coincide anche con la prima tappa della via Francigena del Sud e sono arrivato fino a Norma per poi riscendere a Latina Scalo per riprendere il treno.
Sono rimasto colpito da come, passando sopra la galleria del raccordo anulare costruita nel 2000, non ci sia il minimo segno di discontinuità sulla via, sia per quanto riguarda la pavimentazione in basalto che per i pini che la costeggiano.
Con una piccolissima deviazione, poco prima di via di Fioranello meritava una visita la cava romana di leucitite, da decenni è stata la scuola di arrampicata per molti climber romani, alcuni molto forti e tuttora frequentata.
Grazie per la condivisione
 
Bellissimo percorso. Qualche volta ho fatto da Porta San Sebastiano fino al Lago di Albano: sono una 20 di km di cui 16 tutti sull'Appia Antica (fino a Frattocchie) e poi gli ultimi (quelli che salgono fino al lago) su asfalto.
 
Grazie per lo spunto, non avevo mai pensato ad un "binari e scarponi" praticamente sotto casa, né di sfruttare a questo scopo la stazione di S. Maria delle Mole... detto per inciso con un kilometraggio simile (+0,5Km) si potrebbe arrivare fino al Circo Massimo (metro B x termini) completando l' Appia fino al centro, sia pure includendo il tratto meno bello.

p.s. sulla chiusura festiva dell' Appia: anni fa, dovendo andare alla chiesa di S. Sebastiano in un un giorno di chiusura al traffico, chiesi ai vigili del posto di blocco di Via Ardeatina di poter passare e me lo concessero con l'unica indicazione di non parcheggiare su via Appia Antica. Non so se sia una normativa ufficiale, però le persone dirette alle aree interne (ci sono anche dei ristoranti) credo che possano apssare.
 
accipicchia che fortuna poter passeggiare per 16km su una strada di più di duemila anni percorsa da Orazio, Mecenate, Nerva.
Chissà se riuscirò a sbrogliarmi dagli impegni e vagare finalmente su quei sassi neri anch'io.
Complimenti per le fotografie.
 
Bellissimo itinerario.
Quando ho fatto il militare (25 anni fa) ed ero in licenza l'ho percorsa da Caracalla - Porta San Sebastiano fino a poco oltre il Mausoleo di Cecilia Metella (percorso un po' differente ma coincidente nella parte terminale) poi sono ritornato indietro verso il centro di Roma in autobus (ho preso un autobus su una traversa dell'Appia Antica che porta verso la stazione Laurentina della Metro).
Vero @andreal. 25 anni fa non era comunque possibile percorrerla tutta perché era brutalmente tagliata dal raccordo anulare.
Grazie per aver condiviso.
Grazie per la consueta attenzione. @OrsoGrigio66
L'Appia Antica ha sempre il suo fascino, dove si fondano in maniera egregia vestigia del passato e campagna romana.
Poco fa ho avuto il piacere di ripercorrerla anche io, ma in Mountain Bike, poiché coincide anche con la prima tappa della via Francigena del Sud e sono arrivato fino a Norma per poi riscendere a Latina Scalo per riprendere il treno.
Sono rimasto colpito da come, passando sopra la galleria del raccordo anulare costruita nel 2000, non ci sia il minimo segno di discontinuità sulla via, sia per quanto riguarda la pavimentazione in basalto che per i pini che la costeggiano.
Con una piccolissima deviazione, poco prima di via di Fioranello meritava una visita la cava romana di leucitite, da decenni è stata la scuola di arrampicata per molti climber romani, alcuni molto forti e tuttora frequentata.
Grazie per la condivisione
Anche io l'ho percorsa per anni in bici, ma meno male che col tempo si sono creati qui sentierini laterali che con il velocipede tutti qui basoli sono un vero tormento.
Sai che anche io mi stupisco di questo ogni volta che ci passo? È stato fatto un ottimo lavoro.
Quando la ripercorrerai ti consiglio di entrate a visitare Villa Cederna (ingresso libero), pressapoco dove c'è il baretto all'angolo. Oltre ai resti con mosaico di un complesso termale, all'interno c'è una mostra fotografica e cartografica che mostra l'Appia nel tempo. Oltre al traffico e alle pubblicità di alcuni periodi, stupisce la totale assenza di alberi.
Tutto molto bello, mi hai messo una gradevole pulce, è da fare.
Bello,un itinerario di ritorno che mi piacciono tanto.
A mio parere percorrere l'Appia Antica è l'esperienza più profonda e suggestiva che si possa a fare a Roma.
Bellissimo percorso. Qualche volta ho fatto da Porta San Sebastiano fino al Lago di Albano: sono una 20 di km di cui 16 tutti sull'Appia Antica (fino a Frattocchie) e poi gli ultimi (quelli che salgono fino al lago) su asfalto.
Quando ero più allenato la facevo in bici fino a Rocca di Papa.
Grazie per lo spunto, non avevo mai pensato ad un "binari e scarponi" praticamente sotto casa, né di sfruttare a questo scopo la stazione di S. Maria delle Mole... detto per inciso con un kilometraggio simile (+0,5Km) si potrebbe arrivare fino al Circo Massimo (metro B x termini) completando l' Appia fino al centro, sia pure includendo il tratto meno bello.

p.s. sulla chiusura festiva dell' Appia: anni fa, dovendo andare alla chiesa di S. Sebastiano in un un giorno di chiusura al traffico, chiesi ai vigili del posto di blocco di Via Ardeatina di poter passare e me lo concessero con l'unica indicazione di non parcheggiare su via Appia Antica. Non so se sia una normativa ufficiale, però le persone dirette alle aree interne (ci sono anche dei ristoranti) credo che possano apssare.
MI è capitato di continuare fino a casa in zona Balduina. Ma avevo già chiesto abbastanza alle due dodicenni, che per inciso mi hanno detto comunque che è stata una bellissima passeggiata.
Sì, da quello che ricordo anche quando la chiusura era effettiva era permesso il passaggio a residenti e avventori dei ristoranti. Comunque l'unico tratto realmente trafficato è dalle Catacombe di San Sebastiano a entrate, e infatti si può deviare sulla bellissima strada che attraversa questo complesso.
Molto bello. Complimenti.
Grazie @Nico80.
accipicchia che fortuna poter passeggiare per 16km su una strada di più di duemila anni percorsa da Orazio, Mecenate, Nerva.
Chissà se riuscirò a sbrogliarmi dagli impegni e vagare finalmente su quei sassi neri anch'io.
Complimenti per le fotografie.
Se ti capita una puntata a Roma una mezza giornata lì vale più di tante altre visite.
 
Ultima modifica:
Bellissimo itinerario. Con mia figlia dodicenne e dei suoi coetanei lo facemmo in bici partendo anche noi dalla stazione Ostiense. Volevo portarli fino a Frattocchie per bere alla fontanella con l'acqua leggermente frizzante ma ci siamo fermati a via di Fioranello, dove finisce il tratto con i sampietrini ed inizia quello sterrato. Si sono divertiti molto, soprattutto pedalando sui sentieri laterali alla strada in basolato o pavè. Sia a piedi che in bici è una gita da fare, soprattutto con dei bambini.
Non sapevo dei resti della villa termale vicino al bar, per cui la prox volta ci passero sicuramente anzichè sfrecciarci davanti con la bici.
Riguardo al traffico per fortuna il tratto più caotico è solo quello che va da Porta San Sebastiano alla Chiesa del Domine Quo Vadis, dove si entra nel bellissimo complesso delle catacombe.
Grazie per la info.
 

Discussioni simili



Alto Basso