Trekking Avventura in Norvegia, 14 giorni in Lomsdal-Visten

Dati

Data: 5-20 Agosto 2018
Località di partenza: Mosjøen
Località di arrivo: Trofors
Chilometri: 100-120 in totale, circa
Grado di difficoltà: difficoltoso a tratti
Descrizione delle difficoltà: mancanza di sentiero, terreno per lo più paludoso, tempo instabile e rocce scivolose. Si viaggia costantemente bagnati fradici fino al ginocchio, teneri i piedi asciutti nel nord della Norvegia è un'utopia.
Periodo consigliato: Luglio-Settembre
Segnaletica: assente
Quota massima: 1200 metri
Accesso stradale: siamo arrivati in treno a Mosjøen, poi abbiamo camminato per poi riprendere il treno al ritorno a Trofors



Descrizione

Siamo da poco tornati da un meraviglioso viaggio in Norvegia, e volevo condividere con voi questa nostra piccola avventura.
Cercavamo un'area con terreno vario, con montagne e tanta acqua ma anche numerose foreste, molto selvaggia, per camminare in solitudine per giorni e goderci la natura in tranquillità.
Dopo varie ricerche ho identificato un'area papabile, il parco Lomsdal-Visten. Questo parco, recente e poco conosciuto, vanta di un territorio molto vario, ampie valli, magnifici fiumi e foreste selvagge. In tutta l'area del parco nazionale non vi sono sentieri. Gli unici, pochi, sentieri sono situati al di fuori del parco. Non ci sono hiking facilities nella zona e occorre essere ben approvvigionati di cibo per tutto il periodo di permanenza.

Noi siamo partiti con un'idea generica del percorso che volevamo fare, mappa alla mano, un'idea di quello che può essere l'aspro terreno e meteo norvegese, ma nulla di strettamente pianificato. La cosa certa è che volevamo camminare senza esagerare, lasciare tempo per fermarci e goderci il paesaggio, e ovviamente cercare di pescare!!!!
Abbiamo lasciato ampio spazio a variazioni di programma, e in effetti ampie variazioni ci son state, e nel nostro viaggio abbiamo avuto numerose inaspettate sorprese :lol:

Abbiamo beccato giorni interi consecutivi di piogge intense, che ci hanno impedito di proseguire. Ci siamo fermati vicino a laghi, abbiamo trovato barche, per ben tre volte, che abbiamo usato per pescare! Abbiamo visto renne in quantità, e io ho visto due alci, mamma e piccolino, mentre stavo facendo acqua vicino ad un lago (purtroppo non avevo con me la fotocamera, per immortalare il momento). Abbiamo anche inaspettatamente e piacevolmente trovato delle casette aperte (solo una era segnata sulla mappa!), fuori dal parco, e abbiamo passato due belle serate "da norvegesi". Queste casette sono equipaggiate di ogni ben di Dio, asce, seghe, fiammiferi, un po' di cibo, pentole, e anche l'eccezionale stufa a legna tipica di queste casette nel nord Europa. Bagnati fradici, è stato molto piacevole asciugarci al riparo.

Non abbiamo mai incontrato un'anima viva per 14 giorni, nell'area non c'è copertura telefonica, insomma è una vera pausa dalla vita di tutti i giorni.
L'ultimo giorno abbiamo incontrato una simpatica coppia di norvegesi locali, è stato un piacevole incontro e abbiamo scambiato chiacchiere di trekking e sci escursionismo. Si sono chiesti come abbiamo fatto a scovare questo posto :rofl:

Siamo partiti per la nostra avventura belli carichi. I nostri zaini pesavano quasi 18 kg completi di cibo per 14 giorni, di più rispetto ai nostri soliti viaggi. Ma non abbiamo voluto scendere a compromessi, ci siamo portati giacche imbottite sintetiche per essere sicuri, coltellame in abbondanza, teiera, attrezzatura completa per pescare le trote, e la nostra tenda, che abbiamo preferito rispetto al tarp per via del classico "terreno spugna" norvegese e i venti, che sui plateau possono anche essere molto forti pure in estate.

Se siete curiosi, date un occhio al nostro video! Spero che vi trasmetta una piacevole emozione di questi luoghi incantevoli. Questo posto mi rimarrà per sempre nel cuore. Non vedo l'ora di potere tornare di nuovo in Norvegia!



Stiamo per aprire un blog, è un progetto che da tempo abbiamo nel cassetto, e prima o poi verrà reso pubblico. Qui scriverò di più a riguardo, vi terrò informati :)

Ecco qualche immagine della nostra avventura:



IMG_5764.JPG
IMG_5797.JPG
IMG_5849.JPG
IMG_5918.JPG
IMG_5924.JPG
IMG_5948.JPG
IMG_5975.JPG
IMG_5988.JPG
IMG_6136.JPG
IMG_6178.JPG
IMG_6192.JPG
IMG_6195.JPG
IMG_6207.JPG
IMG_6212.JPG
IMG_6216.JPG
IMG_6229.JPG
 
Bella avventura complimenti.

Grande l'idea di cuocere il pane. :si:

Anche il risotto c'è.

Ma quelle fantastiche casette sono a disposizione di tutti? tipo i nostri bivacchi?
 
Bella avventura complimenti.

Grande l'idea di cuocere il pane. :si:

Anche il risotto c'è.

Ma quelle fantastiche casette sono a disposizione di tutti? tipo i nostri bivacchi?

ehehe! Il pane è ormai diventato il nostro must! Come anche il risotto e pastasciutte varie :woot:

Le casette sono a libera disposizione di chiunque, se aperte. Ne abbiamo trovate un altro paio, ma erano chiuse a chiave. Noi non sapevamo a priori lo stato delle casette e se erano aperte o meno. Insomma sono state una vera sorpresa, e molto piacevole!
L'ultima barca che abbiamo usato era espressamente a disposizione di tutti, c'era un cartello scritto dentro la casetta della barca. Sono di proprietà dei comuni locali. Probabilmente occorre segnarsi, c'era un libro vicino e noi abbiamo scritto il nostro nome. La seconda barca era senza remi e non sono sicura come funziona la cosa. Era sempre di un comune locale. Noi abbiamo costruito dei remi e l'abbiamo usata :pio: Ovviamente ripulendola e mettendola al suo posto dopo l'uso (gli abbiamo messo a posto l'argano che era tutto scombinato per ringraziarli!)!
 
Bellissimo !! Complimenti ad entrambi e grazie per aver condiviso.

Una curiosità, che pannelli solari avete usato e come si sono comportati ?
Grazie :lol:
I pannelli si son comportati benone, quando lo strato di nuvole nel cielo non era troppo spesso.
Con un filo di sole caricano di brutto.

I pannelli in questione sono un prodotto fatto in casa dal mio uomo (i pannelli sono stati acquistati ma il circuito e la scatola l'ha fatto lui). Ad ogni viaggio che facciamo lui li apporta migliorie. E' da 4 anni che li usiamo, e ogni anno la versione del circuito o la scatola cambia. L'anno scorso abbiamo fatto un viaggio nel Mercantour e la pioggia ha mandato il circuito a benedire. Quest'anno lui ha fatto una scatola "ad hoc" a tenuta quasi stagna in legno con una guarnizione in gomma.

Chiedo al mio uomo di darvi po' di informazioni circa questo pannello :si:


Foto-racconto molto bello
Scusa ma sei una bambina!!??
:rofl::rofl::rofl::rofl::rofl::rofl:

Perchè ?!!
Il 2 davanti alla mia età non c'è già più da bel un pezzo ormai :argh: !!!
Diciamo che ho geni familiari "giovani".
Grazie :lol:
 
Ultima modifica:
Fantastico! Complimenti per l idea e il coraggio di realizzarla!! Una curiosita, che tenda avete portato al seguito? Grazie mille e bravi ancora!
 
Immagina sia stata proprio una bella avventura;) Questi sono i luoghi in cui ogni escursionista vorrebbe stare, la Norvegia è il primo luogo fuori dall'Italia in cui vorrei andare proprio per questo.
Posso chiedere come avete pianificato il percorso strada facendo (visto che sembra che non lo abbiate pianificato prima di partire), cioè come avete fatto a orientarvi ed essere sicuri di andare dove volevate senza nessun sentiero? Solo andando a vista in mezzo alla foresta per giorni?
 
Fantastico! Complimenti per l idea e il coraggio di realizzarla!! Una curiosita, che tenda avete portato al seguito? Grazie mille e bravi ancora!

Grazie!
Avevamo la nostra Vango Banshee 200 e poi un piccolo tarp (Rab Siltarp 1). L'abbiamo usata parecchio in altre avventure.
Abbiamo preso taaaanta acqua (che dal video non si nota perchè la fotocamera usciva solo quando la pioggia andava giù, altrimenti il cellulare sarebbe andato a bagno :gover:), e con la tenda così piccola a volte è dura. Per cui, tornati a casa, abbiamo subito comprato una nuova casetta con i contro-attibuti (una Hilleberg Nallo), che però useremo solo in inverno o per altri viaggi simili.


Immagina sia stata proprio una bella avventura;) Questi sono i luoghi in cui ogni escursionista vorrebbe stare, la Norvegia è il primo luogo fuori dall'Italia in cui vorrei andare proprio per questo.
Posso chiedere come avete pianificato il percorso strada facendo (visto che sembra che non lo abbiate pianificato prima di partire), cioè come avete fatto a orientarvi ed essere sicuri di andare dove volevate senza nessun sentiero? Solo andando a vista in mezzo alla foresta per giorni?
La Norvegia è un posto meraviglioso, ero già stata all'isola di Senja e son stata veramente impressionata da queste terre. Mi succede la stessa cosa di chi soffre il "mal d'Africa". Assolutamente raccomandato andare lì!

E' vero, non abbiamo strettamente pianificato il nostro percorso. Abbiamo ordinato la cartina e stampato parti mancanti, guardato dove poter passare i primi due giorni da Mosjoen per poter addentrarci nel parco, e poi abbiamo lasciato il percorso decisamente flessibile, ma rispettando la meta del ritorno e la data di arrivo.
Sui plateau non è troppo difficile muoversi, a parte l'incontro di canaloni a volte non proprio visibili sulla cartina 1:50000. Per quanto riguarda la sicurezza di andare nella direzione corretta, da quelle parti si può usare un trucchetto; vale a dire seguire le tracce di renna. I sentieri animali sono creati principalmente dai gruppi di renne in movimento. Siccome non hanno l'attrezzatura da arrampicata devono passare sui percorsi più agevoli. In ogni caso basta evitare i dislivelli troppo ripidi e una strada la si trova sempre. Nelle valli o in foresta conviene dare uno sguardo alla bussola ogni tanto. Se c'è nebbia fitta ... it's coffee time!

Il "da che parte andare", lo decidevamo spesso la sera prima. A volte, causa maltempo forte, ci è capitato di doverci fermare un paio di giorni nello stesso posto!
 
OT (circa): Non siamo stati in Lapponia, ma leggere certe notizie schifa ancora di più rispetto al solito, soprattutto dopo aver conosciuto queste terre del nord.
Mio fratello mi ha mandato questo articolo sul corriere di oggi (in allegato), dateci un occhio, stanno distruggendo il popolo Sami e l'allevamento di renne per creare una ferrovia.

Bisognerebbe veramente ridurre al minimo il consumo o non comprare prodotti usa e getta come i fazzoletti di carta, carta da cucina e tovaglioli... come anche buona parte di altri prodotti usa e getta, che del resto son acquisti veramente superflui ed evitabili... insomma in generale meno si consuma meglio è, applicare un atteggiamento del genere ridurrebbe buona parte dei problemi per lo sfruttamento del territorio & risorse. Meditate...

articolo sami.png
 
Grazie @Grizzly per il bellissimo reportage del vostro giro in Norvegia! :si:

Anche a me, vedendo il video mi è sorta le stessa domanda:

Ma quelle fantastiche casette sono a disposizione di tutti? tipo i nostri bivacchi?
e dalla risposta capisco che ci sono sia queste bellissine casette a disposizione degli escursionisti, sia queste barche per pescare...

Che tu sappia, la pesca era libera o occorrevano delle licenze?
 
Che tu sappia, la pesca era libera o occorrevano delle licenze?
Occorrono licenze, non è semplicissimo capirci ma per la maggior parte dei laghi ad est del parco le licenze sono sotto Statskog e si possono comprare online qui:

https://www.inatur.no


Se si vuole andare da altre parti ad ovest occorre fare attenzione perchè servono altri tipi di licenze, ad esempio per la valle Lomsdalen occorre fare la licenza per il salmone.

Son stata molto contenta di pagargli le licenze dato alcune di queste bellissime casette son curate da Statskog, se pur piccolo è stato almeno un contributo.
 
Grazie @Grizzly per il bellissimo reportage del vostro giro in Norvegia! :si:

Anche a me, vedendo il video mi è sorta le stessa domanda:



e dalla risposta capisco che ci sono sia queste bellissine casette a disposizione degli escursionisti, sia queste barche per pescare...
Si, fa strano e da noi sarebbe veramente inusuale trovare casette del genere, così ben tenute, e con così tanto materiale (funzionante), disponibili per chiunque.
Scegliendo di andare in posti a bassissima densità di popolazione e con una cultura estremamente orientata a godersi l'outdoor si può provare questa inusuale libertà :si:
 
Grazie!
Il pane ci viene benone per il 90% delle volte ormai.
Abbiamo fatto parecchi test e trial-and-error prima di riuscirci per bene.
Se interessa faro' un post a riguardo :)
 
Splendido. Una sensazione di selvaggio isolamento e di orizzonti sconfinati ormai impossibile da trovare in molti paesi europei. Anni fa feci un trekking nel centro della Svezia e capisco cosa avete provato.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso