Bastoncini da trekking

ciao a tutti. Da sempre utilizziamo i bastoncini da trekking ed è giunto il momento di aggiornarli. Vorrei qualcosa di molto leggero e possibilmente che si piega in modo tale da poterlo inserire nello zaino. che modelli consigliate? Grazie a tutti in anticipo

Utilizzo: trekking in giornata ma anche di più giornate
Caratteristiche ricercate: peso molto contenuto
Attività praticata: trekking
Budget: entro i 70€
 
Mi duole dirlo ma i Naturehike o i Pioneer in carbonio o carbonio/titanio su Aliexpress sono molto molto vicini ai miei Leki Black Series MVC....
Ottimo rapporto qualita/prezzo
 
Mi duole dirlo ma i Naturehike o i Pioneer in carbonio o carbonio/titanio su Aliexpress sono molto molto vicini ai miei Leki Black Series MVC....
Ottimo rapporto qualita/prezzo
Potresti indicarmi il modello? Su Amazon ne ho trovato diversi per la naturhike con pesi molto bassi e prezzi entro i 40€. Tu a quali ti riferivi? Grazie
 
Potresti indicarmi il modello? Su Amazon ne ho trovato diversi per la naturhike con pesi molto bassi e prezzi entro i 40€. Tu a quali ti riferivi? Grazie
Io li ho visti su Aliexpress, ce ne sono a dozzine con nomi diversi...
Dai un occhiata!
--- ---

Dà in occhio anche si bastoncini della italiana Fizan: so che fa un modello leggerissimo e molto apprezzato all'estero, dal prezzo ragionevole
--- ---

Dovrebbero essere questi:
https://www.avventurosamente.it/xf/threads/bastoncini-fizan-compact-4.46593/
Non li conoscevo, interessantissimi grazie!
 
grazie a tutti degli spunti. Se qualcun altro avesse qualche modello con le caratteristiche indicate volentieri lo valuterò!
 
Ciao
ho comprato da poco dei Black Diamond Distance Z e sono veramente soddisfatto (testati in montagna).
Già la marca di per se è una garanzia, ma questi sono fatti veramente bene. Sono in alluminio e molto leggeri, il carbonio per pochi grammi in meno non vale la spesa secondo me. Ottimo, semplice e veloce il sistema di apertura e chiusura. Abbastanza rigidi nell'utilizzo, quelli analoghi della Camp flettevano molto. Impugnatura e laccio in EVA confortevoli, addirittura differenziati destra e sinistra.
Da chiusi riescono ad entrare dentro uno zaino da 10 litri e te li scordi per quanto sono leggeri e compatti. Costano poco più del tu budget (79 euro).
Qui il link dove li ho presi io (arrivati in un giorno):
https://www.sestogrado.it/it/prodot...imPnXT85Lhk0aH3YjjFXEOrNrC_TsNHEaAj3FEALw_wcB
 
[Fizan linea Compact] Non li conoscevo, interessantissimi grazie!

La Fizan fa la serie "Compact" (telescopica a 3 pezzi, pesa 158 grammi) e la serie "Compact4" (divisa in 4 pezzi, pesa un po' di più 169 grammi ma chiusa è più compatta e diventa 51cm invece che 59cm).

Decidi tu nel caso se privilegiare peso o compattezza:

226514
 
Ciao
ho comprato da poco dei Black Diamond Distance Z e sono veramente soddisfatto (testati in montagna).
Già la marca di per se è una garanzia, ma questi sono fatti veramente bene. Sono in alluminio e molto leggeri, il carbonio per pochi grammi in meno non vale la spesa secondo me. Ottimo, semplice e veloce il sistema di apertura e chiusura. Abbastanza rigidi nell'utilizzo, quelli analoghi della Camp flettevano molto. Impugnatura e laccio in EVA confortevoli, addirittura differenziati destra e sinistra.
Da chiusi riescono ad entrare dentro uno zaino da 10 litri e te li scordi per quanto sono leggeri e compatti. Costano poco più del tu budget (79 euro).
Qui il link dove li ho presi io (arrivati in un giorno):
https://www.sestogrado.it/it/prodot...imPnXT85Lhk0aH3YjjFXEOrNrC_TsNHEaAj3FEALw_wcB
Tanta roba!!!!!
 
La Fizan fa la serie "Compact" (telescopica a 3 pezzi, pesa 158 grammi) e la serie "Compact4" (divisa in 4 pezzi, pesa un po' di più 169 grammi ma chiusa è più compatta e diventa 51cm invece che 59cm).

Decidi tu nel caso se privilegiare peso o compattezza:

Vedi l'allegato 226514
Il problema di quelli telescopici sono due secondo me: la lunghezza da chiusi 51 / 59 cm (che non consentono di stare all'interno di zaini di basso litraggio) e il sistema di bloccaggio che col tempo si usura/ossida. Senza calcolare poi il tempo che si perde a regolare e serrare le 3/4 sezioni.
 
il sistema di bloccaggio che col tempo si usura/ossida
l'alluminio non si ossida... più che altro di solito cedono le plastiche interne, ma ho visto che si possono manutenere eventualmente

comunque sono passato a chiusure totalmente in alluminio da un po' coi Ferrino Mustang

più o meno sono come i Nuptse, però sono in alluminio
https://www.ferrino.it/shop-it/attrezzatura/accessori/bastoni/78396hcu-bastoncini-nuptse.html

i Ferrino Eiger o i Jet sono 35cm chiusi, però pesano 240g pare... sarebbe da scrivere all'assistenza per chiedere per sicurezza

poi bisogna vedere se uno vuole usarlo anche con fango, neve... diciamo che i bastoncini da trail running sono sì più leggeri, ma sono anche meno versatili e resistenti
 
Ultima modifica:
Il problema di quelli telescopici sono due secondo me: la lunghezza da chiusi 51 / 59 cm (che non consentono di stare all'interno di zaini di basso litraggio) e il sistema di bloccaggio che col tempo si usura/ossida. Senza calcolare poi il tempo che si perde a regolare e serrare le 3/4 sezioni.

Di contro, il vantaggio è che puoi scegliere l'altezza esatta che ti serve. Io ad esempio in discesa li uso leggermente più lunghi che in salita. E quando li uso per montare il tarp, ancora un'altra altezza.

Come sempre bisogna scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze e alle proprie priorità, io con quelli pieghevoli ad altezza fissa proprio non mi ci trovo...
 
Mi azzardo a dire l’eresia. Io quando ho iniziato ho preso il classico entry level del decathlon (https://www.decathlon.it/p/1-bastoncino-montagna-a200/_/R-p-156362?mc=8493796&c=NERO).

costo irrisorio (10€), peso accettabile (240g), lunghezza da chiuso abbastanza compatta anche se non ridottissima (57cm), meccanica semplice e abbastanza affidabile: ha svariati fori con il blocco retrattile che lo rendono regolabile in altezza a intervalli predefiniti ma abbastanza fini (come necessario a @paiolo) ed allo stesso tempo più solido di quelli ad avvitamento (@mezcal).
Non è un prodotto sopraffino e infatti mi guardo attorno per vedere se ci sia altro...e mi resta il dubbio del perché questa meccanica semplice ed efficace non sia usata da altri (evidentemente avrà un contro che non riesco a intravedere).
Sono curioso di sentire altri punti di vista.
 
Non è un prodotto sopraffino e infatti mi guardo attorno per vedere se ci sia altro...e mi resta il dubbio del perché questa meccanica semplice ed efficace non sia usata da altri (evidentemente avrà un contro che non riesco a intravedere).
Sono curioso di sentire altri punti di vista.
Io ho provato questi, che costano pure meno
https://www.decathlon.it/p/1-bastoncino-montagna-arpenaz100-azzurro/_/R-p-122861?mc=8493063&c=BLU

Questo ho riscontrato io:
  1. sono un po' delicati, nel senso che ne ho già visti di "aperti", ossia l'alluminio tagliato in verticale dal troppo peso appoggiato
  2. vibrano molto durante l'uso
  3. se ti entra la neve nel buco sei fregato, devi aspettare la primavera che si sciolga :biggrin: entra ovviamente anche qualsiasi altra cosa, per esempio fango

Detto questo, per il loro uso in trekking facili e poco impegnativi senza neve, come passeggiate entry-level, vanno benissimo.
 
Ritengo che il carbonio non abbia la funzione di raggiungere una maggior leggerezza, o meglio non solo.
Per sua natura assorbe e smorza le vibrazioni, pur garantendo leggerezza e rigidità (chiedi ad un ciclista.... come me!).
Quindi su lunghe distanze le braccia sono molto più riposate ed efficienti.
Quanto ai bastoncini del decathlon, per carità potrebbero essere ottimi, ma se li usi su pendenze elevate farei attenzione, un bastoncino che si rompe può farti cadere con conseguenze serie e anche peggio.
L'ho visto accadere con bastoncini di alluminio.....risultato elicottero giallo per le fratture riportate!
Il bastoncino in montagna potrebbe essere assimilato ad unDPI (dispositivo di protezione individuale), poi se parliamo di Nordic Walking o passeggiate, altro discorso.
Mio cent di contributo.......
 
Il carbonio a mio avviso è raccomandabile "senza se e senza ma" per nordic walking e trail running in particolare bastoncini di un unico pezzo dotati di guantini a sgancio rapido.

Non discuto che si possa usarli per fare altro purché si sia sufficientemente esperti da gestire qualsiasi situazione, evitando di sottoporli a sforzi distruttivi.

Aggiungo che a suo tempo appurai che attestazioni come "50% fibra di carbonio" vanno lette come "50% fibra, di cui il 50% (1/4 del totale) fibra di carbonio, il resto plastica).

Il paragone con i telai delle biciclette è corretto per quanto riguarda la elasticità, non lo è riguardo alla robustezza, non c'é paragone tra gli sforzi che può sopportare la forcella di una bicicletta in carbonio e quelli che può sopportare un bastoncino da trekking di qualsiasi materiale.
 
Il paragone è assolutamente corretto in quanto il carbonio è un materiale che viene stratificato su una matrice di fibra di vetro, se vuoi definirla plastica, o interamente su matrice di carbonio nelle versioni 100% carbonio.
È caratterizzato dalla possibilità di avere una resistenza monodirezionale progettabile e modulabile in fase di stratificazione delle cd. pelli.
Il telaio della bicicletta ha una progettazione complessa in quanto, se per forcella e carro si può richiedere una certa elasticità, per il triangolo si esige rigidità.
Non viene assolutamente progettato per resistere agli urti, ovviamente,
Nel bastoncino si ha rigidità, flessibilità, leggerezza e resistenza agli urti.
La resistenza agli urti del carbonio è un fattore molto complesso da raggiungere in quanto va a discapito delle altre caratteristiche, ovvero se progetto un oggetto che deve resistere solo a carichi verticali, un urto orizzontale potrà romperlo con maggiore facilità.
Nei bastoncini la resistenza è data da spessori maggiorati e da una certa elasticità laterale, se così non fosse potrebbero costruire bastoncini molto più leggeri, magari usando un altissimo modulo tipo il T1100.
Il modulo è il tenore, la percentuale, di Carbonio contenuta nelle pelli.
I bastoncini di carbonio di qualità sono assurdamente costosi proprio per questi motivi.

Sempre secondo la mia modestissima opinione.
 
... È caratterizzato dalla possibilità di avere una resistenza monodirezionale progettabile e modulabile in fase di stratificazione delle cd. pelli. ...

Credo illusorio immaginare che il processo di fabbricazione di bastoncini da 40 euro sia lo stesso di un telaio da bicicletta o addirittura di uno aereo Stealth.

Ho assistito (non di recente peraltro) alla rottura di un paio di bastoncini da trekking in carbonio durante una uscita di sci escursionismo (c'é stato evidentemente uno sforzo extra), mi permetto di raccomandare a chiunque li usi la massima cautela specie in discesa.

Ripeto: parlo di escursionismo, non di nordic walking (io stesso uso bastoncini in carbonio per il n.w.) o trail running

p.s. in italiano standard resina = plastica;sì certo, la parte di fibra "non dicarbonio" è fibra di vetro.
 
Credo illusorio immaginare che il processo di fabbricazione di bastoncini da 40 euro sia lo stesso di un telaio da bicicletta o addirittura di uno aereo Stealth.

Ho assistito (non di recente peraltro) alla rottura di un paio di bastoncini da trekking in carbonio durante una uscita di sci escursionismo (c'é stato evidentemente uno sforzo extra), mi permetto di raccomandare a chiunque li usi la massima cautela specie in discesa.

Ripeto: parlo di escursionismo, non di nordic walking (io stesso uso bastoncini in carbonio per il n.w.) o trail running

p.s. in italiano standard resina = plastica;sì certo, la parte di fibra "non dicarbonio" è fibra di vetro.

40 euro in carbonio?
Ci credo che si rompano.....manco i cinesi.
Un carbonio decente costa sopra 100 euro..... Ne ho 4, di cui l'ultimo da 200 euro (Leki Black Series MVC.......)
La tecnica di fabbricazione è la stessa in tutto il carbonio prodotto, cambiano i materiali ed il loro tenore di carbonio.
Stealth e bici utilizzano stratificazioni diverse ma il Carbonio è un elemento della tavola periodica.......
Si parla commercialmente di Grafite, Alto Modulo ed Altissimo Modulo, di solito si utilizzano Prepeg, ovvero pelli preimpregnate.
Il migliore è il Toray.
I bastoncini hanno una stratificazione ottimizzata per le sollecitazioni previste in progetto.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso