Bastone di legno

Senza entrare nelle differenze tecniche con la coppia di bastoncini telescopici, possiamo affermare che avere un appoggio durante le proprie uscite giornaliere o di più giorni, è fondamentale. Non ho mai conosciuto un solo escursionista che non mi abbia detto che portarsi dietro un bastone-bastoncino-mazza è importante ed è cosa che va fatta sempre. Personalmente ritengo che un appoggio anche di fortuna anche con un bel ramo secco o tagliato trovato sul sentiero, sia utile sia in salita se non troppo ripida, ma soprattutto in discesa. Non ho mai usato una coppia di bastoncini telescopici ma sicuramente in discese ripide magari quando si hanno già dei km nelle gambe, riescono ad alleviare la fatica consentendo uno scarico della forza anche sulle braccia. Ma se proprio non ci piacciono o non li vogliamo usare qualcosa va usato e del classico bastone non si può fare a meno. Vorrei sapere le vostre opinioni sull'uso di una verga in legno, se qualcuno ne utilizza sempre una in particolare. Io le trovo molto più affascinanti e ne vorrei intagliare uno da solo, consigli su questo punto?
 

Premetto che ritengo l'uso dei bastoncini *non* indispensabile, anzi a volte averli è anche fastidioso. Dipende tutto da come è il terreno: se devi fare un bel sentiero largo, allora va bene; se vai nella macchia su e giù senza seguire nessuna pista (o al limite la pista dei caprioli) allora danno solo fastidio e sono inutili.

Per quel che riguarda il bastone, ho provato diverse volte a usare un bastone in legno a per aiutarmi nella camminata, ma è pesante, e se ne trovi uno leggero si rompe facilmente. Invece dei bei bastoncini telescopici pesano pochissimo, sono ergonomici e puoi ripiegarli per attaccarli ai lati dello zaino (in modo da non darti fastidio). Inoltre puoi usarli anche per le ciaspole (lì davvero sono fondamentali). Per me è una spesa che vale la pena di essere fatta (ho speso 25 euro in tutto da decathlon). Ma non vorrei andare OT dandoti consigli su quali bastoncini acquistare.
 
Non ho mai conosciuto un solo escursionista che non mi abbia detto che portarsi dietro un bastone-bastoncino-mazza è importante ed è cosa che va fatta sempr
non sono d'accordissimo,
conosco tanta gente che lo rifiuta a priore,
altrettanta gente che lo rifiuta con motivazioni effettivamente non sceme e
altrettanta gente che lo usa ma sono in rare e particolari situazioni (io ad esempio).

Non sono solo dei pro quelli che un bastoncino porta alla marcia...
 
Io lo uso il bastone ma in legno.
Me li faccioio , quando trovo nei miei giri un pollone o uramo dalle forme interessanti lo taglio e lo porto a casa.
Dopo dovuta stagionatura e relativa raddrizzatura lo lavoro poi lo uso.
Per me è un oggetto di compagnia oltre a di utilità: per i funghi, raccolta castagne, appoggio in discesa.
Ne ho 7-8 e tutti di legni diversi, tutti con storie diverse e rievocano ricordi diversi.
Poi usandoli si rompono e si riparano, si storcono, magari imbruttiscono , ma la vita va cosi. Comunque continuo a portarli con me.
C'è il preferito, inutile negarlo, ma tutti hanno la stessa dignità e al momentu giusto hanno fatto più che dignitosamente il proprio lavoro.

poi anche io ho 4 paia di bastoncini telescopici che utilizzo spesso,
ma il legno e la sua storia, innegabilmente , hanno il suo facnino
Paolo
 
Grazie, io avrei intenzione di usare un ramo di ulivo, non segarlo dalla pianta chiaro, ma qualcuno di quelli spezzati o cmq da qlc ulivo caduto. E' un tipo di legno che mi ha sempre affascinato, ma non sono per niente pratico di lavoro col legno. Complicato fare un bastone bello robusto?
 
mi piace questa discussione!;)
sin da bambina (fino a poco fa!) quando mio padre mi portava in montagna la scelta del bastone adatto era un rito: dell'altezza giusta, non troppo pesante e non troppo sottile...
lasciato sempre prima di uscire dal bosco e non senza dispiacere!
adesso ho aumentato il grado di difficoltà delle escursioni ed il bastone è improponibile, la mia nuova compagna è la piccozza! uso di rado i bastoncini (non li sopporto tanto!) ma li porto perchè possono tornare sempre utili!
non so consigliarti ma volevo scrivere del buon vecchio uso del bastone di legno!!:D
 
anch'io voto per il bastone di legno, lo uso all'occorrenza, cercandolo nel bosco e lasciandolo lì dopo la passeggiata
:)
 
Bastone di legno pure io =)
Avrà molti più "contro" rispetto ai classici bastoncini (peso, lavoro asimmetrico, ingombro ecc) ma lo preferisco :D (sotto sotto sono un romanticone) muahahahah xD

però poco romanticamente ho approfittato di un'offerta da Leroy e ho preso il manico di una vanga (o zappa...non mi ricordo, comunque tra le varie scelte era l'unico dritto e con un diametro giusto per la mia mano, che non è enorme)

A me piace, non mi affatica eccessivamente, robusto è robusto e se mi si dovesse rompere oppure perderlo non ho particolari "legami affettivi" che mi ci farebbero restare male =/ (e nemmeno economici, pagato 4€ normalmente mi pare che costi 8 o qualcosa del genere)
 
Anch'io uso il bastone di legno, sia lungo che corto, a seconda del percorso che faccio (solitamente non in luoghi con vegetazione alta/fitta). Mi trasmette un senso di sicurezza in più, oltre alla sua utilità durante la camminata, specialmente in caso dovessi incontrare cani randagi/animali aggressivi. Quello corto l'ho ricavato da una stecca da biliardo rotta (legno molto duro), quello lungo invece comprato da Castorama e trattato poi da me (impregnante, vernice per esterni, puntale in ottone, ecc...)
 
Vuoi mettere il gusto di menare le -BESTIE selvatiche- col bastone....:poke:
Polemiche a parte usato da moltissimo tempo i bastoncini telescopici che aiutano moltissimo.
Comunque anche un bastone per farci compagnia.
 
io ho provato ad usare i bastoncini ma non riesco ad abituarmi, va be che li ho provati in una passegiata ,dove sinceramente non cenera di bisogno, tanto per provarli, dopo un po mi sono stufato e li ho riposti nello zaino.
la prossima volta li provero in qualcosa un po piu' impegnativo .
per la cronaca li ho presi al lidl ne avevano un cesto pieno ad un euro mene sono pentito di non averne presi due paia a quel prezzo, sembrano ben fatti l'impugnatura e' in sughero.
 
secondo me i bastoncini sono molto utili anche se a volte sono un po' un impiccio da portarsi dietro ma il bastone di legno ha molto più fascino.

ultimamente mi sono interessato ai bastoni irlandesi, gli shillelagh, molto belli ma alla fin fine poco pratici in escursione.
Shillelagh (club) - Wikipedia, the free encyclopedia

purtroppo i bastoncini telescopici, anche se poco ecologici, sono più comodi e contribuiscono molto alla stabilità della camminata.
 

Allegati

Io lo uso il bastone ma in legno.
Me li faccioio , quando trovo nei miei giri un pollone o uramo dalle forme interessanti lo taglio e lo porto a casa.
Dopo dovuta stagionatura e relativa raddrizzatura lo lavoro poi lo uso.
Per me è un oggetto di compagnia oltre a di utilità: per i funghi, raccolta castagne, appoggio in discesa.
Ne ho 7-8 e tutti di legni diversi, tutti con storie diverse e rievocano ricordi diversi.
Poi usandoli si rompono e si riparano, si storcono, magari imbruttiscono , ma la vita va cosi. Comunque continuo a portarli con me.
C'è il preferito, inutile negarlo, ma tutti hanno la stessa dignità e al momentu giusto hanno fatto più che dignitosamente il proprio lavoro.

poi anche io ho 4 paia di bastoncini telescopici che utilizzo spesso,
ma il legno e la sua storia, innegabilmente , hanno il suo facnino
Paolo
Mi piacerebbe conoscere la procedura per raddrizzare un legno e la lavorazione. Potresti indicarmi cosa fai prima di portare un bastone per monti?
Grazie.
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto