Alpinismo Becco Meridionale della Tribolazione [3.360 m] via normale

Dati

Data: 04/09/2020
Regione e provincia: Piemonte - TO
Località di partenza: Diga di Teleccio [1917 m]
Località di arrivo: Diga di Teleccio [1917 m]
Grado di difficoltà: PD
Descrizione delle difficoltà: passaggi di II e III
Periodo consigliato: Estate
Segnaletica: Tacche bianco-rosse, ometti
Dislivello in salita: 1.443 m
Dislivello in discesa: 1.443 m
Quota massima: 3.360 m
Accesso stradale: arrivati alla diga di Teleccio parcheggiare la macchina

Descrizione

Un altro conto è stato chiuso, gita molto faticosa e impegnativa con @MOWGLI e @eleutheria, d'altronde nomen omen, ma di grande soddisfazione.

Si parte dal Lago di Teleccio, prendiamo il sentiero che passa per il rifugio Pontese, il primo tratto sale a rapidi tornanti, si vede già la nostra meta, un'imponente piramide rocciosa.
20200904_070733.jpg

In breve raggiungiamo il rifugio Pontese (2.217 m)
20200904_073608.jpg

da qui un tratto quasi in piano attraversando pratoni, la meta è sempre là che ci guarda.
20200904_081600.jpg

Il sentiero è ben tracciato fino a qua arriviamo in prossimità del colletto dei Becchi.
20200904_084939.jpg

Il fondo si trasforma in immonda pietraia, il sentiero finisce e non è chiara la via migliore, finiamo in una zona dove si muove di tutto ad ogni passo.
20200904_100933.jpg

Questo ravanamento ci fa perdere tempo, ma finalmente la pietraia finisce e arriviamo in prossimità del colletto
20200904_102415.jpg

Ultimo tratto per sfasciumi e finalmente raggiungiamo il colletto a 3.167 metri.
20200904_104103.jpg

Qui inizia la parte arrampicatoria, ci mettiamo l'imbrago, il casco e ci leghiamo in cordata e procediamo in conserva.
Davanti a noi l'ultima parte di salita.
20200904_111943.jpg

C'è un primo saltino leggermente strapiombante (corda fissa), poi bisognerebbe andare a destra , noi invece sbagliamo strada e andiamo dritti e c'infiliamo in un tratto delicato, che superiamo.
Segue un tratto "camminabile", con qualche ometto qua e là.
20200904_120157.jpg

In realtà non ce ne sono molti e non si è mai sicuri di essere sulla strada giusta.
Superato questo tratto si riprende ad arrampicare con passi intorno al secondo, principalmente placche appoggiate, la roccia è buona, ma le prese per le mani non sempre sono comode.
20200904_121230.jpg

Qui troviamo una serie di soste nuove a spit ed anello di calata, saranno cinque.
20200904_121235.jpg

I primi due tratti sono agevoli, dal terzo le difficoltà aumentano, in un punto ravaniamo un po', prima andiamo a sx, poi proviamo al centro e ci incartiamo in una fessura, dopo un po' di tentennamenti andiamo avanti.
Superate le placche aggioggiate si sono due saltini divertenti, un passo del gatto e si sbuca su una cengia, qui vista dall'alto.
20200904_134359.jpg

Siamo in vetta, Serena che arriva all'ultima sosta dopo la cengia.
20200904_134933.jpg

La croce di vetta
20200904_135204.jpg

In cima altre cordate salite per diverse vie di arrampicata.
Qualche panorama
20200904_135207.jpg


20200904_141832.jpg


20200904_141834.jpg

Il Gran Paradiso
20200904_141837.jpg

Mangiamo qualcosa e poi iniziamo la discesa.
La prima calata è la più impegnativa, ma dopo qualche problema di set up, la superiamo.
20200904_145202.jpg

La seconda e la terza sono agevoli, a parte il topo che ha rubato il discensore a @eleutheria :help:
Per fortuna lo ritroviamo :biggrin:
20200904_160005.jpg

La 4a e la 5a, non ci caliamo ma usiamo la doppia come corda fissa per guadagnare tempo.
20200904_160225.jpg

Ci caliamo ancora sul tratto strapiombante prima del colletto.
La discesa dal colletto dei Becchi è più agevole della salita, dall'alto le tracce sono più evidenti,
20200904_173124.jpg

Ma comunque passato il tratto difficile ci perdiamo anche al ritorno e dovremo fare una divagazione per riprendere il sentiero.
Il sentiero è lungo interminabile come sempre in discesa.
Arrivati al rifugio prendiamo una birra velocissima e poi via alla macchina.

Che dire gita ravanosa e impegnativa le gradazioni delle relazioni sono un po' strettine, è decisamente più difficile di molte altre PD effettuate; se non si conosce bene la via si perde molto tempo nella salita al Colletto e anche dopo, le doppie rendono lunga la discesa, insomma una gita tribolata :lol:.

Anche questa non la ripeterò :p

Comunque grande soddisfazione insieme all'ottima compagnia, in un ambiente selvaggio e spettacolare.
 
Ultima modifica:
Dati

Data: 04/09/2020
Regione e provincia: Piemonte - TO
Località di partenza: Diga di Teleccio [1917 m]
Località di arrivo: Diga di Teleccio [1917 m]
Grado di difficoltà: PD
Descrizione delle difficoltà: passaggi di II e III
Periodo consigliato: Estate
Segnaletica: Tacche bianco-rosse, ometti
Dislivello in salita: 1.443 m
Dislivello in discesa: 1.443 m
Quota massima: 3.360 m
Accesso stradale: arrivati alla diga di Teleccio parcheggiare la macchina

Descrizione

Un altro conto è stato chiuso, gita molto faticosa e impegnativa con @MOWGLI e @eleutheria, d'altronde nomen omen, ma di grande soddisfazione.

Si parte dal Lago di Teleccio, prendiamo il sentiero che passa per il rifugio Pontese, il primo tratto sale a rapidi tornanti, si vede già la nostra meta, un'imponente piramide rocciosa.
Vedi l'allegato 212514
In breve raggiungiamo il rifugio Pontese (2.217 m)
Vedi l'allegato 212515
da qui un tratto quasi in piano attraversando pratoni, la meta è sempre là che ci guarda.
Vedi l'allegato 212516
Il sentiero è ben tracciato fino a qua arriviamo in prossimità del colletto dei Becchi.
Vedi l'allegato 212517
Il fondo si trasforma in immonda pietraia, il sentiero finisce e non è chiara la via migliore, finiamo in una zona dove si muove di tutto ad ogni passo.
Vedi l'allegato 212518
Questo ravanamento ci fa perdere tempo, ma finalmente la pietraia finisce e arriviamo in prossimità del colletto
Vedi l'allegato 212519
Ultimo tratto per sfasciumi e finalmente raggiungiamo il colletto a 3.167 metri.
Vedi l'allegato 212520
Qui inizia la parte arrampicatoria, ci mettiamo l'imbrago, il casco e ci leghiamo in cordata e procediamo in conserva.
Davanti a noi l'ultima parte di salita.
Vedi l'allegato 212521
C'è un primo saltino leggermente strapiombante (corda fissa), poi bisognerebbe andare a destra , noi invece sbagliamo strada e andiamo dritti e c'infiliamo in un tratto delicato, che superiamo.
Segue un tratto "camminabile", con qualche ometto qua e là.
Vedi l'allegato 212522
In realtà non ce ne sono molti e non si è mai sicuri di essere sulla strada giusta.
Superato questo tratto si riprende ad arrampicare con passi intorno al secondo, principalmente placche appoggiate, la roccia è buona, ma le prese per le mani non sempre sono comode.
Vedi l'allegato 212523
Qui troviamo una serie di soste nuove a spit ed anello di calata, saranno cinque.
Vedi l'allegato 212524
I primi due tratti sono agevoli, dal terzo le difficoltà aumentano, in un punto ravaniamo un po', prima andiamo a sx, poi proviamo al centro e ci incartiamo in una fessura, dopo un po' di tentennamenti andiamo avanti.
Superate le placche aggioggiate si sono due saltini divertenti, un passo del gatto e si sbuca su una cengia, qui vista dall'alto.
Vedi l'allegato 212525
Siamo in vetta, Serena che arriva all'ultima sosta dopo la cengia.
Vedi l'allegato 212526
La croce di vetta
Vedi l'allegato 212527
In cima altre cordate salite per diverse vie di arrampicata.
Qualche panorama
Vedi l'allegato 212528

Vedi l'allegato 212529

Vedi l'allegato 212530
Il Gran Paradiso
Vedi l'allegato 212531
Mangiamo qualcosa e poi iniziamo la discesa.
La prima calata è la più impegnativa, ma dopo qualche problema di set up, la superiamo.
Vedi l'allegato 212532
La seconda e la terza sono agevoli, a parte il topo che ha rubato il discensore a @eleutheria :help:
Per fortuna lo ritroviamo :biggrin:
La 4a e la 5a, non ci caliamo ma usiamo la doppia come corda fissa per guadagnare tempo.
Vedi l'allegato 212534
Ci caliamo ancora sul tratto strapiombante prima del colletto.
La discesa dal colletto dei Becchi è più agevole della salita, dall'alto le tracce sono più evidenti, Vedi l'allegato 212535
Ma comunque passato il tratto difficile ci perdiamo anche al ritorno e dovremo fare una divagazione per riprendere il sentiero.
Il sentiero è lungo interminabile come sempre in discesa.
Arrivati al rifugio prendiamo una birra velocissima e poi via alla macchina.

Che dire gita ravanosa e impegnativa le gradazioni delle relazioni, è decisamente più difficile di molte altre PD effettuate; se non si conosce bene la via si perde molto tempo nella salita al Colletto e anche dopo, le doppie rendono lunga la discesa, insomma una gita tribolata :lol:.

Anche questa non la ripeterò :p

Comunque grande soddisfazione insieme all'ottima compagnia, in un ambiente selvaggio e spettacolare.
Io la ripeterò invece, Kima ti aspetto!
 

Discussioni simili



Alto Basso