Bivaccare in inverno. Che si fa?

Questo è stato il primo anno in cui mi sono dato (con una buona frequenza e regolarità) al bivacco in tenda
Mi è piaciuto molto, ma ora l'autunno segna la fine della pacchia. Anche perchè a me piace andare in montagna anche a quote superiori ai 1500.
Immagino che per prima cosa dovrò stare a quote più basse.

So che qui ci sono pazzi furiosi :) che bivaccano in tenda anche con parecchi gradi sotto lo zero, quindi non mi soffermerò tanto sulla questione temperature... non perchè per ne non siano un problema (anzi) ma perchè so che non verrei compreso :D :D :D :D

Vorrei invece chiedervi: quando le giornate si accorciano cosa fate quando va via il sole e ,permettetemelo, la temperatura si abbassa di botto?
Andare a letto come le galline non mi va.
In estate ,dopo aver "cenato", sto lì inebetito a contemplare il panorama o le stelle in compagnia di mezzo di rosso e un toscanello, oppure faccio foto notturne con la reflex, ma in inverno stando fermo viene freddo.

Temo di beccarmi una fraccata di freddo, prima di infilarmi nel saccoapelo.

Pensavo di optare per bivacchi con camino ben riforniti di legna (come fosse facile...), ma se poi devo stare chiuso in una struttura.... :(
Insomma, che si fa da soli nei boschi nelle lunghe e gelide serate invernali?
 
Se c'è il fuoco, il problema non si pone: sono stato tante volte sotto il cappuccio ampio di un pino cembro, con la neve tutto intorno, accaanto ad un bel fuocherello a chiacchierare.
Se non c'è il fuoco, beh.....è un pò più dura passare il tempo fuori....
 
a me già sembrano infinite le ore passate nella tenda d'estate, figurati d'inverno...

personalmente ti proporrei di continuare a muoverti col buio e montare la tenda col buio (in pratica fare come d'estate, solo che il sole va giù prima), ovvio che è comodo avere la frontale e carica :biggrin:

poi comunque mi sa che c'è poco da fare e anche per sicurezza (l'incidente può sempre succedere) bisogna portarsi molti più vestiti e il sacco a pelo invernale e ci si muoverà più lentamente anche per il peso in più e perchè è importante sudare meno possibile

sennò e-reader tipo il kindle e leggi nel sacco a pelo

comunque se devi stare dietro ad una nevicata mediamente intensa e liberare la tenda per evitare che collassi stai tranquillo che non ti annoi... :woot:
 
Ultima modifica:
Se non sbaglio l'argomento è già stato affrontato
Forse si parlava di quando piove.
Sembrerebbe la stessa cosa, invece non lo sono sempre. Trovo che la pioggia sia anche peggio.
--- Aggiornamento ---

Si penso che cercherò di camminare fino a tardi, quindi partirò più tardi, con luci ben cariche e sceglierò sentieri larghi e agevoli.
Penso che dovrò anche scegliere un bivacco con camino (e andarci di passaggio anche qualche settimana prima per accumulare legna in un posto riparato dalla pioggia).
 
Come già detto, se c’è il fuoco è come avere la televisione, anzi meglio e oltre a fare compagnia e scaldare, ti tiene impegnato.

Altrimenti ascesa in notturna, cena più tardi poi sacco e Netflix sullo smartphone, con qualche serie o film scaricati preventivamente casomai non ci fosse segnale.

PS se il bivacco ha il camino, tendenzialmente avrà già anche la legna (che non ci arriva da sola per magia quindi come buona regola lasciare un obolo).
 
Gli approcci sono due: in solitaria o in compagnia.

In solitaria, devi essere predisposto ed allenato a convivere con la solitudine e con te stesso.
Personalmente, mai fatto in inverno.

In compagnia, non c'è problema, perchè nei campi invernali fatti con altre persone si è sempre chiacchierato la sera davanti al fuoco come d'estate, aiutati in più da qualche cordiale :biggrin:
 
libro e musica. di solito poi la percezione del tempo è completamente diversa. alle 9 sembrano già le 2 del mattino :lol::lol:.
Comunque a me il problema si pone anche in estate perchè tutte le dinamiche della giornata ruotano attorno alla luce.
 
Io la chiamo televisione perché è molto di più di un semplice fuoco. Oltre a darti una mano nel soddisfare i tuoi bisogni primari legati al calore ed alla preparazione del cibo, è un rilassante naturale con effetti ipnotici. Il guardarlo, ascoltando il crepitio e respirandone gli odori di resine e di braci a me aiuta a pensare e ti ripaga della fatica che hai fatto per arrivare fin dove sei arrivato per accenderlo.
 
Alto Basso