Escursione Bivacco Feltre - Piz de Sagron (vetta mancata)

A

Andreatv

Guest
#1
Parchi del Veneto
Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
Dati

Data: 27-06-2014
Regione e provincia: Veneto, Belluno
Località di partenza: Parcheggio Albergo Boz (640 m), Val Canzoi
Tempo di percorrenza: 10 ore e 35 minuti, soste comprese (4 ore per il bivacco, 2 ore per la cima e il ritorno al bivacco)
Chilometri: 27,5 km
Grado di difficoltà: EE, I, II
Descrizione delle difficoltà: lunghezza, dislivello, orientamento per la cima, passaggi attrezzati ed esposti, II su roccia, molti canaloni innevati da attraversare
Periodo consigliato: Estate
Segnaletica: 806, 801 (Altavia n.2), 811, tutti perfettamente segnalati
Dislivello in salita: 2120 m
Dislivello in discesa: stesso
Quota massima: 2380 m
Accesso stradale: si supera Feltre in direzione Cesiomaggiore per qualche km, si seguono sulla sinistra le indicazioni Val Canzoi, la si percorre tutta fino al parcheggio dell' albergo (non è possibile andare oltre)


Descrizione

E finalmente dopo un mese e mezzo ci si rimette gli scarponi, per un giro che avevo in mente da parecchio tempo (1 anno :biggrin:) ma che ho sempre dovuto rinviare.
Dal parcheggio si supera l'albergo e si prende una strada bianca che porta sulla diga del lago della Stua, si può salire anche per la strada asfaltata, leggermente più lunga.

14542411053_8da6c5de4a_c.jpg


Si va a sinistra dove c'è un bivio.

14521360964_26a628c4bd_c.jpg


Seguo a destra il sentiero 806 che costeggia tutto il lago per comoda strada pianeggiante, ottima per riscaldamento. Quella che arriva da sinistra è quella che farò per la discesa.
Superato il lago si inizia a salire a fianco del torrente Caorame che attraverserò più volte.

14336316987_afde44418a_c.jpg


Si continua a salire finchè finisce il bosco

14336136579_8fb654e98b_c.jpg


14522273415_894796326f_c.jpg


14336242957_5644755db6_c.jpg


e si vedono gli effetti del nevosissimo inverno

14336128699_6f47ee52af_c.jpg


14336272077_234d755c60_c.jpg


14336058990_fa186f2a61_c.jpg


14336034180_aba17dc0dd_c.jpg


14522659865_849074b82a_c.jpg


14542817923_7fa49f3f48_c.jpg


Compare finalmente il Bivacco Feltre Bodo, piccolo in centro foto

14336204237_bdf5ac5aa3_c.jpg


Si raggiungono i prati di Casera Cimonega (1630 m circa), sempre attraversando i ruscelli che arrivano da tutte le direzioni

14336186417_37f03da79d_c.jpg


14522592185_354fe5a9b8_c.jpg


14542764223_86ec483404_c.jpg


14335983099_f302bbea6e_c.jpg


Si continua a salire fino alla fine del 806 che si immette nel 801 (altavia n.2). Si va a destra e in poco tempo si raggiunge il Bivacco Feltre Bodo (1930 m). La struttura piccola ha 4 posti letto e un piccolo tavolino, quella grande 15 posti letto e due tavoli con altrettanti posti a sedere.

14519178181_66aab56a47_c.jpg


14519171241_27f6c5e64a_c.jpg


14335901930_1a9e3c3e78_c.jpg


14542664383_04aba79dae_c.jpg


14521104304_d0cbd32518_c.jpg


Dal Bivacco si sale verso nord, per guadagnare la vetta del Piz de Sagron si sale per circa 500 metri di quota. Il sentiero c'è solo in alcuni tratti, la direzione da seguire è data dai segni biancorossi. La storia non è però tanto semplice.

14499426026_f9c551f8ff_c.jpg


14522499405_bd99e341a3_c.jpg


14542593103_a365361e40_c.jpg


In qualche modo riesco ad arrivare ai piedi del Piz (è la seconda vetta più alta del gruppo, 2456 m), la salita per la vetta è classificata come grado I, I+, l'attacco invece sono 4 metri di II grado

14335860729_0d6415f501_c.jpg


A circa 100 metri dalla vetta inizia a piovere-grandinare-nevicare, un casino. Inevitabile la "rapida" ritirata prima che la roccia si bagni troppo. Peccato, ritorno al bivacco Feltre.
Un breve video, fatto ai piedi del Piz, mentre scendo, ravanando alla ricerca delle impronte lasciate in salita

https://www.flickr.com/photos/andreamondin/14335870098/

Raggiunto il bivacco riprendo il sentiero 801 (altavia), direzione Passo di mura, lasciando sulla sinistra l' 806 e l' 806bis.
E' abbastanza impegnativa l' altavia, oscilla tra i 1800 e 2000 metri di quota con ripidi saliscendi, tratti attrezzati e una decina di canali innevati da attraversare.

14542511043_deb032e38b_c.jpg


14518987721_2d35687486_c.jpg


14335696410_5e1fbe8ffa_c.jpg


14522329085_ee04410bfb_c.jpg


La malga Alvis, sullo spiazzo d'erba in centro foto, dove passerò più tardi.

14335906007_c74c83f29c_c.jpg


Resta da affrontare l'ultima parte dell' altavia, che sale verso sinistra e mi porterà prima al Passo di Mura (a destra della punta tutta a sinistra in foto) e poi, aggirando la punta, al Passo Alvis.

14335669999_0b83476c76_b.jpg


Raggiunto il Passo di Mura (1867 m) si tiene la sinistra e in pochi minuti si arriva al Passo Alvis (1881 m). Da qui si può scendere anche passando per il Rifugio Boz, ma poi bisogna risalire la strada asfaltata della Val Canzoi, e non ne ho la minima intenzione, quindi giù per Malga Alvis (1573 m), sentiero 811.

14335718199_1701b2c04b_c.jpg


14522306065_0b8669044f_c.jpg


14335704819_9f4d8d030c_c.jpg


Questa è una vecchia stalla che ora funge da bivacco.
Un ultimo sguardo alle nuvole malefiche, che tanto mi hanno fatto ravanare nei nevai e poi giù nel bosco seguendo sempre l'811, che porta al Lago di Stua.

14520820444_7aca7023c3_c.jpg
 

Allegati

Ultima modifica di un moderatore:
A

Andreatv

Guest
#2
Insomma, 10 ore e mezza di cammino in solitaria, un ragazzo incontrato due ore dopo la partenza e poi più anima viva, solo tanti tanti camosci e uccellacci.
Peccato per la vetta mancata, ma pazienza, da li non si muove. Me ne posso anche tornare a casa ben appagato.

14522736575_a8cb39100f_c.jpg


14521516972_5b420b5129_c.jpg


14521447722_817236567b_c.jpg


14499215186_34561494de_c.jpg


14542440883_a8e5d19b54_c.jpg


14520897364_f3a1f977f7_c.jpg


Altre foto qui: https://www.flickr.com/photos/andreamondin/sets/72157645393029302/

Alla prossima.

:)
 

Allegati

#4
Ciao complimenti bellissima escursione.
Con l'occasione vorrei farti una domanda, il bivacco e la malga sono sempre aperti oppure occorre chiamare avvertire chiedere ecc. ?:mumble:
 
#5
Bel giro in un angolo appartato e severo delle dolomiti bellunesi.
Mi ricordo che solenne visione del massiccio si godeva dalla vicina Gosaldo in cui pernottai qualche giorno dell'ormai lontana estate 2009
 
#6
Grandissimo Andrea, questa si che è un'escursione! Complimenti per aver affrontato un dislivello del genere ed aver saputo scendere al momento opportuno, la vetta sarà per la prossima! Belle foto!! :)
 
A

Andreatv

Guest
#7
orco boia che uscita! :si:

i posti e le foto manco li stò a commentare , complimenti per la faticata , non è da tutti
Grazie per l'apprezzamento ;)


Ciao complimenti bellissima escursione.
Con l'occasione vorrei farti una domanda, il bivacco e la malga sono sempre aperti oppure occorre chiamare avvertire chiedere ecc. ?:mumble:
Ciao, i due bivacchi sono sempre aperti, la malga penso sia sempre chiusa, io non l'ho mai trovata aperta e in tutte le foto che ho visto era chiusa.
Qui l'interno del bivacco, la foto è presa da internet

Val-Canzoi-Passo-Finestra-Rifugio-Boz-Malga-Alvis-F28.jpg



Bel giro in un angolo appartato e severo delle dolomiti bellunesi.
Mi ricordo che solenne visione del massiccio si godeva dalla vicina Gosaldo in cui pernottai qualche giorno dell'ormai lontana estate 2009
Beh si Gosaldo è proprio sotto!! Sei andato a vedere le miniere e California?


Grandissimo Andrea, questa si che è un'escursione! Complimenti per aver affrontato un dislivello del genere ed aver saputo scendere al momento opportuno, la vetta sarà per la prossima! Belle foto!! :)
Grazie Riccio :D

:)
 

Allegati

Ultima modifica di un moderatore:
A

Andreatv

Guest
#12
mmmmh no, l' "alta via degli eroi" è quella che attraversa il massiccio del Grappa (la numero 8 ), questa viene chiamata "via delle leggende".
Zecche manco una ;)

:)
 
#15
dislivello notevole,improvvisazione,passaggi su roccia di II..direi che ci sono tutti gli ingredienti affinche' questa venga considerata comunque una bella avventura,indipendentemente dalla vetta o meno. Mi piace il tuo modo avventuroso di andare in montagna
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto