Bushcraft, la mia buona medicina

Ciao Gentagliaaaaa! :biggrin:

E’ davvero molto tempo che non mi appresto a scrivere un report di qualche uscita, ma complice anche @Wombat eccomi quà.
Lo scorso weekend, con un pò di amici, ho trascorso due giorni davvero belli e rilassanti, fra risate ed attività varie, così ho deciso di condividere con voi alcune foto di questa scorribanda boschiva.

La sera prima lo zaino è pronto, mi aspettavo qualche grado sopra lo zero per la notte, ed ho optato per combinare il mio helikon tex swagman roll in modalità sacco a pelo estivo, e la mia vecchia coperta militare di lana, così che quest’ultima, sistemata esternamente, mi avrebbe protetto tanto dal vento quanto soprattutto dall’umidità.
1668802386706.jpg




1668802386712.jpg



Si parte alla buon ora, punto di ritrovo con alcuni dei ragazzi (altri ci raggiungeranno in seguito), e si va, alla volta del bosco! :)


03.jpg



03A.jpg


Passo felpato, qualche chiacchiera durante la breve marcia, ma l’impressione che ho è che ognuno di noi non veda l’ora di immergersi sotto le verdi fronde della foresta di abeti, lasciandosi alle spalle I paesaggi caleidoscopici delle foreste miste in pieno foliage.


Infatti sono le mie narici ad avvisarmi per prime, la resina ed il suo profumo inconfondibile mi eccitano, e finalmente si arriva al campo.

Siamo una decina o poco più, ed altri 3 amici ci raggiungeranno nelle prossime ore, da chi è al mio fianco da anni si alternano amici con un pò di notti in meno trascorsi nel bosco, fino a qualche ragazzo che si sta affacciando da poco al mondo del bushcraft.

Decido così di dividerci in alcuni gruppi per diverse attività, ma la priorità, come sempre, è preparare I bivacchi per la notte.

Ne approfitto per mostrare, assieme al mio amico Andrea, un po' di diversi setup e le loro peculiarità.


04.jpg



05.jpg


Andrea svuota lo zaino e ne mostra/spiega il contenuto. Sembra un attività banale ma è davvero didattica per chi è meno pratico.


06.jpg


C’è già chi freme per tirare un pò con l’arco, ma per quello c’è tempo..

07.jpg


Seconda priorità, legna per il fuoco.

Luca seziona alcuni pali col suo tomahawk


08.jpg


Io utilizzo la mia hultafors hunting axe, per campi invernali la trovo insostituibile, davvero versatile e funzionale.


09.jpg


Mi faccio dare il cambio da Enrico…


10.jpg


Ma solo per provare un po' un wander tactical Uro rubato ad un amico :sleep:


11.jpg


Via via la legna va sezionata sempre più sottile, dato che a breve si farà un po' di pratica nell’accensione del fuoco, ed ognuno ne avrà bisogno.


12.jpg


Sempre un bel momento per testare lame..


13.jpg



14.jpg

Inutile negarlo, quando si fa legna accette e coltelli sono divertenti da usare, ma la regina è sempre lei.


15.jpg

E’ l’ora di accendere un alcuni fuochi

15A.jpg


La tecnica del one stick fire è quella che prediligo, si utilizza un singolo ramo da convertire in esca, nel mio caso creo dei riccioli (feather stick) da innescare con l’acciarino, per questa dimostrazione ho chiesto il coltello ad un amico, Francesco Antonino alias FraXknives, un giovane artigiano di Rimini, che forgia bellissimi coltelli, utilizzo il kraken, un camp knife grande e cattivo quando serve, ma anche capace di far risaltare le sue ottime doti di taglio

16.jpg



17.jpg


Tocca anche ai ragazzi, che uno dopo l’altro accendono il proprio fuoco

18.jpg



19.jpg


20.jpg


21.jpg


22.jpg


C’è tempo anche per giocare con un po' di fatwood e corteccia di betulla

23.jpg


Raggiungo Luca che, con qualche altro amico al seguito, è andato a fare legna, cercando lunghi pali per realizzare una struttura sopraelevata.

24.jpg


Non mi importa se ti chiami Mike Tyson o Papa Francesco, se mi sbatti il culo davanti te lo schiaffeggio!

25.jpg


Iniziano I lavori per realizzare un bivacco sopraelevato, a circa un metro e venti da terra.


26.jpg


27.jpg


Si fa sera molto presto, e gettando l’occhio fuori dal bosco, la natura ci dona un tramonto da togliere il fiato e, probabilmente, è lo stesso che sta guardando @Wombat , qualche vallata più in là..

27A.jpg


Raggiungo Andrea che sta raccogliendo alcune erbe per l’infuso, assieme raccogliamo menta, melissa, pulmonaria, achillea, malva, e non ricordo che altro…

27B.jpg


Si da inizio alla cena, Bruce fa partire una bella torcia svedese per cuocere delle castagne

28.jpg


Aah...adoro questa fase delle uscite, dove da ogni zaino non sai che ne uscirà, ma sai che la fame, il miglior condimento che si può trovare nel bosco, renderà tutto buono e saporito!


29.jpg



30.jpg


Cuocio la mia carne poggiandola direttamente sulle braci


31.jpg


Luca taglia la sua picanha, uno spettacolo!


32.jpg


33.jpg


Poi tutti a dormire, la notte è stata molto più calda di come avevo previsto, la minima ha segnato 7 gradi, credo che nessuno abbia avuto freddo.



Mattina con cielo coperto ed un po' di nebbia, si seziona un po' di legna fatta il giorno prima, Luca utilizza 3 bastoncini per sostenere I rametti che accende con un fiammifero.

34.jpg



35.jpg


Un particolare dello zaino di Luca, foto fatta in tarda mattina, per farvi capire che per stare bene in natura, anche in inverno, non c’è bisogno di portarsi chissà cosa..

36.jpg


Bene, ricominciamo a divertirci con un po' di attività.



La typha latifolia (o coda di gatto, stiancia, mazzasorda etc etc) è una delle mie piante preferite, dai mille e mille usi

37.jpg



Ne chiacchieriamo un po', accendiamo con una scintilla le infiorescenze finissime, utili anche come materiale isolante


38.jpg

Assaggiamo un po' di rizomi e intrecciamo qualche metro di corda con le foglie (se ne vede un po' nella foto sopra)

39.jpg


L’utilità della typha è enorme e molte cose sono state dette, ma non è solamente una pianta salva vita..



La sera prima, davanti al fuoco, ho fatto una bambola di typha, tipica dei nativi americani

40.jpg


E’ piaciuta particolarmente, così, con Alessia, Federica ed Ylenia, ci siamo cimentati anche in questo divertente passatempo.

Basta creare una base, moto semplice, e poi aggiungere dettagli…

41.jpg


C’è la mia donnina con grembiule e scopa, un samurai, un bambino, una contadina con braccia conserte, ed una ballerina.
E’ possibile aggiungere dettagli solo con la fantasia, qui sotto, Alessia ha aggiunto dei capelli rosa alla sua ballerina con un fiore, mentre Ylenia un bel mazzo di fiori


42.jpg

Ora si può tirare con l’arco…

43.jpg


Ma non solo.

Raccogliamo un po' di vitalba ed iniziamo ad intrecciare un cesto improvvisato.

44.jpg



45.jpg

Creato il telaio, si procede ad intrecciare la vitalba più sottile e flessibile.


46.jpg


Chiudiamo il manico con delle fibre intrecciate di typha



47.jpg


Il lavoro ultimato è davvero davvero improvvisato, sarebbe stato necessario selezionare meglio la materia prima, decorticarla, farla esiccare e tenerla a bagno prima dell’utilizzo...ma anche questi lavori improvvisati senza alcuna preparazione mi piacciono comunque, purché il risultato finale sia funzionale, ed il cesto, nonostante un po' troppo pesante a causa della vitalba verde, era funzionale.

Proseguono I lavori per il bivacco rialzato, ma trovare I pali del giusto diametro e giusta lunghezza non è facile.

48.jpg


49.jpg


50.jpg


51.jpg



Lo abbiamo lasciato a metà, lo ultimeremo prossimamente.



Un minimo di nozioni di primo soccorso, qui l’applicazione di un tourniquet.

52.jpg



Luca ha preparato un altra piccola torcia svedese

53.jpg



54.jpg


Non solo cucchiai e spiriti dei boschi, Bruce si è divertito ad intagliare un plug-in :lol:


55.jpg

Anch’io ho giocato un pochino col mio Rewilder (QUI c'è la recensione), qui stavo facendo uno spirito dei boschi lasciato poi a metà

56.jpg



57.jpg

La Domenica mattina è sempre un bel momento dove si gode di tanto relax e convivialità, e noi di certo non ci facciamo mancare questi momenti..

58.jpg


Come di consueto, la foto di gruppo è questa:


59.jpg


Ma, lentamente, c’è chi saluta e si avvia verso casa, pian piano gli oggetti lasciati qua e là vengono raccolti e rimessi negli zaini, il campo si ripulisce…


60.jpg

Restiamo in 5 per un oretta, tergiversiamo per rientrare, ma la pioggia ci sprona ad andare..

un ultimo selfie.

61.jpg


Fissiamo in alto il cesto in vitalba con dentro il plug-in ed un mega dildo, chissà se qualcuno lo troverà e si impegnerà per tirarlo giù immaginando di trovarci chissà quale tesoro, e chissà che faccia avrà nello scoprire il contenuto! :poke::poke::poke:

62.jpg



Poi è davvero ora di andare, sollevo il mio Savotta e me lo carico in spalla, stringo le cinghie, alzo il cappuccio della mia swanndri bush shirt per ripararmi dalla pioggia (recensione QUI), saluto il mio amato bosco con un deciso arrivederci, e ci muoviamo alla volta delle macchine.


Disintossicante, rilassante, drenante, purificante...per me vivere il bosco in questo modo è tutto questo e molto di più, una buona medicina appunto, e credetemi, non ha effetti collaterali (a parte un pò di dipendenza!)


63.jpeg









(Le attività sono state svolte in un area privata, col permesso dei proprietari, il fuoco ben circoscritto ed utilizzato solo per cucinare, e con una o più persone a vigilarlo in ogni momento. Non sono state tagliate piante verdi o senza il permesso dei proprietari)
 
Bellissimo racconto.



Per il tiro con l'arco vedo un arco scuola a basso libbraggio, quindi immagino che sia una pratica recente.
Se vuoi aumentare il livello di tiro ti consiglio di cercare un Hoyt Game Master, il miglior tekedown commerciale che abbia mai provato.

È comodo da trasportare, il take down non è mio, e personalmente preferisco tirare con dei longbow monolitici, ma questi sono tutt'altro che pratici da trasportare.
che zona e'???
Fra Romagna e Toscana
 
Ultima modifica:
È comodo da trasportare, il take down non è mio, è personalmente preferisco tirare con dei longbow monolitici, ma questi sono tutt'altro che pratici da trasportare.
Appena arrivo a casa ti metto una foto di un mio arco longbow in legno che ha la caratteristica di dividersi in due pezzi ed essere trasportato direttamente dentro la faretra attaccata allo zaino.
Poi, una volta agganciate le due parti, è indistinguibile da qualsiasi altro monolitico.
Il Game Master, invece, lo trasporto dentro lo zaino.
--- ---

Appena arrivo a casa ti metto una foto di un mio arco longbow in legno che ha la caratteristica di dividersi in due pezzi ed essere trasportato direttamente dentro la faretra attaccata allo zaino.
Poi, una volta agganciate le due parti, è indistinguibile da qualsiasi altro monolitico.
Il Game Master, invece, lo trasporto dentro lo zaino.
Ecco com'è fatto:
DSC_1192_copy_1238x2201.jpg
DSC_1193_copy_1238x2201.jpg
DSC_1194_copy_1238x2201.jpg
DSC_1195_copy_1238x2201.jpg
 
Ultima modifica:
Appena arrivo a casa ti metto una foto di un mio arco longbow in legno che ha la caratteristica di dividersi in due pezzi ed essere trasportato direttamente dentro la faretra attaccata allo zaino.
Poi, una volta agganciate le due parti, è indistinguibile da qualsiasi altro monolitico.
Il Game Master, invece, lo trasporto dentro lo zaino.
--- ---


Ecco com'è fatto:
Vedi l'allegato 242197 Vedi l'allegato 242198 Vedi l'allegato 242199 Vedi l'allegato 242200

Ingegnoso...

Ma l'hai fatto tu oppure è un tipo di arco disponiblile in commercio?
 
Corso di Orientamento
Alto Basso