Cammino con bamini

Cari tutti
come molti, vedo i miei figli studiarmi perplessi ogni volta che apro una mappa, navigo su internet o apro al corriere amazon: “ma che, fai un altro viaggio?”. In realtà sono fortunato perché il piccolo (8) è venuto qualche volta con me nel bosco a montare il tarp per gioco e camminare e il grande (12) si è iscritto con me al CAI ed ha fatto tre uscite, di cui una un pò più impegnativa di due giorni....
Morale della favola, sto pensando di proporre a tutta la famiglia (quindi anche alla moglie) un cammino insieme. L'idea di massima, per tenerlo commisurato al passo del piccolo (che è un tombino di ghisa e non ha un grande equilibrio!), è:
- un cammino di 4 giorni;
- max 10-12 km/giorno;
- evitare salite e discese impegnative e fondi difficili;
La zona di riferimento idealmente Lazio, ma si può fare anche regioni limitrofe, in particolare Toscana, Umbria e Abruzzo.

suggerimenti?
grazie
 
C'è il video di questa simpaticissima ragazza che ti potrebbe essere utile. Anche tutti gli altri suoi video sono molto interessanti.
 
La parte in toscana del Sentiero delle Foreste Sacre? No fondi difficili, dislivello moderato, max 12km al giorno.
Io l'ho fatto l'anno scorso, secondo me è adatto a un bambino.
 
La parte in toscana del Sentiero delle Foreste Sacre? No fondi difficili, dislivello moderato, max 12km al giorno.
Io l'ho fatto l'anno scorso, secondo me è adatto a un bambino.
Grazie :) sembra una ottima proposta.:si: Ci medito e poi vi sarò sapere...magari può interessare anche ad altri
 
Riapro questa discussione perché ho convinto mia moglie a “tentare” la carta del cammino in famiglia. Vorremmo partire verso la fine di marzo approfittando dei suoi ultimi giorni di congedo per maternità. Ho due bimbi, la grande ha quasi 4 anni, il piccolo al momento della partenza avrà circa 7 mesi.

Siamo entrambi abituati a camminare molto perciò non ci spaventano le lunghe distanze purché compensate da dislivelli moderati, considerando che avemmo una discreta zavorra da trasportare :biggrin:

Conditio sine qua non: ogni tappa deve avere un approdo in B&B o comunque in struttura ricettiva attrezzata con letto e materasso.
Durata del cammino una settimana al massimo.

Cammini di cui ho sentito parlare (ma non ho approfondito la loro fattibilità con bimbi piccoli): Cammino dei Borghi Silenti, parte della Francigena Toscana, parte della Via di Francesco, Cammino dei Briganti.

Qualcuno che ha percorso uno di questi itinerari e sa dirmi se, in base alla propria esperienza, sono percorribili con due zaini portabimbo e una ventina di chilogrammi di carico?
Qualcuno che invece si sente di avanzare altre proposte?
 
Ma pensate di portare entrambi i bimbi in spalla,come fate allora a portare anche i vostri zaini ?
Con un po’ di organizzazione e due zaini portabimbo di qualità si riesce a trasportare il necessario nel vano di carico dello zaino stesso...Ho visto persone fare delle intere AV dolomitiche con i bimbi in spalla.
 
Ultima modifica:
Io ha fatto il Cammino dei Briganti. Fattibilissimo. A tratti noiosetto. Alcune varianti: la tappa più bella è la.salita al Lago della Duchessa ma il dislivello si accusa nel tuo caso, qui di forse eviterei. Inoltre alla tappa a sud da Rosciolo alle Crete hai due opzioni: quella che passa per Scursola (che ho fatto: brutta ma semplixe) o quella per Sorbo (che no ho fatto: credo piu bella ma con piu dislivello).
Se interessa si può fare anche con asini porta-bimbi: interessante, diversamente complessa.
 
Cari tutti
come molti, vedo i miei figli studiarmi perplessi ogni volta che apro una mappa, navigo su internet o apro al corriere amazon: “ma che, fai un altro viaggio?”. In realtà sono fortunato perché il piccolo (8) è venuto qualche volta con me nel bosco a montare il tarp per gioco e camminare e il grande (12) si è iscritto con me al CAI ed ha fatto tre uscite, di cui una un pò più impegnativa di due giorni....
Morale della favola, sto pensando di proporre a tutta la famiglia (quindi anche alla moglie) un cammino insieme. L'idea di massima, per tenerlo commisurato al passo del piccolo (che è un tombino di ghisa e non ha un grande equilibrio!), è:
- un cammino di 4 giorni;
- max 10-12 km/giorno;
- evitare salite e discese impegnative e fondi difficili;
La zona di riferimento idealmente Lazio, ma si può fare anche regioni limitrofe, in particolare Toscana, Umbria e Abruzzo.

suggerimenti?
grazie
ho letto con interesse , ma lascio la parola agli altri perche' son lombardo e non saprei cosa consigliarti ... bella iniziativa e buon giro ;)
 
Visto i report specifico che ho trovato qui sul forum, interrogo @mezcal , @southrim e @cross per avere una loro opinione riguardo alla fattibilità del Cammino dei Borghi silenti con due bimbi piccoli (in spalla).
la mia esperienza del Cammino è di agosto 2020, in coppia di una trekker woman ben allenata, abbiamo seguito il percorso in cinque giorni nel suo giro più ampio, avvertendo il forte caldo del periodo e senza un particolare peso degli zainetti. Unici tratti più duretti sono state due ripide salite tra l'altro non particolarmente lunghe, per cui scegliendo un periodo meno torrido è fattibile concludere il Cammino con bimbi in spalla da parte di gran papà ;) amorevolmente generosi ed allenati.
 
Visto i report specifico che ho trovato qui sul forum, interrogo @mezcal , @southrim e @cross per avere una loro opinione riguardo alla fattibilità del Cammino dei Borghi silenti con due bimbi piccoli (in spalla).
E' un cammino che ha comunque il suo dislivello e i suoi tratti scoscesi, soprattutto da Melezzole a Scoppieto (seconda e terza tappa).
Ma è pur vero che essendo un cammino circolare, esistono delle scorciatoie che fanno tagliare km e dislivello. Per esempio, consiglio a prescindere di tagliare la tenuta di Mogol da Santa Restituta a Toscolano e poi si potrebbe tagliare anche monte la Croce e altro.
 
Visto i report specifico che ho trovato qui sul forum, interrogo @mezcal , @southrim e @cross per avere una loro opinione riguardo alla fattibilità del Cammino dei Borghi silenti con due bimbi piccoli (in spalla).
Tutto si può fare ma a quel punto cercherei di accorciare le tappe in qualche modo.
La prima tappa anche tagliando il Casale Mogol è comunque sopra i 20 km ed ha qualche strappo bello faticoso per pendenza e fondo (carrarecce sassose). P
Personalmente ho fatto una terza tappa di 27 km che fossi in te spezzerei in ulteriori 2, magari con sosta a Civitella del lago. Volendo potresti anche pensare di tagliare via la vetta più alta (la cosiddetta sezione "infiniti orizzonti") prendendo la variante per ciclisti e accorciando così di 8 km ed eliminando quasi tutto il dislivello dalla seconda tappa ma ti perderesti la parte più bella del Cammino.

Comunque, riflettendoci, credo sia più indicata la Via Francigena per il tipo di viaggio che ti appresti a fare.
 
Ultima modifica:
Ringrazio tutti per i contributi e vi illustro la scansione delle tappe che, Komoot alla mano, avrei ipotizzato.

Partendo presto (6.00 AM) da casa mia in Trentino, e considerando un oretta e mezza di soste per pranzo e varie, potrei essere a Tenaglie intorno alle 14.00. L'idea sarebbe quella di partire subito approfittando delle 4 ore di luce residue per coprire i circa 7km e 200d+ che separano Tenaglie da Guardea. In questo modo riuscirei ad accorciare la prima tappa (la più lunga) arrivando comunque in un borgo servito (B&B, ristorante e supermercato) e senza sprecare tutta la giornata di "avvicinamento" al cammino.
Visti chilometri coperti il giorno prima, e tagliando la deviazione per Tenuta dei Ciclamini, la seconda tappa (da Guardea a Mellezzole) diverrebbe una tappa da 16km e 650d+
Da qui in poi tappe standard:
- da Mellezzole a Morre - 17km / 800d+
- da Morre a Civitella al lago - 13km / 550d+
- da Civitella al lago a Baschi - 13km / 300d+
- da Baschi a Tenaglie - 16km / 650d+

Sulla carta mi pare un buon compromesso, con tappe equilibrate e un giorno di respiro al termine del cammino per degustare qualche bellezza del centro Italia sulla via del ritorno. Cosa ne pensate?
 
Perché dover fare un compromesso? Ci sarebbe una utilità che mi sfugge? Ipotizzo che se ci sono bimbi ci saranno anche adulti ed insieme beneficeranno certamente di tutto....
Ma è semplicemente una mia osservazione che trova il tempo che trova!
 
Ringrazio tutti per i contributi e vi illustro la scansione delle tappe che, Komoot alla mano, avrei ipotizzato.

Partendo presto (6.00 AM) da casa mia in Trentino, e considerando un oretta e mezza di soste per pranzo e varie, potrei essere a Tenaglie intorno alle 14.00. L'idea sarebbe quella di partire subito approfittando delle 4 ore di luce residue per coprire i circa 7km e 200d+ che separano Tenaglie da Guardea. In questo modo riuscirei ad accorciare la prima tappa (la più lunga) arrivando comunque in un borgo servito (B&B, ristorante e supermercato) e senza sprecare tutta la giornata di "avvicinamento" al cammino.
Visti chilometri coperti il giorno prima, e tagliando la deviazione per Tenuta dei Ciclamini, la seconda tappa (da Guardea a Mellezzole) diverrebbe una tappa da 16km e 650d+
Da qui in poi tappe standard:
- da Mellezzole a Morre - 17km / 800d+
- da Morre a Civitella al lago - 13km / 550d+
- da Civitella al lago a Baschi - 13km / 300d+
- da Baschi a Tenaglie - 16km / 650d+

Sulla carta mi pare un buon compromesso, con tappe equilibrate e un giorno di respiro al termine del cammino per degustare qualche bellezza del centro Italia sulla via del ritorno. Cosa ne pensate?
Mi sembra perfetto
 
Ringrazio tutti per i contributi e vi illustro la scansione delle tappe che, Komoot alla mano, avrei ipotizzato.

Partendo presto (6.00 AM) da casa mia in Trentino, e considerando un oretta e mezza di soste per pranzo e varie, potrei essere a Tenaglie intorno alle 14.00. L'idea sarebbe quella di partire subito approfittando delle 4 ore di luce residue per coprire i circa 7km e 200d+ che separano Tenaglie da Guardea. In questo modo riuscirei ad accorciare la prima tappa (la più lunga) arrivando comunque in un borgo servito (B&B, ristorante e supermercato) e senza sprecare tutta la giornata di "avvicinamento" al cammino.
Visti chilometri coperti il giorno prima, e tagliando la deviazione per Tenuta dei Ciclamini, la seconda tappa (da Guardea a Mellezzole) diverrebbe una tappa da 16km e 650d+
Da qui in poi tappe standard:
- da Mellezzole a Morre - 17km / 800d+
- da Morre a Civitella al lago - 13km / 550d+
- da Civitella al lago a Baschi - 13km / 300d+
- da Baschi a Tenaglie - 16km / 650d+

Sulla carta mi pare un buon compromesso, con tappe equilibrate e un giorno di respiro al termine del cammino per degustare qualche bellezza del centro Italia sulla via del ritorno. Cosa ne pensate?

Direi ottimo, di fatto l'unica tappa tostarella per il peso che hai dietro sarà la seconda. Per il resto tutte molto agevoli e ben bilanciate, ti farai un po' il mazzo sulla salita dopo l'Eremo tra Morre e Scoppieto ma è anche uno dei tratti più belli.
Penso sia ottimamente bilanciato.
 
Benissimo…
Credo che ci divertiremo…alla fine il peso dello zaino sarà oltre i 20kg solo quando trasporterò la bimba ma qualche chilometro, laddove non c’è grosso dislivello, lei se lo cammina autonomamente.

Ora non resta che prenotare le strutture per i pernotti! ;)
Se avete altri suggerimenti in merito a questo cammino sono tutti ben accetti!
 
Corso di Orientamento
Alto Basso