Trekking Cammino dei Borghi Silenti (anche io)

Dati
Data: 29/4/2022-02/05/2022
Regione e provincia: Umbria, Terni
Località di partenza: Tenaglie
Località di arrivo: Tenaglie
Chilometri: 89
Grado di difficoltà: T/E
Descrizione delle difficoltà: nessuna
Periodo consigliato: ideale in autunno e primavera per la bellezza, ma affrontabile in qualsiasi stagione
Segnaletica: segnavia gialli del Cammino
Dislivello in salita: 3800 m
Dislivello in discesa: 3800 m
Quota massima: 1017 m
Accesso stradale: Tenaglie
Traccia GPS:
tappa1: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8579
tappa2: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8580
tappa3: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8581
tappa4: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8582

Buon ultimo nella ormai lunga sequela di camminatori di questo forum che hanno percorso il Cammino dei Borghi Silenti (e immagino che altri seguiranno…), ho percorso anche io il Cammino nei giorni scorsi, da solo e in quattro giorni, per godere appieno del silenzio promesso. Di seguito le poche impressioni che ho voluto trattenere tappa per tappa.

1 tappa: Tenaglie-Melezzole, 26.3 km, +1277m, -988m
pernotto al Donativo Martina (super!!)

Il primo giorno inizia con un segno, che tornerà tutto il giorno: il cambio di prospettiva. La colazione di inizio viaggio in un bar sotto casa in cui tutti si avviano al lavoro regala una sensazione strana di libertà, quasi fossi un "portoghese" della vita.
L'arrivo a Tenaglie è veloce, la mattina fresca diverrà rapidamente calda anche se graziata da un venticello delizioso, le campagne sono ingentilite da una primavera in fiore. Vedo diverse persone sul cammino, circa una ventina, ma riesco a camminare da solo: ho proprio bisogno di questo.
Il cammino in questa tappa non è spettacolare, né originale o affascinante. Ma sì, è silenzioso, e in quel silenzio ti accompagna come un amico che ti conosce senza parlare. Proprio per questo, in modo solo apparentemente paradossale, il cuore di questa mia prima tappa sono tre luoghi e tre incontri.

Campagna fuori Tenaglie
1651585789130.jpeg



1)La salita ai ruderi di Guardea Vecchia (non prevista nel cammino), e l'incontro col suo custode spirituale Alessandro: un uomo ferito e grandioso quanto il borgo, che - mentre racconta di "questa antica rocca con otto torri che dominava tutto questo tratto di Umbria" - mi affida una storia di vita personale pazzesca, travolgente.

Torre di Guardea Vecchia
1651585850511.jpeg

Alessandro
1651585874613.jpeg


2) Il passaggio per il borgo di Santa Restituta, davvero silente in ogni pietra, che mi regala l'incontro con una delle 8 abitanti del borgo, una badante proiettata dalla Romania in questo sperduto luogo di silenzio.

Santa Restituta
1651585967975.jpeg


Santa Restituta
1651585926047.jpeg


3) La sosta al bar Anspi di Toscolano, dove estraggo il mio Victorinox Outrider per l'uso più improbabile che possa immaginare: affettare i resti di una colomba al cioccolato offertami da una anziana signora del posto.

Toscolano

1651585992935.jpeg


Melezzole
1651586034686.jpeg

...non è forse nel silenzio che nascono gli incontri più veri?


2 tappa: Melezzole-Morre, 18.0 km, +889m, -936m
pernotto al BB Morre (non buono)

Il secondo giorno è dedicato alla montagna, ai prati e alle lontananze, ed è del tutto solitario. La salita al Monte Croce di Serra è più faticosa delle passeggiate del primo giorno, ma regala squarci di campagna lungo l'ascesa e prospettive di infinita vastità in vetta, che davvero suggestionano.

Salita nel bosco
1651586257598.jpeg


San Vitale de Murellis
1651586301523.jpeg


Salita nel bosco
1651586353474.jpeg


Panorama in cresta
1651586435912.jpeg


1651586475853.jpeg


La lunga discesa che segue è noiosa, ma l'arrivo a Morruzze, Morre e Collelungo ripaga, con viste di campagna e borghi curati, dolci, avvolgenti. La cena dall'enoteca locale suggella il tutto.

Morruzze
1651586554077.jpeg


Collelungo
1651586598814.jpeg


Morre visto da Collelungo
1651586650961.jpeg




3 tappa: Morre-Baschi, 27.0 km, +918m, -1292m
pernotto all’Affittacamere Meffi (non buono)

Il terzo giorno è un godimento per il corpo, che "divora" i 27 km in meno di 6 ore (sosta compresa). La discesa veloce dall'elegante borgo di Acqualoreto fino all'Eremo della Pasquarella è tutta immersa nel silenzio del bosco incupito da un cielo minaccioso.

Acqualoreto
1651586730461.jpeg


1651586854294.jpeg


Bosco
1651586881568.jpeg


Eremo della Pasquarella
1651586938414.jpeg


Dopo la salita a Scoppieto, ennesimo borgo piccolo ma gentile, inizia invece un lungo e velocissimo attraversamento di campagne, vigneti, uliveti e campi di grano, illuminato da un cielo finalmente aperto e fresco, impreziosito dallo sfondo del Lago di Corbara ed interrotto solo dalla bellezza di Civitella. Molte le case semplici e curatissime che testimoniano di una cultura profonda. L'arrivo a Baschi è cantante, attendendo la meritata birra.

Scoppieto
1651586972010.jpeg


Civitella del Lago

1651587007826.jpeg


Vigneti e campagne
1651587039231.jpeg


1651587057439.jpeg


1651587083903.jpeg


1651587109992.jpeg


Baschi
1651587145089.jpeg



4 tappa: Baschi-Tenaglie, 18.0 km, +741m, -553m)

L’ultimo giorno il percorso è quasi privo di attrattive e poco più di una passeggiata celebrativa di fine cammino. La malinconia della fine si avvicina. Scelgo così di percorrere la tappa con un gruppo che più volte mi ha arrancato dietro di un paio d’ore nei giorni precedenti e lo facciamo con passo d’addio e di rilassamento. Facciamo sosta a Montecchio, dove visitiamo il laboratorio di cestini di un anziano signore.

I cestini di Montecchio
1651587207912.jpeg


1651587271545.jpeg


...ma il momento più bello, la visita alle due panchine di Tenaglie, una terrazza che da un paesino dell’Umbria sembra davvero guardare l’infinito

Le panchine sull'infinito
1651587252861.jpeg
 

Allegati

  • 1651586358231.jpeg
    1651586358231.jpeg
    507,3 KB · Visite: 19
  • 1651586886404.jpeg
    1651586886404.jpeg
    348,5 KB · Visite: 17
Bentornato @C2C7, mi ha fatto estremo piacere rivivere nel tuo sguardo le emozioni che sono state anche mie poco più di un mese or sono e che hai saputo descrivere con la consueta poeticità.

Devo dire che il verde dona al Cammino ben più del grigio siccitoso che ho incontrato io.
Interessante il fatto che siano bastate poche settimane per riempire il percorso di camminatori, dove a marzo noi eravamo praticamente soli.
 
Bentornato @C2C7, mi ha fatto estremo piacere rivivere nel tuo sguardo le emozioni che sono state anche mie poco più di un mese or sono e che hai saputo descrivere con la consueta poeticità.

Devo dire che il verde dona al Cammino ben più del grigio siccitoso che ho incontrato io.
Interessante il fatto che siano bastate poche settimane per riempire il percorso di camminatori, dove a marzo noi eravamo praticamente soli.
In effetti la primavera è esplosa e con lei il numero dei camminatori. Ho pensato spesso a come certi panorami debbano essere stati assai meno suggestivi nei tuoi giorni ancora secchi.
 
Ottimo, Benvenuto anche tu nel club dei Borghi SiIenti
Interessante il fuori percorso verso i ruderi dell'antica Guardea, che ho sempre visto dal basso, ma soprattutto gli incontri con i veri custodi di questi luoghi.
Anche tu ti sei trovato bene da Martina a Melezzole: lei e il suo babbo persone veramente cordiali, amorevoli e gentili (pensa che noi siamo stati i primi viandanti che ha accolto da quando ha deciso di intraprendere questa forma di ospitalità).
 
La solita BELLA descrizione dei percorsi da te percorsi... :si:

Noi a Pasqua siamo scappati dal B&B Morre... un'affronto alla bellezza del cammino, e sobbarcandoci circa 3km in più siano andati all'agriturismo Cerqueti, piacevole.

Trovo importante comunicare un giudizio sintetico sulle strutture, quale che siano, così da permettere a chi lo farà, o rifarà come me in autunno, di meglio sapere dove fermarsi...
 
Corso di Orientamento
Alto Basso