Trekking Cammino dei Borghi Silenti (ancora?!)

Cammino dei Borghi Silenti
Quota
997 m
Durata 4 giorni, 25-28 marzo 2022
Percorso segnato
Dislivello 2.676 m
Distanza 85,83 km
Tempo totale 29:31 h
Tempo di marcia 23,25 h
Cartografia Il Lupo Cammino dei Borghi Silenti
Descrizione Anello da Tenaglie per Guardea, Santa Restituta, Toscolano, Melezzole, Morruzze, Morre, Acqualoreto, Scoppieto, Civitella del Lago, Baschi e Montecchio.
http://www.montinvisibili.it/cammino-dei-borghi-silenti

Cammino dei Borghi Silenti
La pandemia, la guerra, l’economia traballante e il nostro mondo reale che si contrae sempre più, mentre quello virtuale si allarga senza confini.
E cosi al posto dei voli intecontinentali, dei mesi di viaggio zaino in spalla, dei trekking nelle plaghe remote del globo, ecco che si fa strada una molto più umana esigenza di spostamento lento, lungo vie tranquille, fuori dallo scorrere frenetico della vita.
Eccomi allora alla vigilia dell’ennesima avventura di cammino, forse quella che negli ultimi anni più mi è congeniale: un passo lungo e lento di borgo in borgo, con lo zaino leggero e la mente vuota.
Il Cammino del Borghi Silenti: quattro giorni nel cuore verde d’Italia, nella medievale Umbria profonda e minore, senza seguire ipotetiche orme di santi o intrecciando forzatamente meraviglie naturali. Solo un passo dopo l’altro, di via in via, di pietra in pietra, di storia in storia…

...chi in giovinezza ha provato la sensazione di sicurezza e indipendenza che dà il sentirsi un camminatore vigoroso in un luogo interessante e con una bella giornata... Walter Scott, Un camminatore vigoroso, 1815

01 Prima Verso Guardea.jpg
02 Prima Santa Restituta.jpg
03 Seconda Monte Croce di Serra.jpg
04 Seconda Acqualoreto-1.jpg
05 Terza Civitella del Lago.jpg
06 Terza Baschi.jpg
07 Quarta Verso Necropoli del Vallone San Lorenzo.jpg
08 Quarta Tenaglie con Marco Fioroni.jpg
Man mano che sistemerò i materiali pubblicherò la descrizione delle singole tappe
 
In che senso ?
Ciao.
Ciao Henry, nel senso che ora tutti gli enti locali vogliono il loro Cammino, andando a rispolverare improbabili percorsi di uomini pii, o obbligando a giri tortuosi come nel Cammino Naturale dei Parchi.
--- ---

....ma che fai, come Dostoevskij che vendeva a puntate per campare??? Così ci fai friggere!!:biggrin:
Beh, sarei in buona compagnia nel mai abbastanza lodato romanzo d'appendice: Balzac, Dumas, Conan Doyle...
In realtà è solo difetto di tempo per risistemare foto, tracce e diari. I quattro giorni di licenza familiare mi stanno costando una miriade d'inconbenze. Ti dico solo che lunedì come ho messo piede a casa zaino in spalla, mi hanno messo in mano il guinzaglio del cane e la lista della spesa.
--- ---

Un cammino da viandante antico senza cercare tanti perchè. :si::si:
Esattamente caro @lanfranco51.
 
Nell'attesa di leggere la tua esperienza, ho dato un'occhiata alla tua traccia del percorso.
Ho visto che hai tagliato la Tenuta dei Ciclamini e il paese di Collelungo. Penso che hai fatto benissimo per entrambi. Sulla prima è un allungare illogico di km e dislivello, che è stato fatto solo per motivi di 'sponsorizzazione' del Cammino e non aggiunge nulla.
Mentre Collelungo è stato inserito nel tour l'anno scorso (nel 2020 non c'era), ma ci sono passato quando ho fatto il percorso in bici e non è interessante come gli altri borghi.
Sai se è ancora inserito nel cammino?
 
Nell'attesa di leggere la tua esperienza, ho dato un'occhiata alla tua traccia del percorso.
Ho visto che hai tagliato la Tenuta dei Ciclamini e il paese di Collelungo. Penso che hai fatto benissimo per entrambi. Sulla prima è un allungare illogico di km e dislivello, che è stato fatto solo per motivi di 'sponsorizzazione' del Cammino e non aggiunge nulla.
Mentre Collelungo è stato inserito nel tour l'anno scorso (nel 2020 non c'era), ma ci sono passato quando ho fatto il percorso in bici e non è interessante come gli altri borghi.
Sai se è ancora inserito nel cammino?
Sì, sulla Tenuta dei Ciclamini ce lo ha fatto garbatamente capire una attempata signora del circolo di Toscolano dove abbiamo sorbito una birra.
Per Collelungo ti confermo che è ancora sulla traccia gpx ufficiale che mi ha inviato Marco e anche sulla segnaletica lungo il percorso.
Tra l'altro di questa traccia più del percorso in se e per se (che in effetti per camminare non ce n'è bisogno) ho apprezzato la quantità di waypoint, utili per non perdersi qualche attrattiva e per trovare le fontanelle.
 
Ciao Henry, nel senso che ora tutti gli enti locali vogliono il loro Cammino, andando a rispolverare improbabili percorsi di uomini pii, o obbligando a giri tortuosi come nel Cammino Naturale dei Parchi.

Sì, ad essere sincero intuivo fosse questo il senso in forma esplicita, ma espresso in quel modo così sintetico e "involuto" mi lasciava qualche dubbio e quindi volevo averne contezza.

In effetti - e paradossalmente l'impressione mi si è amplificata proprio leggendo qui i resoconti dei vari camminatori su itinerari di cui avrei continuato ad ignorare l'esistenza - in questi ultimi anni si è assistito ad una vera e propria proliferazione di "cammini", puntualmente escogitati e congegnati da questo o quell'ente locale, che in molti casi sembrano un po' come quei classici percorsi obbligati all'interno degli autogrill: dove si entra magari solo per andare al bagno e non c'è verso si uscirne se non dopo essere obbligatoriamente passati in gimkana tra tutti gli assortimenti possibili di prosciutti e cioccolate :azz: :D . In altre parole, operazioni di marketing turistico abilmente (a volte maldestramente o pacchianamente) travestite impregnandole di intimismo e introspettivita' di pura facciata appunto tirando in ballo pure i santi :no: : quasi un ossimoro. E che alla fine, proprio come per ogni cosa che prolifera fino a rasentare la "moda", finisce per smentire se stessa, le dichiarate finalità iniziali, e per creare un senso di rigetto.
Di qui l'istinto a ricercare il cammino antico, quello appunto "senza perché" e a volte senza neppure meta.
Ce ne faremo uno noi due prima o poi ?
Chissà :)

Ciao Marco.
 
Sì, sulla Tenuta dei Ciclamini ce lo ha fatto garbatamente capire una attempata signora del circolo di Toscolano dove abbiamo sorbito una birra.
Per Collelungo ti confermo che è ancora sulla traccia gpx ufficiale che mi ha inviato Marco e anche sulla segnaletica lungo il percorso.
Tra l'altro di questa traccia più del percorso in se e per se (che in effetti per camminare non ce n'è bisogno) ho apprezzato la quantità di waypoint, utili per non perdersi qualche attrattiva e per trovare le fontanelle.
Pare che il Mogol (proprietario della tenuta) non sia ben visto da quelle parti.
Il circolo di Toscolano accanto alla porta d'entrata del paese sembra uscito da un film di altri tempi, come quello di Acqualoreto dove la sera giocammo a carte :)
Vi siete imbattuti anche voi con il simpatico signor Orazio a Toscolano?
 
Pare che il Mogol (proprietario della tenuta) non sia ben visto da quelle parti.
Il circolo di Toscolano accanto alla porta d'entrata del paese sembra uscito da un film di altri tempi, come quello di Acqualoreto dove la sera giocammo a carte :)
Vi siete imbattuti anche voi con il simpatico signor Orazio a Toscolano?
Immagino però che abbia sborsato qualcosa per vedersi includere la tenuta nel circuito.

No, non credo. Forse la stagione, ma i borghi erano abbastanza deserti. Come anche mi ha colpito il non aver potuto parlare con nessun altro camminatore. L'anello viene percorso sempre nello stesso senso e se non ci sono molto camminatori in giro, si rimane sempre soli.
--- ---

Sì, ad essere sincero intuivo fosse questo il senso in forma esplicita, ma espresso in quel modo così sintetico e "involuto" mi lasciava qualche dubbio e quindi volevo averne contezza.

In effetti - e paradossalmente l'impressione mi si è amplificata proprio leggendo qui i resoconti dei vari camminatori su itinerari di cui avrei continuato ad ignorare l'esistenza - in questi ultimi anni si è assistito ad una vera e propria proliferazione di "cammini", puntualmente escogitati e congegnati da questo o quell'ente locale, che in molti casi sembrano un po' come quei classici percorsi obbligati all'interno degli autogrill: dove si entra magari solo per andare al bagno e non c'è verso si uscirne se non dopo essere obbligatoriamente passati in gimkana tra tutti gli assortimenti possibili di prosciutti e cioccolate :azz: :D . In altre parole, operazioni di marketing turistico abilmente (a volte maldestramente o pacchianamente) travestite impregnandole di intimismo e introspettivita' di pura facciata appunto tirando in ballo pure i santi :no: : quasi un ossimoro. E che alla fine, proprio come per ogni cosa che prolifera fino a rasentare la "moda", finisce per smentire se stessa, le dichiarate finalità iniziali, e per creare un senso di rigetto.
Di qui l'istinto a ricercare il cammino antico, quello appunto "senza perché" e a volte senza neppure meta.
Ce ne faremo uno noi due prima o poi ?
Chissà :)

Ciao Marco.
L'aspetto economico del cammino sta apparendo prepotente e ormai ognuno vuole il suo. Ne parlavo proprio la scorsa settimana con Stefano Ardito: la media di spesa di un camminatore è 50 euro al giorno, che a un cittadino possono sembrare pochi, ma in un paese deserto sono una manna.

Devo dire che quel sentimento da "cammino antico" che citi tu l'ho provato maggiormente durante viaggi a piedi che ho organizzato autonomamente: mi vengono in mente la traversata da Palena a Fiastra che feci nel 2009 e la sgambata da Roma al Gran Sasso dello scorso anno. Ma anche cose più brevi come la Via Amerina.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso