Cammino dei Borghi Silenti

Ciao a tutti,

come promesso vado a condividere con voi alcuni dettagli al mio ritorno da questa fantastica avventura così da rinfrescare anche le informazioni che @mezcal aveva pubblicato nel suo ottimo reportage di viaggio.

Data: 20-25 marzo 2022
Regione e provincia: Umbria Terni
Località di partenza: Tenaglie
Località di arrivo: Tenaglie
Tempo di percorrenza: 5 giorni e mezzo
Chilometri: 84 km
Grado di difficoltà: piuttosto facile per una persona adulta, impegnativo per dei bambini
Descrizione delle difficoltà (per i bambini): sentiero accidentato nella salita alla Pania della Croce e alla discesa all’Eremo della Pasquarella
Periodo consigliato: sempre, sconsiglierei però l’estate per il caldo eccessivo
Segnaletica: perfetta, impossibile perdere il sentiero
Dislivello in salita: 3300 mt circa
Dislivello in discesa: 3300 mt circa
Quota massima: Monte Serra di Croce 997 mt

PREMESSA:
Abbiamo percorso questo cammino con una bimba di 3 anni e 9 mesi ed un bimbo di 6 mesi e mezzo. La bimba ha camminato autonomamente quasi la metà dei chilometri percorsi.

SUDDIVISIONE IN TAPPE:
Considerando i punti di appoggio nelle strutture ricettive lungo il percorso e la necessità di scansionare le tappe a misura di bambino, anche per conservare del tempo per poter visitare i borghi, noi abbiamo organizzato il nostro cammino in questo modo:
  • Primo giorno (al pomeriggio): da Tenaglie a Guardea - 7,5km e 250d+ (in questo modo abbiamo sfruttato parte della giornata necessaria per l’avvicinamento in auto al cammino ed accorciato la tappa del giorno successivo).
BF6C9A0B-C4C0-4578-9E2D-DB47F3901575.jpeg

  • Secondo giorno: da Guardea a Melezzole (saltando la variante per la Tenuta dei Ciclamini) - 16,5km e 700d+
1B78D5F5-F852-493D-BA1F-523C781FC625.jpeg

  • Terzo giorno: da Mellezzole a Morre - 17,5km / 850d+
A47AA6B4-E450-40B2-9689-445D87801C46.jpeg

  • Quarto giorno: da Morre a Civitella del lago - 12,5km / 530d+
5739F0AE-289F-4DF4-A227-4FE0E5C65509.jpeg

  • Quinto giorno: da Civitella del lago a Baschi - 13km / 400d+
EF67AD99-EDBD-495E-95A2-95DB2693B826.jpeg

  • Sesto giorno: da Baschi a Tenaglie - 16km / 600d+
7641078D-DB2F-4BE5-9AE7-C0FE0DE62065.jpeg


PERNOTTI E PASTI:
La rete della ricettività e della ristorazione di questo cammino è molto ampia e potete reperire tutte le informazioni necessarie, nonché i contatti telefonici, delle strutture convenzionate scrivendo ad info@camminodeiborghisilenti.it o chiamando il numero di Marco Fioroni (3486935822). Per ovvi motivi andrò ad elencare e recensire solamente le strutture nelle quali abbiamo soggiornato e i locali nei quali abbiamo trovato ristoro.
  • Tenaglie: abbiamo per praticità parcheggiato la macchina in sede di Amerini Trekking (costo parcheggio custodito 3€/giorno) ma poche centinaia di metri più avanti, nel piccolo centro storico di Tenaglie, sono disponibili diversi posti auto gratuiti.
  • Guardea: abbiamo soggiornato al B&B El Mirador, un grazioso appartamento in pieno centro con con una splendida vista sul lago di Alviano. Struttura pulita e accogliente, due camere (una matrimoniale con bagno in camera e una con due singoli), piccola cucina, altro bagno, soggiorno spazioso con TV. 80€ per due adulti e due bambini colazione inclusa. A cena abbiamo mangiato un’ottima pizza alla Pizzeria Da Norma, collocata ad un centinaio di metri dal B&B. 32€ per 3 pizze, una birra da 0,5 e 1 litro d’acqua naturale. La pizza avanzata dalla bimba è stato il nostro pranzo per il giorno seguente :poke:
  • Melezzole: abbiamo dormito appena fuori dal centro storico al donativo “Harmony”, un intero appartamento (certamente non moderno ma nemmeno fatiscente) a nostra disposizione, pulito e con colazione inclusa. Cucina attrezzata e funzionale, TV, bagno con lavatrice, una camera matrimoniale ed una con due singoli. Materasso del matrimoniale molto buono, meno quello dei singoli. Abbiamo sofferto un po’ il freddo perché non era stato preventivamente riscaldato. A cena abbiamo mangiato in appartamento dopo aver acquistato il necessario al caotico ma fornitissimo Alimentari Pacifici in pieno centro; qui abbiamo anche acquistato quattro generosi panini prosciutto e formaggio per il pranzo del terzo giorno (15€).
  • Morre: abbiamo soggiornato in pieno centro di fronte alla chiesa, al donativo “Welcome Morre”. Appartamento su tre piani curato e pulito, cucina non disponibile, bagno nuovissimo, una camera con due singoli e una con un matrimoniale in mansarda. Martina è una donna eccezionale, ci ha accolto come se fossimo la sua famiglia e ci ha coccolato per mezza giornata addirittura accompagnandoci in macchina all’Agriturismo Cerqueti (2km fuori da Morre) e venendo a riprenderci quando abbiamo finito di cenare. Consigliatissimo! Offre anche delle piazzole per tende nel suo giardino. Ottima anche la cena al Cerqueti: 1 litro di naturale, 1/4 di vino rosso, 1 antipasto, 2 primi, 1 grigliata, 1 contorno a 47€. Il giorno seguente abbiamo fatto colazione ed acquistato il pranzo al sacco al Circolo ANSPI di Morre (5 cornetti, due cappuccini, una schiumetta e 5 tramezzini grandi: 20€). In centro c’è anche un negozio di alimentari piuttosto disordinato ma abbastanza fornito…addirittura gestisce dei prodotti in offerta! :woot:
  • Civitella del Lago: abbiamo alloggiato al B&B “le casette di Civitella”. La Sig.ra Gloria gestisce diverse case nel centro storico del borgo, noi siamo stati ospitati nella casa di Rolando e Gina; una splendida casa storica su tre piani restaurata con gusto e attenzione alla tradizione architettonica umbra. Struttura pulita e accogliente, grande open-space con cucina, soggiorno con TV e divano letto al primo piano e nel sottotetto un piccolo ma moderno bagno ed una camera matrimoniale con lettino. 100€ per due adulti e due bambini con colazione inclusa. A cena abbiamo mangiato in appartamento dopo aver acquistato il necessario al grazioso Market Trippini in pieno centro; qui abbiamo anche acquistato due generosi panini con la porchetta calda e un trancio di focaccia farcita per il pranzo del giorno seguente (12€).
  • Baschi: abbiamo soggiornato al donativo “La casetta della nonna“ appena fuori dal centro storico su strada principale, vicino a gran parte dei servizi presenti in paese. Appartamento un po’rumoroso causa la vicinanza alla strada, abbastanza datato ma pulito e di dimensioni generose, grande soggiorno con TV, cucina buona giusto per preparare una colazione, bagno con lavatrice ma doccia piuttosto scalcinata, due camere matrimoniali (ma a noi ne ha aperta una soltanto, forse per non dover riscaldare tutto l’appartamento) con materassi a fine vita tecnica…la signora è molto gentile e disponibile, ma la casa avrebbe bisogno di qualche intervento di manutenzione. A cena abbiamo preso una pizza ed un hamburger con patate fritte d’asporto al bar Spritzzo (17€)…cena senza infamia e senza lode. L‘ottima colazione e l’ottimo pranzo per l’ultimo giorno lo abbiamo acquistato alla Panetteria Serrani (4 cornetti, due cappuccini, una schiumetta, 6 tranci di pizza alla pala: 15€) ma li vicino c’è anche l’Alimentari Rosati, negozio piccolo ma onesto e ben attrezzato dove abbiamo acquistato della frutta e degli omogenizzati per il bimbo ed abbiamo potuto apprezzare la cortesia dei proprietari.
  • Montecchio: prima di ripartire verso casa, abbiamo dormito un‘ultima notte al termine del nostro cammino nel vicino borgo di Montecchio al B&B la Casa di Benvenuto. Struttura carina, pulita ed accogliente, due camere matrimoniali con TV, un piccolo bagno (non dei migliori; qualche ritorno di odori dall’impianto fognario) ed un ampio soggiorno con cucina. 70€ per due adulti e due bambini con colazione inclusa. Per la cena siamo tornati a Baschi consigliati da altri pellegrini per cenare alla Trattoria C’era una Volta, locale un po’ fuori rispetto al centro storico. Cena ottima: 3 litri di naturale, 3 primi, 1 grigliata, 1 contorno, 2 dessert per 50€.
LOGISTICA:
Per riuscire a trasportare tutto il necessario per il trekking nonché per il trasporto dei bambini questo è il setup che abbiamo adottato:
Contenuto del marsupio:
  • Kit per cambio bimbo (telo, 2x pannolini, salviette)
  • Ziplock con soldi, documenti e credenziali
  • Snack pronti all’uso (barrette, frutta secca, taralli, biscotti monoporzione)
  • Crema solare, fazzoletti, gel igienizzante, Spyderco bug, colori a cera :lol:
Contenuto dello zaino:
  • 2x guscio termico Haglofs LIM GTX + giacchina impermeabile e antivento per la bimba Decathlon
  • 1x Drybag da 8 litri con le scorte di cibo
  • 1x Drybag da 13 litri con i vestiti di ricambio (1 maglietta + mutande + calzini in merino per gli adulti, 2 cambi completi per la bimba, 3 per il bimbo)
  • 1x piccolo beauty-case (sapone marsiglia, shampoo e bagnoschiuma monodose, 3x spazzolini, dentifricio in pastiglie, piccolo pettine, elastici e fermagli capelli)
  • 1x pacco di pannolini n.3
  • 1x asciugamano MeRu in microfibra 40x40
  • 2x peluche per le nanne :wub:
  • 1x piccolo FAK con cerotti, medicinali e EDC vari
  • 2x bottiglie PLA da 750ml
  • 1 pentolino in titanio da 550ml + Paiolo stove, spork, spugnetta, Mini Bic e 100ml di alcool per cucinare le pappe del bimbo
  • 2x caricabatterie + cavetti
  • 1x Nitecore NU25
  • 1x Garmin Inreach
  • 2x Smartphone
  • 1x Guida del CBS
Indossato:
  • 2x Scarpe da trail Hoka
  • 1x Maglietta Smartwool in merino
  • 1x Pantaloni modulari Karpos
  • 1x Pile Patagonia R1 Air Hoody
  • 1x Buff in merino 150
  • 1x Occhiali da sole
  • 1x Berretto con visiera
  • 1x Garmin Instinct
Mia moglie ha portato il bimbo (7kg) in posizione ventrale per tutto il cammino mentre io portavo lo zaino ed il marsupio (9kg acqua e viveri inclusi lo zaino + 1,5kg il marsupio ) quando la bambina camminava. Quando era necessario trasportare la bambina (17kg) io la portavo sul marsupio e mia moglie prendeva in carico lo zaino. Qualche breve tratto ho trasportato la bimba sulle spalle e contemporaneamente ho portato anche lo zaino. Questo cammino è stato il primo vero test a pieno carico e su più giorni del mio Kumo 36: uno zaino spettacolare!

D88609D1-6FCF-4D89-A023-433A95710786.jpeg


PUNTI DI FORZA:
Una delle cose più piacevoli che abbiamo vissuto su questo cammino è stata l’ospitalità e la generosità della gente. Ci hanno tutti fatti sentire a casa, dedicandoci tempo e attenzioni non solo dove dormivamo o mangiavamo. Forse ispiravamo tenerezza per essere in viaggio con due bimbi piccoli o forse è nella natura di questa gente essere estroversi ed accoglienti ma si avverte davvero il desiderio di far funzionare questa iniziativa, tutti assieme. Un altro grande punto di forza sono la cura e la bellezza dei borghi attraversati. Di sentieri come quelli percorsi ce ne sono tanti, tantissimi…magari anche paessaggisticamente più belli. Ma la messa in rete di tutte queste gemme architettoniche altrimenti lontane dal circuito turistico è davvero il valore aggiunto di queso itinerario.

ORGANIZZAZIONE:
L’organizzazione del cammino è ottima, la segnaletica è impeccabile e la rete della ricettività è ampia e capillare quindi un plauso va a chi ha saputo valorizzare le bellezze di questa terra portandole al grande pubblico con metodo e senso logico. Mi rimane però un interrogativo: é tutta farina del sacco di Marco Fioroni e Amerini Trekking? Lungo tutto l’anello abbiamo più volte visto dei segni sbiaditi di colore bianco e azzurro, talvolta accompagnati dalla sigla VSF (Via di San Francesco?) perciò mi sono portato a casa il dubbio sulla effettiva paternità di questo progetto. E’ una cosa che non influisce minimamente sulla bellezza di questo cammino ma un conto è progettare un trekking da zero tracciando un percorso ed organizzando l‘accoglienza, un’altra è prendere un itinerario dimenticato da tutti, metterci una mano di vernice fresca e dover solamente preoccuparsi di organizzare la promozione e la parte ricettiva. Nel primo caso (itinerario inedito) a Marco vanno i miei più sentiti complimenti soprattutto per l’intuizione a dir poco geniale, nel secondo caso (itinerario esistente) i miei complimenti vanno al coraggio e alla tenacia di aver saputo dare valore ad un progetto laddove nessun’altro questo valore lo aveva riconosciuto.
 
Ultima modifica:
Gran bel resoconto, grazie... mi piacerebbe un sacco fare il giro con mio figlio ma ultimamente ha sviluppato una indifferenza totale a qualsiasi cosa di naturale... montagne, piante, alberi.. cascate.... Cmq dislivelli considerevoli per bambini.
 
Ragazzi fortunati! Come l'hanno vissuta loro?
Il bimbo ha dormito per lunghissimi tratti del percorso, coccolato dal calore materno! :rofl:

La bimba invece l’ha vissuta meglio del previsto…ha camminato praticamente la metà dei chilometri totali, giocando con erbe, foglie, sassi e quant’altro trovava lungo la strada. E’ stata una bellissima esperienza per lei e anche per me; ho passato una settimana a strettissimo contatto con lei dedicandole tutto il tempo che nel vivere quotidiano non riesco a darle.

Non ultima, è stata una piacevole esperienza anche per mia moglie (non affatto scontato) tant’è che durane l’ultimo giorno di cammino mi ha chiesto di individuare un breve itinerario da compiere in 3 giorni al termine della stagione estiva. ;)
 
Ultima modifica:
Il bimbo ha dormito per lunghissimi tratti del percorso, coccolato dal colore materno! :rofl:

La bimba invece l’ha vissuta meglio del previsto…ha camminato praticamente la metà dei chilometri totali, giocando con erbe, foglie, sassi e quant’altro trovava lungo la strada. E’ stata una bellissima esperienza per lei e anche per me; ho passato una settimana a strettissimo contatto con lei dedicandole tutto il tempo che nel vivere quotidiano non riesco a darle.

Non ultima, è stata una piacevole esperienza anche per mia moglie (non affatto scontato) tant’è che durane l’ultimo giorno di cammino mi ha chiesto di individuare un breve itinerario da compiere in 3 giorni al termine della stagione estiva. ;)
Bravi!:)
 
Gran bel resoconto, grazie... mi piacerebbe un sacco fare il giro con mio figlio ma ultimamente ha sviluppato una indifferenza totale a qualsiasi cosa di naturale... montagne, piante, alberi.. cascate.... Cmq dislivelli considerevoli per bambini.
Grazie.
Si, i dislivelli non sono banalissimi ma tieni presente che al netto della salita alla Croce di Serra e del sentiero da/per l’Eremo della Pasquarella il percorso si svolge quasi interamente su strada sterrata, quindi fondali comodi anche per dei bambini.
 
@JohnnyWalker Davvero complimenti! Detto da un babbo con due bimbette, che capisce benissimo l'impegno necessario per portare a termine un'impresa del genere! ;)

Vedo che alla fine hai optato per i due zainetti di stoffa! :si:
La Paiolo-stove poi è onoratissima di essere stata utilizzata per preparare le pappe! :biggrin:
 
@JohnnyWalker Davvero complimenti! Detto da un babbo con due bimbette, che capisce benissimo l'impegno necessario per portare a termine un'impresa del genere! ;)

Vedo che alla fine hai optato per i due zainetti di stoffa! :si:
La Paiolo-stove poi è onoratissima di essere stata utilizzata per preparare le pappe! :biggrin:
Ho fatto un po’ di test di carico prima di partire e ho considerato che:
  1. In due Salewa Koala difficilmente sarei riuscito a farci stare tutto il necessario
  2. Trasportare la bimba in un secondo Salewa Koala sarebbe stato un calvario
Con il senno di poi avrei potuto lasciare a casa uno dei due marsupi in stoffa (che comunque ho preso in prestito da amici): la bimba ha camminato molto e comunque anche quando chiedeva di essere trasportata preferita di gran lunga rimanere sulle spalle o in braccio (più che per comodità per il caldo e l’eccessiva sudorazione che è il contro di questo “mezzo di trasporto”). Penso che alla prossima occasione ne porterò uno solo e magari porterò uno secondo zainetto dove mettere giusto le scorte alimentari.

Riguardo al Paiolo-Stove invece definirlo indispensabile è riduttivo! Con scarsi 250gr di attrezzatura (combustibile incluso) abbiamo potuto preparare del cous cous, della pastina e del riso caldo al bimbo tutti i giorni, evitando di dover portare quelle orribili e disgustose pappe pronte in vetro che pesano L’UNA oltre 300gr.
 
Il giorno che voi tornavate io partivo. Valore aggiunto incommensurabile portare i propri figli (di quell'età, poi... per tacer della consorte) in cammino.
Nei prossimi giorni metterò anche il mio punto di vista... contrastato.
Credo che fra poco questo forum pullulerà di borghi silenti.
 
Complimenti @JohnnyWalker per il trekking e per la dettagliata recensione:si:
A Montecchio, in centro, segnalo una coppia gentilissima di signori che tramandano l'arte dell'intreccio per creare cesti in legno. Meritano e sono molto disponibili...
 
Il giorno che voi tornavate io partivo. Valore aggiunto incommensurabile portare i propri figli (di quell'età, poi... per tacer della consorte) in cammino.
Nei prossimi giorni metterò anche il mio punto di vista... contrastato.
Credo che fra poco questo forum pullulerà di borghi silenti.
Lo credo anch’io…é un cammino che per come è stato pensato e organizzato avrà certamente un esplosione di notorietà negli anni avvenire…
E un ringraziamento a tutti quelli che hanno apprezzato questa nostra avventura famigliare: stiamo già progettando la prossima! ;)
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso