Escursione Cammino di San Francesco

#1
Cammino di San Francesco: Poggio Bustone - Greccio
Quota
818 m
Data 17 dicembre 2017
Sentiero segnato
Dislivello in salita 397 m
Dislivello in discesa 581 m
Distanza 23,39 km
Tempo totale 6:47 h
Tempo di marcia 6 h
Descrizione Dal Convento di San Giacomo di Poggio Bustone (818 m) per la Sorgente di Santa Susanna (380 m, +1,52 h), la Quercia di San Nicola (404 m, +1,10 h), la Villa romana di Quinto Assio (404 m) e la vicina cisterna, il borgo abbandonato di Reopasto (381 m, +1,20 h) e il Santuario di Greccio (633 m, +1,37 h). Piacevole cammino per lo più su carrarecce e tratturi.
https://www.montinvisibili.it/#!/Cammino-di-San-Francesco
 

Allegati

#12
#13
Camminare rende artisti, anzi risveglia qualcosa che è già in noi. I cammini storici sono interessanti , quelli in mezzo alla natura sono magici, quelli religiosi mistici, e quelli negli Appennini complessi e affascinanti. San Francesco, di cui uso il calendario per l'orto e noi tutti credo quello delle sue stagionalità, credo sia il maggior rappresentante del Camminare, senza "inutili appendici" (citando te), e con estrema gratitudine e sintonia con la natura. Stile di vita e pensiero che faccio sempre fatica ad associare al cattolicesimo (ma questi sono miei pensieri). Ogni volta che bevo acqua fresca da sorgenti in montagna mi viene in mente il pezzo del cantico delle creature riferito a Sorella Acqua. Grazie della bella et preziosa condivisione.
 
#14
Camminare rende artisti, anzi risveglia qualcosa che è già in noi. I cammini storici sono interessanti , quelli in mezzo alla natura sono magici, quelli religiosi mistici, e quelli negli Appennini complessi e affascinanti. San Francesco, di cui uso il calendario per l'orto e noi tutti credo quello delle sue stagionalità, credo sia il maggior rappresentante del Camminare, senza "inutili appendici" (citando te), e con estrema gratitudine e sintonia con la natura. Stile di vita e pensiero che faccio sempre fatica ad associare al cattolicesimo (ma questi sono miei pensieri). Ogni volta che bevo acqua fresca da sorgenti in montagna mi viene in mente il pezzo del cantico delle creature riferito a Sorella Acqua. Grazie della bella et preziosa condivisione.
Quando riesco a coniugare cammino natura e storia sono felice. Sono anni che mi frulla per la testa il cantico delle creature quando sono nei boschi: deve essere una gratitudine innata di chi abbandona la poltrona per affrontare le vie del mondo e rimane stupito di quanto di bello c'è fuori.
 
#15
Complimenti al gruppo di intrepidi camminatori!

Il servizio fotografico ben documenta il fascino del camminare in piano, in una campagna antropizzata (credo che almeno in parte sia zona di bonifica o sbaglio?) ma non affollata e con una sua struggente bellezza anche dovuta all'esser circondata dai monti.

Grazie per la condivisione!
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto