Alpinismo Canale dei Genovesi al Marguareis (2651) - Alpi Liguri

Parchi del Piemonte
  1. Parco Alta Valle Pesio e Tanaro
Dati
Data: maggio 2017
Regione e provincia: Piemonte - Cuneo
Località di partenza: Carnino (Briga Alta)
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 12 ore compreso soste
Chilometri: 21
Grado di difficoltà: PD
Descrizione delle difficoltà: Pendenza media del canale 45°
Periodo consigliato: primavera
Segnaletica: paline
Dislivello in salita: 1800
Quota massima: 2651
Accesso stradale: SS28 fino a Ponte di Nava, dev. per Viozene, Carnino, Upega

Traccia GPS disponibile

Descrizione:

Gran bella 2 giorni nei posti più caratteristici delle Alpi Liguri per scalare per l'ennesima volta "la montana" che però questa volta ha per me un profumo particolare affrontando per la prima volta in invernale il canale più famoso di tutte le Alpi Liguri, sostando per molte ore in Pian del Lupo ove sorge il particolare rifugio Garelli e potendo ammirare con le luci della sera e dell'alba la maestosa e dirupata parete nord del Marguareis solcata dai numerosi canali e cengie che lasciano senza fiato.

Da buoni Liguri abbiamo deciso di compiere il lungo avvicinamento da sud (i piemontesi di solito partono da Pian delle Gorre in valle Pesio per loro più diretta) attraversando luoghi davvero incantevoli a cominciare dal fantastico scenario dell'altipiano dolinico di Piaggia Bella, paradiso di speleologi di mezza Italia ed anche europei, scavalcando Col del Pas, scendendo al laghetto Ratoira e risalendo verso sx fino a Porta Sestrera per scavalcarla, passare il valle Pesio e giù in picchiata in direzione del Rifugio Garelli dove abbiamo passato la notte nel bellissimo locale invernale.
La mattina di buon'ora, dopo aver riordinato con diligenza ci incamminiamo in direzione del laghetto del Marguareis che raggiungiamo in mezz'ora, attraversiamo in prossimità dell'emissario e risaliamo tra neve e sassi e labile traccia la china che ci porta al soprastante cono di deiezione.
Indossiamo l'attrezzatura, il nostro amico ci lega in cordata, lo studiamo un poco prima di cominciare l'avventura.
Il Genovesi, a causa del suo andamento ad esse, incassato com'è tra pareti veriginose, non si vede mai tutto. Infonde preoccupazione e timore reverenziale e ti assale l'ansia da prestazione. Il cono di deiezione è già abbastanza ripido, poi guardi tra le pareti di roccia e vedi che si impenna e si restringe e non vedendo la parte alta, non sai quel che ti aspetta. Il famoso masso incastrato che si trova quasi al termine, che avevo scalato in estate con difficoltà, non riesci ad immaginare come sarà, come si farà a superalo.
Il canale misura 300 mt circa, dicono avere un'inclinazione da 40° a 45°. Io ho analizzato la mia traccia gps (non so quanto precisa possa essere nel semi-buio satellitare del canale) ma mi dice che la pendenza massima degli ultimi 20m=321% corrispondente a 72°
e la pendenza media degli ultimi 150m=95% corrispondente a 44°
E' così che iniziamo a salire su neve sfondosa che mette al riparo dal rischio di scivolate ma rende la salita estremamente faticosa.
A metà canale alziamo lo sguardo e vediamo che si origina ina colata di neve superficiale, quasi come un ruscello, che ci mette addosso un poco di paura, ci spostiamo di qualche metro ed aspettiamo qualche minuto che si fermi. La neve è cosparsa di pietre più o meno grandi segno che le rocce laterali scaricano volentieri.
Arriviamo finalmente dal masso incastrato ed è quasi coperto del tutto ma affiorano già le corde fisse che ci aiutano non poco. Qui incontriamo ghiaccio vivo e la pendenza è terribile. L'amico alpinista (senza la sua guida, sarebbe stata inimmaginabile la mia salita) attrezza la prima sicura su picozza e la seconda in uscita con fettuccia su rocce laterali.
E' così che dopo 2 ore e un quarto di adrenalina pura scavalchiamo l'ultimo muretto, ci abbracciamo, sostiamo lungamente e ci incamminiamo a sinistra su un pendio ripido ma tranquillo vero la vetta che dista solamente un quarto d'ora di cammino.
Scendiamo in cresta verso ovest, (passo Gaina e rifugio Don Barbera) per la direttissima (il traverso della normale a sud-ovest è troppo pieno di neve) dappprima con ramponi su dolci pendii fino all'anticima dopo di chè troviamo le ripide rocce sgombre, (diff. EE) togliamo i ramponi e raggiungiamo così Passo della Gàina e poi a giù a nord nell'ampia conca ancora innevata fino a Colle dei Signori e Rifugio Don Barbera ancora chiuso. Pausa pranzo e pennichella con la numerosa colonia di marotte che ci delizia con i loro giochi.
Sappiamo che la grande gitona purtroppo sta per terminare e infatti in due ore raggiungiamo l'auto a Carnino.

Partenza da Carnino alle 11,30
MGN_801.JPG

e in Pian Ciucchea si lascia a sinistra il sentiero principale per la gola della Chiusetta per svoltare sul ripido sentiero che porta al passo delle Mastrelle
MGN_803.JPG
MGN_805.JPG
MGN_806.JPG

La sublime conca carsica di Piaggia Bella
MGN_808.JPG

Dal Capanno Seracco-Volante: In alto il passo delle Capre tra cima Palù, cima Bozano e Punta Emma, altra via per il Marguareis
MGN_810.JPG

Accogliente minuscolo locale invernale sempre aperto
MGN_811.JPG

Salendo a col del Pas
MGN_813.JPG

Col del Pas e Monte Pian Ballaùr
MGN_814.JPG

La discesa in val Ellero fino al laghetto Ratoira ancora parzialmente gelato
MGN_816.JPG
MGN_817.JPG

A sinistra il canale per salire a Porta Marguareis, in fondo Porta Sestrera
MGN_819.JPG

Porta Sestrera
MGN_820.JPG

Compare la sagoma del Marguareis e la parte sommitale del canale dei Genovesi. Da qui fa impressione
MGN_823.JPG

Ed eccoci a Pian del Lupo con l'originale Rifugio Garelli la cui architettura ricorda il profilo del Marguareis
MGN_824.JPG
MGN_825.JPG

e la vista che si gode standosene al calduccio
MGN_828.JPG


Accogliente dormitorio invernale dotato di 12 posti letto
MGN_829.JPG
MGN_833.JPG

e si fa il bucato...
MGN_836.JPG
MGN_837.JPG

..mentre qualcuno sonnecchia al tiepido sole pomeridiano
MGN_838.JPG

....e si prepara la cena
MGN_840.JPG

.... e ci si gode il tramonto su Costa Rossa e Bisalta
MGN_841.JPG
MGN_842.JPG

.... e l'alba
MGN_845.JPG
MGN_847.JPG

Ci si incammina e il Garelli si allontana
MGN_848.JPG

e si avvicina il canale. In fondo alla valle si vede l'emissario del laghetto del Marguareis. sulla sinistra della foto gli altri due canali: Torinesi (via normale da Pian delle Gorre) e Savonesi entrambi più facili mentre a destra (non inquadrato) il canale dei Pancioni solitamente scoperto a metà (TD)
A metà Genovesi dipartono verso sinistra la bella cengia Garibaldi (PD+) e il canale Nero (D+)
MGN_849.JPG
MGN_850.JPG
MGN_852.JPG

e si incomincia
MGN_853.JPG

...e si va...
notare che pietrone si trova sulla sx della foto....
MGN_855.JPG
...e si prosegue
MGN_856.JPG

ed ecco il masso incastrato, qui la pendenza è tremenda e si studia come passarlo. alla fine si decide per la destra
MGN_859.JPG
MGN_860.JPG

Ormai la fatica è quasi finita e la felicità fa capolino
MGN_861.JPG

Il Piervi in uscita
MGN_865.JPG

Carsene e Marittimesullo sfondo: dal Bego all' Argentera
MGN_867.JPG
MGN_870.JPG
MGN_871.JPG
MGN_873.JPG

Cresta dal Mondolè al Mongioie passando per Seirasso, Ferlette e Brignola
MGN_879.JPG

scendendo al passo della Gaina
MGN_880.JPG
MGN_881.JPG


Colla dei Signori e rifugio Don Barbera
MGN_882.JPG
MGN_884.JPG
MGN_885.JPG

e tante marmotte
V.MGN_700.JPG
V.MGN_704.JPG
V.MGN_705.JPG

In verde il nostro percorso
Z.Marguareis-genovesi.jpg

Prosit!!
 
I miei complimenti. Giornate così ci vogliono: quando ci sei dentro non vedi l'ora finisca e quando finisce provi subito nostalgia.
Hai dormito bene nel nuovo saccolenzuolo?
 
Tanta tanta roba, Piervi! Standing Ovation! :si::si::si:
Esagerato!! :D

I miei complimenti. Giornate così ci vogliono: quando ci sei dentro non vedi l'ora finisca e quando finisce provi subito nostalgia.
Hai dormito bene nel nuovo saccolenzuolo?
Hai ragione in tutto .... e il sacco-lenzuolo è una meraviglia!!! :zzz::zzz::woot:

Che Bello!
Complimenti
Bellissimo e bravissimi :si::si:;)!!!
Grazie per i complimenti che fanno sempre piacere! :)
Le tue escursioni si svolgono sempre su percorsi a basse quote(sic!)
AHAHAHAHAH!!!!!
 
Porca vacca!! Ahahah!Ho sudato di adrenalina solo nel leggere.
Escursione non vale più in questi casi per cui complimenti per la bellissima arrampicata.....certi posti poi:woot::woot::woot:
Sempre grande Piervi!! Grazie della condivisione
 
Ed è capitato anche l'incidente con queste rocce semisepolte che non vedi ma hanno il buco intorno.
Ginocchiata tremenda che mi ha creato un po di apprensione per il proseguo della gita.
Un po stringendo i denti comunque è andata bene.
MGN_832.JPG
MGN_831.JPG
 
Corso di Orientamento
Alto Basso