Escursione Canale di Fonte Rionne

Parchi d'Abruzzo
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Data: 18/5/16
provincia: L’Aquila
Località di partenza: campo Imperatore nei pressi del bivio per S. Stefano di Sessanio (circa 1590 m)
Tempo di percorrenza: 5 ore
Grado di difficoltà: EAI (piccozza e ramponi)
Descrizione delle difficoltà: canale di neve compatta con brevi passaggi con pendenze massime di 35-40°, superamento di tratti crepacciati
Segnaletica: nessuna
Dislivello complessivo in salita: 900 m
Quota massima: monte Infornace 2469 m.

Classica, splendida e varia escursione: si passa dall’ambiente gibboso, a tratti sabbioso e ghiaioso di Campo Imperatore, al canale in basso ricco di acqua che si insinua tra le guglie meridionali dell’Infornace e che diventa una lingua di neve che in alcuni punti si restringe, supera con dei ponti alcune zone crepacciate (sembra di essere su un vero e proprio ghiacciaio) e arriva praticamente in vetta. Si parte dalle fioriture varie della piana per arrivare alle creste finali dove è ancora inverno. Il canale di Fonte Rionne, nonostante l’esposizione a SO, ha un nevaio di uno spessore di vari metri e che resiste anche d’estate, ovviamente molto ridotto e non continuo. L’ambiente è notevole e tipico del Gran Sasso, con un bel contrasto fra il candore del nevaio e i pinnacoli dolomitici. Escursione che pensavo di fare in solitaria e che invece mi ha visto con in compagnia di tre simpatici ragazzi scialpinisti che hanno sfruttato la bella giornata per godersi una delle ultime sciate.

___
Si parte dalla strada SS 17 bis nei pressi del bivio per S. Stefano di Sessanio puntando in direzione della fiumana ghiaiosa alla base del roccioso versante meridionale del Prena, senza un percorso obbligato, quasi pianeggiante. Prestare molta attenzione in questo tratto in caso di nebbia vista la mancanza di punti di riferimento. Giunti nell’alveo dove scorre un torrentello, si segue un sentiero caratterizzato da alcuni pilastrini di cemento e che conduce al piccolo fabbricato della presa d’acqua posta più in alto, dove si attraversa il fosso, si continua sull’altro versante fino ad arrivare all’imbocco del canale innevato (circa 1900 m). Il canale si incunea tra pinnacoli dolomitici con pendenze non eccessive, ma che comunque richiedono l’utilizzo dei ramponi. I tratti crepacciati attualmente si superano senza problemi su dei ponti di neve abbastanza consistenti. Tenere presente però che con l’avanzare della stagione il canale potrebbero esser interrotto in alcuni punti, specie nella strettoia posta a circa 2100 m. Il canale termina su una spalla orizzontale da dove si raggiunte brevemente la cima.

P1010258.JPG


al centro è ben visibile il canale di Fonte Rionne
P1010268.JPG


P1010271.JPG


P1010272.JPG
.
P1010274.JPG


P1010276.JPG


P1010278.JPG


al centro la presa d'acqua dove si attraversa il fosso
P1010279.JPG


P1010284.JPG


P1010285.JPG


P1010286.JPG

superata la parte più stretta e ripida
P1010292.JPG


P1010293.JPG


P1010295.JPG


P1010296.JPG


P1010298.JPG


P1010299.JPG


P1010300.JPG


P1010301.JPG


P1010302.JPG


P1010304.JPG


P1010305.JPG


P1010307.JPG

P1010311.JPG


P1010312.JPG


P1010313.JPG


P1010314.JPG


P1010316.JPG


P1010317.JPG


P1010321.JPG


P1010322.JPG


P1010325.JPG


P1010326.JPG



 
Ultima modifica:
Ciao Gianni,
quel canale me lo ricordavo a memoria eppure rivederlo è stato bellissimo. Sarà l'astinenza, sarà questa incredibile e insperata coda d'inverno ed il vedere questo bianco quasi a fine maggio dopo il deprimente grigio brullo di gennaio e febbraio, sarà quel che sarà...ma che meraviglia !
Dopodomani tocca a noi sfruttare questo miracolo con qualcosa non da meno, facendo le corna...anzi il Corno (e pure Grande) ! :D
Un saluto.
Andrea
 
Che meraviglia... Complimenti per l'escursione e le splendide foto, @gicat ! :si:

Spero davvero di riuscire a farlo prima della fine della stagione... È vero che ha nevicato di nuovo ma io prima di una decina di giorni dubito di riuscire a rimettere piede in montagna, chissà se reggerà :no:

Una curiosità giusto per chiacchierare, ma l'attacco col casotto di captazione dell'acqua non è lo stesso della cosiddetta "via del CAI di Penne" sotto le torri di Casanova, vero?

Questo (orrore) praticamente...

image.jpeg

Ancora complimenti!
 
bello! bello! strabello tutto!
Complimenti!!!!
Posti e foto stupende. Complimenti e grazie per aver condiviso.
sembra quasi facile dalle foto :D
Senza fiato di fronte a certi scenari!:woot: Complimenti! Stupenda rampicata!
Veramente spettacolare!
Molto bella. Complimenti e grazie.
Che luogo fantastico che è l'Abruzzo. Foto strepitose e gita bellissima.
Grazie a tutti per gli apprezzamenti:). L'Abruzzo ogni volta conferma di avere delle bellezze naturali di tutto rilievo.
 
Ciao Gianni,
quel canale me lo ricordavo a memoria eppure rivederlo è stato bellissimo. Sarà l'astinenza, sarà questa incredibile e insperata coda d'inverno ed il vedere questo bianco quasi a fine maggio dopo il deprimente grigio brullo di gennaio e febbraio, sarà quel che sarà...ma che meraviglia !
Dopodomani tocca a noi sfruttare questo miracolo con qualcosa non da meno, facendo le corna...anzi il Corno (e pure Grande) ! :D
Un saluto.
Andrea

Ciao Andrea,
anche per me questa stagione è stata avara di ramponate. E così ho sfruttato una delle ultime giornate possibili per fare una salita in assetto invernale. Tra l'altro il canale di Rionne non l'avevo mai fatto e anch'io sono rimasto colpito dalla sua bellezza.
Spero che la tua salita al Corno Grande sia andata bene.
Un caro saluto.

Gianni
 
Che meraviglia... Complimenti per l'escursione e le splendide foto, @gicat ! :si:

Spero davvero di riuscire a farlo prima della fine della stagione... È vero che ha nevicato di nuovo ma io prima di una decina di giorni dubito di riuscire a rimettere piede in montagna, chissà se reggerà :no:

Una curiosità giusto per chiacchierare, ma l'attacco col casotto di captazione dell'acqua non è lo stesso della cosiddetta "via del CAI di Penne" sotto le torri di Casanova, vero?

Questo (orrore) praticamente...

Vedi l'allegato 90301

Ancora complimenti!
Grazie Francesco per gli apprezzamenti.
Penso che il canale anche fra 10 giorni sarà fattibile: l'unico problema potrebbe esserci nel superare il tratto più stretto, dove il pontedi neve potrebbe essersi indebolito troppo. Per il resto il canale non ha grosse pendenze. Comunque, prima di andare, puoi provarea chiedere informazione su Facebook: qualcuno nel frattempo ci sarà andato e potrà darti informazioni più aggiornate.

Il casotto di captazione dell'acqua all'inzio della via Cai di Penne non è lo stesso di Rionne. Quello che intendo io è questo (altro esempio di bellezza).
P1010280.JPG
 
Ciao Gianni :) e complimenti,
te sei talmente bravo ed esperto che tranquillo te la facevi da solo, comunque la compagnia che si trova per strada quasi sempre è molto piacevole...anche noi per es. domenica abbiamo fatto gran parte della salita insieme a due skialp aquilani simpatici ed in gamba ( hanno pure raccattato per strada e riportato al Sassone uno sprovveduto senza piccozza che se la faceva sotto).
Approfitto per chiederti dove sei sceso, ho in programma la gita per il 2 giugno.
Thank's;)
 
Grazie ancora, @gicat ... Ho in mente un po' di escursioni a "modo mio" (cioè senza meta e senza puntare la vetta) da entrambe i versanti in quella zona...
sono certo che c'è tanto da vedere fuori dai sentieri battuti, solo che prima di iniziare questo genere di cose preferisco passare dai sentieri noti per "fare amicizia" con la zona.. Ma questo senza neve, sono zone che già senza manto bianco possono essere impegnative per le mie capacità :si: lì è un attimo e ti trovi in zone che manco le capre vorrebbero percorrere :lol:
 
Che dire. È uno dei canali più spettacolari che ho messo in agenda. Non credo quest'anno ormai stagione quasi finita. Vedremo prossimo anno.
Si, come ambiente è uno dei canali più belli della zona ed anche più facile di altri (se fatto nelle giuste condizioni, altrimenti la musica cambia).

Grazie ancora, @gicat ... Ho in mente un po' di escursioni a "modo mio" (cioè senza meta e senza puntare la vetta) da entrambe i versanti in quella zona...
sono certo che c'è tanto da vedere fuori dai sentieri battuti, solo che prima di iniziare questo genere di cose preferisco passare dai sentieri noti per "fare amicizia" con la zona.. Ma questo senza neve, sono zone che già senza manto bianco possono essere impegnative per le mie capacità :si: lì è un attimo e ti trovi in zone che manco le capre vorrebbero percorrere :lol:

Ciao Francesco, hai ragione, al di fuori dei percorsi più noti c’è ancora molto da vedere sia nel Gran Sasso che nel resto dell’Appennino. E credo che tu abbia la giusta molla di curiosità per realizzare escursioni interessanti.
 
Ciao Gianni :) e complimenti,
te sei talmente bravo ed esperto che tranquillo te la facevi da solo, comunque la compagnia che si trova per strada quasi sempre è molto piacevole...anche noi per es. domenica abbiamo fatto gran parte della salita insieme a due skialp aquilani simpatici ed in gamba ( hanno pure raccattato per strada e riportato al Sassone uno sprovveduto senza piccozza che se la faceva sotto).
Approfitto per chiederti dove sei sceso, ho in programma la gita per il 2 giugno.
Thank's;)

Ciao Giuseppe, grazie per l’apprezzamento e la stima.
La discesa l’ho effettuata più o meno seguendo il canale della foto qui sotto: non presenta particolari pendenze o difficoltà, solo qualche passaggetto tra le rocce.
P1010276 (2).JPG


Avevo anche pensato di scendere per la via Cieri, ma ho scartato l’idea perché mi avrebbe portato molto più a sinistra (scendendo), con conseguente allungamento del percorso per tornare al punto di partenza.

Complimenti per la Direttissima: è sempre una bellissima salita, molto frequentata e per questo puoi incontrare vari e non sempre piacevoli “personaggi”. Ho letto che stai puntando alle Alpi: tremila o ancora più in alto? Un saluto a te e agli altri avventurosi.
 
Vorrei un'informazione visto che la zona è quella.19 Giugno la mia sez. Cai ha in programma il sentiero del Centenario.Solo che qualche mese fa l'organizzatore se n'è uscito con il fatto che potrebbe essere annullata perchè chiusa a causa di presunti crolli lungo il tracciato.A parte che all'epoca era ancora mooolto innevata quindi non so da chi abbia preso queste informazioni.Avete informazioni più precise?Grazie
 
Vorrei un'informazione visto che la zona è quella.19 Giugno la mia sez. Cai ha in programma il sentiero del Centenario.Solo che qualche mese fa l'organizzatore se n'è uscito con il fatto che potrebbe essere annullata perchè chiusa a causa di presunti crolli lungo il tracciato.A parte che all'epoca era ancora mooolto innevata quindi non so da chi abbia preso queste informazioni.Avete informazioni più precise?Grazie
Recentemente sentivo che i dispositivi fissi della ferrata Familiari (Torri di Casanova) versano in pessime condizioni (il cavo d'acciaio era noto, ma va sempre peggio, ed a quanto pare anche la scala è messa male) non so se l'inverno ha cagionato qualche danno ulteriore ma di crolli non ne ho sentiti... se vuoi provo a sentire in zona, credo tra l'altro che la gestione di quel tracciato sia di competenza del CAI de L'Aquila, magari si può chiedere a loro...

Comunque io chiedo in giro
 

Discussioni simili



Alto Basso