Escursione Cap de Creus

Dati

Data: 01.10.2021
Regione e provincia: provincia di Girona, Catalogna, Spagna
Località di partenza: Cadaqués
Località di arrivo: Cap de Creus e ritorno
Tempo di percorrenza: 1h20' + 2h
Chilometri: 15 km totali
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: nessuna
Periodo consigliato: sempre
Segnaletica: presente
Dislivello in salita: 620 m
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 110 m (Puig de ses Portes)
Accesso stradale: la strada Cadaqués-Faro è chiusa dall'11 giugno al 30 settembre. Ci sono diversi parcheggi intermedi e si può partire da dovunque. Io ho parcheggiato al più lontano.
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8509


Descrizione

Ci siamo spostati per la vacanza in Catalogna, nel bellissimo parco naturale del Cap de Creus. Volevamo andare a visitare il faro del capo omonimo, ma il 29 settembre un gendarme ci ha stoppato a Cadaqués dicendo che la strada era chiusa e, volendo, c'era un pulmino che ti portava al faro.
No grazie, abbiamo risposto (nessuna voglia di chiudermi in un pulmino insieme a decine di sconosciuti), per cui siamo tornati indietro e abbiamo visitato Cadaqués.
Un paio di giorni dopo, però (il 1 ottobre) m'era rimasta la voglia di vedere il faro per cui sono ritornato, deciso ad andare a piedi. Parcheggio ben prima del posto di blocco e mi metto in cammino. Arrivo al posto di blocco e... non c'era nessuno. Perplesso e incuriosito cerco su internet, e scopro che il 1 ottobre era il primo giorno di apertura della strada per il faro...
Vabbè, ormai mi sono messo in cammino, camminiamo! Scelgo il percorso costiero, chiamato Camì de ronda o Camì antic, e beh, le immagini parlano da sole:







Il faro e il promontorio si vedono praticamente sin dalla partenza:




Il sentiero si mantiene a una cinquantina di metri sul livello del mare, con qualche saliscendi, e ogni tanto qualche sentierello scende a calette bellissime:




Poi si arriva sotto il faro, e una cementata ertissima si arrampica per gli ultimi 30 m di salita:



Finché si arriva al faro:


Da lì si aprono panorami meravigliosi:




Dal faro si può scendere ed avvicinarsi ancora di più al mare, scoprendo angoli bellissimi:







Il promontorio è il punto più ad est della Spagna continentale. Per arrivarci c'è un passaggio abbastanza terrificante, con alcuni passi su cengia espostissima, tanto che è attrezzata con degli occhielli di metallo per assicurarsi (vi assicuro che le foto non rendono minimamente l'idea, la cengia è larga metà di un piede umano):



Superato con qualche patema questo passaggio, si arriva al Mirador de Cap de Creus, il punto più orientale:




Nel tornare indietro non mi dirigo direttamente al faro: faccio il periplo del promontorio, finché mi imbatto in un luogo mozzafiato, la Cova de s'Infern. È una insenatura-arco roccioso in cui il mare penetra e regala uno scorcio indimenticabile. Questa è la vista da sopra (perché in pratica il sentiero passa sopra l'arco, senza che uno se ne accorga):


E questa è la vista dal mirador:


Altre calette spettacolari (se non erro questa è Cala Jugadora):



Me ne torno per un sentiero che invece passa nel centro del promontorio. È parte del GR11, il sentiero di lunga percorrenza che sta ai Pirenei come il GTA sta alle Alpi:





Dopo essermi riempito gli occhi e il cuore di tanta bellezza (e aver perfino salito una cimetta insignificante nel promontorio, il Puig de sas Portes) me ne ritorno al parcheggio, grato per una giornata così meravigliosa.

alla prossima!
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso