Capita anche a voi con i vestiti?

Notate qualcosa di uguale in queste foto (a parte il brutto ceffo)?
Islanda 1990, Roma 2019
Patagonia 1992, Abruzzo 2020
La camicia me la regalò una fidanzata storica nel 1990 e ancora mi accompagna (la camicia, non la fidanzata) per i sentieri (con qualche rammendo).
Il giubbotto lo comprai nel 1984 e anche lui è un fedele compagno sui sentieri invernali di bassa quota.
Non so se capita anche a voi, ma io devo quasi nascondere alcuni abiti a mia moglie per evitare che me li frulli via.
Il fatto è che pare che noi uomini ci affezioniamo ad alcuni capi di vestiario, che forse carichiamo di memorie, di avventure, che però solo noi vediamo.
O forse è solo pigrizia?
4.jpg
 
No, sono anch'io così, mi affeziono ai vestiti che porto comunemente (non molto).
Ad esempio ho una camicia leggera sintetica che non stiro mai e che porto da 20 anni, così pure la cintura.
La cintura è molto utile: infatti per me serve per misurare se nel corso del tempo aumento di peso/il giro vita (usando i buchi nella stessa).
Giubbotti è più difficile, purtroppo li distruggo "spesso" nel senso che si "sbregano" da qualche parte oppure la cerniera si "spanna" e non chiude più bene
 
U

Utente 24852

Guest
Io e la mia compagna stiamo assieme da 18 anni... ed entrambi abbiamo moltissimi vestiti che usiamo ancora, ovviamente quelli che ci vanno ancora ;) Lei non spreca ciò che ancora può funzionare, ma senza "esagerate", mentre io sono stato tirato sù con la filosofia di sfruttare al massimo le cose.
Non si butta, ma ripara, modifica.
Compreso il vestiario, toppe, cuciture o modifiche che permettano di continuarne l'uso sono "normalità". Uso molto spesso giacche, pantaloni per mesi, anni, rattoppati anche con del solo nastro telato (Americano). Ma ho anche la fortuna di voler solo abiti neri o comunque il più scuri possibile... quindi nastro nero e via ;) NB: sono uno che non dà importanta all'aspetto estetico, alle apparenze.
 
Notate qualcosa di uguale in queste foto (a parte il brutto ceffo)?
Islanda 1990, Roma 2019
Patagonia 1992, Abruzzo 2020
La camicia me la regalò una fidanzata storica nel 1990 e ancora mi accompagna (la camicia, non la fidanzata) per i sentieri (con qualche rammendo).
Il giubbotto lo comprai nel 1984 e anche lui è un fedele compagno sui sentieri invernali di bassa quota.
Non so se capita anche a voi, ma io devo quasi nascondere alcuni abiti a mia moglie per evitare che me li frulli via.
Il fatto è che pare che noi uomini ci affezioniamo ad alcuni capi di vestiario, che forse carichiamo di memorie, di avventure, che però solo noi vediamo.
O forse è solo pigrizia?

Confermo tutto, e non è pigrizia.

Anche io mi ci affeziono ai capi di abbigliamento e li porto fino allo stremo ed è una battaglia con mia moglie per evitare che me li butti via se proprio non sono finiti del tutto!

I sacchi che lei fa per la Caritas, cerco di intercettarli e ci trovo della roba mia che riprendo e nascondo :poke:
 
Ultima modifica:
A me i vestiti, in particolare le scarpe, durano proprio tanto. Cerco di non comprare robaccia, quindi alla fine spendo più o meno quanto chi compra ogni anno una cosa nuova.
Per le scarpe, ho un motivo (problemi ad un piede), per cui fatico a trovarle.
I vestiti... mah, si vede che sono un tipo sparagnino, ma se sono ancora in ordine, perché cambiarli? La roba che mi piace in fondo è sempre quella. Jeans vissuti, camicie di cotone, maglioncino o pile. Tinte neutre.
 
Ho dei capi quarantennali,più che decorosi, miracolosamente sfuggiti ai blitz barbarici della consorte.Eppure ogni tanto capita:" Hai visto la giacca da boscaiolo che prendemmo in Austria?" Risposta con ipocrita indifferenza:"Quale? (come se ne avessi due) quella tutta sporca e rattoppata? Ma la furia si scatena anche contro gli oggetti (e questa sarebbe stata da femminicidio) ho miracolosamente recuperato dal cassonetto ( !!!) i miei occhialoni da carrista del 71 72 :wall:
 
U

Utente 24852

Guest
Ma vuoi mettere la soddisfazione di andare in giro con un vestito stra usanto, perché personalmente le cose le uso senza farmi tanti problemi, con degli strappi, dei punti troppo usurati... coperti da delle toppe. Sia di tessuto, ma ancor più soddisfazione quelle improvvisate con il nastro americano?
Con le persone che guardano storto perché si basano sulle apparenze e quella non é ritenuta "bella"?

Fantastico.
 
ahahahahha ok una voce femminile ci vuole ma...

ok anche io tengo a taluni capi con cui mi sento bene, a mio agio anche se magari mi stanno male ma li sento comodi e non mi interessa se sono vecchi, basta che siano puliti e riparati continuo ad usarli fino a che non sono inutilizzabili ^_^

Vivo da sola quindi nessuno mi butta nulla ma mi tocca sentire madre e sorella che mi fanno le parti quando secondo loro ho indumenti che non approvano... uffa!
 
Notate qualcosa di uguale in queste foto (a parte il brutto ceffo)?
Islanda 1990, Roma 2019
Patagonia 1992, Abruzzo 2020
La camicia me la regalò una fidanzata storica nel 1990 e ancora mi accompagna (la camicia, non la fidanzata) per i sentieri (con qualche rammendo).
Il giubbotto lo comprai nel 1984 e anche lui è un fedele compagno sui sentieri invernali di bassa quota.
Non so se capita anche a voi, ma io devo quasi nascondere alcuni abiti a mia moglie per evitare che me li frulli via.
Il fatto è che pare che noi uomini ci affezioniamo ad alcuni capi di vestiario, che forse carichiamo di memorie, di avventure, che però solo noi vediamo.
O forse è solo pigrizia?
Vedi l'allegato 203213
Per fortuna sono ingrassato altrimenti avrei fatto la stessa cosa!
 
Ho ancora in uso un guscio Bergaus GTX acquistato oltre 20 anni fa, è in ottimo stato, e l'ho appena rigenerato con un bagno di nikvax;immagino di usarlo ancora per un ventennio .
La mia giacca rossa Berghaus Kolyma del 1996 è ancora in perfette condizioni.
Che poi la Kolyma è un fiume artico siberiano, ma anche il territorio del più spaventoso gulag sovietico. Šalamov c'ha scritto anche I racconti della Kolyma.
130 024 Sella di Monte Aquila.jpg
 
Ho i miei primi scarponi da montagna di 30 anni fa, dopo la seconda volta che ho fatto risuolare ho cominciato a guardarmi in giro e a chiedermi se ci fosse qualcosa di più leggero sul mercato. Sarà l'età ma mi sono reso conto che mi sembrava di camminare con 2 palle da carcerato ai piedi :biggrin: .
Ora ho scarponi leggeri e abbastanza comodi ma il "vecchio scarpone" è li in mansarda e guai a chi lo tocca
 
Sì, mi capita di continuare a portare lo stesso indumento per motivi "affettivi", ma principalmente mi capita con indumenti cittadini, per lo più del genere assimilabile ai jeans come occasioni di utilizzo.

Mi capita anche di continuare a portare indumenti da escursionismo per anni ed anni, in parte anche per motivi sentimentali, ma il motivo principale è la particolare fattura di qualche capo che con il tempo è caduta in disuso ma che invece si adatta particolarmente bene alle mie esigenze.

Primo esempio: una maglia manica lunga (intimo invernale) sintetica in cannolé della Dufold... nessuno ne fa più mentre, con l'uso ed i lavaggi, quella che ho, vecchia di oltre venti anni si è fatta ancora più morbida... fu anche il regalo di una ragazza, ma di questo onestamente me ne ricordo solo "dopo"...
Secondo esempio: jeans verdi di un cotone (in effetti sono pantaloni di tagli jeans ma fatti con una stoffa diversa) particolarmente traspirante rispetto ai jeans "veri" ma con la stessa consistenza quindi particolarmente adatti ad escursioni a quote collinari o per la mezza stagione. Sono marcati Obj, quindi nascono per la città, chissà perché decathlon & C non hanno mai pensato ad una proposta simile.
 
U

Utente 24852

Guest
...fatico a contemplare certe dinamiche, in casa mia vige una regola "silenziosa", basata per noi sul rispetto, correttezza, fiducia, ecc... di non toccare assolutamente certe cose, ci viene spontaneo senza pensarci e mai ci viene in mente di aprire la posta dell'altro, toccare il cellulare, TOCCARE I VESTITI ALTRUI IN BASE ALLE PROPRIE OPINIONI?? Ma siamo fuori, AHAHAHAH Anche nella vita di coppia ci sono e dovrebbero giustamente esserci e durare cose personali, privati.

AMEN e R.I.P per i vostri capi sequestrati ed eliminati ;)
 
Più che affezionarmi ai vestiti, avendo difficoltà a trovare qualcosa che mi piaccia, alla fine uso per anni le stesse cose. Capita poi che se realizzi che qualcosa la possiedi da decenni non riesci facilmente a disfartene anche quando non serve più.
Gli indumenti più vecchi che ho ancora in uso o perlomeno in armadio sono delle camicie militari di mio padre e un suo cappotto.
 
Anche io mi affeziono alle cose. Ho alcuni capi di vestiario che magari non uso da anni ma che custodisco con cura nell'armadio e che all'occorrenza posso sempre utilizzare, guai a chi li tocca... Quello che mi lega a certi oggetti sono i ricordi, quindi mi viene difficile buttare via qualcosa che mi ricorda persone o momenti particolari, probabilmente anche perchè ho cambiato parecchie situazioni sentimentali e lavorative, stravolgendo (fortunatamente quasi sempre in positivo) la mia vita, tanto che che a volte, ripensandoci, mi sembra di avere vissuto "più vite"...
Ma è anche vero che mi piace comprare cose nuove, con il risultato che ho l'armadio pieno di roba....
 
Ultima modifica:
Corso di Orientamento
Alto Basso