Capita anche a voi con i vestiti?

Volevo allietare :poke: le vostre uggiose giornate in clausura obbligata, mettendo una mia foto recente (un paio di mercoledì fa, prima di essere blindati in casa) vestito con la venticinquennale giacca-guscio di Patagonia in Gore-tex(TM), affettuosamente ribattezzata in casa "modello Alberto Angela".
Infatti, un paio d'anni dopo averla comprata, cominciarono a vedersi in televisione servizi in cui il suddetto indossava esattamente la stessa giacca.
Era la parte esterna di un classico 3-in-1, il cui pile è finito in discarica autorizzata un paio di mesi fa.
Ma ho indosso il pile che lo ha sostituito, in questo momento. Ok, non è beige, ma grigio. Ed anche lui avrà, come minimo, una quindicina d'anni… Sempre Patagonia, con il sistema interchange perfettamente compatibile. Purtroppo, oggi non si trovano più, i ricambi di mezza giacca. :oops:
Ho una meravigliosa giacca corta Columbia Titanium nera, interno in piuma con riflettore alluminato interno ed esterno in Omnitech (il Gore-tex in versione Columbia). Non esiste guscio in commercio singolo e quello che ho ha subito numerosi distacchi di nastrature e Omnitech. Da buttare, perché non tiene più l'acqua. Ma non esiste un guscio esterno abbinabile al piumino interno. Che a questo punto mi sto godendo usato da solo, per la città.

Quindi, cari fratelli, vi capisco, oh, come vi capisco!:):roll:


Qui, forse un po' sfocata, in un'immagine di qualche anno fa, ma da cui si capisce meglio foggia e colore:

Credo che sia la Torrentshell 3-in-1. Lo ripeto: VENTICINQUE anni di onorato servizio, senza fare una piega. Intramontabile!
 
Volevo allietare :poke: le vostre uggiose giornate in clausura obbligata, mettendo una mia foto recente (un paio di mercoledì fa, prima di essere blindati in casa) vestito con la venticinquennale giacca-guscio di Patagonia in Gore-tex(TM), affettuosamente ribattezzata in casa "modello Alberto Angela".
Infatti, un paio d'anni dopo averla comprata, cominciarono a vedersi in televisione servizi in cui il suddetto indossava esattamente la stessa giacca.
Era la parte esterna di un classico 3-in-1, il cui pile è finito in discarica autorizzata un paio di mesi fa.
Ma ho indosso il pile che lo ha sostituito, in questo momento. Ok, non è beige, ma grigio. Ed anche lui avrà, come minimo, una quindicina d'anni… Sempre Patagonia, con il sistema interchange perfettamente compatibile. Purtroppo, oggi non si trovano più, i ricambi di mezza giacca. :oops:
Ho una meravigliosa giacca corta Columbia Titanium nera, interno in piuma con riflettore alluminato interno ed esterno in Omnitech (il Gore-tex in versione Columbia). Non esiste guscio in commercio singolo e quello che ho ha subito numerosi distacchi di nastrature e Omnitech. Da buttare, perché non tiene più l'acqua. Ma non esiste un guscio esterno abbinabile al piumino interno. Che a questo punto mi sto godendo usato da solo, per la città.

Quindi, cari fratelli, vi capisco, oh, come vi capisco!:):roll:


Qui, forse un po' sfocata, in un'immagine di qualche anno fa, ma da cui si capisce meglio foggia e colore:

Credo che sia la Torrentshell 3-in-1. Lo ripeto: VENTICINQUE anni di onorato servizio, senza fare una piega. Intramontabile!
In effetti anche io ho un'infrangibile Columbia Titanium che utilizzo regolarmente dal 1999. Ho solo dovuto far cambiare la cerniera lampo: 10 euro.
 
...siccome mi piace acquistare materiale (non solo vestiti) di qualità, cerco di trattarlo con rispetto.
Ma se l'usura inizia ad inficiare la funzionalità, inizio a fare il "triage" di ciò che vale effettivamente la pena tenere in casa...
 
Questa Tecnialp doderata era di mio padre (io ho 43 anni). Ultra calda. Basta portarla in giro e lei è contenta. Basta che faccia freddo e lei viene con me. Un pò pesante ma ci tengo particolarmente
205270
 
Anche io ho degli indumenti datati che hanno passato un sacco di “avventure” insieme a me.... in particolar modo una giacca da snowboard della dc....ha quasi 15 anni...è una 5k verde scura con aperture sotto alle braccia... l ho rammendata e ricucita ormai decine di volte in decine di punti diversi.. continuo a farle trattamenti al silicone per tenerla bella impermeabile... ho anche altre giacche e giacconi ma quella per me è e resterà immortale :rofl:
Poi ho 2 paia di levis 501 classici di mio padre che facendo 2 conti hanno più di 40 anni! Ancora li indosso io e mi stanno.... ricuciti 2000 volte ma il tessuto tiene ancora botta...

i jeans di oggi dopo 2 anni cominciano ad assottigliarsi e strapparsi....:wall:
 
Questa Tecnialp doderata era di mio padre (io ho 43 anni). Ultra calda. Basta portarla in giro e lei è contenta. Basta che faccia freddo e lei viene con me. Un pò pesante ma ci tengo particolarmente
Vedi l'allegato 205270

Beh, qui siamo in un caso leggermente diverso: la chiamata degli affetti. :oops:
Confesso di esserci dentro in pieno… gli scarponi più invernali che ho, della Garmont, in Gore-tex, erano del mio povero babbo, scomparso nel 2013. Stimo quindi che abbiano non meno di una ventina d'anni. Ma, tenuti bene (riposano ancora nella loro scatola originale, quando non li uso!), usando ogni 2 anni circa il liquido per Gore-tex per impermeabilizzare la tomaia, fanno ancora splendidamente il loro lavoro. Li uso anche con le ciaspole, per dire...
E, finché non mi sono comprato un paio di Columbia leggermente più bassi per l'estate, facevano il loro lavoro anche in estate. Mentre i Columbia, pur "impermeabili", dopo 3 anni non lo sono più e non c'è verso di farli tornare ad un decente livello di impermeabilità, liquidi o non liquidi.

Ipotizzo due distinte cause, per la scarsa durata delle membrane impermeabilizzati odierne:
1. le membrane di una volta erano ben più durevoli di quelle di oggi, in cui i produttori "per il nostro bene", hanno eliminato alcune sostanze chimiche. Tossiche? Mah. Se lo fossero state, non avrebbero mai potuto iniziare la produzione, mai. Temo, più semplicemente, un banale concetto di "obsolescenza programmata", dietro il cambiamento di formulazione...
2. Che l'originale Gore-Tex, pur con tutti i suoi difetti (in particolare: rende molto più rigidi i tessuti), sia ben più resistente dei suoi "cloni" Columbia, Salewa, ecc. ecc.

Non so dirvi quale sia l'ipotesi giusta. Ma la differenza c'è e la riscontro sempre.
 
Beh, qui siamo in un caso leggermente diverso: la chiamata degli affetti. :oops:
Confesso di esserci dentro in pieno… gli scarponi più invernali che ho, della Garmont, in Gore-tex, erano del mio povero babbo, scomparso nel 2013. Stimo quindi che abbiano non meno di una ventina d'anni. Ma, tenuti bene (riposano ancora nella loro scatola originale, quando non li uso!), usando ogni 2 anni circa il liquido per Gore-tex per impermeabilizzare la tomaia, fanno ancora splendidamente il loro lavoro. Li uso anche con le ciaspole, per dire...
E, finché non mi sono comprato un paio di Columbia leggermente più bassi per l'estate, facevano il loro lavoro anche in estate. Mentre i Columbia, pur "impermeabili", dopo 3 anni non lo sono più e non c'è verso di farli tornare ad un decente livello di impermeabilità, liquidi o non liquidi.

Ipotizzo due distinte cause, per la scarsa durata delle membrane impermeabilizzati odierne:
1. le membrane di una volta erano ben più durevoli di quelle di oggi, in cui i produttori "per il nostro bene", hanno eliminato alcune sostanze chimiche. Tossiche? Mah. Se lo fossero state, non avrebbero mai potuto iniziare la produzione, mai. Temo, più semplicemente, un banale concetto di "obsolescenza programmata", dietro il cambiamento di formulazione...
2. Che l'originale Gore-Tex, pur con tutti i suoi difetti (in particolare: rende molto più rigidi i tessuti), sia ben più resistente dei suoi "cloni" Columbia, Salewa, ecc. ecc.

Non so dirvi quale sia l'ipotesi giusta. Ma la differenza c'è e la riscontro sempre.
Si, ci mancherebbe. L'affettività con quel pezzo è forte. Ma la resa termica è di traspirabilità è superiore. Mai dovuto metterci una toppa o farci cucitura
 
generalmente per quel che mi riguarda, non è che mi affeziono molto alle cose ma è che odio lo spreco, quindi sia per smartphone, notebook, vestiario, scarpe, auto, se ancora sono decenti e funzionano, non vedo perchè comprarne altre

inoltre come riportato sopra da qualcuno, anche io trovo di rado qualche cosa che mi piace, e se lo trovo può darsi che ne compro 3 o 4 uguali o simili cambiando il colore per stare apposto per alcuni "anni" :D

senza esagerare e passare dal lato del "tirchio" ovviamente
 
generalmente per quel che mi riguarda, non è che mi affeziono molto alle cose ma è che odio lo spreco, quindi sia per smartphone, notebook, vestiario, scarpe, auto, se ancora sono decenti e funzionano, non vedo perchè comprarne altre

inoltre come riportato sopra da qualcuno, anche io trovo di rado qualche cosa che mi piace, e se lo trovo può darsi che ne compro 3 o 4 uguali o simili cambiando il colore per stare apposto per alcuni "anni" :D

senza esagerare e passare dal lato del "tirchio" ovviamente
Ah, beh... io compro camicie e pantaloni uguali e anche dello stesso colore...
 
mio padre è da 40 anni che compra e indossa solo levis 501... ne compra 5/6 paia per volta uguali e gli durano anni ed anni.. anche se lui stesso ammette che la qualità del tessuto jeans della levis era mooolto superiore anni fà...del resto tutto quanto oggi è fatto per NON durare come invece veniva fatto una volta.... :wall:
 
I Levi's 501, come molti jeans, hanno cambiato il tessuto, passando dal cotone 100% ad una miscela in cui una fibra sintetica (elastan) viene aggiunta per rendere il pantalone più elastico e quindi più comodo da indossare. A parte questo dettaglio, che rende il pantalone apparentemente meno "duro", tessitura, taglio e cuciture sono rimasti gli stessi.
I vecchi jeans creavano problemi urologici, quindi non mi sembra che la qualità sia peggiorata, anzi!
 
Certo che sì, capita anche a me, che sia zaino, tenda, t-shirt o qualsiasi oggetto.
Solo per fare alcuni esempi.
Mi è capitato di usare la stessa tenda del 1986 (Ferrino Igloo, quella con ancora la firma di Messner sul fianco, argentata, con il tunnel davanti....da qui il nome "igloo") fino all'anno scorso, ovviamente in deserto, perchè non terrebbe la pipì di un canarino, oggi, ma niente, le altre 7 tende nuove in solaio restano lì ogni volta che esco...
Stessa cosa con un pile Berghaus del 1988, quando ancora il pile era bello spesso, regalatomi da una fidanzata di allora, che mi porto dietro alla faccia dei micropile e dei tessuti moderni con cui ho pieno l'armadio.
Per ultimo, le scarpe da trail: quando sono comode le tengo fino a quando da almeno un 100 metri non mi si vede il colore dei calzini che spunta da diversi punti della tomaia...
Purtroppo oggi cede prima la tomaia della suola, cosa invece che una volta non accadeva (almeno con 250 km di corsa al mese in media fino ad un 10 anni fa arrivavo con la suola liscia come le gomme di Formula Uno e la scarpa che di sopra sembrava nuova...).
E' naturale che poi dagli amici o dai compagni di uscita arrivano i lazzi e le facili allusioni, ma non capiscono...vero?
 
Mi capita eccome, anzi tendo a non comprare quasi nulla a livello di abbigliamento (e non solo). Se una cosa dura io tendo a mettermela ad oltranza, specialmente se mi sta bene addosso e se fa il lavoro per cui è stata acquistata.
--- Aggiornamento ---

i jeans di oggi dopo 2 anni cominciano ad assottigliarsi e strapparsi....:wall:

Il turbo-mercato senza regole di oggi è questo: indurre il bisogno di riacquistare. Roba che dura zero e che fa anche schifo a livello di comfort (i sintetici da due lire di H&M sono qualcosa di orrendo da tenere addosso). Nonostante tutto io resisto e sto facendo durare un paio di (pseudo) jeans di Zara da 20 euro quanto un Levi's 501 degli anni '70...Solo che sto sempre a ricucirli. :(
 
Alto Basso