Escursione Casaglia - Anello nella Valle del Rio Ròvigo

Dati

Data: 17 e 18 giugno
Regione e provincia: Toscana - Firenze
Località di partenza: Casaglia
Località di arrivo: Casaglia
Tempo di percorrenza: 3 ore il primo giorno, 6:30 il secondo
Chilometri: 7 il primo giorno, 14 il secondo
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: segnaletica carente in alcuni bivi
Periodo consigliato: tutto l'anno
Segnaletica:
Dislivello in salita: 1000 m
Dislivello in discesa: 1000 m
Quota massima: Passo dei Ronchi di Berna (1103 metri s.l.m.)
Accesso stradale: attulamente non facile causa frane sulle strade


Descrizione

Abbiamo fatto il giro che avevamo rimandato il 20-21 maggio scorso per il problema alluvione e frane nella zona tra Faenza e Marradi.

Usciti dall'autostrada al casello di Faenza, nonostante sia quasi tutto pulito, sono evidenti ancora alcuni segni dell'enorme disgrazia che hanno avuto quei territori.

Comunque siamo arrivati nel piccolo paese di Casaglia (754 metri s.l.m) e da lì siamo partiti alla volta dei Prati Piani.
IMG_20230617_140529_400.jpg


Si inzia con una impegnativa salita che, dopo poco, permette di vedere già dei bellissimi panorami.
IMG_20230617_141744_620.jpg


IMG_20230617_141948_373.jpg


Proseguendo, ci si addentra in una fitta faggeta
IMG_20230617_143605_309.jpg


e poi imbocchiamo il sentiero 505
IMG_20230617_153507_654.jpg


Lungo il percorso incontriamo una sorgente che è proprio la Sorgente del Rio Ròvigo, dove beviamo e ci rinfreschiamo
IMG_20230617_154014_048.jpg


Proseguendo nel nostro percorso, incontriamo la Capanna Sicuteri (1076 metri s.l.m.), ricostruita dopo essere stata distrutta da un incendio
IMG_20230617_160526_055.jpg

E' un piccolo bivacco sempre aperto, con una stufa, due posti letto a castello (due semplici tavolati in legno).

Continuando a salire, si giunge ad un punto panoramico
IMG_20230617_170125_135.jpg


dal quale si vede questo
IMG_20230617_165223_629.jpg


Infine si giunge alla nostra meta, dove ceneremo e trascorreremo la notte: la Capanna i Piani (1025 metri s.l.m)
IMG_20230617_172244_151.jpg


Una bella struttura in pietra, con stufa, tavoli, 4 posti letto a castello (semplici tavolati in legno) panche anche esterne ed un bel camino in pietra, sempre all'esterno, dove poter cuocere alla brace.
IMG_20230617_173624_617.jpg


IMG_20230618_071500_200.jpg


IMG_20230617_181810_040.jpg


Serata con fagioli, salsicce, formaggio, vino, dolcetti, chiacchiere, risate e poi a nanna.

L'alba di domenica mattina, appena davanti a bivacco
IMG_20230618_064540_843.jpg


e, dopo colazione, un esempio di uno dei tanti utilizzi del multiuso svizzero (come porta rotolo di carta igienica :poke:)
IMG_20230618_080812_527.jpg


Si riparte per andare nella Valle del Rio Ròvigo, accolti da un cartello di benvenuto!
IMG_20230618_091652_076.jpg


IMG_20230618_091430_996.jpg


IMG_20230618_091538_244.jpg


Su questo Rio c'era anche un mulino, chiamato Mulino dei Diacci
IMG_20230618_092246_025.jpg


e poi si incontrano varie cascate
IMG-20230618-WA0017.jpg


IMG-20230618-WA0016.jpg


fino alla "famosa" Cascata dell'Abbraccio, che effettivamente è suggestiva con il sentiero che le passa dietro
IMG_20230618_092640_580.jpg


IMG_20230618_092736_791.jpg


IMG_20230618_092821_240.jpg


Proseguendo, si arriva al Rifugio Alpino (perchè Alpino?!?) i Diacci a 941 metri s.l.m., con pausa caffè :biggrin: e rifornimento di acqua nelle borracce
IMG_20230618_094428_276.jpg


Seguiamo il sentiero che porta sulla strada asfaltata SP477 che percorriamo per un tratto fino a giungere il Passo Sambuca, 1080 m s.l.m.
IMG_20230618_105902_496.jpg


dove spicca un bel Maggiociondolo fiorito solo ora (allora sarebbe un Giugnociondolo... :sorry:)
IMG_20230618_105949_160.jpg


Ridisceso un po' la strada asfaltata, imbocchiamo il sentiero 701 sulla destra per il Passo dei Ronchi di Berna (1103 m s.l.m.)
IMG_20230618_110934_177.jpg


che ci porta a camminare per un po' in cresta, offrendoci splendidi panorami
IMG_20230618_122325_820.jpg


Il percorso ora è sul crinale, un po' lungo e senza particolari degni di nota, salvo una ripida discesa su rocce e marne sulla quale fare attenzione, e si arriva di nuovo ai Prati Piani, per tornare a Casaglia dove abbiamo lasciato le auto.

Qui ci attende un caldo feroce: è già arrivato l'anticiclone africano, che tentiamo di spegnere con una meritata birra, prima di tornare a casa.
 

Allegati

  • IMG_20230618_094428_276.jpg
    IMG_20230618_094428_276.jpg
    658,9 KB · Visite: 57
Ultima modifica:
Dimenticavo una informazione importante...

Se qualcuno volesse fare un giro simile, segnalo che nei pressi della Capanna i Piani
img_20230617_172244_151-jpg.248558


NON ci sono fonti di acqua potabile e quindi è bene arrivarci con una scorta sufficiente.

Noi, per la colazione, siamo andati a prenderla in un torrentello nelle vicinanze e con quella ci siamo fatti tè e caffè, ovviamente dopo bollitura :biggrin:

Al momento siamo ancora tutti e 5 vivi e vegeti e senza cagotto... :poke:
 
Alto Basso