Recensione CASE HUNTER TRAPPER

photostudio_1591381490485.jpg


Vi presento un tipico multiuso dedicato alle attività venatorie.
Si tratta di un W.R. CASE, noto marchio americano specializzato nella produzione di coltelli tradizionali chiudibili.
Il modello è siglato col numero 149 e denominato Hunter Trapper, in pratica la configurazione a tre lame del classico trapper. Viene realizzato interamente in America, parzialmente a mano e con materiali reperiti negli USA; questa caratteristica è diventata il marchio di fabbrica oltre ad essere un efficace slogan pubblicitario.
I multiuso dedicati alla caccia esistono da sempre e sono stati commercializzati in tante versioni diverse. In tempi recenti però la loro presenza nei listini delle case è diventata sempre meno evidente, probabilmente per il fatto che si tratta di attrezzi dedicati ad usi specifici. Ma anche il fattore moda ha giocato il suo ruolo.
Il protagonista della nostra recensione non è propriamente un coltello da caccia. Infatti come vedrete in seguito, oltre alla lama e al seghetto che sono accessori utilizzabili sempre, è presente anche il gancio… è questo che conferisce al coltello il nome di Hunter.
Non essendo un cacciatore, ho cercato di testare questo Case in un ambito più escursionistico, per verificarne la poliedricità, capendo che basta un po’ di astuzia per sfruttare al meglio anche ciò che sembra poco utile. Proprio come farebbe Mac Gyver!
Scoprendo che in realtà si tratta di un attrezzo molto polivalente.

photostudio_1591382634698.jpg


GLI ACCESSORI.
Partiamo dallo strumento principale, la lama: classica clip Point in stile americano, sottile molto affilata, realizzata nel nell’acciaio Tru Sharp che poco si discosta dal classico 420 HC.
È particolarmente lunga, consente di svolgere bene tutti i compiti per i quali è stata didisegnata.
Si estrae perfettamente grazie all’incanto dedicato. Il sistema a molla semplice ha una tenuta blanda, quindi occhio a come vi comportate.
Sarebbe il caso che la ditta valutasse l’utilizzo di un acciaio più performante visti anche i prezzi decisamente poco popolari. Infatti questo vecchio acciaio non regge il confronto con la produzione recente… può diventare molto affilato ma ha una resistenza all’usura molto bassa. Finché si lavora su cibo animali o sul verde non si riscontrano problemi ma nel momento in cui si affronta legno un po’ più duro mostra facilmente i suoi limiti
A voler fare un paragone con altri multiuso svizzeri, la partita finisce in pareggio.

20200504_152505.jpg


Successivamente abbiamo un seghetto atipico che termina con una punta piatta che può diventare un cacciavite. Lavora molto bene il legno umido, ma ha poco mordente su materiali molto duri. Amplifica le potenzialità del nostro multiuso perché molto veloce e pure versatile.
Direi che è performante quasi quanto i concorrenti, nel complesso i Vic ed il Mercury fanno meglio.

20200504_152412.jpg


Infine abbiamo l'attrezzo venatorio per eccellenza, il gut hook, che si presta anche ad ulteriori usi. È spesso e resistente. Non so se svolge bene il suo compito principale, io ho preferito impiegarlo per tagliare rametti o cordini, insomma per qualunque compito nel quale possa sostituire la lama e di conseguenza preservarne la durata

20200504_152450.jpg


IL MANICO.
Il punto debole dei chiudibili solitamente è proprio il manico, in questo caso l’azienda americana ha lavorato bene pur nei limiti dati dalla presenza di tre lame; il manico riesce ad essere ergonomico e sufficientemente grippante gli accessori si possono estrarre con grande facilità complice anche la molla debole
Le finiture solo molto curate, il materiale non è altro che osso di mucca essiccato e lavorato, di un bellissimo color Ambra, incastonato in bolsters in nickel silver.
Queste estremità rendono piacevole impugnare il coltello.
Molto bene. Meglio della concorrenza. Bellissimo il logo incastonato.

20200504_152819.jpg


LE PROVE SUL CAMPO.
Ho effettuato prove semplici, in linea con il normale utilizzo di un attrezzo come questo.
Spero che le foto siano esplicative. In linea di massima sono soddisfatto dei risultati ottenuti, speravo meglio dal seghetto.

20200605_191532.jpg
20200604_191421.jpg
20200606_121109.jpg
photostudio_1591290934859.jpg


MODIFICHE POSSIBILI.
I più attenti di voi riconosceranno le mani di questo noto personaggio che ha voluto modificare la punta del seghetto eliminando la funzione cacciavite.
In realtà in rete si trovano molte modifiche fatte a questo coltello… alcuni hanno trasformato il gancio in una sgorbia altri in una seconda Lama altri ancora hanno modificato la punta del segseghetto.
Io non mi sono mosso in questo campo In quanto al momento ritengo che sia funzionale così com’è.

20200605_205018.jpg


CONCLUSIONI.
Siamo giunti al termine di questa breve recensione; ho portato il case con me per alcuni giorni e penso di poter dare un primo giudizio con grande serenità… non si tratta di verità assoluta perché solo il tempo ci può dire la reale bontà di un coltello ma per il momento mi sento di dire che sono abbastanza soddisfatto.
Alla fine lo strumento consente di affrontare molteplici situazioni, dal campeggio alla breve escursione, alla vita di tutti i giorni per chi vive in un contesto più rurale… oppure può affiancare attrezzi più pesanti in escursioni di lunga durata.
Giocoforza, quando si affronta la tematica dei multiuso, è indubbio che il paragone con i Victorinox sia fondamentale per giudicarne la bontà.
Non saprei dare un giudizio definitivo. Tutto dipende dalle preferenze personali, ma se parliamo di efficienza siamo molto vicini ai migliori multiuso in commercio, anche se leggermente sotto come prestazioni generali.
Come ergonomia, qualità ed estetica, dal mio punto di vista siamo anche sopra i rivali.
Questo coltello Infatti è realizzato molto bene ed è anche molto bello da vedere… sta a voi decidere cosa è meglio nelle vostre mani, considerando il fatto che come prezzo siamo molto in alto, complice il fatto che viene prodotto a mano in America e da li spedito.
Vi ringrazio per aver dedicato il vostro tempo alla lettura di queste righe.

photostudio_1591379666669.jpg
 
Bellissima recensione!! Completa e ben fatta!! Hai trovato degli utilizzi interessanti per il gancio!! Mi sarei aspettato anche io che il seghetto andasse meglio. Probabilmente chi vuole solo prestazioni si trova meglio con victorinox, ma qua c'è anche altro!! Bello il manico, molto curato
 
...buona recensione come solito. Strano che Case non ne proponga una versione in acciaio CV.
Per la caccia hanno un modello specifico che, neanche a farlo apposta, si chiama Folding Hunter.
 
...buona recensione come solito. Strano che Case non ne proponga una versione in acciaio CV.
Per la caccia hanno un modello specifico che, neanche a farlo apposta, si chiama Folding Hunter.
Grazie.
Purtroppo il tempo a disposizione è poco quindi dovete accontentarvi di una recensione illustrativa.
Non credo esista una versione in altro acciaio. Questo va bene ma oggettivamente nel 2020 si può giustamente pretendere di più.

Nel frattempo ne ho approfittato per utilizzarlo anche oggi, siamo andati al fiume a pescare i gamberi della Louisiana.
Li abbiamo realizzato delle rudimentali canne da pesca e preparato un piccolo campo.
Non avendo il cellulare dietro non ho potuto fare le foto.
Comunque si è comportato discretamente anche in questa piccola escursione.
Mi sento di confermare quindi il mio giudizio finale... un buon multiuso, affidabile e versatile, ma si poteva fare meglio.
 
Bellissima recensione e bel coltello!
Il giorno in cui qualcuno proporrà la combinazione lama clip/seghetto/lesina e magari opzionale un'altra piccola lama si sarà guadagnato la mia stima imperitura nonché un cliente. Anche se sono consapevole non ci siano pattern tradizionali così.
Lo aveva fatto la Victorinox col Bushcrafter Alox, che però ora è fuori produzione e SE si trova si paga irragionevolmente il triplo di un Farmer, che rispetto al Bushcrafter ha due lame in PIÚ, per via del fattore collezionistico.
Certo i Vic mancano del fascino di una linea tradizionale come ad esempio quella dei Case. Bolster di ottone, legno o osso, persino la leggera patina dei carboniosi IMHO appagano la vista ed il tatto in tutt'altro modo.
 

Discussioni simili



Alto Basso