Recensione Castagne "2 in 1"

"CASTAGNE DOPATE"

Come ogni anno arriva il periodo della raccolta delle Castagne, una risorsa importantissima per le economie di sussistenza.

Si gustano nella loro forma originale alla griglia, bollite,...
Ma anche sottoforma di "schiacciata", tostate ed essicate per farci la farina,...
Oppure... sfruttando la "risorsa" nella "risorsa", ovvero i simpaticissimi "Cagnott" ;)

Io ho da sempre seguito la filosofia che usano in tanti luoghi, con insetti simili,.... ovvero... le Castagne con il delizioso ospite non vanno sprecate buttandole...
ma vanno tenute in una ciotola finché queste ingrassano bene,... e poi aggiunte all'impasto di farina di Castagne e acqua. Questo permette di aumentarne i valori nutrizionali. Oltre ad insaporire maggiormente l'alimento.
La cottura é come per fare il pane... in base al forno utilizzato.

Una risorsa naturale, che sì può trovare appunto nella natura selvatica e che aiuta molto.
Senza scordare che l'acqua di cottura delle Castegna può essere usato come colorante,...

1.JPG


2.JPG


3.JPG


4.JPG


5.JPG


P1040183.JPG


 
Ultima modifica:
Dicono che il futuro sarà nutrirci anche di larve ed insetti, tu sei già nel futuro! :biggrin:

Io ancora no, quelle castagne lì le do ai miei pappagalli che loro son contenti che ci sia anche la larva!
 
La tua "ricetta" di ottimizzare le castagne tanti anni addietro lo sperimentata dietro suggerimento di un signore esperto di erbe e frutti selvatici chiamato BEPI MAGO sebbene il nome puo' sembrare pittoresco da questo signore molto conosciuto ci andavano calciatori di serie A attori e noti personaggi dello spettacolo a farsi preparare tisane e infusi vari per curare patologie di ogni genere. Detto questo (e scusa del lungo preambolo) una volta preparata la farina di castagne che nella mia famiglia si fa da sempre si noto il gusto e la consistenza diversa da quella fatta senza "l'ospite" difatti quando la larva si presenta nella castagna la maturazione e in una fase molto avanzata e questa ne determina il gusto, questo puo ' piacere o meno ma nel mio caso (e anche di molte altre persone che l'hanno assaggiata) decisamente no.
Comunque anche questo signore ne esaltava i valori nutrizionali
 
Penso che si tratti anche di "abitudini", parlo per il gusto ;)
Poi chiaramente ognuno ha il suo, poi se si aggiunge una questione di "necessità", si mangia tutto e soprattutto si apprezza tutto ;)

L'importante é mangiare, ahahah
 
Ultima modifica:
Be', non possiamo dimenticare il famoso "Casu Marzu" ("Formaggio Marcio"), il formaggio sardo con i vermi che credo però sia dichiarato illegale e ne sia proibita la commercializzazione.

Però si trova "sottobanco"... :poke:
 
Be', non possiamo dimenticare il famoso "Casu Marzu" ("Formaggio Marcio"), il formaggio sardo con i vermi che credo però sia dichiarato illegale e ne sia proibita la commercializzazione.

Però si trova "sottobanco"... :poke:
Vero, anche quello é un vero peccato ;-( Per fortuna che tante cose sono facilmente "riproducibili" (non uguali, eh) in casa propria, ahah O ancora meglio... in natura. Ma purtroppo il mondo gira così... per ovvi motivi ;)


Sono felice di essere tra quelli che tendono a mentenere aperta la loro mente e non condizionata solo da ciò che ci viene mostrano come indispensabile dalla modernità, ma che in realtà non lo é assolutamente... mentre accetta, cerca, si dedica a tutto quello che invece é vitale e naturale, ovvero "quelle risorse che in caso di necessità, sono lì, indifferentemente da tutti, perché sono appunto naturali, in natura. Cioé le basi dell'organizzazione della vita.". Almeno quando finiscono i soldi, il lavoro non và alla grande,... invece di andare in panico come se stesse per sopraggiungere la morte... ci si ricorda "...ehi, quella é tutta roba per garantirsi risorse fornire da altri, di lusso, di vizio, comodità... ma pazienza, siamo in grado di arrangiarsi con quello che ci fornisce il sistema della natura... quindi nessun problema estremo...cibo c'é! Riparo c'é!! Cure nel limite del naturale ci sono!!! Bene". Anche in questi casi poi sono i limiti mentali, le abitudini, la vita stereotipata, condizionata dalle ideologie, delle persone moderne... che potrebbe far rinnegare soluzioni e risorse "naturali"... ma questo é tutto un altro discorso.
 
Ultima modifica:
:offtopic:
Be', non possiamo dimenticare il famoso "Casu Marzu" ("Formaggio Marcio"), il formaggio sardo con i vermi che credo però sia dichiarato illegale e ne sia proibita la commercializzazione.

Però si trova "sottobanco"... :poke:
In realtà la cosa è un pochino controversa.
Secondo le norme della comunità europea il formaggio non è ovviamente commercializzabile perchè contravviene alle regole sanitarie ma la regione sardegna l'ha inserito nei prodotti tipici, a metà degli anni 2005, ottenendo una deroga alle regole sanitarie comunitarie, inoltre un gruppo di produttori hanno sviluppato (o sono ancora in corso, non ricordo) con l'università di Sassari un allevamento dei "moschini" che portano alla formazione del tipico formaggio per avvicinarsi, o adeguarsi, alle regole comunitarie. Inoltre si era "puntato" alla certificazione DOP ma non credo che vi siano ancora giunti.
Ovviamente, a prescindere da qualsiasi considerazione di origine sanitaria, è un prodotto estremamente difficile da reperire fuori regione poichè ha una produzione limitata sia nel tempo che nelle quantità oltre al fatto che non si conserva per lungo tempo.

Nota di folclore ...... il casu marzu era entrato nel libro dei guiness dei primati come il formaggio più pericoloso da mangiare.

Ciao :si:, Gianluca
 
:offtopic:
l Guiness dei Primati mi sa che ha preso un abbacchio...
.... filosoficamente parlando è una questione di valori/principi etc etc
.... a livello pratico è solo una cagata anche perchè c'è un formaggio francese ed uno tedesco, non chiedermi i nomi, che subisce un trattamento molto similare come risultati e sicuramente in altri paesi ci saranno altri formaggi similari.

Ciao :si:, Gianluca
 
Senza contare tutti gli approcci di chì vive, spesso, un pò fuori dalle zone fortemente urbanizzate... in cui lo spreco alimentare, ma non solo, é ridotto al minimo, o é almeno quello l'obiettivo.

In cui se fosse per "conformità" alle regole moderne... sarebbero tutti arrestati e secondo le conformità sanitarie, sarebbero tutto morti, ahah
 
Ma, a mio avviso, il concetto è nei confronti di terzi, nessuno ti potrà mai vietare di fare un casu marzu per tuo uso e consumo, in fin dei conti ciò che avviene fra le quattro mura lì rimane, piaccia o non piaccia è normalmente che sia così se, ribadisco, alla fine riguarda solo te perchè se oltre a te c'è un terzo, anche se è un famigliare, allora sono comunque per una certa salvaguardia, il "l'hanno fatto così per secoli" non è un indice di infallibilità.
Però, giustamente, se ne fai un oggetto di commercio, a prescindere che sia per un commercio monetizzato, allora le regole ci stanno a maggior ragione se uno delle due parti non è a conoscenza dei rischi che potrebbe incorrere.

Ciao :si:, Gianluca
 
Ultima modifica:
Non sono d'accordo per il semplice motivo che in qualunque caso, privato o monetizzato... nessuno é obbligato a comprare. Voglio comprare dell'Eroina al parchetto?? Se lo faccio é una mia scelta... stessa cosa per tutto, esattamente come se lo faccio per me e decido di usarlo.

Cosa differente se obbligo qualcuno,....


Da quì le mie convinzioni sul non farmi condizionare a priori da "professionisti", da "competenti", "studiosi", ecc... solo perché hanno quella nomina. In quanto vengono create regole, informazioni, imposizioni... dove vogliono, solo su ciò che vogliono.... quindi lo fanno non in base a certe cose, ma semplicemente in base a cosa conviene per il sistema, o no. Dati di fatto... che poi si accettano, giustificano oppure no... é un'altra cosa.
 
Ultima modifica:
Non è una questione di obbligo ma di conoscenza che è soggettiva e non necessariamente collettiva e, come tale le "difese" vanno fatte considerando la collettività e non il singolo, senza considerare che conoscere non vuol dire essere autorizzati a violare le disposizioni.

Se io sono a conoscenza degli effetti dell'eroina nessuno mi potrà dire che pensavo di comprare un qualcosa di equivalente allo zucchero da un tizio particolarmente "diverso" ma questo, al limite può essere una giustificazione all'accettazione del rischio non una autorizzazione alla violazione di una legge.

Ciao :si:, Gianluca
 
Boh, l'unica cosa che condivido, parlando generalmente di legge é il discorso "...la legge non ammette ignoranza..." e nella vita di un adulto, che prende delle scelte, per me non esiste la scusante dell'ignoranza. Negligenza, superficialità, ecc... ok... ma nulla che giustifichi il mettere "divieti" con la scusa di "tutelare",... Un adulto dovrebbe essere tale proprio per la capacità di prendere responsabilmente le proprie decisioni... responsabilmente non inteso in base a quello che tollerano gli altri oppure no, ma nel fare le cose che desidera, informandosi, ecc... ma in ogni caso sotto la sua responsabilità, se non lo fà.

Ma come sempre, conosco, comprendo e rispetto gli altri ragionamenti, convinzioni, filosofie...
ma non li condivido ;)

Stessa cosa per il detto "...le autorità fanno appunto rispettare la legge, non la giustizia, la libertà, ecc...".
Quindi ci si divide tra "supporter" della legge e quelli che sono per altro.


Vabbé dai... son discorsi lunghissimi, senza una fine perché ognuno ha le proprie idee.... ahahah

Restiamo sui "bacarozzi", "cagnott" o come vengono chiamati, ahahahah
 
Le persone non sono, fortunatamente, tutte uguali e non si nasce imparati senza considerare che anche se uno impara, si argomenta etc etc non è detto che si formi considerando certi valori che qualcuno potrebbe definire fondamentali o, più banalmente, si formi in una maniera che possa semplicemente convivere con chi ha una formazione differente, la conoscenza è fondamentale in una società moderna ma non l'unico requisito.

Inoltre una società non è composta di soli adulti, formati e "imparati" ma anche di persone che sono nel cammino formativo e potrebbero non aver raggiunto ancora quel livello, soggettivo, per essere pienamente consapevoli.

Ciao :si:, Gianluca
 
il "l'hanno fatto così per secoli" non è un indice di infallibilità.

Ciao :si:, Gianluca
Sì e no...

L'Europa voleva proibire il formaggio di fossa, un formaggio che si fa dalle mie parti "infossando" in grotte tufacee vari tipi di formaggio per alcuni mesi (tradizionalmente si mette per ferragosto e si toglie i primi di novembre, per i morti).

L'ambiente umido, la mite temperatura costante e l'intensa attività batterica che ne consegue modificano il formaggio rendendolo molto saporito e... puzzolente! Ma io ne vado pazzo :sbav:

Bene, secondo l'Europa era insalubre, poi a seguito di proteste si sono inventati (e ha una certa logica) che se un prodotto è tradizionale e lo si fa da decenni e decenni e non è mai morto nessuno per questo, si può ammetere il commercio seppur non rispetti certi requisiti microbiologici "standard".
 
Ultima modifica:
Sì e no...
L'Europa voleva proibire il formaggio di fossa ...... Ma io ne vado pazzo
E non sei l'unico ;)

Il concetto che volevo esprimere con il "l'hanno fatto così per secoli" non è un indice di infallibilità è che non si può giustificare un qualcosa solo per questo, il delitto d'onore non è una invenzione di questo secolo però, ora, non è più accettato, per secoli si era convinti che era il sole che girava intorno alla terra, ora, questa convinzione non è più accettata dal 99.99......999% degli studiosi.
e lo si fa da decenni e decenni e non è mai morto nessuno
e come fai a dirlo ? :)

Ciao :si:, Gianluca
 
Sì e no...

L'Europa voleva proibire il formaggio di fossa, un formaggio che si fa dalle mie parti "infossando" in grotte tufacee vari tipi di formaggio per alcuni mesi (tradizionalmente si mette per ferragosto e si toglie i primi di novembre, per i morti).

L'ambiente umido, la mite temperatura costante e l'intensa attività batterica che ne consegue modificano il formaggio rendendolo molto saporito e... puzzolente! Ma io ne vado pazzo :sbav:

Bene, secondo l'Europa era insalubre, poi a seguito di proteste si sono inventati (e ha una certa logica) che se un prodotto è tradizionale e lo si fa da decenni e decenni e non è mai morto nessuno per questo, si può ammetere il commercio seppur non rispetta certi requisiti microbiologici "standard".
Per fortuna che non si sono sottomessi... e han fatto valere i loro diritti personali. GRANDISSIMI ;)
Continueranno a farsi le loro belle mangiate ;) Se poi qualcuno andrà di "cagotto"... l'avrà deciso lui ;)
 
Ultima modifica:
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
Imperio Cibo 11

Discussioni simili



Alto Basso