Char Cloth....ovvero

...ovvero non avere una mazza da fare! muahahahah :rofl: o peggio ancora averne ma fare di tutto pur di non farle.....:(

scusate vado a bere....caspiterina se è salata la salsa di soia...eh si, mi son fatto un vassoietto di 5 pezzi di nigiri sushi (fa molto fashion fare merenda con il sushi ihihih) e poi un pezzettino di pizza perchè anche se sono aperto alle nuove culture le proprie tradizioni non devono essere dimenticate.

ma torniamo a sto "char cloth".....che roba è?

non è altro che un delle tante tipologie di esca per il fuoco che esistono :) raramente riportato sui manuali, almeno su quelli che ho letto io solo "The survival handbook" ne riporta la preparazione, mentre su "Guida per la sopravvivenza" è solo accennato (se non ricordo male)

in sostanza non è altro che un pezzetto di tessuto (la fibra deve essere naturale, quindi cotone, lino, juta ecc) carbonizzato (non vorrei dire una str.....a ma credo che il processo di preparazione per certi aspetti ricordi in maniera molto semplificata la trasformazione del legno in carbone vegetale)

farlo è molto semplice, ma fatelo in un luogo aperto o chiuso ma molto ben ventilato perchè fa un casino di fumo (furbamente la prima volta l'ho acceso in cucina...dopo 2 minuti credevo di essere stato catapultato in qualche ambientazione fantasy con la nebbia magica impenetrabile....eeeeeh quando uno è furbo è furbo non c'è niente da fare)

se volete provare a farlo (son sempre dell'idea che il solo sapere senza il saper fare è abbastanza inutile, anche per quelle cose che magari non si useranno mai nella vita) servono:

un contenitore di metallo con il coperchio forato (un forellino solo)

01.jpg

del tessuto naturale tagliato a rettangolini (o qualunque altra figura vi piaccia di più) io ho usato una ex canottiera in cotone 100% ormai adibita allo spolvero (probabilmente le fibre saranno state impregnate di non so quanti prodotti chimici...muahahahah sarà per questo che prende bene??? o_O)

03.jpg

una fonte di calore, in questo caso un "fornellino di emergenza" ad etanolo in gel, pagato 4€ su pxprato.it (ma autocostruirselo è na volata, per me la comodità del comprarlo originale è il tappo che si avvita)

02.jpg

guanti ed altro per lavorare in sicurezza

04.jpg

:rofl::rofl::rofl:



una volta forato il tappo, e tagliato il tessuto, quest'ultimo si dispone all'interno del contenitore e si chiude il tutto.

05.jpg

si sistema la scatolina sul fornelletto acceso e si aspetta che il fumo smetta di uscire dalla scatolina (o quasi) nel momento in cui questo avviene si attende un 10 minuti e poi si toglie il tutto dal fuoco.

(volevo farvi una foto del fumo che usciva tipo vulcano ma non mi son venute :( dal risultato delle foto sembrerebbe un pochino di fumo mentre invece ne esce un bel pò)

al termine dell'operazione questi sono i risultati:
la scatolina acquista un aspetto antico e sciccosissimo (nella foto l'avevo già "ripulita" ma appena tolta dal fuoco ha un colore nero intenso.
(secondo me la nivea con la scatola nera lucida e la scritta color panna con una goccia di caffè (colore tutto mio...ahahah) sarebbe uno spettacolo)

06.jpg

i rettangolini di contone diventano così

07.jpg

se notate il primo che si vede non ha un colore nero uniforme, questo probabilmente perchè doveva bruciare ancora un pò, gli altri invece hanno una tonalità compatta ed omogenea, comunque ha "bruciato" bene anche il primo.



questo è l'effetto che si ottiene quando si usa un acciarino sul char cloth e ci si soffia sopra

08.jpg

e questo è il char cloth imbustato e pronto per essere messo nella scatola "materiale luce e fuoco" appena vado in montagna ;)

09.jpg



premetto che sono un devoto del cotone ed olio di vasellina, forse perchè il vedere la fiamma mi conforta subito, ma il char cloth è comunque una soluzione simpatica, il peso è inesistente, penso che si più pesante la bustina di plastica che i circa 30-40 rettangolini dentro.

ah dimenticavo, più o meno penso di averci messo un 30-40 minuti per ottenere la carbonizzazione, ma credo che i tempi varino in base alla quantità di materiale e dal tipo di fonte di calore.

Se volete veder dei video ce ne sono a bizzeffe, personalmente ho preso come riferimento questo (ma sono di parte perchè venero Kipkay):
YouTube - Weekend Project: How to Make Char Cloth
 
Ultima modifica:
Ciao piccolo luccio perca ma perchè non ti trasferisci a Busto Arsizio così andiamo a fare un po di uscite insieme?

Il filmato usava delle mutande... non sarà mica per completare l'ambientazione fantasy unendo l'odore palustre alla nebbia impenetrabile?
 
Ciao piccolo luccio perca ma perchè non ti trasferisci a Busto Arsizio così andiamo a fare un po di uscite insieme?

Il filmato usava delle mutande... non sarà mica per completare l'ambientazione fantasy unendo l'odore palustre alla nebbia impenetrabile?
perchè busto arsizio è lontaaaaano lontaaaaano! :rofl: beh guarda, quanso sarò diventato infermiere (e se continuo a cazzeggiare tra 3 anni sto ancora qui a bruciare canottiere) non è detto che non ci venga proprio a vivere, le vie del Signore sono infinite
 
Vieni da noi ci sono tantti bei ospedali dove gli infermieri possono cazzeggiare ho due cugine gemelle della mia morosa da presentarti sono infermiere anche loro.. e fidanzate ma poco importa se vieni gli parlo io e diventano tue.


Se digito power scan digital camera 2000 pro mi esce questo lettore di codi a barre che lo porti a fare? hehe
080829145530_PLP-PS8300%20Beauty-LR.jpg
 
Se digito power scan digital camera 2000 pro mi esce questo lettore di codi a barre che lo porti a fare? hehe
080829145530_PLP-PS8300%20Beauty-LR.jpg
ma cacchio ma anche i nomi che mi invento al momento già li usano?!?!? ma che bisogna fare per inventare qualcosa??? cribbio!!! :-x

allora ribattezzo il mio coso in:
Scandigitool v2.0 Omni (se esiste pure questo....non costruisco più niente!...col piffero...ahahahah)

parliamo di cose più serie....due infermiere? mi è venuta una incredibile voglia di studiare....muahahahah
 
:rofl:

purtroppo credo che il "numero" delle lance debba essere dimezzato...:cry::cry::cry:

trentalance è un mito! hai mai visto l'intervista de "il testimone"? quell'uomo è veramente un grande!!! (non solo come attore muahahah)
 
beh guarda, quanso sarò diventato infermiere
Dott: Infermiere! Mi passi la garza
Inf: :eek: ... Q... Quale?
Dott: La garza... la garza in cotone...
Inf: :eek:

Scherzi a parte abbiamo provato anche io Nicola a fare il charcloth (con fornello ad alcohol, un barattolo di ex fagioli e una mia ex maglietta). Non so per colpa di chi ma si è prodotta anche una mezza specie di pece... questo accade quando si fa il charcoal... ma non so perché è accaduto anche col cotone xD
Abbiamo fatto un paio di prove e per certi versi ha dato risultati migliori il cotone non completamente carbonizzato(ad occhio ovviamente... deve essere comunque nero). Ha lo stesso effetto praticamente ma si sgretola di meno.

Ad utilizzo avrai notato che il charcloth NON SI SPEGNE finché non si consuma e dato che quello totalmente secco si sgretola che è un amore dal balcone sono partite delle belle scintille. Se tira una folata di vento e ti parte un foglietto di quelli... fossi in te lo andrei a cercare :D
Magari non accade un bel nulla ma in base a questo sono migrato a rotta di collo verso il cotone con olio che produce anche fiamma quindi accendi con estrema facilità e ti diverti ad utilizzare un firesteel :)

Però è divertente da produrre :p
 
Però è divertente da produrre :p
molto divertente.......:biggrin:

sai che hai ragione? mentre i pezzi totalmente carbonizzati con cui ho fatto i test fanno solo l'effetto brace, il primo della foto, quello non il centro più chiaro, ha iniziato a far brace ma dopo poco che soffiavo si è incendiato! si dovrebbe provare a fare un lotto di garzine semi carbonizzate per verificare se è stato un caso oppure no mmmmh :mumble:
 
Riattivo dopo quasi un decennio il thread perchè volevo provare a farli in casa e, avendo acceso la stufa, ovviamente avevo la fonte di calore necessaria per provare a farlo praticamente tuttle le sere.

1) Realizzazione del contenitore

Ho usato per il primo lavoro una scatola già pronta, con coperchio abbastanza stretto, ovvero la scatola grande di caramelle, dove ho praticato 9 fori sul coperchio, con un trapano e punta del 5mm. Ho voluto provare più fori nonostante tutti ne facciano solo uno (premetto già qui che il risultato del prodotto finale è stato identico).

198772

198773


L'ho voluta fare bene e rifinire in virtù di un uso continuativo.

Per il secondo esperimento invece, più campale, ho provato con le scatole di tonno, realizzando la chiusura come l'alcoolstove, ovvero tagliando le pari superiori e poi incastrandole bene.

198774


198776


198777


198778


Qui ho realizzato invece un foro solo, come visto nella stragrande maggioranza dei video

198779


198780


198781


2) Ricerca del materiale combustibile

Sul materiale, ho cercato di fare prove con diversa natura e spessore, prendendo quindi il classico cotone da thsirt, ma anche cotone più lavorato (asciugamano, tovagliolo e telo da bagno). Non ho trovato purtroppo il tessuto jeans e quindi farò più avanti.
Ho volutamente preso anche materiale sporco e usato, proprio per vedere se ci fossero state differenze con il materiale nuovo/pultio (anche qui premetto che non ho notato alcuna variazione).
Le pezze sono state realizzate con dimensione media di 6 x 6 cm, ma ho visto che comunque la dimensione è indifferente, serve solo per farla stare abbastanza piatta nella scatola che si ha a disposizione.

198782


198783


Il riempimento del materiale è stato nella scatola più grande fino a metà altezza, nella scatola più piccola fino all'orlo (o comunque capacità massima)

198784


198785


3) Cottura

Le due scatole sono state quindi lasciate, una volta spento il fuoco, sul letto di braci tutta la notte.

198786


198787


4) Risultato

Come si vede bene, il prodotto finale è venuto molto bene, completamente carbonizzato.

198788


198789


5) Test di accensione con firesteel

Alla prova del fuoco (è proprio il caso...) con l'acciarino le pezze di cotone si sono accese quasi alla prima scintilla, bruciando poi lentamente e completamente come a dovere.
Devo dire che, volendo provare, non sono riuscito a spegnere la combustione (e ciò può essere fatto solo se la superficie ha preso fuoco ovviamente in un punto molto limitato) se non premendo forte con il dito e quindi togliendo ossigeno, in pratica.
Lascia invece perplesso del risultato la sola pezza ricavata dall'asciugamano, che alla prova della scintilla non risponde bene, ma si accende solo con altra fonte di fiamma (il che lo rende praticamente inutile, quindi).

198790


198791


Grazie dell'attenzione!
 

Allegati

Grande @GiulioSherpa !!!
In un mondo dove "bisogna" per forza di cose spendere un sacco di soldi, perché le esigenze sono sempre quelle di avere il top del top è molto bello vedere qualcuno che perde tempo ed energie per farsi da solo qualcosa.
Massimo rispetto.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso