Che cos' è il Bushcraft?

Ciao, mi è venuta una curiosità:

Che cosa è il bushcraft?

Qual'è la vostra definizione personale, senza suggerimenti o guide da altri?

In questa discussione si potrebbe provare ad esprimere le nostre opinioni.

Suggerirei magari che scriviate la vostra definizione PRIMA di leggere gli altri commenti, per evitare bias o farsi guidare da altri.

TUTTE le definizioni sono valide!!!! l'idea e' prorpio di vedere la diversita' delle nostre esperienze.

comincio io :) ma non leggetela prima di aver messo il vostro commento!!! :D:D:D








Bushcraft:

L' insieme di tecniche e conoscenze per muoversi e permanere in zone dove c'e' materiale vegetale o animale + acqua che possono essere usati per costruire attrezzi, utensili, strutture, vivande che facilitano detto muoversi o permanere.

Per quanto mi riguarda personalmente, va dall' abbattere alberi fino a fare cordame con sottilissime fibre vegetali, include anche il farsi largo in una giungla sub-tropicale. Per me personalmente, il primo criterio di valutazione e' il terreno, cioe' c'e' bisogno del bosco. Camminare in alta quota, sulla spiaggia o in un deserto senza vegetazione non e' bushcraft. Pesca, caccia, pratiche di survival, anche se sono qualche volta correlate alla permanenza in queste zone, non sono, a mio parere personale, bushcraft.
 
Ultima modifica:
Per me il bushcraft è saper sfruttare tutto quello che la natura ci offre per vivere, con solo una lama. E ripeto, saper sfruttare quello che la natura ci offre, non portarsi le cose da casa! Detta così è una frase da un milione di dollari. Si intendono anche le tecniche per mangiare, cosa mangiare, dove cercare il cibo o l'acqua, come farsi vestiti improvvisati nella natura, corde, rifugi e naturalmente fuoco (attrito), e contenitori.
Saper trattare le acque e cuocere il cibo riconoscendo quello nocivo da quello buono.

Sapersi adattare alla Natura (rispettandola) e ricevere il massimo da essa! Riscoprire tutte quelle bellissime cose che fino a qualche decennio fa erano alla portata di molti. E riscoprire quei sani principi e valori che per esempio erano presenti nei popoli nativi: rispettare ed amare la Natura e la nostra Terra che lasceremo ai nostri figli!

PS: non ho letto quello che avevi scritto. Ora lo leggo!!!
 
Bellissima domanda!!! Mi stavo appunto chiedendo (partecipando da intruso nelle discussioni del settore) se avessi effettivamente capito l'argomento.

Premetto che, prima di iscrivermi al forum, non conoscevo il termine "bushcraft", e ora che l'ho conosciuto io lo traduco con: " l'arte di arrangiarsi nei boschi (ma non solo) ricavando dall'ambiente circostante la maggior parte del sostegno di cui posso aver bisogno" .

Da una parte è senz'altro un'arte nobile perché ci "riaccompagna" alle nostre origini insegnandoci abilità dimenticate e, soprattutto, spinge all'adattamento.

Dall'altra è comunque un'attività piuttosto invasiva se praticata da troppe persone in uno spazio non adeguatamente ampio.

Io, dal canto mio, mi limito alla pratica dell'alimurgia, che comunque può essere considerata una branca del bushcraft.

Ora vado a leggere gli altri commenti e scoprirò di non aver capito un :)
 
Quindi crafter, riassumendo il tuo messaggio: Mears è un bushcrafter, Grylls NO!!! (se ho colto giusto mi trovi perfettamente d'accordo :) ).

Invece non concordo con FC (o FUCK :) ) riguardo alla SOLA lama: io fossi nudo e potessi portarmi solo un genere, porterei gli scarponi. Anche le lame si possono trovare in natura, e preferirei un buon paio di scarponi ad avere una buona lama ma essere scalzo. Ma è il mio approccio personale: non riesco ad essere troppo stanziale :)
 
Sinceramente NON l'ho mai capito :p ..... veramente ..... sino a quando non sono entrato in questo forum, nel 2011, non gli davo un particolare significato ..... alla stessa stregua di trekking ed ANCORA OGGI non saprei cosa dire.

Booh :biggrin: ..... (sopra)vivere all'aperto fuori di casa ? ..... Nessuna battuta o ironia, pura e semplice ignoranza.

Dai dizionari on-line:

Capacità di sopravvivere nel bush australiano
Tecniche per la sopravvivenza nei luoghi selvaggi
Tecniche di sopravvivenza

Ciao :), Gianluca
 
Ultima modifica:
eh eh, Semimonade, appunto, la regola di questa discussione e' che siamo liberi di pensare quello che vogliamo, senza aver soggezioni o desiderio di cadere in una categoria di quello piuttosto che di un altro di seguire Pinco piuttosto di Pallino.

Appunto, di eliminare i "suggerrimenti" od i "consigli" di quelli che tentano di catalogarci. Troppo filosofico? forse si', ma spero che tra un paio di giorni, quando abbiamo un po' di piu' opinioni libere, ciascuno potra' anche fare le proprie conclusioni pratiche.

Io ho gia' imparato molto dalle poche risposte che sono state date.
 
Hai ragione (crafter) e chiedo scusa se mi sono espresso male: il commento su mears, grylls e poi sull'interpretazione di Foxtrotcharlie sono solo mie considerazioni puramente personali, sicuramente Lundlin preferirebbe il coltello agli scarponi e penso che ne sappia più di me :) .
 
Per me il bushcraft è stare in un bosco perchè è bello stare lì, ti fa stare bene, ti riporta alla natura e ti mette anche un po' in gioco con le tue capacità e incapacità individuali. Questa è la mia definizione personale.
 
E se posso permettermi un ulteriore commento anche ora che ho letto alcune interpretazioni, aggiungerei: "è l'arte di vivere i boschi" non sopravviverci nè visitarli. Direi che è la mia "visione" più completa.
 
Sinceramente NON l'ho mai capito :p ..... veramente ..... sino a quando non sono entrato in questo forum, nel 2011, non gli davo un particolare significato ..... alla stessa stregua di trekking ed ANCORA OGGI non saprei cosa dire.

Booh :biggrin: ..... (sopra)vivere all'aperto fuori di casa ? ..... Nessuna battuta o ironia, pura e semplice ignoranza.

pure io! :D
anche perchè pare che ci sia un mucchio di gente lo pratica e poi nessuno che scrive mai una relazione , boh :ka: , ma dico , giusto per imparare un pò anche noialtri , nè!?

secondo me il bushcraft è l'arte di andare nel bosco a farsi i fatti propri senza dir nulla a nessuno!

:lol:
 
lo dice la parola...
bush -> cespuglio (può essere inteso come bosco)
craft -> lavoro (in senso di artigianato)
bushcraft -> lavorare il bosco

VIVERE (non sopravvivere) nella natura..

Buschraft e sopravvivenza sono 2 cose apparentemente identiche, ma completamente diverse..
una è il vivere volontariamente con ciò che la natura ci offre ed è un'attività a mio avviso più rilassata e rilassante

l'altra è più una preparazione a situazioni di emergenza, frenetica e paradossalmente poco a contatto con la natura
 
Cosa e' il bushcraft? Non lo so di preciso. Per me è' saper usare al meglio le risorse dell' ambiente sia esso bosco che spiaggia che deserto.
Personalmente non lo pratico molto, nel senso che faccio i miei esperenti, studio come fare una corda, un coltello, un rifugio, come accendere bene un fuoco, quali piante mangiare, etc. E lo metto in pratica! Tutto qui. Poi vivo a casa mia, non nel bosco.
Tuttavia nei boschi ci vado spesso e volentieri perché li mi sento "a casa" e imparare nuove tecniche, nuove piante, nuove abilità mi diverte, mi rilassa e mi mette in linea con la mia natura di essere umano.
Poiché il senso della mia vita e' imparare e fare esperienza del mondo.
 
Per chi è (era) appassionato di Lost, John Locke l'avrebbe definito il "roundabout"... Ovvero il perdersi nel bush australiano armato solo di un coltello... ed uscirne vivo ;)
 

Discussioni simili



Alto Basso