Alpinismo Cima Argentera Sud, (3297) la Regina

#1
Parchi del Piemonte
Parco delle Alpi Marittime
Dati
Data: Luglio 2017
Regione e provincia: Piemonte - Cuneo
Località di partenza: Terme di Valdieri
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 14 ore
Chilometri: 27
Grado di difficoltà: PD
Descrizione delle difficoltà: esposizione molto importante, I e II° continui. (per la vetta) Avvicinamento: E-EE-F
Periodo consigliato: estate
Segnaletica: paline, segni rossi
Dislivello in salita: 2230
Quota massima: 3297
Accesso stradale: Bordo San Dalmazzo, Valdieri, Sant'Anna di Valdieri, Terme di Valdieri.

Traccia GPS disponibile

Descrizione:
Qui veramente lo spettacolo tocca le più alte espressioni del bello, commovente e grandioso ad un tempo, solenne ed insieme pieno d'incantevole dolcezza.
Così Bartolomeo Asquasciati nel 1912 descrisse la cima regina, la più elevata delle Alpi Marittime, ambita da generazioni di alpinisti.
Questa citazione descrive molto bene i miei sentimenti posteriori alla scalata.

Argentera è un oronimo derivante dal latino "argentum", e indica qualcosa di bianco o di splendente; probabilmente si riferisce all'innevamento persistente dovuto alla notevole altitudine della montagna.

Che dire di più .... Sono ormai più di quarant'anni che vedo questa massiccia ed elegante montagna da tutte le moltissime scorribande compiute in Valle Gesso. A 20 anni mi accontentavo di guardarla, a 30 pensavo fosse impossibile, a 40 che sarebbe stato bello ma non avevo le capacità tecniche, a 50 cominciavo a studiarla più approfonditamente e finalmente a 61 Il grande momento è arrivato grazie anche all'amico alpinista Mimmo.
E' proprio vero il detto "L'impossibile è solo un limite temporaneo"
Mi sentirei, inoltre, di poter dare un consiglio ai giovani amici alpinisti: Non bruciare le tappe, ogni cosa che si desidera, al momento giusto arriva silenziosa e naturale come questa mia importante conquista.

Affrontare quella montagna non è la classica passeggiata della domenica, ci vuole impegno, attenzione, coordinazione, e una grande pace interiore. Il panico è devastante in queste circostanze, la mente dev'essere tranquilla, rilassata.
Che dire poi della pendenza dell'ultimo tratto, sembra quasi di arrampicarsi in cielo, la fatica è immensa, sono già oltre i 3000 metri, il fiato si fa corto, si respira con più fatica, in compenso tutto attorno a me si apre l'infinito, uno spazio che da l'idea dell'immensità delle nostre Alpi, il magnifico contorno di vette che protegge la nostra Penisola dai freddi venti dell'inverno.

La salita l'ho preparata meticolosamente con uno sguardo importante al meteo. Non avevo nessuna intenzione di fallire sprecando 2 giorni ne tantomeno arrivare lassù e non potere godere dell'immensità della visione. Sapevo che da lassù avrei avuto "il mondo steso sotto i miei goffi scarponi" per dirla con Edmund Hillary.
Tutto questo si è avverato e a posteriori mi sento di dire: "tutto facile, anche troppo".

Non ci siamo accontentati disalire in vetta per la via normale da Pian della Casa con pernottamento al Rif. Remondino e ritorno ma abbiamo scelto di fare il periplo delle 5 vette del massiccio scavalcando 3 valloni (Lourousa, Chiapus e Assedras) con grande spostamento e dislivello importante: E' così che va trattata la Regina!

Si decide di partire di buon'ora, ci vogliono 3 ore d'auto per raggiungere le Terme e vogliamo evitare di non trovar posto nell'angusto bivacco del Baus, non possiamo permetterci la tenda e il saccopelo dovendo fare l'anello.
Cominciamo a camminare alle 7,30 per raggiungere il Bivacco del Baus (1500 mmt D+: da solo vale un'escursione) e ci dirigiamo verso il Rifugio Morelli-Buzzi nello splendido vallone di Lourousa. Attraversiamo il bellissimo pianoro del Lagarot di Lourousa raggiungendo il Rifugio dove ci aspetta una birra assieme ad amiche piemontesi conosciute su facebook ed incontrate sulla strada per caso. Dopo la lunga sosta al Morelli, risaliamo la pietraia sommitale fino al passo del Chiapous dove salutiamo la compagnia diretta alla cima del Chiapus. Noi ci fermiamo per il pranzo in un posto bellissimo dopo di che continuiamo ancora per un poco in discesa verso il lago del Chiotas e Rif. Genova. Ad un bivio segnalato lasciamo la mulattiera per inerpicarsi sul difficile e a volte esposto sentierino che ci conduce al passaggio del Porco. Ci inoltriamo con saliscendi sulle doline del magnifico altopiano del Baus sempre seguendo gli ometti ed abbondanti segni rossi, lasciamo sulla dx l'indicazione per la cima Nord leggermente più facile (F) da me salita moltissimi anni fa e dopo aver attraversato quasi tutto l'altopiano, raggiungiamo il bivacco alle 15.

Siamo i primi, poi arriverà un coppia di francesi e due graziose ragazze di Genova che purtroppo non dormiranno con noi :D ma con gli occhi pieni di gioia per aver ammirato queste bellezze per la prima volta. Trascorriamo il pomeriggio al caldo sole e verso sera prepariamo la cena e si va in cuccetta quando è ancora chiaro.
La mattina seguente ci si alza alle 5 e dopo aver fatto un'abbondante colazione e riordinato il bivacco, ci si mette in marcia alle 6,30 sulla ripida china seguendo l'indicazione "passo dei Detriti" e guidati da numerosi segni rossi e ometti, contorniamo lo sperone roccioso a sx e poi verso dx raggiungiamo una crestina che percorriamo fino a raggiungere una lastronata rocciosa (I°- F con corda fissa) che si supera e sempre con percorso ripido raggiungiamo la base dell'ex ghiacciaio della Balconiera ora ridotto a glacio-nevato.
Qui la vista spazia sull'enorme e perpendicolare anfiteatro della parete est dell''Argentera e con un pò di preoccupazione si cerca di seguire con lo sguardo il tracciato della famosa cengia.
Con passi di facile arrampicata, sulla sx del ghiacciaio, raggiungiamo in breve (2 ore dal bivacco) l'intaglio che si trova tra il passo dei Detriti e la parete est.

Da qui in poi la via diventa complicata, l'esposizione è costante, a volte molto importante e la concentrazione è d'obbligo. i segni rossi ci guidano sulle prime rocce esposte fino all'inizio della cengia orizzontale dove si incontra il primo dei due "mauvais pas" si scende perpendicolarmente per 2 mt aiutati da una corda fissa su gradini sospesi nel vuoto, poi in piano aggrappandosi a monte alle numerose prese su roccia buona si raggiunge il secondo passo con roccia aggettante e qui per passare bisogna gettarsi con la schiena nel vuoto (corda) poi la cengia diviene via via più larga, sempre più incassata trasformandosi lentamente in diedro poi canale fino a pochi metri dalla vetta. Si comincia a scalare sul serio fino a raggiungere un salto di 5-6 metri abbastanza liscio (II°-chiodi) che le relazioni dicono protetto da corda fissa ma che noi non ne abbiamo visto traccia. Uno spezzone nel nostro zaino ci ha agevolato non poco la discesa. finalmente in un'ora siamo sulla piccola vetta, strapiombi da ogni parte, fantastico, sembra davvero che il paradiso sia qui.

La discesa va affrontata con la dovuta concentrazione fino al passo dei Detriti, poi giù dall'opposto versante di salita su terreno infido (detriti, appunto) con direzione Rif. Remondino che si vede molto in basso. Dopo il pranzo lo raggiungiamo per la solita birra e poi giù su ampia mulattiera fino a Pian della Casa ed infine i noiosi 6 km di strada dapprima sterrata poi asfaltata fino alle Terme.


Un po di foto
Salendo verso il Lagarot di Lourousa, fa la sua comparsa Monte Stella, Gelas di Lourousa e corno Stella.
in mezzo il famoso e bellissimo canalone di Lourousa da dove salì per la prima volta il 18 agosto 1879, lo statunitense William Auguste Coolidge
ARG_274.JPG

e dopo 3 ore di marcia si raggiunge il rifugio Morelli-Buzzi nei pressi del colle del Chiapus
ARG_276.JPG
ARG_277.JPG

e la birra non può mancare per contribuire all'economia montana
ARG_278.JPG
e con l'allegra comitiva si continua per il passo
ARG_279.JPG
Che raggiungiamo.
La vista si apre sul vallone della Rovina e fa capolino il Ciamberlinecol suo Caire, punta di Fenestrelle e Roc di Fenestrelle. Sullo sfondo nell'ordine i giganti Clapier, Maledìa e Gelas
ARG_280.JPG

E si inizia a salire al passaggio del Porco
ARG_282.JPG
ARG_284.JPG

E dalla cima si comincia ad ammirare il bellissimo Altipiano del Baus
ARG_285.JPG

.... e la cima Nord
ARG_286.JPG

Cima del Baus e cima sud
ARG_287.JPG

ed in basso il grande lago del Chiotas, Rifugio Genova e lago Broccan
ARG_288.JPG
ARG_289.JPG
ARG_290.JPG
ARG_291.JPG
ARG_293.JPG

ARG_294.JPG

e si studia la via del giorno dopo
ARG_295.JPG

cazzeggio come in spiaggia ma a 2700 mt
ARG_296.JPG
ARG_297.JPG
ARG_298.JPG
ARG_299.JPG
ARG_300.JPG

ed arriva il tramonto
ARG_301.JPG

e la sera
ARG_302.JPG

e poi l'alba
ARG_303.JPG

e il primo sole sulla cima del Baus che scaccia la luna
ARG_304.JPG

e si sale
ARG_305.JPG
ARG_306.JPG

ci si ferma ad ammirare i maestosi panorami
ARG_307.JPG

e così arriviamo sotto la parete est costeggiando il grande ex ghiacciaio della Balconiera
ARG_308.JPG

e pano piano raggiungiamo l'intaglio dove inizia la cengia
ARG_308a.JPG

parete verticale che ci da un poco di preoccupazione: chissà come faremo
ARG_310.JPG

vista dal passo sulla via di salita
ARG_311.JPG

Inizia la scalata e l'esposizione
ARG_312.JPG

e se si guarda in alto, si riesce anche a sorridere
ARG_313.JPG

Ma sotto gli scarponi il vuoto totale :(
ARG_313a.JPG

Roccia panciuta che obbliga a camminare sull'orlo del precipizio
ARG_315.JPG

salendo nel diedro la visione è tremenda :)
ARG_316.JPG

si scala il canale. La vetta è quella lassù ancora lontana
ARG_317.JPG
ARG_318.JPG

e si arriva. Tutti i monti più bassi di noi: favola pura!
ARG_321.JPG
ARG_322.JPG

due foto che testimoniano la verticalità di questa bellissima montagna
ARG_323.JPG
ARG_324.JPG

La vicina cima Nord e le Aste
ARG_325.JPG

Il Re che buca le nuvole
ARG_327.JPG
ARG_328.JPG

Si scende verso la cengia visibile in basso
ARG_329.JPG

Raggiungiamo il passo dei Detriti e si ammira i 3000 più vicini: la Cima Paganini e la cima di Nasta,
ARG_331.JPG


ed inizia la lunghissima scomoda discesa dal passo dei Detriti verso il Remondino
ARG_332.JPG
ARG_333.JPG
che raggiungiamo
ARG_334.JPG

Le tre vette della Nasta che è scritta nel quaderno già da tempo
ARG_335.JPG


la solita rigenerazione
ARG_336.JPG

Pian della Casa del Re
ARG_337.JPG

Fino alle Terme dove si ci rigenera definitivamente
ARG_338.JPG
ARG_341.jpg

Prosit!!
 

#7
....... direi che a te la casa non ti casca in testa :) (è un detto, proverbio, per indicare una persona che è sempre fuori, in giro).

Ciao :si:, Gianluca
 
#8
Fiuuuu!!!!Hai capito Piervi.
I complimenti sono riduttivi.
Non ho capito un passaggio del racconto quando dici: "......con gli occhi pieni di gioia per aver ammirato queste bellezze...."ti riferivi alle bellezze dei panorami o alle ragazze?
Infine,spero che mi si perdoni: quel rifugio in un ambiente così bello è 'na sch........!
 
Ultima modifica:
#9
Grazie, Sandro, per aver usato le maiuscole.
Maiuscola è stata la mia gita.
Maiuscola è questa grande nostra montagna
Grazie infinite
Che spettacolo! E i miei complimenti, sei un faro, una stella polare che mi fa ben sperare per l'avanzare della mia età.
Mi fai arrossire, Marco! sono veramente commosso.
Bellissimo @Piervi, complimenti per l'impresa
ringrazio anche te per aver apprezzato!!
Già... proprio lei: ora manca il Re
direi che a te la casa non ti casca in testa
Conosco il proverbio e per me è proprio così .... per ora.... ma finirà se vuoi l'olio!! :(
Non ho capito un passaggio del racconto quando dici: "......con gli occhi pieni di gioia per aver ammirato queste bellezze...."ti riferivi alle bellezze dei panorami o alle ragazze?
mi piace la tua perspicacia :D
Non è che se la torta fa schifo, la ciliegina salva il tutto :) :D
Infine,spero che mi si perdoni: quel rifugio in un ambiente così bello è na' sch........!
Non so a cosa ti riferisci.... abbiamo toccato 2 rifugi ed un bivacco.
Se ti riferisci al Remondino, una volta era molto più piccolo, è stato innalzato a tre piani perchè la gente in montagna vuole essere servita e riverita. Non è il mio spirito!
 
#14
non sono molto esperto tra rifugi e bivacchi,comunque mi riferivo a quello rosso che credo sia un bivacco.
allora si. Bivacco del Baus. quelli che cerco io.
Poco più grande di una tenda ci si dorme in 9. La vita è spartana, bisogna caricarsi il cibo sulle spalle. non è da tutti.
Il bivacco nasce nell'alpinismo come un riparo di emergenza e deve essere di colori vivaci per essere notato da lontano. Non è che dia tanto fastidio nell'ambiente in cui si trova.
Poi sono nati i rifugi che nel tempo sono diventati alberghetti con (quasi) tutte le comodità della vita normale. Io non li amo. Non corrisponde al mio spirito di montagna
 
#17
Ottimo lavoro !
Bellissima cima da me salita in solitaria in giornata nell'ormai lontano 2008... :woot:
Quanto prima conto di tornare in zona per salire una delle sue creste e/o dei suoi satelliti (nasta, paganini, ecc.)

g
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto