Escursione Cima delle Saline(2612) e cresta delle Colme (2372)

Parchi del Piemonte
  1. Parco Alta Valle Pesio e Tanaro
Dati
Data: luglio 2015
Regione e provincia: Piemonte - Cuneo
Località di partenza: Carnino
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 11 ORE
Chilometri: 21
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: Il tratto passo Saline - Gola Scaglie difficile in caso di nebbia
Periodo consigliato: da giugno a novembre
Segnaletica: ottimamente segnalato con paline e segni
Dislivello in salita: 1950
Quota massima: 2612
Accesso stradale: ss28 del Colle di Nava, a Ponte di Nava deviazione per Viozene - Carnino
Traccia GPS disponibile

Descrizione:

Ogni tanto, per capire se si è ancora capaci di camminare, un'escursione del genere è d'obbligo. Anche perchè è svolta nei più bei posti delle Alpi Liguri: Da una parte il Marguareis e dall'altra il Mongioie e in mezzo noi nella nebbia; peccato perchè se no i panorami sarebbero stati da urlo.


La zona è una delle più vaste carsiche d'Italia: lo testimoniano le numerose doline e inghiottitoi che si incontrano in continuazione lungo il percorso.
Degni di nota sono le location di Piaggiabella, il diadema di rocce della cima delle Saline, la gola delle Scaglie contornata dalle rocce di Manco, i caratteristici Bricchi Neri e i Campanili sotto le Colme e tornando dal rifugio Mongioie a Carnino, il bellissimo vallone della risorgenza delle Vene, grotta che si può visitare con una brevissima deviazione.

Le cime toccate nell'ordine sono: Cima Pian Ballaur (2604), Cima delle Saline(2612)
cima Pian Comune (2407), a questo punto la maggior parte del dislivello è fatto, poi Cimonasso (2340) e Cima delle Colme (2372) quasi pianeggiante. da non sottovalutare i 150 metri per raggiungere la Colla di Carnino sulla strada del ritorno dopo la risorgenza delle Vene.

Da un punto di vista tecnico, a parte il grosso dislivello positivo e le tante ore di marcia, non ci sono grossissime difficoltà se non la discesa ripidissima dalla cima Saline al passo delle Saline. In caso di nebbia giudico il percorso seguente il passo, da non farsi per la probabilità alta di perdersi a causa dell'ampia cresta erbosa, quasi un altipiano, seppur segnato benissimo con paletti.
In questo caso, un GPS con cartina di Openmtbmap, risolverebbe il problema.
Si avrebbero anche due comode via di fuga in caso di bisogno: la prima al passo delle Saline dopo sei ore di cammino direttamente verso Carnino e l'altra a Pian Comune che attraverso il passo del Cavallo dopo sette ore, che ci condurrebbe vicino al rifugio Mongioie.

Breve descrizione dell'itenerario.

Si può lasciare l'auto indifferentemente sia Carnino Inferiore (area pic-nic), che Superiore (poco oltre) seguendo la direzione (paline) Rifugio Don Barbera - Marguareis fino in Pian Ciucchea dove si incontra, seguendolo, il bivio Mastrelle - Col del Pas (palina). Arrivati a Cima Pian Ballaur (da non confondersi con Monte Pian Ballaur, un poco più avanti, croce) Vanno ricercati segni e paletti sulla sinistra, dopo di che è facile scendere al passo e risalire verso cima Saline(5ore) e ridiscendere al passo Saline (5,30 ore) (palina) proseguendo verso Pian Comune (palina) fino al Bocchin delle Scaglie (palina) poi la discesa col rifugio Mongioie sempre in vista (vaghe traccie). Per chi, come noi, vuole contribuire all'economia montana, ci si dirige la per l'immancabile birrazza (ciumba!) se no, alla fine del canale, si può accorciare, tenendo la destra, per prati fino ad incrociare il marcato sentiero che conduce a Carnino attraverso le Vene e Colla di Carnino.

Ed ecco alcune foto:
La cresta del Ferà e l'omonimo monte vista da Pian Ciucchea salendo sulla normale del Marguareis
Saline_001.JPG


Verso il passo delle Mastrelle da dove si accede al vasto pianoro di Piaggiabella
Saline_003.JPG



Caratteristico fungo sul passo di Mastrelle

Saline_005.JPG


Saline_006.JPG


Saline_010.JPG


Saline_016.JPG


Saline_019.JPG


La conca di Piaggiabella e in alto colle del Pas
Saline_023.JPG


Saline_027.JPG


Saline_029.JPG


Capanno Seracco Volante di proprietà degli speleologi
Saline_031.JPG


contrafforti meridionali del Marguareis: punta Emma
Saline_032.JPG


Colle del Pas
Saline_034.JPG


Alta valle Ellero: a sinistra, Porta Marguareis, Porta Sestrera e in fondo lago Rataira
Saline_036.JPG


Saline_041.JPG


Monte Pian Ballaur
Saline_044.JPG


Si incontrano sulla via cose tristi di chi ci ha preceduto.
Un modellino di una Ferrari per ricordo
Saline_045.JPG


Monte Pian Ballaur
Saline_051.JPG

Saline_053.JPG


Ampia dolina salendo verso Cima Saline
Saline_055.JPG


Saline_061.JPG


Saline_067.JPG


Ripida e lunga discesa verso il passo Saline
Saline_068.JPG

Saline_070.JPG

Saline_073.JPG


Gola delle Saline verso Carnino
Saline_074.JPG


Pian Comune dal passo Saline
Saline_078.JPG


Cima delle Saline si è fatta vedere un attimo da Pian Comune
Saline_079.JPG

Saline_083.JPG


Saline_085.JPG


Le Colme
Saline_086.JPG


Saline_089.JPG


Saline_090.JPG


Saline_095.JPG


Saline_096.JPG


Finito il canale delle Scaglie, si vede il rifugio Mongioie per una birrazza
Saline_098.JPG


Bellissima location della Risorgenza delle Vene
Saline_101.JPG

Saline_102.JPG


Saline_102.JPG

Saline_103.JPG

Saline_106.JPG

Saline_108.JPG


Puno panoramico della Colla di Carnino ormai vicino al termine
Saline_110.JPG


Saline_121.jpg

Saline_122.jpg


Prosit!
 

Allegati

  • Saline_102.JPG
    Saline_102.JPG
    144,8 KB · Visite: 167
Sono convinto che quelle nuvole vi hanno si impedito di godere del panorama ma con questo caldo torrido(per lo meno dalle mie parti)vi abbiano salvato la vita.

Complimenti per l'escursione e per il dislivello,voi siete matti(in senso buono eh).
 
Ultima modifica:
Grande Piervi! si vede benissimo dalle foto che sono luoghi non banali, che in caso di nebbia potrebbero creare piu' di un problema.
Bello davvero!
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso