Alpinismo Cima delle Saline (2612) per il canale SE e Cima Pian Ballaur (2506)

Parchi del Piemonte
Parco Alta Valle Pesio e Tanaro
Dati
Data: aprile 2018
Regione e provincia: Piemonte - Cuneo
Località di partenza: Carnino Superiore
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 9 ore
Chilometri: 14
Grado di difficoltà: BR / F+
Descrizione delle difficoltà: pendii ripidi, canale 35/40°
Periodo consigliato: inverno
Segnaletica: ovviamente no per neve
Dislivello in salita: 1450
Quota massima: 1612
Accesso stradale: ss28 del Colle di Nava, a Ponte di Nava dev per Viozene, Carnino, Upega
Traccia GPS disponibile

Descrizione:

Altra grande gita in assetto invernale sulla cresta Marguareis-Mongioie nel cuore delle Alpi Liguri.
Questo grande anello è fattibile in presenza di neve sicura per il pericolo valanghe presente dal passo delle Mastrelle fino a tutto il vallone di Carnino.
L'abbondante innevamento ha reso questa escursione stupenda. abbiamo usato tutta l'attrezzatura invernale a disposizione (ciaspole, picca e ramponi)
Siamo partiti sul far dell'alba da Carnino Inferiore (h6,45) per sfruttare in salita lo scarso rigelo notturno in direzione del rifugio Ciarlo Bossi, (palina) sfruttando il sentiero estivo per il Passo delle Saline ove a circa 1700 mt abbiamo calzato le ciaspole inoltrandosi nella gola delle Saline e percorrendola sul fondo dato lìabbondante innevamento che ricopriva il ruscello. Al termine della gola, lasciandoci sulla dx il passo delle Saline, abbiamo iniziato a risalire i pendii, a volte ripidi in direzione dell'evidente canale tra le rocce che sorreggono la vetta e il passo dell'Arpetta alla nostra sx.
Giunti in prossimità del dirupato pendio alla base del canale, abbiamo calzato i ramponi ed infine ci siamo inoltrati nel bellissimo e corto canale al termine del quale ci simo diretti con un esposto traverso alla sinistra evitando l'uscita di destra, un poco più difficile e con una grande cornice.
Ricalzate le ciaspole ci siamo diretti sulla cresta sommitale tenendo alla meglio la destra ed avendo cura di non camminare sulla cornice preste fin quasi alla croce.
Procedendo verso nord siamo scesi al colletto tra le cime Saline / Pian Ballaur per poi risalire la cresta di quest'ultima per gli ultimi 150 mt d+.
Sempre verso nord, direzione Col del Pas, abbiamo disceso la dolce ed ampia cresta fin nei pressi del Col del Pas che non abbiamo raggiunto per la presenza di una grossa cornice su cresta eccessivamente affilata.
Ricalzati i ramponi siamo discesi alla meglio sul ripido pendio in direzione (ovest) del Capanno Seracco Volante nei pressi del quale, quando il pendio più dolce lo permetteva, rimesso le ciaspole per ridiscendere la fantastica conca di Piaggiabella.
Raggiunto il capanno degli speleologi ci siamo tenuti abbastanza alti per evitare i dossi del fondo della conca e sempre con traversi in leggera discesa si è raggiunto il terminale della conca percorso sul fondo ricalcando da ora in poi il sentiero estivo fino al Passo delle Mastrelle per affrontare l'ultimo tratto molto ripido con i ramponi fino a fine neve. Per far ciò siamo scesi direttamente nell'infido canale tenendo la sx immediatamente sotto le rocce della cresta della cima Palù. Terminata la neve ed incrociato il sentiero estivo l'abbiamo seguito fino a Carnino Superiore ed in breve a Carnino Inferiore.

Partenza di notte
SAL_001.JPG

Primo sole sulle Saline
SAL_002.JPG

Arpetta e Saline
SAL_003.JPG

Gola delle Saline
SAL_004.JPG
SAL_004a.jpg

Uscita dalla gola, in fondo il Passo delle Saline. Tra poco si svolta a sinistra
SAL_005.JPG

Il monte Arpetta, passo omonimo, canale e le rocce che sostengono la vetta delle Saline
SAL_006.JPG
SAL_007.JPG

Cresta del Saccarello. Il monte Missoun svetta su tutte
SAL_008.JPG

avvicinamento al canale
SAL_009.JPG

distese di bianco verso est Mondolè, Seirasso e Pian Caallo in primo piano
SAL_010.JPG

Ripido pendio verso il canale
SAL_011.JPG
SAL_012.JPG
SAL_013.JPG
SAL_014.JPG
SAL_014a.jpg

Mongioie
SAL_015.JPG

Costa Rossa e Bisalta a nord-ovest
SAL_016.JPG

Pertegà, Pian Ballaur e lontano a sx il Marguareis
SAL_017.JPG

vicino alla vetta
SAL_018.JPG

Saline, Mondolè e Seirasso
SAL_019.JPG

Cars, Durand e Mondolè
SAL_020.JPG

Pian Ballaur, Marguareis Marittime e Cozie
SAL_021.JPG

Mongioie
SAL_022.JPG

Durand, Mondolè e Seirasso
SAL_023.JPG

Costarossa, Bisalta ed in primo piano Cars, Mirauda
SAL_024.JPG
SAL_025.JPG

Saline salendo a monte Pian Ballaur. Mongioie dietro
SAL_026.JPG

Inno alla fatica :D
SAL_026b.jpg

Finalmente finita la salita e la fatica, lo spettacolo è immenso
SAL_026c.jpg
SAL_027.JPG
SAL_028.JPG
SAL_029.JPG

In fondo i 3000 delle Marittime. Primo piano sul Marguareis. Passo delle Capre, Punta Emma, Cima Palù e Pareto
SAL_030.JPG

Lo sfondo dal Bego al Gelas. Davanti a noi Piaggiabella da percorrere
SAL_031.JPG
SAL_032.JPG

Valle Ellero con i Rastrelli del Marguareis e cima di Serpentera
SAL_033.JPG

C0l del Pas davanti a noi Cima Palù, passo delle Capre e Punta Emma
SAL_034.JPG

Capanno Seracco Volante
SAL_035.JPG
SAL_035a.jpg


Passo delle Capre o Palù
SAL_036.JPG

Ultimo tratto di Piaggiabella, passo Mastrelle in fondo
SAL_037.JPG

Vista indietro di Piaggiabella con cima Palù Cima Bozano e Punta Emma
SAL_038.JPG

Riposo dei guerrieri al passo delle Mestrelle
SAL_039.JPG
SAL_040.JPG

Discesona dal passo delle Mestrelle verso il vallone di Carnino
SAL_040d.jpg

Carnino in fondo
SAL_041.JPG


Prosit!! :)
 

Complimenti, gran bel giro. Come si fa a vedere le tracce del tuo percorso ?
Mi mandi in privato la tua mail così posso mandarti il gpx di qualsiasi gita che faccio con i commenti del caso.
Non le metto in pubblico perchè ho avuto rimostranze anche pesanti. Si sa per es. che vicino alle rocce la traccia non è fedele per nulla e chi pretende di seguirla pedissequamente senza avere un'idea di cosa sia la montagna, poi si lamenta.
Diverso è la traccia di sentieri strabattuti per prati..... quelli non ci sono prblemi
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto