Escursione Cima Lepri per il Peschio Palombo

Parchi del Lazio
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 26 Settembre 2019
Regione e provincia: Lazio, Rieti
Località di partenza: Voceto
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 8h 20'
Chilometri: 17.5
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: Alcuni passaggi ripidi ed esposti in corrispondenza dell'infida cresta del Peschio Palombo
Periodo consigliato: Io la rifarei in Inverno, con le dovute cautele.
Segnaletica: Buona
Dislivello in salita: 1500 m
Quota massima: Cima Lepri, 2445 m
Accesso stradale: Dalla SS 4 si prende l'uscita per Amatrice e poi si seguono le indicazioni per Voceto - Collepagliuca.
Traccia GPS: https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/cima-lepri-per-il-peschio-palombo-41727905#wp-41727916


Descrizione
Avevo già raggiunto più volte la Cima Lepri percorrendo sentieri per così dire ''convenzionali'', ma arrivarci tramite questa lunga e irta dorsale mi ha offerto nuovi spunti per conoscere il territorio ed apprezzarne la bellezza anche di questo versante poco frequentato.
La partenza avviene dal borgo di Voceto, piccolo agglomerato nei pressi di Amatrice che porta ancora i segni della devastazione.
Si segue la sterrata (sentiero 366) che, congiungendosi con quella proveniente dalla vicina pieve di San Martino, risale il vallone del Molinaro.
Si abbandona la sterrata che conduce alla Capanna del Molinaro, prendendo una deviazione sulla destra da cui si scopre ben presto la lunga cresta del Peschio Palombo:
IMGP2510.JPG

La sterrata prosegue aumentando la pendenza, fino a giungere alla Fonte del Moro (1587m), da cui si apprezza una bellissima veduta del Pizzo di Sevo:
IMGP2530.JPG

La piramide del Peschio Palombo si staglia imponente ed austera:
IMGP2536.JPG

Avevo letto di serie difficoltà incontrate nella discesa da questa cuspide apparentemente inaccessibile; pertanto ho indugiato qualche minuto per studiarmi bene il profilo del Peschio ed individuare una via di salita.
Provo così a scontornare la base della piramide portandomi sul crinale settentrionale, evitando alcuni balzi rocciosi.
Inaspettamente mi imbatto in bandierine biancorosse che segnano un sentiero (non presente nella mia carta) che, tramite una lunga serpentina, sale il ripido fianco settentrionale del Peschio:
IMGP2547.JPG

Quando i salti rocciosi lo consentono, il sentiero si porta sul filo della cresta:
IMGP2549.JPG

dando modo di scoprire anche l'altro versante, dominato dal Gorzano che precipita nel fosso di Selva Grande:
IMGP2552.JPG

La salita procede senza eccessiva fatica, forse perchè allietata da scenari che lasciano senza parole:
IMGP2576.JPG

IMGP2571.JPG

Si arriva così al cospetto dell'elegante e austero sperone del Peschio Palombo:
IMGP2559.JPG

Si aggira lo sperone sul fianco settentrionale, caratterizzato da ripidi prati dominati dall'imperiosa mole del Pizzo di Sevo:
IMGP2567.JPG

mentre il fianco meridionale è un orrido roccioso che precipita nel sottostante fosso di Selva Grande:
IMGP2571.JPG IMGP2582.JPG

Il Peschio Palombo che incombe sulla piana amatriciana:
IMGP2574.JPG

Davanti si presenta la lunga ed invitante cresta Ovest che conduce alla Cima Lepri:
IMGP2576.JPG IMGP2578.JPG

IMGP2581.JPG IMGP2591.JPG

Anche gli scenari dietro di me sono spettacolari:
IMGP2583.JPG IMGP2592.JPG

Alla quota di 2200 m circa si giunge alla sella di Piè di Lepre, piccolo passo montano che consentiva in antichità alla via Ranna di svalicare tra i due versanti.
IMGP2597.JPG IMGP2598.JPG

I floridi prati della Laga a queste quote sono oggi tappezzati da vermiglie mirtillaie che accendono il contrasto cromatico di queste montagne che non ho mai visto in questa veste; la Laga non finisce mai di stupirmi:
IMGP2610.JPG

La vetta di Cima Lepri è ormai raggiunta:
IMGP2613.JPG IMGP2627.JPG

Dalla vetta si osservano scenari che destano stupore e meravigli.
Il Pizzo di Moscio, quasi inghiottito dalle nubi:
IMGP2614.JPG

Il Gorzano:
IMGP2622.JPG

Le nuvole provenienti dal versante adriatico stanno per inghiottire il Pizzo di Moscio:
IMGP2620.JPG

Dopo lo spuntino, si scende verso il Vado di Annibale:
IMGP2639.JPG

La lunga dorsale percorsa, con la sella di Piè di Lepre:
IMGP2647.JPG IMGP2649.JPG

Il fosso di Jaccio Porcelli, puntinato dal rosso delle mirtillaie:
IMGP2646.JPG IMGP2662.JPG

Il Pizzo di Sevo:
IMGP2659.JPG IMGP2663.JPG

Dalla Forca, anzichè prendere il Tracciolino di Annibale, si individua una traccia (sentiero 366) che scende lo Jaccio Piano in direzione Sud:
IMGP2679.JPG

Si arriva alla Fonte Ranna (2010 m):
IMGP2685.JPG IMGP2687.JPG

si trascura la via Ranna (non segnata, ma accennata), ma si prosegue sul sentiero che piega a Sud Ovest scendendo verso il Cavallo di Voceto:
IMGP2693.JPG IMGP2694.JPG

Il Cavallo di Voceto è una piccola dorsale incastonata in questi ambienti tormentati dallo scorrere delle acque:
IMGP2709.JPG

IMGP2705.JPG IMGP2718.JPG

Dal Cavallo di Voceto si scende al Fosso del Molinaro, proprio sotto i bastioni del Peschio Palombo:
IMGP2711.JPG

Prima di addentrarmi nel fosso, uno sguardo alla via di discesa appena percorsa:
IMGP2723.JPG

Nel fosso:
IMGP2728.JPG IMGP2732.JPG IMGP2733.JPG IMGP2731.JPG

Il sentiero si ricongiunge alla sterrata in prossimità della Fonte del Moro, mentre mi trovo nuovamente ad osservare la base della piramide del Peschio:
IMGP2737.JPG

Restano 4 km di strada per tornare a Voceto, che utilizzo per godermi il panorama in direzione Est e pianificare ulteriori incursioni in questo territorio a me tanto caro:
IMGP2739.JPG
 

Allegati

Bellissima e inusuale scelta questa salita per il tormentato versante sud di Cima Lepri. Le immagini sono molto evocative, con il contrasto fra i toni estivi delle basse quote e quelli autunnali delle alte. Complimenti per la realizzazione.
 
Complimenti, non pratico questi dislivelli ma credo di arrivare a capire ugualmente il fascino e la bellezza di un itinerario come questo.

grazie per aver condiviso!
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso