Escursione Col dei Sech - Monti del Sole

Discussione in 'Veneto' iniziata da giangi4, 12 Dicembre 2015.

  1. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    • Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
    Escursione fatta lunedì scorso, nonostante le previsioni dell'arpav non fossero proprio confortanti siamo partiti lo stesso per fare foto al tramonto e alba e passare la notte in cima.
    Si parte da Gena Alta dove arriviamo grazie al passaggio di una amica.
    Si prende la mulattiera che parte dalla fontana e si dirige verso la val Soffia.
    Quasi al suo termine si scende e si attraversa il torrente a prendere una traccia dall'altra parte.
    Risalito il costone si trova un bivio con segnali appesi su un albero.
    Si prende la traccia di sinistra con direzione val dei Forti, si risale lungamente fino a quota 1200 metri finché si supera uno spigolo che ci porta in vista della val Covolera.
    Si prosegue sulla destra in piano con relativa esposizione sempre su traccia con un passaggio di primo grado, scendendo alla fine sul fondo della valle.
    Si risale la parte opposta per traccia verticale fino a quota 1300 metri circa.
    Qui bisogna fare attenzione, segno rosso di intersezione sbiadito su un masso che indica la biforcazione poco dopo.
    Si sale leggermente verso destra in direzione della valle dei Forti lasciando perdere la traccia che si dirige invece in val Covolera.
    Si prosegue in falsopiano in vista della Croda Bianca e del Mont Alt.
    01.jpg

    Mano a mano che ci si avvicina al fondo della valletta si può intuire il percorso che si svolge su cengia dalla parte opposta, sul fianco nord del Col dei Sech.
    02.jpg


    In prossimità dello sbocco la cengia si sposta su salti rocciosi fino ad arrivare sul fondo della valle.

    04.jpg

    Si risale ancora una volta il costone fino ad un boschetto; fare attenzione, dove la traccia indicata dagli ometti piega verso l'alto, proseguire in piano verso destra cercando di stare in quota o scendendo leggermente, attraversando il bosco senza tracce, stando in prossimità del salto sottostante, in modo da trovare la traccia che sempre senza segnali ma marcata dal passaggio, scende in alta val dei Forti.
    Dall'altra parte evidente la cengia da prendere.
    Attraversiamo la valletta sotto massi giganteschi e prendiamo appunto la cengia che nella prima parte si presenta esposta ma ben tracciata.

    05.jpg

    Nella seconda metà invece il percorso è invaso dai mughi, molto faticoso da seguire.
    Dall'altra parte si vede la prima cengia superata.

    06.jpg

    Si supera un primo evidente canalone e si prosegue fino ad arrivare in prossimità di un altro canalone invaso dai mughi che bisogna prendere; pochi metri più avanti, se si prosegue sulla cengia, si arriva in vista di uno spalto erboso.
    Attaccare invece il canalone tenendosi sul fondo e cercando il varco migliore tra i mughi. Non dirigersi verso la cresta a destra ma piuttosto tenere la sinistra, sempre in mezzo ai mughi con qualche passaggio anche su roccette di primo grado.
    Dopo circa sei ore arriviamo sotto quella che ci appare la cima, sappiamo che non c'è posto in cima per dormire, ci spostiamo perciò verso la cresta di destra e troviamo uno slargo tra i mughi dove posiamo gli zaini.
    Decidiamo di non attaccare direttamente ma proseguire la traccia di prima sulla sinistra della cresta; per fortuna perché scopriamo che dietro a quella che pensavamo essere la cima ci sono altre due anticime poco più alte.
    Dopo mezzora arriviamo sulla cima vera e propria, in vista delle pareti, giusto in tempo per il tramonto.
    Siamo proprio sotto il Mont Alt, a sinistra la Croda Bianca, staccata la cima del Bus del Diaol e più distanti i Feruch. Sulla destra il Fornel e il Zimon di Perarola.

    07.jpg

    Stiamo circa un'oretta in cima a fare foto, vediamo le pareti indorarsi, per poi arrossarsi e spegnersi velocemente.

    08.jpg

    Torniamo al posto prescelto per dormire, mangiamo e cazzeggiamo un po'.
    Ci sistemiamo alla belleemeglio ma non comodissimi. Il mio compagno trova un posto discreto ma con un sasso che sporge, io mi adatto su un cespuglio un po' in pendenza con un sottile materassino, purtroppo non trovando un posto adatto devo rinunciare al materassino gonfiabile.
    La notte in questo periodo dell'anno è molto lunga, più di 12 ore, siamo anche con poca acqua appena sufficiente per il caffè di domani mattina ma tutto sommato riusciamo a chiudere occhio qualche ora. Per fortuna non c'è vento, andiamo comunque sottozero di qualche grado. La stellata notturna è fantastica, vediamo anche qualche stella cadente, io ne vedo una di dimensioni esagerate.
    La mattina dopo nonostante la scomodità si fa sempre fatica ad alzarsi.

    09.jpg

    Ma si preannuncia una splendida alba, il cielo nonostante le previsioni si è mantenuto sempre pulito.
    Il sole sorge aldilà del Forzelon delle Mughe, le nuvole dietro la forcella prima diventano lilla, poi rosse e poi gialle.

    10.jpg

    Dall'altra parte si arrossano anche i Feruch e il Bus del Diaol.

    11.jpg

    Ma lo spettacolo più grande e inaspettato è il Col Bel e la retrostante catena delle Pale di San Martino.

    12.jpg

    Il culmine arriva quando una nuvola copre parzialmente il sole, le Pale diventano Viola scuro e fanno da sfondo ad un Col Bel ancora più dorato.
    Dopo l'alba facciamo colazione, un po' di caffè e due croissant presi il giorno prima che si sono congelati durante la notte.

    13.jpg

    Scopriamo anche che 50 metri più in là c'era una bella piazzola d'erba dove saremmo stati belli comodi! ;)
    Ripartiamo malvolentieri ma il mio compagno nel pomeriggio lavora, Scendiamo per dove siamo saliti e in quattro ore e mezza siamo di nuovo a Gena dove la solita amica ci riporta alla base. Neanche il tempo di un saluto e di una spulciatura dalle zecche e scappiamo.

    NB è un percorso per escursionisti esperti, che siano già stati nei Monti del Sole, il percorso è parzialmente segnalato nella prima parte con qualche vecchio segno rosso ma più che altro bisogna saper seguire le tracce e capire le direzioni da prendere. Le ultime due ore sono una lotta continua con i mughi, è necessario saper seguire le tracce dei camosci e riconoscere di essere sul percorso giusto da qualche ramo tagliato. Fare attenzione alle zecche.
     

    Ultima modifica: 12 Dicembre 2015
    A Daenerys, carabosse, ElfoManowar e 7 altri utenti piace questo elemento.
  2. Ciccio74

    Ciccio74

    Dal:
    25 Gennaio 2015
    Località:
    Teramo
    Nome:
    Francesco
    Complimenti, un escursione che sicuramente va "guadagnata" con la fatica ma che vi ha ripagati per atmosfere e "immagini" :si:
     
  3. Crafter

    Crafter

    Dal:
    22 Dicembre 2011
    Località:
    New York
    Complimenti, una bella esperienza. Grazie della condivisione e delle foto.
     
  4. OrsoGrigio66

    OrsoGrigio66

    Dal:
    17 Giugno 2015
    Località:
    Genova
    Bellissima escursione. Posti e foto stupende, complimenti e grazie per aver condiviso.
     
    A Nico80 piace questo elemento.
  5. Nico80

    Nico80

    Dal:
    16 Novembre 2015
    Località:
    Genova
    Escursione bella tosta. Complimenti e grazie.
     
    A OrsoGrigio66 piace questo elemento.
  6. alexmoscow73

    alexmoscow73

    Dal:
    21 Febbraio 2012
    Località:
    prov. RM
    Nome:
    Alessandro
    complimenti, escursione tosta, in ambiente abbastanza "ignorante" con cenge esposte e pini mughi (crescono anche in Abruzzo, sulla Maiella, sono tremendi....). Indubbiamente un'uscita per chi e' abituato a certi percorsi
     
  7. Anfisbena

    Anfisbena

    Dal:
    25 Agosto 2014
    Località:
    Lombardia
    Riconosco lo stile avventura che piace a me!
    Belle foto e bella escursione, grazie per aver condiviso. :si:
     
  8. grrr

    grrr Guest

    Bravino. :cool:
    Le tue foto sono migliori di quelle del Maestro. :dent4:
    Non condivido la tua "fretta" di relazionare.
     
  9. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    diciamo che me lo sono permesso...il percorso si autoprotegge, come ho detto a Paolo, per pulirlo dai mughi ci vorrebbe una squadra di sette persone per sette giorni, dubito e spero non venga la voglia a qualcuno di segnarlo :D
    per le foto, non ho velleità artistiche, mi basta il ricordo.
    l'altro uomo secondo me è piuttosto limitato dal mezzo tecnico, un pò troppo vecchio oggi come oggi...per tutto il resto penso sia tra i migliori fotografi delle Dolomiti, ma questa è una opinione personale sulla base di quello che vedo in internet
     
  10. carrol

    carrol

    Dal:
    9 Novembre 2009
    Località:
    rimini
    Nome:
    carlo
    Complimenti!Bel giro e bella relazione!
    Sono anni che covo il desiderio di immergermi nell'ambiente selvaggio dei monti del Sole ma non sono riuscito a convincere nessuno dei miei amici ad affrontare un ambiente così aspro.
    Approfitto per chiedervi due inforazioni tecniche: la strada per Gena Alta è ancora interdetta al traffico o si può lasciare la maccina su senza pericoli di multe? Il famigerato pericolo delle zecche, è un problema reale o sopravvalutato?voi ne avete prese?
     
  11. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    la strada è giustamente chiusa, le zecche ci sono, se è un problema dipende da te :D
     
  12. carrol

    carrol

    Dal:
    9 Novembre 2009
    Località:
    rimini
    Nome:
    carlo
    Ah ah, giustamente però intanto ve la siete fatta in macchina!:D
     
  13. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    se si conoscono le persone giuste.... :D
    però è giusta che sia chiusa, è troppo stretta, se vai su con una macchina piccola fai le curve al limite, un po' più lunga e in alcune devi manovrare... se aprissero sarebbe il macello.
    comunque me la sono fatta a piedi tante volte, ma quando si fanno giri lunghi una piccola mano fa sempre comodo :D
     
  14. carrol

    carrol

    Dal:
    9 Novembre 2009
    Località:
    rimini
    Nome:
    carlo
    ah ah, dammi il numero della tua amica che mi faccio dare un passaggio anch'io!:D
     
  15. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    perché, devi fare un giro lungo? :D
    secondo me, come prima volta, faresti fatica a farne anche uno breve :D
     
  16. carrol

    carrol

    Dal:
    9 Novembre 2009
    Località:
    rimini
    Nome:
    carlo
    contavo di andare al bivacco Valdo e di lì andare alla forcella Zana e a quella dei Pom.Tu ci sei mai stato?
     
  17. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    alla zana si, poi sono andato al bivacco.
    a quella dei pom no, l'ho vista solo dall'alto ma che io sappia non è proprio facile.
    ti consiglio come prima esperienza il zimon de gena che non è comunque proprio semplice come orientamento, tanto per prendere contatto con un certo tipo di terreno.
    i Monti del sole sono un posto un po' selvaggio, i sentieri sono tracce e le vallate strette non aiutano nell'orientamento, non vanno presi sottogamba.
     
  18. carrol

    carrol

    Dal:
    9 Novembre 2009
    Località:
    rimini
    Nome:
    carlo
    ok, grazie!
     
  19. Paolo M.

    Paolo M.

    Dal:
    15 Giugno 2015
    Località:
    Venezia
    Nome:
    Paolo
    Monti del Sole quanti ricordi ... alta via, cengia dei contrabbandieri ... ecc ecc chi non li ha mai affrontati non si immagina quanto siano tosti e selvaggi pur essendo a un tiro di schioppo dalla statale. Bravi!!!
     
  20. giangi4

    giangi4

    Dal:
    7 Agosto 2014
    Località:
    treviso
    l'alta via non mi dispiacerebbe ma più di tutto mi interesserebbe la traversata dei Feruch con notte in cima alla borala :D :D :D
     

Sto caricando...