Recensione Cold Steel 4 Max Scout, la Bestia !

Bellissima recensione. Complimenti per l'ottima spiegazione sui meccanismi di chiusura.
--- Aggiornamento ---

Pardon... Di blocco.
 
...bella recensione, sia per contenuto che per esposizione (hai un tono di voce rilassante). :)

Ho molti dubbi su questo tipo di "coltelloni" chiunque sia il produttore Fox; Tecnocut;Extrema Ratio; etc etc...
Troppo grosso per essere agile e troppo piccolo per effettuare lavori realmente impegnativi.
Complimenti per la riduzione dei costi, ma il prezzo salato dei 4Max era dovuto al fatto che fossero prodotti a Maniago e fossero decisamente rifiniti meglio rispetto a quelli prodotti in USA.

Io non mi fido molto di quello che dicono Cedric & Ada, e non mi piace il format, che le ditte gli mandino i coltelli da testare non saprei.
Ha una serie di strumenti per affilare, ma dopo avergli visto compiere alcune operazioni di riaffilatura "invasiva", nutro molti dubbi sul fatto che possieda anche "l'arte" oltre agli strumenti...
Se, effettivamente, Spyderco chiede consulenza a questo tizio per testare i coltelli, ho fatto bene anni fa a vendermi tutti i "ragnetti"...
 
Sicuramente belli, ma sul campo di quella taglia mi sono trovato meglio con i fissi ed ho una mano grossa per poter aprire e chiudere la bestia,Per quanto riguarda i ragni dopo l'operazione Byrd li ho dati via anche io , visto che ho una piccola raccolta di lame mi sono tenuto un byrd simbolo della vergogna e e un Ambitious che esce dai classici ragni in frn
 

Allegati

...bella recensione, sia per contenuto che per esposizione (hai un tono di voce rilassante). :)

Ho molti dubbi su questo tipo di "coltelloni" chiunque sia il produttore Fox; Tecnocut;Extrema Ratio; etc etc...
Troppo grosso per essere agile e troppo piccolo per effettuare lavori realmente impegnativi.
Complimenti per la riduzione dei costi, ma il prezzo salato dei 4Max era dovuto al fatto che fossero prodotti a Maniago e fossero decisamente rifiniti meglio rispetto a quelli prodotti in USA.

Io non mi fido molto di quello che dicono Cedric & Ada, e non mi piace il format, che le ditte gli mandino i coltelli da testare non saprei.
Ha una serie di strumenti per affilare, ma dopo avergli visto compiere alcune operazioni di riaffilatura "invasiva", nutro molti dubbi sul fatto che possieda anche "l'arte" oltre agli strumenti...
Se, effettivamente, Spyderco chiede consulenza a questo tizio per testare i coltelli, ho fatto bene anni fa a vendermi tutti i "ragnetti"...
Innanzitutto complimenti a Clodis per le sue indubbie capacità.
Passando poi a quanto scritto da Giadamo circa i coltelloni chiudibili, mi sento di dire che sono d'accordo.
Ho provato con vari oversize ma alla fine non sono rimasto soddisfatto.
Il chiudibile deve prediligere le doti di taglio e portabilità, se poi ci aggiungiamo la robustezza ancor meglio.
Sono un amante dei Cold Steel, questo è bellissimo come lo sono anche altri, ma forse va un po troppo oltre come dimensioni e peso.
Circa Spyderco, non so a chi si affidi per la consulenza.
Il marchio comunque lavora meno bene rispetto al passato. Fonti americane mi dicono che la domanda sia molta e l'azienda di Golden per star dietro a tutto ha risparmiato sui controlli post produzione.
Col risultato che molti sono stati venduti anche se difettosi o mal temprati.
Ma tanto la maggior parte dei compratori li colleziona e non li usa.
 
Una cosa che mi ha dato fastidio degli Spider, 2 disegni base che per me sono il Manbug e Endura ci inzuppano per almeno 200 modelli simili ed a prezzi che arrivano ad almeno 200 euro,forza del Marketing hanno fatto come gli Swatch, poi normale che uno li collezioni con tutti quei colori ma la qualità alla fine ne soffre e il prezzo non è giustificato. Una cosa che mi innervosiva era la variazione dei prezzi in rete di giorno in giorno credevi di aver fatto l'affare del secolo, 2 giorni dopo lo trovavi al 20% in meno o in più.Li ho rivenduti ne avevo una decina devo dire che sono volati.
 
...per rimanere a tema, non capisco perché Cold Steel si ostini ad avere una produzione così dispersiva. Se eliminiamo il discorso relativo al TriAdLock, per il resto fanno scelte assurde: mettono in produzione il Luzon (terribile) e tolgono il Talwar; copertura nera su tante lame per dare maggior risalto ai loghi "tacticool"(Broken Skull); modelli che dovrebbero essere rifiniti meglio(Frontier Bowie) ed invece sembrano buttati lì in attesa di altro. Non capisco...
Spyderco, invece, da 15 anni cerca di sfornare sempre modelli nuovi ma finisce per riproporre sempre lo stesso coltello, con un sensibile downgrading sul q.c. del prodotto.
Avrebbero dovuto concentrarsi su modelli iconici, apportando modifiche sensate.
Ad esempio io avrei prodotto un Police "vecchia maniera"(manico rivettato in acciaio) ma con perno pivot lama regolabile da vite torx, cuscinetti a sfera per la rotazione con doppio binario su lama e manico (per ridurre lo spessore) e lama full flat grind...
 
Ottima recensione, grazie 1000!

Leggere invece che altri collezionisti, ben più "rodati" di me, hanno venduto i loro Spyderco, o comunque non hanno ottima opinione dei Ragnetti di recente produzione, mi consola assai.
Ho provato in tutti i modi a farmeli piacere, ma, se escludo alcuni modelli tutti fuori produzione o costosissimissimi, non c'è verso: il paragone con gli orologi Swatch è centralissimo, e spiega tutti i miei dubbi su prodotti comunque commercialmente riuscitissimi, ma che proprio perciò non mi convincono.
 
Bellissima recensione!! Hanno fatto bene a fare questa variante più leggera ed economica, personalmente credo che così sia anche più sfruttabile. Resta sempre un coltello molto grande, ma il 4 max originale è davvero troppo esagerato.
 
Bellissima recensione!! Hanno fatto bene a fare questa variante più leggera ed economica, personalmente credo che così sia anche più sfruttabile. Resta sempre un coltello molto grande, ma il 4 max originale è davvero troppo esagerato.
Concordo.
Probabilmente hanno fatto la mossa giusta.
Cold Steel è un marchio che ama gli eccessi, nelle forme e nelle dimensioni.
Agli appassionati la cosa piace ma il reale utilizzatore si rende facilmente conto di certi limiti.
Sul campo le cose sono diverse da come ce le vogliono far immaginare.
Il chiudibile deve essere pratico da portare e da usare.
La sua destinazione d'uso è il taglio puro.
Ergo, apprezzo gli sforzi volti a migliorare la sicurezza e l'ergonomia.
Purtroppo non condivido la tendenza a volerli avvicinare ai fissi, impresa impossibile visti I limiti meccanici tipici dei chiudibili.
Il mercato ci propone spessori esasperati al dorso e al filo, geometrie da coltelli da campo e pesi eccessivi.
Tutto ciò snatura il prodotto.
 
Il mercato ci propone spessori esasperati al dorso e al filo, geometrie da coltelli da campo e pesi eccessivi.
Tutto ciò snatura il prodotto.
Spesso sono critico per quanto riguarda gli spessori anche con i fissi, figuriamoci con i chiudibili... Alla fine il coltello è fatto per tagliare, non è un'ascia né una leva né un cuneo... Anche se il marketing punta ad altro e a creare "nuove necessità" per vendere.
 

Discussioni simili



Alto Basso