Escursione Colle del Nivolet

C

ciclotore2

Guest
Parchi del Piemonte
  1. Parco Nazionale Gran Paradiso
image.jpg
Data: Agosto 2008
Regione e provincia: Piemonte/Valle d'Aosta
Località di partenza: Ceresole Reale località Chiappili Superiore
Località di arrivo: Valsavarenche località Pont
Tempo di percorrenza: 10 ore
Chilometri:25 km
Grado di difficoltà: Escursionistico
Descrizione delle difficoltà: lunghezza del percorso e dislivello
Periodo consigliato: Estate/Autunno
Segnaletica: si
Dislivello in salita: 1000 m
Dislivello in discesa: 700 m
Quota massima: 2612

Questa e' fra le più belle escursioni di sempre, fatta in estate. L'alta Valle Orco offre parecchie possibilità escursionistiche all'interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Arrivai a Ceresole Reale tramite un bus con cambio a Pont Canavese. Li raggiunsi il campeggio che e' sito fuori in paese e montai la tenda.
Il tempi lassù era variabile, la Valle infatti convogliava nuvole precipitazioni che spesso avvenivano con violenti temporali. Ed infatti mentre passeggiavo intorno al lago si scateno l'inferno. Mi fermai in un bar del capoluogo a sorseggiare un te' caldo. Terminato il temporale tornai verso il campeggio assistendo ad un bellissimo tramonto.
Andai a far cena in un ristorante caratteristico con il talup (tagliere con salumi e formaggi della zona), polenta concia cob fontina e spezzatino di cinghiale ed il tutto annaffiato da Barbèra Cacciatora.
Vento gelido alla sera e mi rallegrai del fatto di aver portato il sacco a pelo invernale.

Il mattino seguente mi svegliai intorno alle 7,00, smintai il campoved andai a fare una bella colazione con fette di pane, burro e marmellata col solito te' verde bollente. Poi raggiunsi Chiapili Superiore ed iniziai la mia lunga giornata. Cielo azzurro e sole caldo ma fino ai 2000 metri poi vento fresco e qualche nuvola di passaggio che creava della nebbia passeggera. Panorama spettacolare ed incontro ravvicinato con gli stambecchi, animali stupendi che da queste parti non sembrano poi cosi timidi. Nelle mie escursioni nelle mie montagne gli stambecchi li avevo visti solo col binocolo.
Penso che trascorsi almeno cinque minuti ad osservarli in silenzio, poi fuggirono via saltando sulle rocce.
Proseguii fino all'Alpe Renarda (2235 m), poi tramite una mulattiera tornai nella strada asfaltata raggiungendo il Colle del Nivolet dove mi fermai ad ammirare il panorama che spaziava dai laghi Agnel e Serru' fino al fondovalle nel lago di Ceresole. Questi tre laghi appena elencati per quanto belli, sono artificiali e servono per alimentare due centrali idroelettriche.
Andai fino al Rifugio Chivasso per mangiare qualcosa e riposare un po'..
Feci una sosta ai laghi del Nivolet poi percorsi la strada in discesa fino a Pont di Valsavarenche dove in campeggio montai la tenda. Non avendo voglia di andare in giro perché molto stanco, decisi di prepararmi una minestrina calda a cui aggiunsi cubetti di fontina.
Il mattino seguente andai a cercare una corriera per Aosta dove rimasi un altro paio di giorni a visitare la città, con la tenda messa al camping di Pollein.
Pensò che rifaro' il giro a breve, essendo molto tempo che mancò da quelle parti.
 
Ultima modifica di un moderatore:
Alto Basso