Coltelli inutilmente grossi e cattivi

Ciao a tutti , ieri un amico durante un giro nel bosco ha portato con sé una copia di un frist Blood , insomma una spada da quasi un kg che spacciano come indistruttibile strumento da survival , abbiamo fatto dei test e oltre al chopping non fa niente che non fa il mio modesto folder da bushcraft della Real steel , lui è un fan dei coltelli giganti e dice che non servono per i lavori di fino ma allora pensavo che senso ha portare con sè un attrezzo così? Tutti questi grandi coltelli di dimensioni esagerate che servono a imitare un accetta ma non possono sostituirla e rimangono ne carne e ne pesce dato che molti lavori sul legno importanti nel bosco non si possono fare bene , perché la gente pensa che comprare coltelli così grandi li possa agevolare? Per quale utilizzo? È da pazzi prendere un accetta da 10 euro e un buon full tang sui 10 centimetri di lama ? Quali utilizzi reali possono avere questi coltelli? Io li reputo solo frutto di marketing e della tv che mostra solamente cosa non fare con un coltello nel bosco , volevo sapere cosa pensavate voi a riguardo :)
 
Io vedo che più passano gli anni e piu faccio esperienza, piu riduco la dimensione delle lame che mi porto dietro. Come quasi tutti da giovane ho avuto anche io la fase "Rambo", con coltellone inutile e fragile con sega sul dorso e manico cavo, per poi passare a strumenti sempre meno appariscenti e piu adatti ai miei gusti ed alle mie esigenze.

Alla fine probabilmente nella maggior parte delle condizioni quel che va sopra i 13/15cm di lama non ha poi molta utilità
 
Io mi sono trovato bene con dei pieghevoli e fissi sui 20 centimetri totali e di forme semplici con la forma "tattica" della lama non ci fai molto con il legno anzi è più difficoltoso lavorare per realizzare trappole ecc apparte che non sono sicuro dell'integrità strutturale di coltelli tipo il frist Blood appunto
 
Ultima modifica:
Ad esempio ho visto molti coltelli come questo in campo ... Qualcuno di voi ha mai usato in escursione qualcosa del genere ? Se si per fare cosa? Io all'inizio cercavo lame dalle forme cattive è grandissime ma ogni volta rimanevo deluso dalla difficoltà di utilizzo per lavori reali magari sono io Ahahahhaha
fox_team_survival_stf3-700x700.jpg
 
Io non mi trovo bene con i folder per i lavori di bushcraft, ma concordo sul fatto che anche le lame molto grandi sono scomode.
Sarà forse che io non ho la coltellite classica, nel senso che compro solo lame che uso e non per collezione.

Ultimamente mi trovo bene con una combinazione di coltello di dimensioni medie (10/13cm) e una sega a folder
 
Io non mi trovo bene con i folder per i lavori di bushcraft, ma concordo sul fatto che anche le lame molto grandi sono scomode.
Sarà forse che io non ho la coltellite classica, nel senso che compro solo lame che uso e non per collezione.

Ultimamente mi trovo bene con una combinazione di coltello di dimensioni medie (10/13cm) e una sega a folder
Anche io uso tutte le lame che compro e scartavo a priori i folder poi ho trovato un Real steel che mi ha fatto innamorare Ahahahhaha riguardo ai coltelli grandi e con forme particolari "militari tattici" durante l'utilizzo mostravano limiti che me li hanno fatti odiare ...Un coltello pubblicizzato come attrezzo universale e indistruttibile che non può realizzare uno snodo per una trappola ...Mai ...Nel mio kit c'è il suddetto real steel , un full tang da 10 cm di lama custom che mi sono fatto realizzare da un amico una leatherman surge e un accetta e posso affrontare qualsiasi prova con 1,5 kg scarsi nello zaino , in escursione ho visto gente vantare anche i coltelli Gerber linea bear Grylls quello che usa in televisione per capirci ma non mi hanno mai attirato mi sembrano solo pubblicità correggetemi se sbaglio
 
Mai usato lame superiori ai 12 cm, proprio per mio sistema di uso, e sebbene fino a 13/14 cm le capisco coltelloni ben superiori mi sembrano sempre rambate, con rispetto per chi li ha e li usa.
 
Mai usato lame superiori ai 12 cm, proprio per mio sistema di uso, e sebbene fino a 13/14 cm le capisco coltelloni ben superiori mi sembrano sempre rambate, con rispetto per chi li ha e li usa.
Infatti ho chiesto se c'è chi ne fa usi reali e non " il mio coltello può fare questo e quello"
 
Sul forum si trovano dei thread sull'argomento se si vogliono avere delle risposte in merito.

Personalmente ho da sempre coltelli fissi e lame di dimensioni generose, dai 15 ai 18 cm, stile bowie o assimilabile, ultimamente uso un KaBar USMC da 7", accompagnato, qualche volta, da un pieghevole (non l'Opinel, non andiamo d'accordo :)) quello che capita.

Cosa ci faccio ? Ritengo esattamente quello che altri fanno con coltelli più piccoli, nè più nè meno con l'aggiunta che, in caso di necessità, ho una lama che posso virtualmente strapazzare di più che un Opinel, poi, ovviamente, dipende da cosa fate voi normalmente :) ..... se passate tutto il tempo a scolpire il legno o fare cucchiai, in quel caso passo :)

Perché non uso coltelli più piccoli ? Perché sono abituato così da sempre, inoltre, anche in ambiti "normali", come in cucina, uso sostanzialmente tre o quattro coltelli ma quello che ho praticamente sempre in mano è un coltello con lama da 20cm che uso dal trito alla lavorazione delle carni.

Alla fine è una questione di abitudine, secondo il mio punto di vista.

Ciao :si:, Gianluca
 
Ultima modifica:
Io vado quasi sempre di lama sui 10 cm profilo scandi tipo il classico pukko . Al limite un leuku sui 15 cm . Sopra non ho mai sentito necessita' di andare. Se proprio devo fare legna in grossi quantitativi uso una accetta. In escursione la legna la trovo senza grossi problemi se devo batonare un minimo per fare un po du legna piccola da accensione batono sui miei coltelli nordici senza alcun problema.
 
Si ma le altre discussioni non mi hanno soddisfatto :) comunque grazie dei vostri pareri quelli che dico non vuole essere una critica o tanto meno un attacco è solo curiosità per questo voglio risposte ... Comunque Gianluca anche io non amo gli opinel sono fragili ma sul mio chiudibile e sul fisso ho fatto batoning senza problemi...Per fare attività sul legno non intendo cucchiai ma attrezzi trappole e utilità da campo fuoco e strumenti per farlo e mi trovo meglio con coltelli piccoli da bushcraft che con coltelloni da sopravvivenza che non ho mai potuto utilizzare per comodità di intaglio o altro alla fine ho sempre un accetta dietro ... Non ha senso secondo me lasciare attrezzi a casa se si sa che serviranno :)
 
S

Speleoalp

Guest
Secondo me il punto fondamentale su questi argomenti é principalmente uno.... le preferenze personali, i gusti ;) Non il per cosa, funziona si, funziona no, si può, non si può....
Per tutto il resto.... si tratta di stare in un bosco, in un campo a fare le solite cose ;) Adattando quel che si ha a quello che si desidera realizzare o serve avere ;)
Altrimenti ce ne sono di attrezzi più adatti... anche di asce, seghe, etc..

(ci sono chiese in Germania fatte prevalentemente di legno, ricche di dettagli e decorazioni.... realizzate esclusivamente con delle accette. Tante volte non é l'attrezzo che fà la differenza, ma l'abilità acquisita da chi lo usa)

Chiaramente esiste il discorso "per ogni lavoro c'é un determinato attrezzo", chiaro.... ma allora per tante cose, mi porto la motosega, ahahah Senza contare che per ogni situazione allora c'é un tipo di "realizzazione" ;) Senza esagerare ;)

Poi se lo scopo é testare, provare, recensire, collezionare, etc.... sicuramente cambiano le motivazioni di tutto ;)

In definitiva, non ci vedo nulla di male in chi porta X attrezzo.... se lo sà usare, lo fà rendere e ottiene tutti i risultati necessari o voluti per X situazione ;) Se poi é per fare lo "sborone" e nemmeno con la cassa degli attrezzi sà arrangiarsi,.... discutibile la cosa...

Per esempio, esperienza personale, non ci vedo tutte queste difficoltà nel fare ciò che và fatto in natura, nei vari ambiti... indifferentemente dal tipo di lama. Porto quella che mi gira, mi adatto all'attrezzo che ho con me... o che non ho. Questo senza far più fatica, fare male, non riuscire... semplicemente adattandomi in tutta tranquillità, praticità, funzionalità...

Secondo me molte sono "seghe mentali" causate dalla volontà di avere per forza di cose un qualcosa o il non volerlo.... o dal voler creare chissà cosa, rispetto al necessario...
 
Ultima modifica di un moderatore:
Non ha senso secondo me lasciare attrezzi a casa se si sa che serviranno
Io non porto il coltello(ne) per non portarmi altro, lo porto perché lo porto esattamente come altri portano coltelli più piccoli, se sò che devo far legna mi porto l'accetta, la sega ..... pure la motosega se serve :) ...... per cui il mio discorso non è per risparmiarmi qualcosa ma semplicemente per un discorso di abitudine e di feeling con l'attrezzo.

Ciao :si:, Gianluca
 
Ah sicuramente ognuno usa il ferro che sente meglio :) che coltelloni avete ? E voi utilizzatori di coltelli grandi che pensate di un frist Blood per esempio ? Non credo avete coltelli come il suddetto coltello di Rambo ...che utilizzo reale fate in un campo con le vostre lame che vi fa sentire il bisogno di navere una lama così grande? Ripeto non prendete quello che dico come provocazione o altro è solo curiosità :)
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso