• Informiamo tutti gli utenti che attualmente abbiamo un problema sul server che non ci permette di inviare e ricevere e-mail. Pertanto momentaneamente non è possibile effettuare nuove registrazioni e ricevere notifiche via mail. Stiamo provvedendo per risolvere il malfunzionamento nel più breve tempo possibile.

Columbia Redmond basse : breve recensione

Columbia Redmond basse membrana out-dry


Sono scarpe che fanno il loro lavoro. Buona presa un po' su tutto e anche su asfalto non sembrano soffrire troppo.
La membrana out-dry fa' il suo lavoro, ma se mi chiedete se fanno caldo ai piedi purtroppo non sono la persona giusta per giudicare in quanto porto costantemente ad entrambe le gambe dei gambaletti compressivi per il linfedema che prendono tutto il polpaccio ,la caviglia e il piede lasciando libera solo la punta della ditta.
Comunque vi posso dire che il piede non è più sudato che con scarpe normali o da running tipo Brooks Dyad 10.
Non sono molto ammortizzate , ma a me non hanno dato problemi visti i miei problemi alle ginocchia anzi .
La suola è abbastanza flessibile il che può essere un bene in alcune situazioni e un male in altre. Ad esempio nei brevi tratti di sassi sporgenti incontrati in questi giorni nei boschi di Fai della Paganella alcune asperità si sentivano senza essere fastidiose.
Questo non le rende molto adatte su terreni molto rocciosi dove le asperità potrebbero dare fastidio.
Calzata: molto comoda anche per piante larghe come la mia che , linfedema a parte con gambaletti, sarebbe una pianta 2E come minimo.
Un appunto sul numero io ho preso un 45,che mi stringeva appena ,dato che il 44 stringeva molto ed il 46 era un pelo largo.
Dopo 4 escursioni di max 4 ore ciascuna si sono allargate un po' e devo stringer spesso i lacci. Questo è sicura dovuto in parte alla tomaia mista pelle scamosciata e mesh, ma anche al mio non indifferente peso.
Tenetene comunque conto se decideste di comprarle.
Ugualmente validi il modello mid Che non ho preso quest'anno per via delle caviglia che si devono ancora sgonfiare.
Nell'uso non ho patito problemi alle ginocchia, solo un leggero dolore zona tendine di Achille piede destro che attribuisco ai miei problemi ed al.mio allenamento molto scarso ,più che a problemi della scarpa.
Nessun accenno di vesciche né al piede né nella zona tendine di Achille , per me zona molto critica in passato.
Le consiglierei? Si se passeggiate per boschi e sterrati anche impegnativi con scarsa aderenza e anche un po' di asfalto compresi piccoli guadi con acqua bassa. Per terreni più tecnici , molta roccia no se vi da fastidio sentire le asperità.
Spero di esservi stato utile da non tecnico ,ma da utilizzatore con non pochi problemi alle gambe e ginocchia.
 
Mi permetto di aggiungere, dato che ho avuto sia il mid che non...
Il MID non serve quasi a nulla, copre mezzo malleolo, l'unica sua funzione era grattate su quest ultimo.
IMHO le scarpe basse sono un ottima scarpa per percorsi sterrati o comunque non troppo accidentati.
Molto comode.
Nel caso di percorsi lunghi che prevedono sentieri ampi in ghiaia/terra battuta le Columbia Redmond sono la scarpa perfetta.

Le ho usate anche su percorsi più difficili, ma non offrono un gran supporto verso l'interno, ci vuole maggior attenzione.
 
Mi fa piacere tu abbia avuto stesse impressioni.
Per il sostegno , ok manca un po’ , d’altra parta sono basse.
Mi spiace il giudizio negativo sulle mid che pensavo di comprare magari l’anno prossimo.
Guarderò meglio in giro, magari alle Merrell Moab2
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
ROCKY77 Calzature 14
enzino y Calzature 11

Discussioni simili



Alto Basso