come vorreste fosse il vostro coltello "definitivo"

Mi sembrava che tempo fa qualche altro utente del forum, avesse fatto una domanda simile agli avventurosi, mi dispiacerebbe ripetere il post di qualcun altro, ma con la funzione "cerca" non sono riuscito a cavare un ragno da un buco.

Vorrei in definitiva chiedere agli avventurosi, quali caratteristiche pensate dovrebbe avere il vostro coltello, per essere considerato l'unico da non lasciare mai a casa, durante escursioni, bushcraft, merende, scampagnate ed eventuali emergenze, insomma il coltello "DEFINITIVO", una lama polivalente che possa soddisfare le più sfrenate esigenze in natura.

Qui mi fermo perché, già la mia fantasia galoppa e la coltellite avanza.

Vorrei solo specificare che lo scopo della mia domanda è di chiarirmi le idee, su quello che pensano gli amici avventurosi dello strumento più amato dai cultori dell'outdoor, sul quale miti e leggende si sprecano, quale strumento sceglierebbero, con quali caratteristiche e di quali materiali.

Tutto ciò, al fine di provare a costruire un coltello "perfetto" o almeno un buon compromesso.

Mi aspetto un sacco di risposte con dimensioni, disegni, acciai, insomma, un brainstorming sul coltello perfetto.
 
Ciao Compare! la parola "Definitivo" un po mi inibisce...... :)
Personalmente non credo esista. Infatti forma, dimensione e caratteristiche dipendono molto dall' uso che ne deve fare il suo portatore. Tuttavia posso dirti le caratteristiche che ritengo fondamentali per un coltello "polivaente" per la vita outdoor.
Come sai e' da un po che faccio esperimenti su coltelli per comprenderne la funzionalita.
Lama di lunghezza dagli 11 cm in su,
spessore di 3mm o al max 3,5mm e non di più,
molatura convessa o scandi o sabre,
peso contenuto,
manico resistente all' acqua,
la spear point e quella che mi ritorna più utile in svariati lavori, oppure la Broken Back dei seax e' fenomenale.

Tuttavia posso assicurarti che si possono fare un mucchio di cose con un coltello hidden tang con lama di 7 cm per 4mm di spessore.
Come sempre La domanda del Buon Spyrozzo torna utile: che ci devi fare?
 
Gerber - LMF II Survival 22-01400
Coltello Gerber LMF II A.S.E.K. Dimensione totale: 27 cm. Lama di tipo combo di 12,2 cm in acciaio420HC con finitura anti-riflesso. Manicomarrone in TPV. Full tang.Include anche un coltello di 18 cm totali che può tagliare facilmente fili di nylon e cintura di sicurezza. Entrambi i coltelli hanno un fodero da cintura. Made in USA.

Maneggevole e adatto a uso gravoso, fare legna...eccc
Questa e' la versione con acciaio 420HC, facile da affilare, affilatore incluso nella custodia, un po morbido, unico inconveniente tiene poco il filo.
 
Se si usa davvero un coltello (si fanno escursioni settimanali ad esempio) e bisogna sistematicamente riaffilarlo dopo ogni uscita passa la voglia di usarlo quindi direi un coltello che tenga il filo (se poi lo scopo è vederlo appeso al muro il filo non è rilevante).

Dopo di che ne userei due: uno piccolo per tagliare pane e salame (victorinox Forester one Hand, peccato per la lama principale parzialmente seghettata) e sono sempre molto indeciso su quello da lavoro: sono un fan della filosofia mora (poca spesa tanta resa: materiali, linee e design essenziale; molto ergonomici, leggeri, resistenti ed arrivano già affilati dalla fabbrica), ma cavolo, gli esee sono proprio belli e davvero molto bilanciati (in particolare l'esee 5), ma anche un kukri fa la sua sporca figura (e la forma aiuta a scavare la buca per il fuoco).

Non saprei proprio...
 
Ciao Compare! la parola "Definitivo" un po mi inibisce...... :)
Personalmente non credo esista. Infatti forma, dimensione e caratteristiche dipendono molto dall' uso che ne deve fare il suo portatore. Tuttavia posso dirti le caratteristiche che ritengo fondamentali per un coltello "polivaente" per la vita outdoor.
Come sai e' da un po che faccio esperimenti su coltelli per comprenderne la funzionalita.
Lama di lunghezza dagli 11 cm in su,
spessore di 3mm o al max 3,5mm e non di più,
molatura convessa o scandi o sabre,
peso contenuto,
manico resistente all' acqua,
la spear point e quella che mi ritorna più utile in svariati lavori, oppure la Broken Back dei seax e' fenomenale.

Tuttavia posso assicurarti che si possono fare un mucchio di cose con un coltello hidden tang con lama di 7 cm per 4mm di spessore.
Come sempre La domanda del Buon Spyrozzo torna utile: che ci devi fare?

Pienamente d'accordo con te!!!
 
Che domandone...il coltello definitivo non saprei...ma la configurazione si, almeno per le mie esigenze attuali...ovvero...un Victorinox trailmaster onehand per cucinare, piccoli lavoretti per allestire il campo (adoro sia il suo alesatore che il seghetto) ecc.., mentre per lavori più gravosi utilizzo un Esee4, che per me è perfetto sia come peso che come dimensioni...ma se dovessi scegliere solo una lama proprio non saprei...forse non l'ho ancora incontrata, chissà...ma con la coppietta citata mi trovo da dio.
 
S

Speleoalp

Guest
Per me è semplice ;))

Robusto, pesante, almeno 10cm di lama.
Tutte le altre caratteristiche sono superflue, PER ME, per i lavori che devo farci in natura, non fanno la differenza.
 
Idem come sopra per quanto riguarda il Vic Trailmaster OH. Credo sia il multiuso più versatile e comodo che ho mai avuto o provato. Dimensioni perfette per i lavori leggeri o per il cibo, facilmente lavabile e robustissimo. La sega funziona alla grande, grazie anche alla leggera inclinazione.
Per i lavori sporchi ho un Condor Rodan che spacca tutto quello che incontra. Costa poco, non pesa un'esagerazione e fa il suo lavoro.
Questo il mio "nirvana"... per adesso :woot:

(Nell'uscita di domani proverò un Vic Rangergrip nuovo di pacca, ma dubito sia migliore del Trailmaster...)
 
mi unisco al coro di quelli che vorrebbero uno grosso cattivo e battagliabile e un multiuso. aggiungerei anche una pinza multiuso e un bel cavatappi a parte. e un coltellino multiuso cinese da un e per lavori scrausissimi ed infimi, per cui non rischiare quelli piu' seri...
 
Ecco appunto..... :) ognuno ha la sua opinione in materia a seconda dell' uso che ne fa o che ne vorrebbe fare. ;)
Ecco un esempio:
image.jpg

Questo e' quello che sto costruendo in questi mesi...... Non e' ancora terminato! Ha una lama da 15 cm e larga 32mm e spessa 3mm....
Sembra poco come spessore? Ma in realtà e' robustissima per le geometrie della lama stessa. :) e lo spessore contenuto permette una buona penetrazione della lama in fase di taglio.
image.jpg

Notate la bisellatura scandi con micro bevel e la punta molto dritta e acuminata permettono lavori di intaglio complessi e precisi.
image.jpg

Il manico e' in acero stabilizzato con epossidica resistente all' acqua e agli agenti e ha un pomolo da 4mm di ottone per usarlo come martello e per irrobustire tutta la struttura.
image.jpg

Questo coltello e' perfetto per l' uso per cui è nato: tagliare il legno che e' il materiale da utilizzare principalmente in to the wild. Taglia benissimo il cibo grazie al tipo di molatura che ho eseguito e grazie allo spessore contenuto........
 
Avevo capito un solo coltello ,non un fisso grande e un multilama ,giusto?
Se uno solo ,carbonioso K720 a 58 hrc acidato ,manico in gomma ,fodero in kydex smontabile (per pulirlo bene all'interno),forma lama con molatura variabile convessa ma quasi piana della spessore di 5mm per una lunghezza lama di circa 16cm ,tagliente basso vicino all'impugnatura per i lavori di fino e alta verso la punta per choppare ,peso contenuto perchè a codolo nascosto.
Un mio amico ne ha fatti di questa tipologia ,ma non me ne regala uno,ahahhahaaaaa!!!
 
Avevo capito un solo coltello ,non un fisso grande e un multilama ,giusto?
Se uno solo ,carbonioso K720 a 58 hrc acidato ,manico in gomma ,fodero in kydex smontabile (per pulirlo bene all'interno),forma lama con molatura variabile convessa ma quasi piana della spessore di 5mm per una lunghezza lama di circa 16cm ,tagliente basso vicino all'impugnatura per i lavori di fino e alta verso la punta per choppare ,peso contenuto perchè a codolo nascosto.
Un mio amico ne ha fatti di questa tipologia ,ma non me ne regala uno,ahahhahaaaaa!!!
Eh Nicola.......quanto ti capisco! :)
Comunque ho visto il coltello a cui ti riferisci...... Molto bello e resistente.
 
Quoto l'acciaio carbonioso acidato ma mi accontenterei anche di un D2 anche se giro con un 1095.
Voglio ignorare la solita, giusta, politically correct premessa dell'impossibilità del coltello perfetto e dirò che per me il coltello perfetto esiste ed è il kabar bk2. Ne ho provati decine. Questo mi soddisfa appieno.
550grammi con fodero in Kydex, fulltang, acciaio al carbonio 1095, più di 13 cm di lama (7 lineare e 6 convessa) drop point e 6 mm di spessore, bilanciato a metà (ha un buon comportamento anche nel lancio). Migliorabile il fondo, preferisco quello a disco dell'Ontario Pilot survival. Secondo me è il coltello ideale per chi può portare solo un ferro e deve coprire tutte le attività del bushcraft
/woodcraft/allenamento al surviving.
facilmente affilabile; grazie al bilanciamento e al drop ponit può essere utilizzato anche con precisione e per lavori piccoli, con la dovuta esperienza e una buona manualità. Il volume del manico lo rende adatto a una qualsiasi mano (addirittura meglio mani piccole che enormi) e la forma della base lo rende versatile anche come attrezzo da chopping. Manico in cordura, andrebbe sostituito con un buon micarta sagomato ma ti ci affezioni presto.

So che sembro uno spot, ma devo ancora conoscere uno che lo ha provato sul campo e si è detto deluso.
 
i coltelli di giro sono favolosi!


A Chihuahua: come dicevo non esiste in assoluto, ma se per te un coltello da oltre mezzo kg ee' ottimo vorra dire che e' cosi'. Nonostante cio' se dovessi portarmi oltre 500g di ferro la mia scelta sarebbe una sola alle nostre latitudini: l' accetta. Che batte il coltellone su tantissimi punti.
O il machete per i climi più caldi. Come vedi siamo sempre al punto di partenza: cio che va' bene per te non va bene per me e viceversa. Credo che il fattore peso sia molto importante, ma ognuno e' libero di pensarla come gli pare alla fine. e senza essere politically correct! :)




Molti preferiscono il coltellaccio grosso ed e' comprensibilissima come scelta, in fondo un bestione cosi' da' un senso di sicurezza non indifferente......oltre ad essere utilissimo. Esempio: il Traker...... che a me non piace ma e' comunque una bestiaccia da paura!
tbt010_pic1.jpg



Ma volgendo il nostro sguardo al passato Ho scoperto che anche in tempi "barbarici" vi era ua bella passione per i coltellacci, Come il coltello Seax da cui prende appunto il nome il noto popolo germanico chiamato i Sassoni (trad. Saxon).
British_Museum_Sittingbourne_Seax.jpg

85934_1_b.jpg

solo che tali coltelli oltre a servire per quello che oggi e' un gioco chiamato bushcraft servivano in particolare a sbudellare persone :).


eppure vorrei ricordarvi che tutto e' cominciato da questo:
15-dagger-and-sheath-670.jpg

A cui era affiancata questa:
16-rare-copper-ax-670.jpg


che per migliaia di anni hanno funzionato egregiamente....... ;)
 
Ultima modifica:
Vi ringrazio, per le ottime idee che mi avete fatto venire, come speravo la mia definizione "coltello definitivo" è stato il sasso che ha riempito di cerchi l'acqua dello stagno, purtroppo in questi giorni sono molto preso e non ho molto tempo per scrivere sul forum, a malapena riesco a leggere qualcosa, spero che fra qualche giorno, quando avrò un pò di tempo libero ci saranno altri contributi, interessanti come i precedenti.
Vi confermo che la mia domanda era riferita ad un coltello, e non ad un kit, lo scopo è quello di farmi superare il blocco del coltellinaio, che mi assale e raccogliendo le idee degli amici costruire o perlomeno provare a farlo un buon coltello polivalente, per la vita in natura.
 
Vi ringrazio, per le ottime idee che mi avete fatto venire, come speravo la mia definizione "coltello definitivo" è stato il sasso che ha riempito di cerchi l'acqua dello stagno, purtroppo in questi giorni sono molto preso e non ho molto tempo per scrivere sul forum, a malapena riesco a leggere qualcosa, spero che fra qualche giorno, quando avrò un pò di tempo libero ci saranno altri contributi, interessanti come i precedenti.
Vi confermo che la mia domanda era riferita ad un coltello, e non ad un kit, lo scopo è quello di farmi superare il blocco del coltellinaio, che mi assale e raccogliendo le idee degli amici costruire o perlomeno provare a farlo un buon coltello polivalente, per la vita in natura.
Scusami henri, ma i coltelli che fai sono gia' polivalenti!
fai coltellacci di dimensioni generose co cui picchi come un fabbro, ed anche coltellini di dimensioni più contenute e molto affilati.
non ti resta che unire queste due qualita' e il gioco e' fatto! anche io come te sto sperimentando.
il punto che vorrei raggiungere nella costruzione delle lame e' simile: ma non si incentra sulla forma o sulla molatura ma sulla struttura dell' acciaio e sul suo trattamento termico. Un amico americano che fa il coltellinaio forgia coltelli hidden tang da 9 pollici e 3,5 o 4 mm di spessore di una robustezza impressionante! pensa che nei test di rottura riesce a piegare la lama fino a 90gradi senza romperla.......chi ne capisce qualcosa dovrebbe intuire che e' una cosa pazzesca.
cio ha rivoluzionato tutte le mie convinzioni sul fatto che i full tang siano i più robusti, che gli hidden tang si spezzino al codolo ed atre amenita'......... nel senso che tali opinioni molte volte sono realistiche ma non sempre.
credo che anche tu debba cominciare a fare esperimenti fuori dagli schemi. fai la lama che ti piace e perfezionala. tutto qui.
 
Sò perfettamente che il mio post non porterà nulla di piú ma per me il coltello definitivo ...... è quello che ho in quel momento ..... ma l'importante è che sia affilato :D

In linea di massima una lama da 7" full tang con guardia pronunciata, da tempo è un Ka-Bar USMC con lama tutto filo ...... il massimo della non originalità visto che è un modello che ha piú di settant'anni, anno piú anno meno.

Ciao :si:, Gianluca

PS.: ....... c'è sempre il buckmaster ;)
 
Ultima modifica:
S

Sconosciuto

Guest
Partecipo anch'io: il mio coltello definitivo, è l'ultimo acquisto che ho fatto, Taglia di tutto, dai cingoli dell' M1 Abrams ai Tralicci dell'alta tensione, senza neanche intaccarlo il filo, fa da coltello da lancio, lo vendono con la garanzia "soddisfatti o rimborsati " abbatte un cinghiale a 30 mt , scava un rifugio improvvisato in un tronco di Quercia meglio di un'Accetta, con un leggero Batoning si pianta nella Roccia meglio di uno Spit ..in breve è un tutto fare .
Di meglio non sono riuscito a trovare . Sono soddisfatto, penso che non ne acquisterò altri .
 
Lente di Fresnel
Alto Basso