Consiglio acquisto bussola

Da qualche mese sto progressivamente arricchendo la mia dotazione outdoor, dopo l’acquisto del gps ora tocca alla bussola.
Mi sono letto tutti gli articoli del forum, ho visto una miriade di video sul tubo per capire qualcosa di più, ma…
…cosa compro?
Dunque, le famose esigenze.
Nessuna, se dovessi guardare la frequenza delle mie uscite o le mie capacità di orienteering.
Diverse, se consideriamo che vorrei un oggetto duraturo, affidabile di ottima qualità e che possa non solo servire in caso di bisogno, ma anche trasmettere un po’ di passione e conoscenza a mio figlio di 8 anni che, come me, è attratto da questi oggetti.
Bussola ibrida pensavo, per rilevare e carteggiare (quando imparerò bene a farlo). Da portare sempre nello zaino.
Budget anche 80-100 euro, ma ovviamente meno è e meglio è.
Consigli?
Avevo adocchiato le K&R Alpin o Sherpa, le Brumpton mi pare che abbiano le scale diverse in miglia e non voglio complicarmi la vita.
Anche le varie Silva (Ranger, Expedition, ma quante ce ne sono??) e Suunto.
Cammenga magari in futuro, per puro edonismo.
Ok, c’è anche l’onestissima bussola di Decathlon, ma se volessi quella non avrei creato questo post…:):)
 
La classica Silva o Suunto cartografica basta e avanza, roba più sofisticata e veloce va bene per l'orientering (gare di orientering). In ogni i caso ho appena preso una bussola Geonaute Racer 900 (sempre da orientering, ma da pollice) e devo dire che come risposta non ha nulla da invidiare alla mia Cammenga o alla Suunto MB6 (che posseggo)
 
Personalmente preferisco una topografica, come bussola, ed un coordinatometro per la parte cartografica.

Di topografiche ne ho varie dalla K&R Meridian (che consiglierei) a cloni senza inclinometro (che proprio un cesso non sono anche costando una frazione della K&R) della stessa, ad altre di stampo più o meno militare. Le trovo più pratiche, in "cammino" rispetto a quelle cartografiche e, per la parte di preparazione, o di riporto, il coordinatometro lo trovo più funzionale (in abbinamento alla topografica ovviamente) della sola cartografica.

Poi sono "gusti" :)

Ciao :si:, Gianluca
 
....se ti interessa ....https://www.subito.it/giardino-fai-da-te/bussola-da-geologo-suunto-mc-2-biella-329173236.htm
 
Grazie, ho visto che ne esiste una della K&R con funzionamento simile, ma costa una fucilata...
--- Aggiornamento ---

Piuttosto, qualcuno saprebbe spiegarmi il significato delle molteplici sigle che si trovano dopo la Suunto MC-2? Per il momento mi sembra un buon compromesso di partenza.

Ho visto le sigle:
G
NH
NH-A
Q/D/CM/IN/NH
IN/D/NH

e forse ne dimentico qualcuna...

Help!
 
Ultima modifica:
Piuttosto, qualcuno saprebbe spiegarmi il significato delle molteplici sigle che si trovano dopo la Suunto MC-2? Per il momento mi sembra un buon compromesso di partenza.

Ho visto le sigle:
G
NH
NH-A
Q/D/CM/IN/NH
IN/D/NH
Ciao, fra quelle che hai indicato ti posso dare i primi significati:
G = Global, cioè adatta ad uso sui due emisferi
NH = North Hemisphere, cioè adatta al solo emisfero nord
SH = South Hemisphere
USGS = United States Geological Survey, agenzia USA che mappa il territorio ed ha uno specifico sistema di riferimento satellitare.
NH-A = identifica uno specifico modello, non più in produzione, con la piastra più piccola e nera opaca invece che trasparente.
Q/D/CM/IN/NH e IN/D/NH =sono vecchie identificazioni commerciali, non più in produzione, che da quel ch so dovrebbero far riferimento alle scale stampigliate sulla piastra trasparente (con la prima che riporta anche i cm e la seconda invece solo le misure imperiali); entrambe queste che hai indicato sono per bussole tarate su emisfero nord (NH)
 
Grazie mille, adesso mi è chiaro.
L'unica che avevo capito era la G, e mi stavo avvicinando alla Nh... :-?

Certo che girovagando nei siti la confusione su cosa comprare aumenta, anche perchè, diciamo la verità, sono molto sensibile alla "bussolite", sono strumenti che mi hanno attirato fin da bambino.

Pensavo ad un'ibrida perchè magari va bene per iniziare a capire come funziona sul campo ed è una cosa sola da mettere nello zaino, ma se dovessi dare retta alla "scimmia" prenderei una bussola da carteggio e una da rilevamento.
Poi magari non le userò mai, ma vuoi mettere? ;):)
 
se dovessi dare retta alla "scimmia" prenderei una bussola da carteggio e una da rilevamento
Salvo usi molto particolari, secondo me due bussole non ti servono e la soluzione migliore è uno strumento che ti dia la più ampia possibilità di utilizzo, tanto alla fine come ingombro e peso non c'è grossa differenza.
Da questo punto di vista le migliori sono le bussole a specchio (tipo la Suunto MC-2 o le Recta DS50) o quelle a scatola di fiammiferi (tipo le Suunto MB o le recta DP), con le prime che danno qualche comodità in più nel carteggio grazie alla piastra trasparente, mentre le seconde danno qualche comodità in più nel puntamento grazie alle dimensioni leggermente più compatte ed allo specchio inferiore che va in posizione automaticamente ed immediatamente (inoltre, in caso di pioggia o neve che bagnano la bussola, visto che lo specchio è sotto ed il quadrante è guardato da sotto, l'eventuale neve o pioggia caduta sulla parte superiore del quadrante non ne influenza la leggibilità in puntamento).
Si tratta comunque di sottigliezze trascurabili.
Io con la MC-2 ci faccio tutto: carteggio e orientamento in ambiente ed è sempre nello zaino assieme alla cartina, tranne quando vado in luoghi molto noti.
Poi se uno fa gare di orienteering magari ha esigenze diverse, ma è una attività che non pratico, nè mi interessa
 
Come hai potuto costatare di persona in questi post, anche la bussola resta un accessorio molto personale, dare un consiglio non è propriamente semplice, esistono vari tipi e modelli che vanno dalle semplici bussole da pollice per orienteering, alle più complesse bussole prismatiche da puntamento con inclinometro. Io personalmente uso una bussola cartografica abbinata ad una cartina igm, niente ammennicoli vari come gps, bussole da puntamento o bussole con specchio. Il primo consiglio che ti posso dare è compra un buon libro di orientamento e cartografia per apprendere le basi della navigazione terrestre, dopo di che, la bussola la devi scegliere anche in base al tipo di escursioni che fai, se vai per boschi una bussola da puntamento non ti serve molto, cosa punti un albero a 50M davanti a te, in questo caso con pochi metri di visibilità una bussola cartografica e sicuramente più pratica. Se ti trovi in una radura è sei a conoscenza di punti di riferimento sul terreno, in questo caso è più utile una bussola da puntamento. Come vedi non è semplice darti un consiglio, ma dovendone dare uno io ti coniglio una bussola cartografica semplice senza tanti fronzoli
 
Ringrazio tutti per le risposte ed i consigli, alla fine ho preso una Suunto MC2-Nh, mi sembrava il giusto compromesso per iniziare e fare un po' tutte e due le cose, poi l'esperienza mi dirà se cambiarla o no.

Anche i libri sono nella lista desideri, per il momento seguo un corso e alcuni video sul tubo.
 

Discussioni simili



Alto Basso